Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / La tesi
copertina racconto erotico

La tesi

Il gran cortile dell’università è affollatissimo.
Ragazzi di varie età s’incrociano con passo frettoloso.
C’è chi parla…. un gruppetto di ragazzi ridono, si stanno raccontando barzellette.
C’è chi legge…. chi si bacia appoggiato ad un muro.
Molte lezioni devono ancora iniziare….
Simona arriva quasi di corsa, con il suo passo da felino, la borsa a tracollo, un abitino di seta celeste che lascia intravedere le sue forme rigogliose….
La sua stanza era al terzo piano del grande edificio.
Insegnava filosofia e psicologia e quel giorno doveva incontrare dei ragazzi per discutere e correggere le tesi che stavano preparando.
Dispose i libri sulla grande scrivania e si siede pensierosa nell’attesa d’iniziare il suo lavoro.
Quel giorno sarebbe andato da lei anche Mario, un bel ragazzo la turbava e le faceva venire strane idee in testa….
Simona è una donna separata da vari anni sulla quarantina un bel corpo….
Bussano alla porta.
: ” Si, avanti! ”
Esclama Simona….
Ed ecco Mario entrare, sorridente con i suoi libri sotto il braccio.
Mario sta ultimando la sua tesi in psicologia che tratta un argomento interessante ed accattivante “La psicologia e il sesso”
Alto, corpo atletico, due corpi scuri brillano di vita….
è sicuro di se….. si chiude la porta alle spalle, osserva Simona e non può fare a meno di restare colpito dall’avvenente scollatura del vestito di lei….
Cerca di assumere uno sguardo indifferente, lei è la sua prof. E già le altre volte aveva faticato per reprimere in lui quel non so che…. quel bruciore allo stomaco, quella voglia irrefrenabile delle sue mani verso il suo corpo….
Si siede.
Simona, anche lei è attratta dal corpo dal corpo del ragazzo ma si distoglie subito con un sorriso
: ” Ma guarda che vado a pensare! ”
Dice sottovoce….
: ” Allora vediamo come hai corretto il tuo lavoro…. ”
Iniziano a discutere sulla tesi.
Ma Mario non riesce molto bene a mantenere il controllo oggi. Si sentiva sempre più attratto dalla sua prof. I sui seni, quelle gambe affusolate…. E Simona bè, aveva cercato d’ignorare quegli sguardi ma alla lunga non poteva fare a meno di sentirsi lusingata e incominciava a muoversi con sapiente e maliziosa sensualità facendo intravedere al povero Mario sempre qualcosa in più….
E Mario diventava rosso nel sentire il “Suo amico” rigonfiarsi nei pantaloni e incrociando lo sguardo di lei, per nulla meravigliato, lì dove spingeva con un’esultanza inconfondibile il suo cazzo.
Quell’incontro era uno degli ultimi, a breve si sarebbe laureato….
: ” Bene! – disse Simona alzandosi da dietro la scrivania – allora, oggi devi analizzarmi! Io mi stenderò qui sul divanetto, come un vero paziente e tu mi analizzi…. ”
Mentre parlava si stendeva tirandosi giù la veste leggera che le fasciava il corpo morbidamente….
Mario…. Bello Mario.
La sua voce era come una dolce melodia che porta corpo e anima in un’altra dimensione.
Simona voleva sentire le sue mani, il suo calore, la sua pelle.
: ” Allora…. inizi ad analizzarmi? ”
Sorride ironica sentendo lo sguardo del ragazzo sul suo corpo.
Mario in piedi, dietro il divano, non riesce a frenare il suo impulso, porta lentamente le mani sul viso di lei, i capelli ricadono sul piccolo cuscino di pelle nera…. le dita sul suo viso….
Simona sussulta e muove piano la testa accettando quelle carezze che desiderava da tanto….
Le mani di Mario scivolano sul collo, si muove leggero, timoroso di un rifiuto improvviso ma, quando capisce che la pelle di lei freme…. fa scorrere le mani sulla scollatura del vestito, con le dita s’insinua fra la pelle e l’abito, sfiora i suoi seni…. arriva ai capezzoli, duri…. vogliosi…. trova coraggio nel sentire la pelle di Simona percorsa da brividi…. gira piano intorno al divano.
Ora le è davanti, lei continua a restare ferma sul divano, gli occhi guardano con voglia quelli di Mario….
Lui s’inginocchia accanto a lei, la sua mano si muove sull’abito di seta…. sente le cosce di lei dischiudersi piano al tatto delle sue dita, lascia che il vestito resti tirato su, riscivola con le mani verso la pancia…. le labbra di Simona si dischiudono, la lingua di lei gioca sulle sue labbra…. attira Mario verso il suo viso, ora la lingua di lei cerca quella del ragazzo…. è un bacio dolce ma pieno di passione…. Mario perde ogni tipo di controllo…. si tuffa nei seni di lei, muove le mani alla ricerca del sommo piacere…. muove la sua testa sul suo corpo…. scende fra le righe morbide del suo inguine….
: ” Si, dai, bravo…. così…. mmmm! Dai sai che ci sai fare? …. Oh…. si…. lì! ”
La lingua di Mario stà ispezionando il clitoride di lei….
: ” Ti piace così…. troia…. sento sai che mi vuoi e…. ho il cazzo durissimo…. ”
: ” Ho voglia di sentirlo…. ”
: ” Si, lo vuoi….. E dove lo vuoi sentire come inizio….. ”
Mario si alza…. i pantaloni scivolano a terra, Simona lo tira a se…. il cazzo di Mario è in tutto il suo “splendore” duro, voglioso…. proteso verso la sua bocca….
