Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / La ragazza
copertina racconto erotico

La ragazza

Mi stavo incamminando da Rialto a Piazzale Roma, immerso nel ripassare e ricucire insieme gli argomenti principali della riunione che avrei avuto a Mestre di lì ad un’ora: nel corso della giornata non mi era stato possibile dedicarci molto tempo, perciò approfittavo del tragitto a piedi per riordinare un po’ le idee.

Mi aspettava una riunione importante e, in quella serata tiepida e chiara, mi infastidivo nel dover scansare i gruppi di turisti che, naso all’insù, già numerosi girovagavano per Venezia ad assorbirne le bellezze.
Ed ogni volta mi era difficile riprendere il filo delle mie elucubrazioni .

Disceso l’ultimo ponte misi piede a piazzale Roma e rimasi fulminato: una marea impressionante stava assaltando rari autobus per la terraferma.

“Ma guarda che casino! ” mi dissi;
“E come faccio, adesso? ”

Avevo una borsa di documenti, un pacco, pesante, di moduli, e dei disegni in A3 arrotolati, tenuti da un elastico e senza tubo contenitore (non avevo pensato di portarmelo appresso).

E, soprattutto, mi ero dimenticato dell’agitazione in corso dei trasporti pubblici!

Mancavano quaranta minuti all’inizio della riunione, e la possibilità di non poterci arrivare puntuale cominciava a crearmi un po’ di ansia .
Decisi di rischiare la vita: mi sistemai in modo da poter reggere gli urti ed affrontare la folla, e mi immersi nella calca che stava assaltando un autobus n. 4.

è impressionante quante persone possono entrare in un autobus se c’è una forte motivazione!

Arrancavo alle spalle di una ragazza, che se la cavava bene, a spintoni; il gomito destro era puntato sulla sua schiena a protezione del mio rotolo di disegni; il braccio sinistro lo tenevo davanti, con le dita della mano che, infilate negli spaghi che lo legavano, contemporaneamente sostenevano il pacco di moduli e sorreggevano il rotolo di disegni.

Ero concentratissimo, a protezione di quel cazzo di rotolo, e deciso a salire sull’autobus.
Non potevo ritardare all’incontro!

Spingendo ed imprecando riuscii a salire: fui depositato nel fondo dell’automezzo.
Mi appoggiai ai vetri ed appoggiai a terra, tra i piedi, il pacco di moduli.

Mi guardai la mano: le dita erano viola e segnate dagli spaghi.

La gente continuava a salire, e non potevo più muovermi: assunsi allora una nuova posizione a difesa del rotolo: la mano sinistra, quella viola, impugnava il rotolo all’altezza del petto, la destra lo proteggeva in basso; i gomiti all’infuori per bloccare qualsiasi contatto laterale.

Di fronte a me fu depositata la ragazza contro la quale avevo il gomito puntato durante l’assalto: il suo viso si trovava all’altezza della mia mano, ed eravamo così vicini che ne sentivo il respiro sul dorso.
Eravamo tutti bloccati, uno spillo non sarebbe caduto a terra.

L’autista non riusciva a chiudere le portiere perché, nonostante fosse impossibile, ancora altre persone tentavano di salire.

Il dorso della mano destra, quella in basso, toccava la gonna della ragazza davanti a me: era una gonna in tela indiana, di quelle larghe e colorate.
La ragazza non era appariscente; era, anzi, un po’ grassoccia, ma con un viso molto bello ed occhi celesti; e portava un buon profumo.

Così vicini, di tanto in tanto incrociavamo lo sguardo: io tentavo di essere sorridente, di quel sorridente vuoto, che non significa nulla; il suo sguardo era asettico, altrettanto vuoto, e pareva traguardare lontano, trapassandomi come fossi aria fresca

Eravamo pigiati come lo sono i cotton-fiocc in una scatola nuova; ma, signorilmente, facevamo finta di essere in un parco.

L’autista riuscì a chiudere le porte ; appena partì i passeggeri, per inerzia, ebbero un breve movimento verso il fondo dell’autobus: così la ragazza, per un momento, toccò il dorso della mia mano destra con il suo ventre.

Rimasi immobile, lei si ritrasse; per entrambi non era successo niente.
Ma la mano continuava a toccare la gonna, ed ora percepivo maggiormente il calore del suo corpo perché il movimento di prima l’aveva avvicinata a me.

Piazzale Roma era zeppo di gente stravolta, che camminava, che attraversava, che correva all’assalto, e l’autista era costretto a procedere lentamente ed a continue frenate e ripartenze.

