Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / BDSM / Esperienze particolari di una signora perbene
copertina racconto erotico

Esperienze particolari di una signora perbene

Non solo era lì, completamente nuda, nella camera di uno squallido albergo, ma non esisteva nella stanza un solo indumento. L’uomo le aveva preso la borsetta con il cellulare, i soldi e i documenti. Il telefono sul tavolo poteva essere l’ultima speranza, ma chiamare qualcuno che conosceva perché la venisse a prendere avrebbe significato palesare l’abisso in cui era andata a cacciarsi. Lei, l’altera, orgogliosa, anzi superba, dirigente aziendale, per la prima volta da molti anni, non poteva più dare ordini, essere obbedita e servita. Per la prima volta da molto tempo la situazione non era sotto il suo controllo e ora stava in attesa angosciosa di una telefonata. La situazione che le stringeva il petto di ansia non era un accidente non voluto, aveva accettato la proposta dell’uomo di cui, adesso, stava aspettando la chiamata pienamente cosciente dei rischi cui andava incontro. Tutto era cominciato alcune settimane prima quando, in una oziosa conversazione con alcune sue amiche all’interno di una festa in cui l’alcool e qualche canna avevano fatto sciogliere le lingue, qualcuna aveva detto che, per una volta nella vita, non avrebbe disdegnato di venire sequestrata e brutalizzata senza alcun rispetto. Certo, avevano però obiettato tutte, è una cosa impossibile perché i rischi sono troppo alti. Era stato a quel punto che la sua amica Grazia, che frequentava ambienti non sempre raccomandabili, con l’aria di chi la sapeva lunga, aveva detto che lei una soluzione la conosceva. Alle domande curiose delle altre donne non si era sbilanciata lasciando comunque intendere che qualcosa del genere doveva aver fatto e di esserne stata molto soddisfatta. Tra l’allusivo e il finto informato aveva lasciato cadere l’affermazione che con un annuncio di un certo tipo su una delle riviste di pubblicità gratuita avrebbero potuto verificare che quanto stava dicendo aveva fondamento. Il nome della rivista e la forma dell’annuncio avevano continuato a balzar fuori dai suoi pensieri nei momenti più impensati, fino a diventare un tarlo che la rodeva. A trentotto anni, divorziata, era una donna che trovava nella professione, e soprattutto nel potere dato dalla professione la propria realizzazione. Il sesso era una cosa se non secondaria, fortemente collegato al potere. Sapeva di usare la propria seduzione per conquistare maggiore potere. Non solo, nelle rare e non lunghe relazioni che intratteneva aveva sempre finito per prevalere sul partner. Era attratta da uomini di potere non solo perché ciò le serviva per la sua professione, ma anche per poterli vedere, alla fine, poveri e supplicanti. Non era mai stata lasciata, aveva sempre lasciato lei i suoi partner dopo averli usati per i propri scopi. L’idea di un’inversione dei ruoli dove fosse il maschio a comandare e a trattarla senza alcun rispetto aveva cominciato ad attrarla irresistibilmente. Fosse anche solo a livello di fantasia l’idea di venire presa e usata come uno straccio la faceva eccitare. Ma la decisione di mettere l’annuncio sul giornale non era scaturita tanto da questo, quanto dal fatto di verificare le allusioni della Grazia.

“Eventuali testimoni all’incidente del … presso .. si mettano in contatto con .. ” era stato l’innocuo annuncio pubblicato, ovviamente non c’era stato alcun incidente e il luogo di riferimento non esisteva. Aveva ricevuto tre telefonate di qualcuno che cercava di ottenere qualcosa con testimonianze inventate, ma avevano messo giù subito quando aveva cominciato a chiedere il colore delle macchine coinvolte o altri particolari dell’ipotetico incidente. La quarta telefonata era stata invece del tutto diversa.

