Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / In gelateria con la mia ragazza
copertina racconto erotico

In gelateria con la mia ragazza

Tutto cominciò il pomeriggio quando di ritorno dal lavoro trovai la mia ragazza vestita con una canottierina che conteneva a stento le sue tettone (porta una 3 abbondante).
era senza reggiseno e le sue tette si vedevano dalle scollature laterali e pure quella frontale.
Aveva poi una gonnellina cortissima ma allo stesso tempo larga… e sotto il perizoma….
Decidemmo di andare a prenderci un gelato, dove un gruppo di ragazzi stava letteralmente sbavando per le tette e non solo della mia ragazza.
Lei quasi apposta fece una corsettina verso la gelateria e così quelle enormi tettone saltavano su e giù…..
Dai loro pantaloni si vedeva evidentemente che avevano apprezzato con delle erezioni enormi…
Lei era già eccitata e mi disse… oggi mi voglio proprio divertire e andò da loro ad attaccare bottone…..
o la lasciai fare… curioso di vedere fino a dove si sarebbe spinta…
dopo un po’ andò verso la loro auto ed io li seguii..
intanto uno la stava abbracciando e con la mano destra scendeva e infilo la mano sotto la gonna…
a quel punto anche gli altri, incoraggiati dal lasciar fare della mia ragazza iniziarono a palparla…
e estrassero i loro cazzi durissimi pronti per essere svuotati…
in un batter d’occhio si ritrovo con un cazzo nella fichetta, uno nel culetto sodo e gli altri due
.. tra i quali pure il mio tra le mani mentre ne succhiava uno…
dopo circa un’oretta e dopo averci cambiato di posto….
e dopo averla dissetata di sborra in tutti i buchini…
i ragazzi presero e se ne andarono salutandola alla prossima volta…. FINE

About Storie erotiche

Luce bassa, notte fonda, qualche rumore in strada, sono davanti al pc pronto a scrivere il mio racconto erotico. L'immaginazione parte e così anche le dita sulla tastiera. Digita, digita e così viene fuori il racconto, erotico, sexy e colorato dalla tua mente.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Perversioni gastronomiche

Marco si destò da quel lungo sonno comatoso molto tardi, era già mezzogiorno quando aprì …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.