Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / Barca senza permesso
copertina racconto erotico

Barca senza permesso

Ciao mi chiamo Concetta. Sono una donna del Sud, emigrata da tanti anni al Nord. Sono sposata ed ho un figlio di 18 anni. Ho 40 anni, sono bruna, alta 160 cm con la 4 di seno ed un sedere bello rotondo e sodo. Vi voglio raccontare un’avventura che mi è successa questa estate al mare.
Eravamo in Sicilia, su una delle spiagge più belle del mediterraneo.

Come ogni mattina andavamo in spiaggia. Mio figlio aveva conosciuto dei ragazzi del posto, tutti sui 18 anni.

I ragazzi avevano una barca, che con un motore permetteva di andare al largo per fare il bagno dove l’acqua è più pulita.

Una mattina, mentre erano pronti per partire, un ragazzo mi ha detto 2Signora venga anche lei ! “.

C’è da dire che io da sola con 12 ragazzi non sarei andata, ma c’er anche mio figlio e poi potevano essere tutti ragazzini !

Salita a bordo ho notato come tutti mi guardavano il seno e il sedere.

Arrivati al largo hanno iniziato a buttarsi in acqua.

Mio figlio si è gettato tra i primi, quindi dopo che era arrivato un gommone che ha recuperato mio figlio ed un altro ragazzo, la barca è ripartita.

Io subito non ci ho fatto caso.

Sulla barca vi erano 12 ragazzi ed io.

Dopo un po’ quello che guidava la barca ha detto “Porca vacca, c’è la guardia di finanza. Siamo in troppi, questa barca è abilitata solo per 8 !! Presto nascondetevi nella stiva”.

Io ed altri 4 ragazzi siamo corsi dentro la stiva … ma ho capito tardi che era un trucco !

Nella stiva si stava stretti, quindi mi sono trovata al centro dei 4 che senza pudore hanno iniziato ad allungare le mani… Sentivo i loro cazzi duri appoggiarsi ed io dove mi mettevo … toccavo sul duro !

Quindi uno mi ha slacciato il reggiseno e mi ha preso un capezzolo in bocca. Io ero bagnatissima, ma non volevo cedere ! Ma ragazzi che fate… potrei essere la Vostra mamma! “. E loro si “Mammina inginocchiati che ti scopiamo”.

Mi sono inginocchiata e quindi loro dopo essersi abbassati il costume, mi hanno presentato 4 cazzi duri da succhiare.

Succhiavo i cazzi, due alla volta, poi dopo essermi tolta il costume, mi hanno preso da dietro, nel sedere.
Ero in loro balia, con cazzi dappertutto.

A quel punto la porta della stiva si è aperta e mi sono ritrovata in coperta, con un cazzo nella figa, uno nel sedere e un’altro in bocca.

Gli altri ragazzi erano seduti ai lati, con le mani si accarezzavano i cazzi … pronti per farmi la festa. Quello che guidava la barca ha detto “Visto che era una troia … bastava trovare una scusa”.

Ero li pompata dappertutto, quando dopo che tutti mi avevano sborrata almeno due volte, si è accostato un peschereggio. Era del fratello del padrone della barca.

Io ero in ginocchio con un cazzo nel culo ed uno in bocca. Non ho potuto muovermi, neanche quando dopo aver finito, mi hanno alzato e dopo avermi salutato, mi hanno fatto salire sul peschereggio.
Mi hanno detto “signora, grazie adesso torna a riva con loro … faccia attenzione è una settimana che sono fuori per pesca ! “.

Sul peschereggio vi erano 8 persone, di tutte le età.

Senza complimenti, mi toccavano come fossi una bambola “senti che culo sodo, adesso lo proviamo! “. E cosi mi sono trovata appoggiata al tavolo del capitano, con il cazzo del mozzo nella figa ed due dita in culo.

Tutti i marinai si sono spogliati e dopo aver spenti i motori mi hanno scopato per almeno 3 ore. Ero in continuo rigirata, sfondata, sbattuta. Godevo come una cavalla, trattata come un buttana da marciapiede.

Verso le 14 dopo che avevo preso tutti almeno 3 volte in tutti i poveri buchi, il peschereggio è arrivato al porto. Il capitano mo ha regalato 1 chilo di seppie. Mio marito mi aspettava con mi figlio, “mamma, ma hai visto che avventura, hai viaggiato su un peschereggio ! “, Io non riuscivo a tenere le gambe chiuse, mi faceva male ogni buco, ma da quel giorno abbiamo mangiato pesce fresco ogni giorno! FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Un preservativo

Questa me la sono preparata ieri sera, no, non l’ho inventata. Solo storie vere. Era …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.