Home / BDSM / Nuovo
copertina racconto erotico

Nuovo

Ciao sono Laura la farmacista di RHO continuo il racconto della sera con la mia collega Sonia quando ci siamo recate nell’appartamento del Sig. Guglielmo .

Appena arrivate ci a mandato in una camera dove

“spogliatevi, andate in bagno dovete pulirvi bene anche dentro, specialmente dietro”

Ci siamo spogliate nel bagno c’erano dei clisteri che ci siamo fatte a vicenda fino a che non è uscita acqua pulita, il tutto con imbarazzo, è tornato il sig Guglielmo con dei sandali con tacco alto e lacci alla schiava

“metteteli e venite con me”

Siamo tornate nella sala completamente nude ad aspettarci una donna bionda molto truccata e con diversi gioielli addosso,

“ma non era una sola? ”

“sorpresa questa è una nuova anche se non proprio di primo pelo”

“va bene vedo che è ancora in ordine”

Il tutto senza interpellarci, il sig G ha preso da un cassetto un vibratore nero come quello che mi aveva fatto usare Luca, si è diretto verso una specie di tavolino dove l’ha fissato in modo stabile, era un uccello di 35 centimetri di lunghezza e circa 8 di diametro,

“tu puttanella fammi vedere cosa sei capace a fare”

Rivolta verso di me

“e tu preparati che voglio vedere come lo prendi nel culo”

Il sig G era pronto con la telecamera, mi sono portata verso lo sgabello dove il palo era in attesa di essere usato, avevo il buchetto ben lubrificato dal liquido dei clisteri, mi sono portata le mani nel sesso e nel buchetto dove ho preso un po’ di lubrificante ho spalmato il vibratore, mi sono messa a cavalcioni ho allargato le labbra del sesso e mi sono lasciata scendere, trattenendo il respiro sono arrivata alla base

“aiuta quella puttana deve metterselo dietro”

La bionda a mollato un ceffone a Sonia che era rimasta incantata a guardare la scena con uno sguardo stralunato, si è avvicinata mi a preso per le ascelle e mi ha aiutata a sollevarmi poi mi sono spostata e ho diretto il fallo nel mio culo dove è entrato quasi fino a metà a questo punto la bionda si è avvicinata e mi ha spinta in basso fino a che le mie chiappe si sono appoggiate allo sgabello

“noo”

Ho urlato, ma oramai era tutto dentro di me, poi rivolta a Sonia

“leccale la figa”

Sonia si è inginocchiata e prima di leccarmi mi a guardata dicendomi che avevo la clitoride enorme che denotava la mia eccitazione, sono venuta molto in fretta facendo strani versi gutturali.

Dopo è toccata a Sonia che si è dimenata mentre si è calata sul vibratore il suo culo è più “prestante” del mio le ho toccato le tette e l’ho baciata poi sono scesa a leccarle la figa la sig bionda ci è venuta vicino e ci a incitate

“si siete proprio due troie questo fine settimana vi preparo un po’ di clienti che vi riempiranno come due vacche oramai siete due puttane”

Non abbiamo capito sul subito quello che intendeva dire, ma l’avremmo scoperto la sera dopo, dopo ci hanno lasciate andare via visto che l’indomani saremmo andate a lavorare, ci siamo guardate e ho proposto a Sonia di venire a dormire a casa mia visto che eravamo molto eccitate penso che avremmo dormito poco .

A casa alla mezzanotte manca Luca, ci mettiamo in sala con i vibratori ci penetrammo e ci lecchiamo come due cagne in calore Sonia

“ho già fatto delle orge e anni fa un mio ex mi ha fatto prostituire ”

“ma come a pagamento? ”

“si e ti devo dire che la cosa mi è piaciuta molto, e penso che la sig bionda ci porterà alla prostituzione”

Dopo circa 1 ora è arrivata una macchina e poco dopo è entrato il sig Nicola con…. era Luca travestito con una parrucca truccato calze a rete

“spogliati fai vedere che anche tu sei una troia”

Luca si è spogliato, era completamente depilato, portava una specie di mutanda contenitiva, era bloccata con un lucchetto, il sig N ha aperto il lucchetto e quando Luca si è tolto l’indumento abbiamo visto che bloccava un vibratore piantato nel suo culo,

“tuo marito questa sera ha conosciuto il suo padrone”

girandosi abbiamo visto che le sue chiappe erano striate di strisce rosse ben marcate, bene ho pensato sia io che mio marito avevamo il nostro destino ben programmato due puttane………….. ! FINE

About Hard stories

Scrivo racconti erotici per hobby, perché mi piace. Perché quando scrivo mi sento in un'altra domensione. Arriva all'improvviso una carica incredibile da scaricare sulla tastiera. E' così che nasce un racconto erotico.

Leggi anche

copertina racconto erotico

A casa di mio zio

Sono una ragazza di una famiglia ricca che viviamo in Istanbul. Quando avevo 16 anni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.