Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / La ragazza troia del mio amico
copertina racconto erotico

La ragazza troia del mio amico

Mi chiamo Marcello ed abito in Milano precisamente Milano provincia.. quello che mi è successo circa 2 settimane fà ha dell’incredibile e più che altro non mi è mai accaduta una cosa del genere..
Spesso usciamo in coppia io e la mia ragazza Mara e Luca, il mio migliore amico, con la Sua ragazza Alessandra.
Eravamo andati a cena in un ristorante molto carino e sia Mara che Alessandra si erano vestite per l’occasione molto eleganti, un misto diciamo tra l’elegante e l’eccitante in quanto soprattutto Alessandra portava un vestitino molto leggero senza reggiseno e un magnifico perizoma che spaccava in due quello stupendo sedere che da sempre ho invidiato a Luca, e per essere sincero spesso mi sono masturbato pensando a quel culo meraviglioso..
Eravamo seduti con questa disposizione: (è importante dirlo per farVi capire bene la situazione) il tavolo aveva una forma quadrata difronte a me avevo Luca, alla mia sinistra Mara e alla mia destra Alessandra… dopo un paio di bicchieri di vino mi sono lasciato forse un po’ troppo andare e l’eccitazione mi ha invaso la mente..
Ho appoggiato una mano sotto il tavolo sulla coscia di Alessandra, lei ha subito capito che ero io in quanto da quella posizione solo io potevo appoggiargli la mano in quel modo… comunque Lei non ha detto niente.. e non l’ha neanche spostata.. allora mi sono fatto coraggio e sono salito pian piano sino al mitico perizoma e ho palpato leggermente il pacco bello gonfio.. lei ha avuto una leggera scossa ed è diventata rossa ma continuava a non fare nulla…
Verso la fine della cena ho detto “io devo andare in bagno” e ho lanciato una breve occhiata ad Alessandra, al che lei ha colto la palla al balzo e a detto “vengo con te anche io , mi scappa anche a me!! ”
Premetto che nessuno ha sospettato nulla in quanto siamo molto in confidenza tra di noi e non c’è mai stato nessun tipo di problema…
Appena scesi nel bagno c’erano le due porte una per i maschietti e una per le femminucce, ed accanto a quiete due porte c’era una porta con scritto “privato”
L’ho presa per mano e ci siamo buttati dentro e dopo aver chiuso a chiave mi sono girato e gli ho dato un bacio con la lingua che frugava sino in gola, mi sentivo porco e volevo abusare di Lei, volevo quasi umiliarla trattarla come una troia perché sapevo che non mi sarebbe mai più capitata un’occasione del genere
La palpavo come un pazzo gli ho tirato giù le spalline e mentre gli succhiavo le tette la tenevo forte a me palpandogli il culo.. poi mi sono staccato ho sbottonato i pantaloni e gli ho detto testuali parole “succhialo tutto troia che non sei altra” lei si è inginocchiata e lo ha preso in bocca, la tenevo per la testa e lo spingevo nella sua gola più che potevo poi non volevo sprecare tutto con un semplice pompino allora l’ho alzata l’ho girata gli ho fatto appoggiare le mani sul muro mi sono abbassato e gli ho leccato il buco del culo, al che lei si gira con la testa e mi dice “no sei matto il culo no” io gli ho detto “te lo voglio allargare bene e voglio sborrarti fino alla pancia” lei non ha detto più nulla gli ho puntato la cappella sul buchino, avevo fatto un bel lavoro con la lingua perché con un colpo secco le palle hanno sbattutti subito sulle chiappe..
Ho iniziato a pomparla gli tiravo i capelli e nell’orecchio gli dicevo “è tutto tuo troia, chissà quanti ditalini ti spari pensando a me troia” lei sembrava drogata… ansimava e godeva gli ho toccato la figa ed era completamente fradicia.. stata godendo anche con il cazzo nel culo!!! la mia ragazza mi diceva sempre che non gli piaceva tanto perchè provava dolore.. invece Alessandra sembrava che lo prendesse sempre nel culo perchè ci godeva come una pazza dopo una decina di pompate gli ho detto “vengo vengo ti vengo in culo troia”” ahhhhh e gli ho scaricato almeno 5 schizzi copiosi nel culo… lei è rimasta in mobile ed appena l’ho tirato fuori è scesa una gocciolona gigante sul pavimento e si è sentito “splaff” mi sono rivestito di fretta e gli ho detto di salire dopo di me… ci ho messo tanto a raccontare ma il tutto sarà durato a dir tanto 6 minuti…
Sono corso al tavolo e Luca e Mara stavano parlando tranquillamente…..
Da quella volta io mi vedo clandestinamente con Alessandra e tutte le volte la inculò e basta.. mi piace così voglio sentirla mia e con il suo meraviglioso culo mi realizzo… FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Il fratello del mio boyfriend

Sono una ragazza che ama da morire scopare e fare pompini, e questa mia irrefrenabile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.