Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / La ragazza di un mio amico
copertina racconto erotico

La ragazza di un mio amico

B. è la ragazza di un mio amico, che poi tanto “amico” non è, visto quando sparla alle spalle di tutti… una notte ho sognato di incularmi la sua ragazza …
Lei parla sempre dei rapporti sessuali anali, dice che adora prenderlo in culo …
è molto ingenua, perchè oramai non si è accorta che si è fatta una “reputazione” di porca assatanata di cazzi!
comunque, è forse proprio questa cosa che la rende un soggetto erotico al 100%, fisicamente non è esattamente quella che si può definire “la classica strafiga”..
ma ha il suo “perchè”: ha due belle tettone (minimo ha una 4 di reggiseno), e le sue curve abbondanti si notano ancor di + perchè è bassina: insomma .. fa molto sesso!!
poi ha un bel culo tondo tondo e se aggiungi i racconti che lei ingenuamente fa dicendo che adora il sesso anale, eccoti spiegato il perchè non si può fare a meno di sognare di darle una bella sbattuta!
nel sogno eravamo tutti in compagnia seduti al tavolo di un bar e il suo ragazzo continuava ad annoiare tutti ( specialmente lei ) con i suoi racconti pallosi e da gradasso che in realtà lo rendono evidentemente non molto credibile ai più.. specialmente B. era molto annoiata e continuava a fissare il soffitto e sbuffare…
io me ne accorsi , e mentre lui continuava a fare il suo show volendo l’attenzione di tutte le altre addosso a lui, mi sedetti vicino a B. e incominciammo a chiacchierare del + e del – …
finalmente i suoi occhi si illuminarono di interesse e così giù con le parole e le risate.. tra una barzelletta e l’altra lei ci metteva sempre i suoi classici doppi sensi, tutti esplicitamente spinti, e poi ammiccava guardandomi e con la scusa di scherzare mi toccava il culo e poi diceva: “bello sodo”…
improvvisamente il cellulare di lui squillava e ci disse che si trattava di una cosa urgentissima… che proprio non poteva rimanere, così litigò 1 po’ con B, perchè lei non ne voleva sapere di tornare a casa subito …
dopo un po’ lui accettò per una volta di lasciare decidere anche a lei e mi chiese se potevo darle un passaggio io a casa al termine della serata..
naturalmente li per li, senza nemmeno malizia a dire il vero, risposi che non c’erano problemi… peccato che non sapevo cosa mi stava per attendere e quali erano le reali intenzioni della sua ragazza!!
arrivati ad un certo punto della serata infatti io e lei c’eravamo completamente estraniati dal resto delle discussioni, e lei si faceva sempre + ambigua, mi appoggiava le cosce, si strusciava sotto il tavolo e rideva ad ogni battuta un po ambigua.. il clima continuava così fino a quando mi chiese
“mi accompagni a casa? andiamo via io e te, non mi va di salire in macchina con gli amici del mio ragazzo per tornare a casa”
io diventai rosso, perchè dal tono della sua voce avevo capito le sue intenzioni e inizialmente ero un po titubante, ma quando lei se ne accorse e mi chiese:
“dai, per favore … ” mostrandomi contemporaneamente le tettone che spingeva volontariamente in fuori ridendo, capii che non potevo rifiutare !
salutammo tutti e salimmo in macchina, partii verso casa sua, con lei che mi indicava il percorso.. ad un certo punto però mi disse:
“gira qui”… io lo feci, e mi trovavo davanti una stradina buia e di campagna…
“ma sei sicura che non abbiamo sbagliato? ”
le chiesi con voce tremante, mi rispose:
“no, ma che sbagliato? ? non volevo mica andare a casa io.. cosa credevi? ,
non l’hai ancora capito cosa vorrei fare con te? ”
eccitatissimo risposi:
“credo di si! “.. da dove vuoi iniziare? le chiesi..
“da qui” mi rispose lei abbassandosi i pantajets e mostrandomi tutto il suo magnifico culo, con le chiappone in evidenza grazie ad un delizioso perizoma color arancio…
“mettimelo nel culo, adoro prenderlo in culo!! ” aggiunse…
mi infilai un preservativo e lei alla vista del mio pene si eccitò come una porca in calore:
“ummhhh che bel cazzone!! come è grosso !!!
lo voglio tutto nel culo!! ”
tiro fuori dalla sua borsa una pomata di vaselina e senza mezzi termini mi disse:
“dai inchiappettami, scopami il culo”…
iniziammo a con un ritmo lento e delicato per poi essere travolti dalla passione… le penetravo l’ano con voglia e istinto animalesco…
lei nel frattempo si masturbava e gemeva fortissimo… di tanto in tanto diceva:
“si!! si!! tutto in fondo!! sfondamelo!! ”
io acceleravo ritmo e le davo colpi violenti afferrandola per i fianchi.. fino a quando lei venne mentre si masturbava e pure io venni nel preservativo dandole due bei colpi finali e ripenetrandole l’ano fino in fondo!
COSì dopo essere contentissimo per averle letteralmente fottuto il culo lei decise di farmi una bella pompa… me lo prese in bocca e l’ingoiò fino in gola! spompinava come una troia di strada con gran fare! ..
le venni in bocca e lei mi disse che voleva bere tutto il mio sperma e poi farsi schizzare 1 po’ sulle tette!! .. così feci e dopo averle riempito la bocca di sborra rispormia gli ultimi schizzi sulle sue tettone con lei che impazziva di piacere mentre io le strofinavo la cappella sui capezzoli…
eravamo in macchina da più di 1 ora e dopo due chiacchiere completammo la serata di sesso sfrenato con una bella scopata!
mi disse che aveva voglia di essere penetrata dappertutto e che quindi voleva il mio pene dentro di lei e fare l’amore in tutte le posizioni..
mi infilai un nuovo preservativo e incominciai a scoparla a smorzacandela con le che alla prima penetrazione godeva di brutto…
poi dopo una decina di minuti le chiesi di mettersi a pecorina e così afferrandola forte sui fianchi la scopai per bene dal dietro mentre le guardavo muoversi per prenderlo tutto dentro …
lei venne gemendo e infilandomi le unghie nella pelle esclamò:
“ohhh, stò impazzendo dal piacere!!! che scopata!! quanto sei bravo!! ”
io decisi di venire e stringendola forte le dissi:
“sei una vera porcona! voglio scoparti tutta!! “..
le rinfilai il cazzo in culo e feci una cosa magnifica: un colpo nel culo ed uno in figa finchè al massimo dell’eccitazione e del desiderio venni !
fu una scopata selvaggia e una notta di sesso spintissimo!
talmente bella che lei mi disse:
“non diamoci un appuntamento, facciamo in modo che ricapiti, magari un qualche posto strano! ” mi strizzò l’occhio e se ne andò verso a casa sculletandomi in faccia. FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Mamma del mio amico

Era estate e mi trovavo a casa della mia ragazza a guardare la TV insieme …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.