Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Bondage, sadomaso e mistress

Bondage, sadomaso e mistress

I racconti erotici bdsm e bondage sono pieni di dominazione e sottomissioni. Tanti racconti erotici di schiavi e padroni, master e slave. Leggi e lasciati dominare.

  • Il pranzo

    Dopo averLe servito la colazione a letto io e la mia DEA ci dirigiamo verso la spiaggia. Lei è vestita con un leggero prendisole sopra al costume e degli zoccoletti neri con 3 cm di tacco in legno; io la seguo rispettosamente… un passo dietro……

  • La collega severa

    Ho una collega che è sempre stata severissima con i suoi sottoposti. Con me, che non ho mai avuto occasione di parlarle, ha avuto solo un contatto. Un giorno mi ha chiesto un piccolo piacere ed io, sapendo della sua inflessibilità, l’ho accontentata…

  • Una notte da raccontare

    – Basta così! Ferma, immobile. Tieni addosso le calze e la biancheria. – la voce autoritaria dell’uomo bloccò Sara nel preciso istante in cui stava iniziando a sfilare, con malizia, le autoreggenti. Lei lo guardò interrogativa nel tentativo di…

  • L’ispezione

    All’ora concordata la schiava entra nella stanza e tenendo gli occhi bassi dice: “la umile schiava saluta il suo padrone e lo supplica di sottoporre la schiava all’ispezione corporale”. La schiava deve rivolgersi al suo padrone usa…

  • Servetta – Gli amici dei padroni

    “Driinn, driinn” La malefica sveglia interruppe bruscamente il meritato riposo di tutti e tre; anzi, Rita ebbe un soprassalto e il suo cazzotto di plastica che ormai si era incollato nel mio buchetto uscendo mi procurò un forte ma godurioso do…

Laura sadomaso

Quando uscirono dalla villa faceva fresco, Giorgio aveva aiutato Laura ad indossare il lungo cappotto nero semplicemente appoggiato sulle spalle che lei teneva per i lembi, ad ogni passo si apriva facendo arrivare soffi di freddo sul suo corpo, il sottile tessuto dell’abito non creava alcuna barriera al freddo e …

Continua... »

L’inizio della tragedia

Elena percorse la stradina di campagna serenamente, con un candido sorriso sulle labbra. Era felice. Aveva passato un buon pomeriggio, ed aveva uno sorpresina per il suo amante. Indossava un bel completino, nuovo di zecca, acquistato per l’occasione. Aveva passato davvero un buon pomeriggio, a fare spese, e alla fine, …

Continua... »

Impalato

Arrivai in piscina verso mezzogiorno. Silvia e Francesca erano già li probabilmente da un paio d’ore a curare la loro abbronzatura. Avevano preso due sdraio situate al bordo della piscina e i loro topless erano uno spettacolo apprezzabile per le persone che affollavano quella zona del piccolo albergo di Beaulieu. …

Continua... »

Una dolce sorpresa

Salve vi racconto una storia che mi è capitata all’ inizio della primavera. Sono un medico di 40 anni sposato, il mio ambulatorio è frequentato da bella gente, da circa un mese ho una nuova paziente, una mora non tanto alta molto elegante sempre molto curata, non direi volgare ma …

Continua... »

Tristano

Mio bene, pare che sono di nuovo d’umore alquanto… come dire? ispirato? ma no, diciamo piuttosto irritato alterato incitato bizzarro stranito, insomma credo che ci siamo capisciati benissimo, vero? orbene, però stavolta devo dire che il “favore” lo faccio a me stessa, quindi non è una promessa fatta, bensì un …

Continua... »

Pazzo

Dio mio…… mi chiedo come diavolo ho fatto…… Ero ricco, anzi ricchissimo. Giovane laureato, unico erede delle ricchezze di una famiglia nobile. Avevo tutto e potevo avere tutto. Trent’anni passati in giro per il mondo a divertirmi come un pazzo…… poi…… Sei entrata nella mia vita in una mattina tiepida …

Continua... »

Il Monastero

Qualche anno fa avevo una ragazza di nome Daniela, molto sensuale, con due grosse mammelle, la faccia da troia e un culo stupendo, leggermente abbondante che lo rendeva irresistibile. L’aspetto, per cui l’avevo corteggiata immaginandola troia, strideva col suo carattere, dolce, remissivo, pudico e molto cattolica. Ragazza di ventuno anni …

Continua... »

Il feticista dei collant

La signora Paola Santelli, ora in Anselmi, era una gran bella donna. Ventisette anni, slanciata, corpo esile e delicato, forme sinuose, modi garbati, voce melodica e armoniosa. Il dottor Stranopene aveva avuto un presagistico rizzamento quando l’aveva vista entrare nel suo studio, l’andatura felina accompagnata da un’aria candida e pulita, …

Continua... »