Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / Anni
copertina racconto erotico

Anni

Avevamo costeggiato il canale per un paio di chilometri, poi avevamo tagliato per un sentiero in terra battuta che si inoltrava tra i campi di erba medica.
Era stato bello per tutta la mattina, ma da mezzogiorno il cielo aveva cominciato a coprirsi e adesso le nuvole nere erano arrivate, trascinate da un vento fortissimo che costringeva Novella a tenersi il cappello di paglia con la mano mentre camminava al mio fianco.
Rivedere la compagna di giochi della mie estati in campagna mi aveva scombussolato, in un anno i capelli le erano cresciuti e aveva cominciato a portarli tenuti legati da un elastico, ma non erano i capelli la prima cosa che avevo notato.
Teneva i primi bottoni della camicetta aperta e sotto potevo vederle un reggiseno bianco che copriva la curva dei seni, la novità assoluta di quella estate. Portava una gonna corta a fiori e delle scarpe da ginnastica e prima ancora che cominciassimo la nostra passeggiata la elessi a mia ragazza delle vacanze. Il lampo squarciò il cielo fragorosamente, doveva essere caduto lì vicino, e in meno di un secondo goccioloni obliqui di acqua tiepida ci investirono costringendoci a correre verso il vecchio capanno di mio zio.
Ci trovammo dentro bagnati fradici e ansimanti per la gran corsa. Salimmo la scala a pioli e ci abbandonammo sui mucchi di fieno secco. Fuori si scatenò un nubifragio. Da una piccola finestrella guardavamo il cielo scurissimo come se fosse notte e i chicchi di grandine rimbalzavano sulle assi del tetto. Ridendo scacciammo la paura e Novella mi spinse nel fieno, era passato quasi un anno dal nostro ultimo combattimento e questa volta non gliela avrei data vinta tanto facilmente.
Ci avvinghiammo e ci rotolammo nel fieno e io sentivo addosso il corpo di Novella, e lo scoprii più morbido e leggero, e mi accorsi di un calore che non avevo mai sentito prima, e ebbi voglia di toccarla, e con la scusa della lotta le misi una mano sul seno, per spingerla via. Ero diventato più forte e potevo controllare bene le sue mosse, ma era divertente fingere di subire e mi trovai steso di schiena, con lei a cavalcioni che mi teneva giù la testa.
Con le mani le presi le gambe e risalii fino alle cosce, lei continuava a ridere e io non avevo nessuna intenzione di finirla lì, e risalii ancora fino a che dovetti giustificare in qualche modo quello che stavo facendo, allora le mollai un vigoroso pizzicotto sul sedere. Lei gridò e si ritrasse.
“Così non vale”. Disse.
“Tutto vale, non ricordi”. Dissi io.
“Mi hai fatto male, guarda”.
Sollevò la gonna fino ai glutei e scoprì le mutandine bianche e una macchia rossa che le avevo procurato. Lentamente avvicinai la mano e la toccai sul punto arrossato sfiorandola col palmo. Poi delicatamente la massaggiai. E mentre lo facevo sentii salire una vampata di calore e immaginai di essere rosso in viso e mi vergognai per i segni di eccitazione che non potevo nascondere sotto i pantaloncini.
“Scusa, ho esagerato”. Dissi.
“Non importa”. Disse lei con una voce strana, smorzata, che non le avevo mai udito prima. Non disse più niente e io mi sentii autorizzato a tenere lì la mano e a proseguire nel massaggio. Istintivamente, con l’altra mano, risalii tutto il corso della sua gamba, dal polpaccio all’interno del ginocchio, sull’interno della coscia fino all’attaccatura delle mutandine e la sfiorai, e sentii qualche cosa di caldo, e scesi un attimo e risalii ancora, e la toccai con più decisione e sentii che era umida, e non capivo nulla di ciò che stava succedendo e un calore enorme aveva invaso ogni parte di me, e deglutivo e lei non diceva niente e teneva gli occhi semichiusi e ormai non c’era più una ragione per stare lì a toccarla. E tolsi le mani.
“Va meglio adesso? “. Dissi.
Lei non disse niente, mi sorrise e si lasciò cadere nel fieno, stesa al mio fianco. Il temporale era passato, veloce come era arrivato. Dalla finestrella i nuvoloni neri correvano impazziti verso il mare scoprendo altre nuvole bianche, molto più in alto. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La matematica non è un’opinione

Metà Maggio, la scuola sta per finire e come ogni anno la matematica è la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.