Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Articoli / Intervista con una prostituta.
copertina racconto erotico

Intervista con una prostituta.

Ogni riferimento a persone o cose è puramente occasionale. L’intervista potrebbe essere il frutto della fantasia dello scrittore.

G = Giornalista
P = Prostituta

G. Salve.
P. Salve.
G. Ti va di scambiare quattro chiacchiere? E’ per il sito erzulia.com.
P. Non lo conosco.
G. (Cominciamo bene…) Posso farle un’intervista?
P. Se mi paghi facciamo quello che vuoi…
G. Quanti anni hai?
P. 20.

G. Di dove sei?
P. Romania.
G. Come ti chiami?
P. E se te lo dico tu ci credi? Dammi un nome tu.
G. OK. Come avviene l’approccio con il cliente?
P. Io non faccio niente. Aspetto che la macchina si ferma. I novellini chiedono cosa faccio, come funziona e altre domande simili e alla fine se ne vanno, sanno loro perchè. Quelli abituali chiedono direttamente quanto prendo.
G. Come ti orienti col prezzo?
P. Non mi oriento mica. Il prezzo è uguale per tutti e il servizio anche. Se poi fai un regalo si può fare di più, ma ci dobbiamo accordare prima.
G. OK. Quanto?
P. 30 in macchina, 50 in albergo, tutto coperto.
G. Cosa intendi per “tutto coperto”?
P. Che tutto il rapporto si consumerà con il profilattico, quindi, nessun contatto fisico. E’ un’ottima idea contro l’AIDS.
G. Se il cliente accetta per la macchina, come avviene?
P. Se mi dai 30 te lo spiego.
G. (Fanculo all’intervista). OK ti do i 30 euro.
P. Andiamo con la tua macchina. Prendi la prima a sinistra e vai sempre dritto, ti dico io quando girare… ok vai a sinistra… gira a destra… accosta qui che non ci vede nessuno. Spegni le luci.
G. Come inizi?
P. Ovviamente prendo i 30 euro e controllo se sono falsi. Premetto che ci sono 10 macchine stasera a controllare i furbetti che vogliono imbrogliarmi. Dicevo, metto il cappuccio al cliente e lo pompo di bocca molto forte. E’ importante quanto riesca a farlo godere di bocca, così dura poco quando mi penetra. A volte capita che vengono uomini che mi pompano per molto tempo e mi stancano. Poi quelli che vengono dopo mi trovano stanca e dicono che hanno pagato e che vogliono essere accontentati, ma io non ce la faccio. Allora cerco di farli venire con la bocca.
G. Quanto dura un rapporto?
P. Per me cerco di farlo durare il meno possibile, tanto se il cliente arriva subito non è colpa mia, anzi, vuol dire che sono brava. In genere dura 2 minuti. Se dura di più chiedo il supplemento, oppure di fermarsi, perchè per 30 euro non può stare mezz’ora a pomparmi.
G. Quindi, dopo 2 minuti, il gioco finisce. E cosa succede?
P. Lo pulisco, controllo se il profilattico si è rotto, butto tutto via dalla macchina in modo da non lasciare traccia, soprattutto perchè i nostri clienti sono quasi sempre sposati o fidanzati ed è meglio non lasciare tracce del passaggio. Infatti, non mi tocco mai i capelli per non farli cadere in macchina. Non porto profumi o trucchi per non lasciare segni del mio passaggio.
G. Quindi sei indiscreta.
P. Occorre esserlo per lavorare. I clienti vogliono che la macchina resti pulita come prima, proprio perchè le persone che saliranno dopo sulla macchina non se ne devono accorgere. Se dai questa garanzia al cliente, dai un motivo valido per ritornare.
G. Come ti vesti? Le calze a rete sono ancora attraenti? Qual’è l’abbigliamento vincente?
P. Le calze a rete sono patetiche, secondo me. Io dico che se ci si veste come le normali ragazze va benissimo, sembrano che stanno andando tutte a battere! Scusami la battuta, ma sembra proprio così. Scoparsi una ragazza vestita alla moda è il top, quindi, noi forniamo la via più breve e, spesso, quella più economica!
G. Sei una bella ragazza, non ne ho viste altre in giro. Come mai?
P. Non mi interesso delle altre, però posso dire che sono tutte vecchie. Una volta potevi lavorare a qualsiasi età, oggi una prostituta che ha più di trent’anni non va più, è fuori dal giro. Gli uomini vogliono le giovani, rumene, bulgare, moldave, ucraine.
G. Dici che il mito della prostituta di carnagione scura sta calando?
P. Io credo che le scure hanno avuto la meglio in un periodo in cui le prostitute erano, appunto, quarantenni o anche di più. Il confronto tra una cinquantenne bianca e una ventenne scura ha un solo vincitore ed è sempre lo stesso, è ovvio che vince la giovane scura. Se paragoni la ventenne scura che ha il suo fare un po’ manesco con una ventenne bianca e bionda come me, snella e alta con due coscie da sballo… vorrei vedere chi vince!
G. Sei presente tutti i giorni?
P. Sì, tranne quando ho il ciclo.
G. La domanda sorge spontanea: quanto guadagni al giorno?
P. 500 euro e più, a seconda della serata e di quanto tempo sto. Se sto fino alle due di notte arrivo anche a 1000 euro, ma il mio pappi non me lo chiede mai, lo sa che il giorno dopo non renderei, quindi è meglio di meno e tutti i giorni.
G. Che età hanno i tuoi clienti?
P. L’età che ci vuole per portare la patente! Ci sono ragazzini che pare aspettino la patente per andare a puttane! Ieri venne uno di settant’anni che diceva che io gli piacevo. Ma io che ci potevo fare se non si eccitava? Sarà difficile far eccitare uno di settant’anni, non è colpa mia, comunque non abbiamo fatto niente.
G. Vengono anche donne?
P. Molto raramente e sono sempre le stesse che ci riprovano, ma io non ci riesco, lo so che è lavoro, ma a me non riesce fare sesso con una donna.
G. …
P. Hai altre domande?
G. No, veramente ho finito. Possiamo andare.
P. Gira laggiù in fondo e riaccompagnami dove stavo prima.
G. Una domanda ce l’avrei: ma quante sigarette fumi?
P. 2 pacchetti di sigarette al giorno. Perchè?
G. Non credi che sia meglio ridurre?
P. Questo lavoro ti porta molto a fumare. Incontri tanta gente che non conosci, non sai mai con chi devi fare sesso, non è facile, qualcuno potrebbe essere violento… Ecco, siamo arrivati.
G. Ciao e grazie.
P. Ciao e la prossima volta non venire per l’intervista.
G. OK. Ciao e grazie.
P. Ciao.

FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie… a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Desiderio di essere cuckold

Ciao mi chiamo Luisa, 26anni, sono sposata con Claudio, 35 anni, da 2 anni, dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.