Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / La crema di whisky
copertina racconto erotico

La crema di whisky

Mi chiamo Daniela e ho 24 anni, una sera dopo svariate richieste uscii con il ragazzo della mia migliore amica.
Lui si chiama Claudio “siamo” tutti e tre buoni amici, ma in lui c’era qualcosa di più.
Mi chiese di andare a prendere una birra in un pub, ci sedemmo e cominciammo a bere e parlare del più e del meno.
Dopo 3 birre mi dissi di seguirlo a casa sua dove ci aspettava la mitica crema di Whisky. Io accettai.
Arrivati a casa sua ci sedemmo sul divano e dopo esserci versati due bicchierini di crema gli chiesi un bel massaggio sulla schiena(la sua ragazza mi dice sempre che la fà rilassare al punto giusto).
Cominciò sulla schiena, quando ad un serto punto mi tirò su la maglia, continuò e via il reggiseno.
Io ero girata di spalle, e la cosa cominciava ad eccitarmi.
Io ero sdraiata con la pancia sulle sue gambe, cominciò con il sfiorarmi le tette (porto una terza) poi con tutta la calma del momento cominciò a passarmi le sue mani sul mio culetto che cominciava a seguire i suoi massaggi.
Alzai il bacino e mi slacciai il primo bottone dei jeans, lui scivolò con la mano destra sul mio culetto e cominciò a palparlo con una certa foga, quando si accorse che ero tutta, mi spinse il suo dito nel mio culetto ancora vergine, mi salì un brivido, volevo che lo spingesse di più, ma lui lo tolse.
Mi girò e cominciò a massaggiarmi l’interno coscia, a volte mi toccava la passera, io godevo come non mai.
Ad un tratto mi inserì due dita nei miei due buchini e cominciai a godere, volevo sentirlo dentro, volevo trasgredire l’amicizia sia nei suoi confronti che in quelli della sua ragazza, la mia migliore amica (la conosco da 20 anni).
Cedetti cominciai a toccarlo sentivo il suo pene crescere ad un tratto mi disse:
“secondo te che differenza esiste tra sesso e amore” io gli risposi:
“ora facciamo sesso!!!!!! ”
Mi girai e cominciai a tirarlo fuori, lo presi in bocca, sapevo quanto gli piacesse, inizio a succhiarlo, leccarlo (Dio quanto mi piaceva), lui ad un tratto mi tirò giù i jeans, mi levò le mutandine e cominciò a stantuffarmi nella figa tutta bagnata, io più godevo e più gli dicevo di spingerlo dentro:
“Fammi male, ficcamelo tutto dentro” (Al suo ricordo sto cominciando a sditalinarmi).
Gli chiesi una cosa che non avevo mai fatto:
“Mettimelo nel culo voglio sentirlo ora”
“Ma sei vergine ! ”
“Lo so ma lo voglio ora ”
“ok”
cominciò con l’infilarci un dito, poi due, inizio a godere voglio di più, eccolo il terso dito.
“lo senti dentro? ” mi disse, gli risposi:
“ancora No”.
Ad un tratto le tirò fuori e ci mise il suo pene.
Sentivo aprirmi come non avevo mai sentito
“A …… cosiiiii… ancora… cosa mi perdevo” Pensavo!
Con la mia mano intanto iniziai a sditalinarmi, mentre sentivo le sue botte nel mio culo. Iniziò ad andare più veloce, ad un tratto mi sentivo bagnare il mio interno, era venuto dentro………
Continuai a sditalinarmi, lui lo tirò fuori e cominciò a leccarmi la fica godevo, gli presi la testa, lo spinsi dentro e cominciai a venire, lui succhiava tutti i miei amori…….
Finito tutto ci guardammo e capimmo che da quel momento saremmo stati amanti per sempre.
Ora ho un ragazzo, ma ogni volta che abbiamo voglia di fare sesso estremo ci vediamo e primo o poi riusciremo a convincere le nostre metà a lasciarsi trasportare……. FINE

About erotico

I racconti erotici sono la mia passione. A volte, di sera, quando fuoi non sento rumori provenire dalla strada, guardo qualche persona passare e immagino la loro storia. La possibile situazione erotica che potranno vivere...

Leggi anche

copertina racconto erotico

Giulia che lavora con noi

Dal primo giorno che ha iniziato a lavorare da noi ho iniziato a immaginare una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.