“Sappiamo entrambi che l’annuncio ha un altro significato” le aveva detto subito una voce bassa

“quindi mi dica l’età della vacca! ” La brutalità della richiesta l’aveva scossa e quasi metteva giù il telefono, ma l’eccitazione di entrare in un nuovo ruolo che aveva vissuto solo nelle sue fantasie l’aveva indotta a continuare. Il suo interlocutore le aveva detto chiaro che era disponibile se, e solo se, fosse stata a sua disposizione per almeno una notte. Durante questo periodo sarebbe stata a sua completa volontà e sarebbe stata usata come gli aggradava. Isabella ormai coinvolta nella parte aveva richiesto che garanzie poteva darle. Al che l’altro aveva riso rispondendole che solo la sua affidabilità gli impediva di nominarle alcune donne, della buona società, che avrebbero potuto garantire per lui. La proposta finale che le aveva fatto non mancava comunque di logica e si dimostrava realizzabile.

“La porterò” le aveva detto “In un albergo ad ore, saremo isolati, ma in vicinanza di altre persone a cui può chiedere aiuto, nello stesso tempo lei si troverà di fronte al rischio di venire svergognata pubblicamente per un appuntamento in un tale posto. All’interno di quella camera quindi lei dovrà obbedirmi e io potrò usarla come mi pare.. ” L’idea che le era stata lanciata nei giorni successivi cominciò a roderla come un tarlo. Scoprì che sia l’idea della sottomissione che l’idea del sesso in un albergo di puttane la eccitavano come non le era mai sucesso. Alla fine, quando il suo interlocutore dopo tre giorni l’aveva richiamata aveva risposto di si. Quella sera il suo interlocutore, che aveva detto di chiamarsi Marco, l’aveva portata in un albergo schiacciato tra due edifici di fronte alla stazione centrale. Erano saliti alla reception del primo piano ove, su alcuni logori divani, stazionavano alcuni maghrebini che l’avevano guardata laidamente mentre il suo partner chiedeva la camera. Mentre erano in attesa delle chiavi era entrata una negra, chiaramente una puttana, con un marocchino che le cingeva la vita con un braccio e il portiere, senza che nulla chiedesse, le aveva lanciato le chiavi.

“Mio Dio” aveva pensato Isabella “Questo è come se urlassi a tutti che sto salendo per scopare”. Marco, prese le chiavi, le aveva messo una mano sul culo e l’aveva spinta avanti verso le scale. Prima di uscire dalla reception le aveva sollevato la gonna mostrando ai laidi e oziosi ospiti dell’albergo le sue terga solo parzialmente coperte da un perizoma di pizzo. Al tentativo di lei di abbassare la gonna aveva risposto afferrandole un braccio e stringendoglielo fino a far male.

“Da questo momento comando io! ” le aveva detto in un sibilo. Era stata costretta a salire due piani di scale a culo scoperto, tremando al pensiero di incontrare qualcuno. La stanza che avevano preso era lunga e stretta, con una turca come latrina che doveva fungere anche da piano doccia. La cosa che aveva sconvolto isabella era che all’ingresso di questo bagno non vi era porta, ma un telo di plastica separava la latrina dalla stanza. Il letto era sfatto e le lenzuola puzzolenti e chiaramente macchiate di sperma. Un moto di disgusto l’aveva investita.

“Ho cambiato idea.. andiamocene da qui” Un violento schiaffo da farle girare la testa era stata la risposta.

“Qui chi decide sono io, ricordalo. Da quando hai passato quella porta non puoi più tornare indietro. Non sei contenta? , chiama aiuto, hai ben visto che gente c’è qui dentro. Chissà se vengono. Ma ammesso che vengano vuoi far sapere a tutti che la rispettabile signora va a scopare con le puttane? .. Avanti, ora facciamo quello per cui siamo venuti.. spogliati! ” Quello che Marco le aveva detto non solo aveva fondamento, ma la consapevolezza di aver voluto la situazione in cui si era ficcata l’indussero a spogliarsi mettendo i vestiti su una sedia.