A causa dei conseguenti scossoni, la mia mano si trovò più volte a contatto con il corpo della ragazza, che ogni volta si ritraeva ma che, ogni volta, si ritrovava sempre più vicina.
Era infatti in una trappola a cui non poteva sottrarsi, poiché le persone che le erano appiccicate ad ogni scossone guadagnavano millimetri di spazio e la sospingevano verso di me.

Continuavamo a fare gli indifferenti fino a che, superato l’ultimo passaggio pedonale della piazza, l’autista non accelerò decisamente: questo provocò un contatto più lungo dei precedenti, anche perché, finita la fase di accelerazione, la ragazza non si ritrasse.

Non ricordo, nella mia vita, un’erezione più veloce!

La guardai: lei non incrociò il mio sguardo, ma lo rivolse verso il tetto dell’autobus; poi socchiuse gli occhi, mentre io venivo inebriato dal suo buon profumo e sconvolto dal contatto clandestino con il suo corpo, che sentivo respirare, caldo ed accogliente.

Spostai leggermente la mano verso il basso, scivolando sulla gonna di tela; e lei, per la prima volta, mi guardò, e con gli occhi mi chiese:
“Che cazzo stiamo facendo? “.

Senza parlare le risposi:
“Non è colpa nostra! Non possiamo muoverci! Ed io sto proteggendo il mio rotolo di disegni! ”

Le persone intorno non ci curavano: chi guardava fuori dal finestrino, chi era assorto nelle sue cose, chi chiacchierava con il vicino; in quella ressa, schiacciati gli uni agli altri, paralizzati nei movimenti, eravamo praticamente soli.

Il dorso della mano si trovava all’altezza del monte di venere e la ragazza continuava a guardarmi, e non si ritraeva: distesi allora le dita, che andarono a premere contro il suo pube, più giù di dove poggiava il dorso della mano; le richiusi, e poi le riaprii nuovamente; e poi ancora.

Il suo sguardo divenne come implorante, pareva dicesse :
“Smettila! … è bellissimo! “; poggiò la fronte sulla mano che avevo sul petto, e chiuse gli occhi: sentii le sue labbra sfiorarmi il polso, il respiro farsi più veloce, il suo profumo di nuovo avvolgermi.

Continuai a muovere le dita, di volta in volta premendole contro il suo pube; lei ondeggiava col bacino in modo impercettibile, approfittando delle vibrazioni e dei piccoli sobbalzi dell’autobus, ed aumentando, così, la pressione.

Staccò la fronte dalla mia mano e mi guardò, con un sorriso languido; richiuse gli occhi e diede due colpi di tosse e si schiarì la voce mentre, con la mano, percepivo un irrigidimento del suo ventre.

Rare volte mi ero trovato in quella piacevolissima condizione: eccitato al limite dell’orgasmo, e con il desiderio che potesse durare per sempre.

Cancellati i pensieri sulla riunione, sulla sicurezza del maledetto rotolo di disegni; concentrato nel mantenere quel nostro stato di nirvana!

Il suono del campanello ci destò dall’ipnosi .
Eravamo giunti alla fine del ponte che collega Venezia alla terraferma e da lì a poco ci sarebbe stata la prima fermata: la ragazza mi guardò sorridente e disse:
“Io scendo qui”; le risposi:
“Io devo andare in centro”.

Dopo qualche centinaio di metri l’autobus si fermò ed i passeggeri cominciarono a scendere.
Appena si fece un po’ di spazio attorno a noi la ragazza, sorridendomi, mi accarezzò il dorso della mano con la punta delle dita e si avviò per scendere;
“Ciao” sussurrò,
“Ciao! ” la salutai impacciato.

Durante le cinque o sei fermate che mi mancavano, mi chiesi per cento volte quanto fossi stato coglione: potevo, almeno, chiederle il nome, il numero di telefono; avrei potuto scendere con lei e mandare a puttane la riunione!
Giusto, la riunione!
Arrivai in perfetto orario: saluti, sorrisi, strette di mano. I disegni un po’ stropicciati, ma lo sciopero mi giustificava.
Cominciammo.
Distratto dal ricordo di un profumo feci, naturalmente, una relazione di merda! FINE

About Storie erotiche

Luce bassa, notte fonda, qualche rumore in strada, sono davanti al pc pronto a scrivere il mio racconto erotico. L'immaginazione parte e così anche le dita sulla tastiera. Digita, digita e così viene fuori il racconto, erotico, sexy e colorato dalla tua mente.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Lingerie

Ho capelli ricci neri lunghi .. molto molti… sono alta 1. 70 un fisico “Giusto” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.