Simona sorride mentre gli sfiora la cappella con le unghie…. poi, lentamente solleva la testa…. lo prende fra le mani…. lo porta alla bocca….
La sua lingua scorre con maestria su e giù quell’asta dura…. lo lecca fin sulle palle, le ciuccia…. risale giocando con i peli….
: ” Vuoi vedere come sparisce? .. ”
Gli chiede e senza aspettare risposta il cazzo di Mario sparisce nella sua bocca….
: ” Ohhh! – esclama lui – dai…. sei fantastica…. siii!!! ”
Lo sguardo di lei cerca quello del ragazzo, la eccita guardare un uomo quando è eccitato, le piace vedere le smorfie sul suo viso, le piccole rughe che si contraggono nell’assaporare il piacere…. e mentre continua a esplorare i suoi occhi si siede piano, salendo con la lingua sulla pancia di lui…. sui suoi fianchi….
Mario le prende la testa fra le mani, s’inginocchia, la bacia…. scivola col suo corpo su quello di lei, sente le tempie che gli pulsano…. muove piano il bacino senza entrare…. il suo cazzo gioca sulla fica di Simona che si protrae sempre più vogliosa di sentirlo dentro….
: ” Dai…. vieni…. voglio sentirti…. : ”
: ” Si…. ora te lo faccio sentire…. guarda, guardalo, ti piace il mio cazzo? ”
: ” Si…. mi piace…. , lo voglio…. mmm! Ohhh! Si, lo voglio…. ! ”
E Mario entra, spinge con un colpo secco tutto il suo cazzo nella fica di lei….
: ” è stupendo…. ”
Sussulta Simona muovendo la schiena per sentirlo il più possibile dentro di lei….
: ” Mi fai impazzire…. ”
: ” Si…. ti sento…. – sorride Mario mentre incomincia a muoversi con fare deciso dentro e fuori di lei…. – Ti piace che ti scopi vero? Di, la verità…. da quant’è che eri curiosa di sentire il mio cazzo? ”
: ” Te ne sei accorto…. ”
: ” Certo….. e ti vedevo mentre con aria indifferente, me lo guardavi…. ”
Mentre parlavano i loro corpi erano percorsi da sussulti di piacere…. era eccitante raccontarsi le proprie voglie, era bello dirsi ciò che stavano provando in quel momento, dirselo con i corpi, con le loro eccitazioni, con la voce che riempiva anche quell’ultimo fremito di piacere che li aveva rapiti….
C’era sesso, voglia…. l’eccitamento del proibito…. c’era la gioventù di lui…. l’esperienza di lei…. c’era quel desiderio d’esplorarsi, di possedersi….
C’erano quei due corpi che si cercavano con frenesia crescente…. il cazzo di Mario ora entrava e usciva dalla fica, dal culo…. Simona lo cavalcava come impazzita, trasportata da una voglia nuova, sconosciuta…. le mani di lui le serravano i seni…. Simona muoveva la testa senza un attimo di sosta, i suoi capelli sul viso di Mario…. le sue mani, cercavano quelle del ragazzo, correva con lui sui seni, sul suo ventre, sfiorava le sensazioni di lui…. sentiva la sua pelle percorsa da mille brividi….
Da tanto non scopava in quel modo, da tanto non faceva l’amore in quel modo…. si, questo la eccitava ancor di più, stava scopando, stava facendo l’amore…. si stava facendo possedere pienamente, intensamente, dolcemente…. e con sfrenata passione….
Mario…. bé lui è completamente rapito da lei, dal sentirsi in lei…. vorrebbe provocarle mille orgasmi, vorrebbe godere anche lui senza sosta, vorrebbe avere più mani per sentire il corpo di lei ovunque….
E continuano, rotolando giù dal divano…. cercando nuove sensazioni sul pavimento….
In quel fremere sempre maggiore….. e lei esplode in orgasmi…. e lui sente sul suo cazzo le contrazioni della sua fica…. lo sente come risucchiato…. caldo, bagnato e non resiste…. la sua cappella s’irrigidisce ancor di più…. esplode spingendo con foga e gode…. gode…. con tutto se stesso!
Ora sono li, stretti, in un abbraccio che ha ancora i brividi del loro piacere….
: ” Ti è piaciuto come ti ho analizzato? …. – dice sorridente Mario…. ”
: ” Si, mi è piaciuto tantissimo – risponde Simona mentre gli accarezza i capelli- sei stato fantastico…. penso proprio che la tua Tesi ora sia pronta!! …. ”
Continuano a ridere…. a parlare come due bambini che hanno fatto un gioco bellissimo…. continuano…. la realtà è così lontana, e anche l’esame di Mario sembra essere distante anni luce….
La seta celeste è nuovamente sul corpo della professoressa….
Il passo di Mario va controvoglia verso la porta….
: ” Devo andare…. ”
: ” Si, devi andare…. ”
: ” Ma, che dici, dovremmo discutere ancora la tesi? …. ”
: ” Be, si, penso proprio di si, almeno un’altra volta prima che ti laurei…. ti aspetto…. ”
: ” Oh, grazie prof. Vedrai che farò del mio meglio per farti contenta, per farti vedere che ho studiato e che mi sono impegnato…. mi hai dato tanti nuovi spunti…. vedrai la prossima volta che ti analizzerò – sorride – sarà ancor più bello d’oggi! ”
Apre la porta….
: ” Ciao prof! ”
: ” Ciao…. ci vediamo…. ”
Simona si risiede dietro la sua scrivania, risistema i libri…. aspetta…. ancora deve ascoltare altri ragazzi ma, mai nessuno, saprà esporre la sua tesi come Mario! FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Mamma del mio amico

Era estate e mi trovavo a casa della mia ragazza a guardare la TV insieme …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.