“Tutto”, fu l’ordine che le venne dato quando esitò a levarsi la biancheria intima. Quello che non si aspettava era che Marco prendesse i vestiti e la borsetta e uscisse dalla camera ordinandole di rispondere al telefono. Ora era lì, da dieci minuti, con l’angoscia che le serrava il petto, in attesa di una telefonata. Lo squillo del telefono la spaventò, afferrò la cornetta

“Pronto”

“Sono io ” disse la voce bassa che conosceva

“ora sta attenta a quello che ti dico. Ora sei lì, nuda, nella stanza di una pensione che è il luogo di esercizio di almeno otto puttane e piena di marocchini che se sapessero che sei lì sola non esiterebbero a venire a farti la festa. è meglio che tu non metta il naso fuori dalla porta. Non sperare di farti aiutare dal portiere, è convinto che sei stata venduta per debiti di gioco a uno dei più feroci magnaccia della zona. L’unico che può tirarti fuori da questa imbarazzante situazione sono io.. ho i vestiti, il telefono, i documenti. Anzi, dai documento ho visto chi sei… , posso riportarti a casa, ma solo a certe condizioni”

“quali” disse Isabella dopo un lungo silenzio

“Stanotte, quantomeno, verificherai cosa si prova a prenderlo nel culo. Ma devi essere tu a chiederlo. Ti lascio alcuni minuti per pensare e ti richiamerò tra poco, voglio che tu mi chieda esplicitamente di salire per incularti… devi usare proprio questo termine, non sodomizzare che è troppo fine per una troia come te. “. La comunicazione venne chiusa. Dopo cinque minuti passati per la donna struggersi nell’ansia e nella paura il telefono suonò di nuovo

“Allora hai deciso? ”

“No, non l’ho mai fatto.. non me la sento.. ”

“Allora arrangiati, io stacco e me ne vado”

“Noo.. ” fu l’urlo nel telefono.

“Vuoi che salga, sai bene cosa devi chiedermi”

“Si.. va bene, sali pure” L’uomo attese, voleva la resa completa

“Si, sono pronta, sono pronta” una pausa poi le parole che dovevano scorticarle la bocca nel pronunciarle

“sono pronta ad essere inculata”.

“Bene, cominciamo a ragionare l’orgogliosa signora Combi ha deciso di provare a fare la capra” disse l’uomo con sarcarsmo

“Potrei venire su, ma per mettertelo nel culo e non farti male sarebbe necessario una pomata lubrificante, oppure che il cazzo fosse ben bagnato di saliva, … ora sei disposta a succhiarmelo ben bene prima che te lo infili? ”

“Lo sa che non mi piace, non può chiedermi questo”

“Fa parte del servizio per la messa in culo, sei disposta o no? ” Esitò ma alla fine cedette

“Va bene lo farò”

“No cara, devi dirlo completo, chiedimi di mettertelo e proponi di mangiarmi la coda”

“Va bene… salga che le succhierò il pene per potermi sodomizzare meglio”

“Questo prima, e dopo? ”

“Cosa dopo? ”

“Del servizio completo fa parte preparazione dell’organo, sfondamento posteriore e pulizia dello strumento.. la condizione finale è che dopo l’inculata tu mi pulisca l’uccello con la tua arrogante bocca leccandolo con la tua lingua di velluto”

“Questo se lo può scordare”

“allora arrangiati, io chiudo” disse deciso a interrompere la comunicazione

“Noo! ” fu l’urlo allarmato che senti in cornetta.

“Si? Che c’è di nuovo? ”

“Non può chiedermi una cosa del genere, non posso farla…”, sentiva il pianto nella sua voce.

