Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Articoli / Come comportarsi in un Club Privèe
Donna con occhi chiarissimi

Come comportarsi in un Club Privèe

Arriva il giorno in cui si vuole provare l’esperienza del club privée. Cercatene uno conosciuto in qualche comunità su Internet, ma accertatevi che non ci circoli droga. Per gli uomini è preferibile andare da soli, in modo da gustare appieno l’esperienza del club privée, per le donne è meglio andare in coppia. Se sei una donna è consigliabile un vestito non molto appariscente, altrimenti vedrai soltanto i denti degli uomini che avvinghieranno verso di te e potresti trovarti all’improvviso sommersa da uomini che vogliono "conoscerti"! E’ meglio… informarsi sull’abito più adatto, ma in genere le donne hanno più libertà degli uomini. Infatti, agli uomini consiglio vivamente di telefonare per chiedere se è obbligatoria la giacca e/o la cravatta. A proposito di telefonate: in un locale privée si prenota, oppure almeno chiedere, per telefono, se il locale è aperto e se la serata prevede ingresso ai singoli. Lo è quasi sempre, dato che il grosso dell’incasso arriva dai singoli, ma è meglio telefonare. A volte si organizzano serate per sole coppie e quindi si rischia di rimanere fuori! Scherzi a parte, quando si è deciso in quale club privée andare, una telefonata è sempre un buon consiglio. Chiedete sempre se è un locale per soli gay, lesbo, trans, coppie o altre categorie da cui potreste trovarvi fuori.

Domande tipiche da fare quando si telefona ad un locale privée:
il tipo di clientela;
se è previsto l’ingresso per soli singoli;
se occorre prenotare;
abito consigliato;
costo del biglietto d’ingresso;
chiedere e scrivere su carta l’indirizzo preciso.

I locali privée, data la loro natura, non si trovano al centro, ma in zone di periferia. Facciamo un bel pieno di benzina, perchè se alle tre di notte rimaniamo a secco, sarà difficile trovare qualcuno che ci aiuti. Sulla scelta del locale si ricorda che la prostituzione è un reato in Italia e, quando si va con le prostitute, si rischia il favoreggiamento. Premesso questo (che non ve ne poteva fregar di meno, soprattutto se chi legge è una donna), le donne non hanno grosse difficoltà. Sono ben accette in qualsiasi locale privée. Un po’ come quando eravamo giovani ed il successo di una festa di compleanno veniva misurato in base alle donne che erano presenti: maggiore era alto il rapporto donne/uomini meglio era riuscita la festa. E nei locali privée il problema è lo stesso. Più donne ci sono, è più interessante diventa il locale. Ed è per questo che le donne entrano gratis nei locali privée, il loro ingresso è sempre ben accetto. Gli uomini devono chiedere quando costa l’ingresso e altre eventuali spese (esempi: parcheggio, guardaroba, drink). In questi locali è un po’ difficile che accettino carte di credito e bancomat.

Scelto il locale, è consigliabile un’alimentazione leggera, anzi, consiglierei un’alimentazione leggera anche a ora di pranzo. Il vino comporta rigurgiti orrendi; il formaggio fa aria nella pancia; dei fagioli ne conosciamo tutti le caratteristiche; la cipolla cruda e l’aglio sono grandi nemici della nostra notte di trasgressione, quindi, stiamo lontani da questi alimenti. Non si fuma (e questo lo consiglierei sempre, perché fa male e perché peggiora le prestazioni). Occorre essere freschi e riposati, quindi, o si dorme nel pomeriggio, oppure la sera prima andare a dormire presto o ancora decidete di svegliarvi tardi. Fate voi, l’importante è che siate riposati.

Riassumendo, questi sono i primi consigli:
caricare la batteria del telefono;
mettere il pieno di benzina;
dormire molto;
mangiare a casa e cibi leggeri;
avere con se dei contraccettivi di marca (e questo vale anche per le donne);
non fumare;
non bere alcolici;
non fare uso di sostanze stupefacenti;
la droga fa male ed è anche inutile;
seconda scheda telefonica attiva e la vostra prima scheda sempre con voi;
usare denaro contante e portare con se il Bancomat in casi non previsti;
preparare il vestito adatto.

Prima di partire, un’altra telefonata al locale per sapere se è tutto ok e una rapida controllata:

documento di riconoscimento;
seconda scheda telefonica;
preservativi;
soldi contanti;
Bancomat.

Si parte ascoltando un po’ di buona musica. Rilassatevi, è la vostra serata. Niente musica Rock, non dovete arrivare gasati, ma tranquilli, per poter meglio squadrare la situazione. All’arrivo, noterete molta discrezione da parte delle poche persone presenti all’ingresso. Non preoccupatevi se non trovate la fila, un locale privée non ci tiene a fare la fila fuori dal locale per vantarsi di avere la clientela, quelli che sono arrivati sono già dentro. Dovreste avvertire anche un clima di tranquillità. Bene, afferrate il concetto subito, perché anche voi dovrete essere tranquilli, le risse comportano l’esclusione immediata dal locale. All’ingresso qualcuno vi chiederà se siete mai stati in un club privée. Sia la prima volta, sia la seconda, è meglio chiedere le regole del locale che potrebbero differire da altri locali. Sappiate che il fatto che siate entrati (parlo al maschile, ma per le donne è uguale) non vuol dire che non potreste rimanere a bocca asciutta. Se ci sono problemi, rivolgetevi a qualcuno del personale addetto, non cercate di fare giustizia da soli, rischiereste di farvi buttare fuori voi e non chi vi ha irritati.

Una volta entrati nel locale, mettiamoci a sedere e guardiamoci intorno. Le luci sono scure, rosse, l’effetto fumo appoggia i fasci delle luci psichedeliche. Potrebbero esserci situazioni particolari, come una coppia che sta facendo sesso vicino a noi. Oppure c’è in atto uno spettacolo di lap-dance, oppure ancora al centro della pista si balla e qualcuno potrebbe approfittare per toccare le parti intime di qualcun altro che sta ballando. Può capitare e bisogna accettare la cosa: l’importante è che viene fatto piano, lentamente e solo se la persona è consenziente. Quindi, l’approccio può essere un po’ spinto, ma si consiglia un approccio tranquillo e studiare se la preda è consenziente. E’ una discoteca dove potrebbe verificarsi un’orgia al centro della pista, oppure una coppia che fa sesso in un angolo. Gli schermi potrebbero proiettare filmati porno. Sappiate che esiste "La stanza dei buchi". E’ un’area che ha buchi tutt’intorno. Non si capisce chi ci sia all’interno, potrebbe essere un uomo o una donna, oppure tutt’e due che si divertono con i peni che vengono messi negli appositi buchi. Ci sono stanze in cui portare la preda e consumare il rapporto. Potete anche guardare dal buco della serratura, se volete spiare gli altri che fanno sesso. A volte le coppie vanno lì a fare sesso con il piacere di avere il pubblico che li guarda e quindi lasciano la porta aperta. Magari potrebbero anche invitare qualcuno a partecipare. Le donne devono abituarsi ad essere palpeggiate, perché fa parte del gioco. La volgarità non è permessa. Si parla a bassa voce e… il resto scopritelo da soli…
FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Desiderio di essere cuckold

Ciao mi chiamo Luisa, 26anni, sono sposata con Claudio, 35 anni, da 2 anni, dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.