Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / L’innocente
copertina racconto erotico

L’innocente

Lisa è una ragazza di 19 anni, figlia di amici di famiglia che mi ha sempre messo una voglia di saltarle addosso già da quando ne aveva 16 con quell’aria da ragazzina ingenua, sempre silenziosa e un po’ misteriosa!
L’altro giorno torno a casa da lavoro(io ho22 anni e lavoro in fabbrica), e la trovo in salotto con la sua mamma che sta aspettando la mia per uscire a fare delle compere.
Vestita con un gonnellino che le arriva fino alle ginocchia, calze bianche, e una maglietta aderente mi arrapo subito come un assatanato solo a guardarle quel visino candido e ingenuo.
Saluto cordialmente la sua mamma e do un bacino sulla guancia a Lisa e quindi vado a farmi la doccia. Le nostre mamme escono dicendomi che Lisa rimane in casa perché aveva mal di pancia e non se la sentiva ad andare in giro…… Non ci stò più nella pelle un occasione di questa, penso non mi capita più.
Esco dal bagno in accappatoio col mio membro già in tiro e lascio che si intraveda appena la turgida cappella che fa capolino dall’accappatoio, lei e distesa sul divano a guardare la tv; appena mi vede diventa leggermente rossa alla vista del mio cazzo e gira subito la testa le chiedo se ha bisogno di un massaggio alla pancia ma rifiuta subito. Insisto così tanto che si lascia massaggiare, le alzo la magliettina e le inizio a fare un delicato massaggio strofinando spudoratamente il mio pene sulla sua pancia, piano piano il mio massaggio scende sempre più sull’inguine e intanto il suo respiro si fa affannato; ormai senza più controllo scendo fino alle mutandine lei intanto inizia a mugolare, e si fa fare tutto senza parlare con gli occhi socchiusi. Le allargo le gambe le tolgo le mutandine, è già tutta bagnata la faccio godere subito leccandogli la sua fighetta rasarta e calda strizzandogli il clitoride, continuo a leccare quello splendido corpo, l’ombellico le sue tettine piccole ma ben fatte con un capezzolo turgido e roseo da impazzire dopo di che la prendo in braccio a gambe allargate e la impalo in questo modo sulla mia verga facendola urlare per la violenza del colpo e del piacere, scopandola a ritmo frenetico quindi le vengo sulla pancia, gli chiedo di leccarmelo ed ubbidisce anzi inizia a prenderci gusto quindi finisco riempiendogli la bocca di sperma che lei mando tutto giù ringraziandomi per avergli fatto scoprire il sesso che aveva sempre sognato. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La svezziamo in studio…

Tina, una mia ex compagna di scuola, è un po’ intimidita dal sesso in tre; …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.