“Non ho detto che debba essere fatta per forza, ma voglio sentirmelo chiedere ed essere io a rinunciarvi” Gli parve che questa affermazione la sollevasse un po’

“Cosa vuole che le chieda” rispose con voce che sembrava più serena

“Voglio che tu mi chieda di salire per mettertelo nel culo Chiedendomi di mettertelo in bocca prima e dopo che te l’avrò infilato nel tuo sozzo culo, ma voglio che tu me lo chieda con le parole più sporche e laide che ti vengono in mente. Pensaci, stacco e ti richiamo tra cinque minuti” Quando la richiamò la voce era più calma, doveva aver preparato il discorso

“Sali, ti sto aspettando, sono qui che ti aspetto per venire inculata, ti preparerò bene il pene insalivandolo in modo che scivoli meglio. Poi pulirò con la mia bocca e la lingua la verga che mi ha penetrato” Quando Marco giunse in camera e trovò Gabriella rannichiata sul letto con le braccia che cingevano le ginocchia e gli occhi lucidi di lacrime, doveva essersi pentita della situazione in cui si era posta. Si spogliò rapidamente esi avvicinò con il pene eretto che puntava come una lancia verso la donna.

“Avanti, troia, succhiami la coda” Non si mosse e nascose la testa tra le mani La prese per i capelli e la schiaffeggiò ponendole la cappella davanti alla bocca

“Succhia troia o ti gonfio la faccia” Finalmente si mosse prendendo in bocca l’uccello. Vide subito la faccia schifata e si congratulò con se stesso, dal primo contatto che aveva avuto gi era venuto il desiderio di umiliare quella altera donna. In previsione di quanto sperava sarebbe successo aveva bagnato il pene con la sua urina vecchia di una giornata; era andato in giro con l’uccello penzoloni aspettando che la piscia si asciugasse ed ora il cazzo doveva puzzare come una latrina. Lasciò che gli succhiasse il pene per qualche tempo poi le ordinò

“Sul letto, carponi, culo all’aria e faccia a terra” Gli obbedì con un singulto Si avvicinò con il cazzo teso, sputò sulle dita della mano e le strofinò sulla corolla anale che si contrasse

“Se non vuoi che ti faccia male devi spingere come quando stai cagando” Puntò la turgida cappella sull’ano, lo sentì contrarsi, aspettò che si rilassasse e spinse. Un gemito uscì dalla donna che si contrasse impedendogli di entrare, aspettò che si rilassasse nuovamente e spinse senza pietà. Sentì la cappella farsi strada, oltrepassare l’anello anale e, superato questo, il cazzo affondare nelle viscere della donna che lanciò un urlo strozzato. Era dentro. Glielo aveva messo in culo. Aveva talvolta temuto che in questi incontri dove doveva sopraffare la donna il suo uccello lo potesse tradire, che potesse non essere sufficientemente rigido da violare il culo vergine di una donna non pienamente consenziente, ora però me lo sentiva di acciaio: avrebbe condotto la danza come voleva . Cominciò a montarla con calma stringendo fra le mani i fianchi morbidi e osservando eccitato il bastone entrare e uscire dal culo e la mucosa interna rovesciarsi come un guanto.

“Stringi, stringi vaccona, che mi fai godere…… cosa prova l’arrogante signora Combi a venire inculata come una puttana sfondata? ” Non gli bastava possederla, la copriva di insulti e di frasi oscene. La donna realizzava in pieno il concetto di

“posseduta”. Una bella donna sotto il maschio con il culo riempito dal suo cazzo, sconfitta e con la propria volontà annientata. Sentiva che potevo farne quel che voleva. Gemeva a diaframma contratto ad ogni affondo implorando che terminasse. Gli parve che la scopata fosse eterna finché venne riempendole il culo di sperma. Estrasse l’asta ancora turgida e provocatoriamente gliela mise davanti alla faccia.

“Allora vogliamo pulire? ” Non rispose, ma le lacrime le rigarono le guance del rimmel degli occhi.

“No” concesse

“per ora basta così, mi basta averti sfondato il culo …… d’ora in poi” infierì

“sarai per me una troia rotta in culo”. Le lanciò i vestiti e mentre si abbandonava accasciata sul letto si rivestii e lasciò la pensione abbandonandola nella sua umiliazione. FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La vendetta per Dora

Tornato a casa dopo l’esperienza del supermercato, mi feci una doccia e attesi in relax …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.