Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / BDSM / La prostituta nel weekend
copertina racconto erotico

La prostituta nel weekend

Mi trovavo in macchina con la mia cara mogliettina, tornavo da Ostia, dopo un sabato pomeriggio passato sul lungomare. Al ritorno a casa passiamo per una strada dove ci sono delle prostitute. Il mio occhio cade su una ragazza nera, stupenda, fisico da mozzafiato, proporzionatissima. La mia mogliettina anche è davvero bellina ma quella era davvero stupenda. Anche lei (la ragazza), i fissa e questo fa arrabbiare molto mia moglie che è seduta al mio fianco.

Mi molla un ceffone. poi scende decisa verso quella ragazza di colore. A questo punto invece di scappare come sarebbe logico, la ragazza di colore affronta mia moglie e con due mosse di judo la immobilizza a terra. Scendo velocemente dalla macchina per aiutare mia moglie quando la ragazza mi ferma e mi dice se voglio vedere mia moglie sottomessa da lei. Rimango come fulminato.

È sempre stato il mio più grande desiderio vedere mia moglie sotto messa da un altra donna, figuriamoci da una ragazza simile. Accetto immediatamente, il mio cazzo è già al massimo ed ho i pantaloni che mi scoppiano. La ragazza apre la borsetta e tira fuori un paio di manette e le mette ai polsi di mia moglie dietro la schiena; dopodiché, prende un rotolo di nastro adesivo argentato e ci imbavaglia la mia mogliettina. Poi la ragazza mi dice di prendere per i piedi mia moglie e entrare nella pineta insieme a lei che intanto l’ha presa da sotto le spalle. Devo ammettere che la cosa stava diventando sempre più eccitante. Mia moglie era vestita con una minigonna elasticizzata nera e un paio di scarpe con il tacco ed io tenendola per i piedi, mentre entravamo nella pineta la potevo vedere benissimo tra le cosce mentre si dimenava. Arriviamo sul luogo delle prestazioni della ragazza, un materasso sporco a terra. La ragazza ci butta mia moglie sopra e subito gli sfila la gonna e gli slip.

Poi gli mette due dita nella fica frugandola per bene. gli sfila la camicetta ed il reggiseno lasciandola completamente nuda. Poi si toglie a sua volta le mutandine e strappato il cerotto dalle labbra di mia moglie, prima che ella potesse emettere un solo grido, gliela sbatte in faccia. La sua fica ricopriva la bocca ed il naso di mia moglie che cercava di liberarsi, mugolava, ma non poteva sottrarsi a tutto quel ben di Dio. La ragazza era super eccitata, vedevo i suoi umori vaginali colare per il viso ed il collo di mia moglie. L’eccitazione ormai era incontrollabile e cominciai a baciare furiosamente la ragazza, mentre ella dondolava che era un piacere, facendo scivolare la sua splendida fica su e giù lungo la faccia di mia moglie che gemeva e si agitava, ma che non poteva fare assolutamente nulla. La ragazza vedendomi a quale punto dell’eccitazione, me lo tira fuori me lo p rende in bocca, ma giusto per un attimo, poi mi dice che se volevo che lei veniva, mi dovevo scopare mia moglie in quella posizione, mentre lei la cavalcava sulla faccia.

Non me lo sono fatto ripetere due volte; ho preso mia moglie per le caviglie fermandole le gambe che si agitavano a più non posso, le apro le gambe e comincio a chiavarla forsennatamente sempre più forte. La ragazza rideva mentre strusciava la sua fica or mai grondante sulla faccia di mia moglie, tutto ciò non fa che aumentare ancora di più il mio piacere, ed infatti sborro una marea di sborra bollente nella fica di mia moglie. La ragazza mi chiama, mi dice che sta venendo e vuole che la baci. Lo faccio e lei viene con un orgasmo memorabile su tutta la faccia di mia moglie. Un orgasmo che dura 5/6 minuti buoni. (Mica ho capito come faceva mia moglie a respirare tutto questo tempo, ma è un sogno, boh. )

Cmq avuto il suo bell’orgasmo la ragazza non si è affatto alzata, ha preso la sua borsetta ed ha tirato fuori il suo maquillage e si è messa tranquillamente a truccarsi. Ci avrà messo altri 10 minuti. Ogni tanto dava colpetti di anca strusciando ulteriormente la sua fica sulla bocca della mia lei. Ad un certo punto si è leggermente sollevata, facendo in modo di far aprire la bocca a mia moglie che intendeva gridare, ma non ha fatto in tempo, dato che immediatamente la ragazza ha cominciato a pisciare ed il piscio andava dritto in bocca a mia moglie che a questo punto rischiava seriamente di morire affogata. Finito di pisciare la ragazza ha detto a mia moglie che se voleva tornare libera doveva asciugargli tutta la fica con la lingua, cosa che puntualmente ha fatto dato che aveva capito che non poteva più fare nulla. FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Gita pasquale

Passeggio tra le stelle scampagnata pasquale con le dita sul mio corpo inutile ripercorro sentieri …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.