Home / Adolescenti / Al discopub
copertina racconto erotico

Al discopub

Questa che sto per raccontarvi è una storia accaduta qualche giorno fa. Siamo tre ragazzi della provincia di Belluno, tutti e tre scapoli, di corporatura media, alti circa 1 metro e settantacinque ciascuno, palestrati, scuri di carnagione, occhi neri. Siamo tre ragazzi a cui piace andare in discoteca, bere qualche bicchiere in più, divertirci con le ragazze, insomma ragazzi sulla trentina come tanti altri…

Un sabato sera siamo stati invitati ad una festa di laurea di un nostro conoscente, qui abbiamo bevuto un po’ e verso mezzanotte siamo andati via per recarci nel nostro solito punto di incontro con altri amici. Questi ci stavano aspettando perché avevano già organizzato tutta la serata: quel sabato andava di moda andare ad un noto discopub a pochi chilometri, quindi si organizzano le auto e si parte. Arriviamo circa all’una e fuori c’è una fila non troppo lunga, ma dentro si nota che il locale è molto gremito. Dopo dieci minuti di fila entriamo ed in effetti il locale è stracolmo. Insieme ad un altro amico andiamo a prendere una consumazione, mentre altri tre decidono di prendere una bottiglia di prosecco e si recano in un altro punto del discopub. Ci sono tantissime fighe, di tutte le età. Tra un sorso ed un altro, tra una chiacchiera ed un’altra passano circa trenta minuti da quando ci siamo allontanati dagli altri e non li abbiamo più rivisti. Decidiamo di andare più verso il centro della discoteca per andare a cercarli, quando vediamo uno dei nostri che è seguito da una ragazza binda, molto carina, non molto alta, un bel seno, ad occhio e croce avrà una terza. Il nostro primo pensiero è: “Ha trovato qualcuna…!! “. Infatti subito dopo esce con lei al seguito. Decidiamo di seguirlo anche noi. Si dirigono all’auto e vediamo che la ragazza per prima cosa sbottona i pantaloni al nostro amico e inizia una lenta sega. Il nostro compagno intanto le sfila la maglia, le toglie il reggiseno dal qualche fuoriescono due seni meravigliosi, soffici. Si immerge con la testa nel suo seno ed inizia a leccarle i capezzoli con la punta della lingua. La ragazza sembra apprezzare dai suoi mugolii di piacere, prende poi il cazzo del ragazzo ora rinvigorito e se lo avvicina alla bocca. Incomincia prima a leccare la cappella con la punta della lingua e poi in un sol colpo se lo infila tutto in gola, massaggiando le palle. Il ragazzo le toglie la gonna, ma la ragazza fa un po’ di resistenza, non vuole togliersi lo slip, è indisposta, allora il nostro amico le sposta la mutanda ed incomincia a giocherellare con l’ano fino ad infilargli il dito indice. La ragazza ha un sussulto, ma continua il suo pompino e dopo un po’ il ragazzo, allo stremo, arriva nella bocca della ragazza che ingoia tutto senza far cadere nemmeno una goccia.

Intanto, noi fuori dall’auto senza essere visti abbiamo assistito a tutta la scena e abbiamo ripreso con i nostri cellulari alcune scene. Quando i due sembrano riprendersi ci accostiamo all’auto ed apriamo improvvisamente gli sportelli. Entrambi i ragazzi sono ancora spogliati, e si spaventano, ma quando il nostro amico ci riconosce si tranquillizza.

“Ti sei divertito? Perché non fai divertire anche noi? ”

“Se lei vuole per me non ci sono problemi.. “. Dopo aver pronunciato queste parole siamo già con i cazzi fuori dai nostri pantaloni e con le mani sul seno della ragazza che non sembra essere dispiaciuta. Il nostro amico esce fuori dall’auto e così iniziamo noi. Subito prende il mio cazzo e se lo mette in bocca, mentre con una mano prende il cazzo del mio amico ed inizia una sega. Con il dito indice inizio a martoriarle il buco del culo, mentre le mani del mio amico sono sul suo seno e stringe sempre di più i suoi capezzoli. Quando mi sembra che stia per raggiungere l’orgasmo mi fermo e chiedo un cambio di posizione. La ragazza si posiziona al centro su un lato, da una parte prende il cazzo del mio amico in bocca, mentre dall’altro lato, dove sono io, continuo a giocare sempre di più con il suo ano, è chiaro ormai il mio obiettivo. Infilo prima un dito poi un altro, poi un altro ancora. Ora ne ho tre all’interno e le muovo con tranquillità. Le sfilo e con un colpo secco entro con il mio cazzo nel suo buco del culo. La ragazza strappa un urlo, subito soffocato dal cazzo del mio mio amico. All’inizio ho qualche difficoltà a muovermi ma appena l’ano si rilassa riesco ad ondeggiare. Tutta la situazione mi ha messo un eccitazione pazzesca e dopo un po’ eiaculo nel suo culo. Quando sfilo il cazzo vedo che fuoriesce un rivolo di sangue, prendo un fazzolettino e subito finisce di sanguinare. Intanto il mio amico è ancora intenta a farsi fare il pompino, ma dopo un po’ anch’egli eiacula e la ragazza beve come al solito tutto. Giusto il tempo di riprenderci un po’, ci rivestiamo e ritorniamo dopo circa quarantacinque minuti in discoteca dai nostri amici. FINE

About Hard stories

Scrivo racconti erotici per hobby, perché mi piace. Perché quando scrivo mi sento in un'altra domensione. Arriva all'improvviso una carica incredibile da scaricare sulla tastiera. E' così che nasce un racconto erotico.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Sul treno

Marco, un ragazzo di vent’anni aveva appena ricevuto il congedo dall’Esercito. Si mise subito a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.