Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Bondage, sadomaso e mistress (pagina 2)

Bondage, sadomaso e mistress

I racconti erotici bdsm e bondage sono pieni di dominazione e sottomissioni. Tanti racconti erotici di schiavi e padroni, master e slave. Leggi e lasciati dominare.

  • Il pranzo

    Dopo averLe servito la colazione a letto io e la mia DEA ci dirigiamo verso la spiaggia. Lei è vestita con un leggero prendisole sopra al costume e degli zoccoletti neri con 3 cm di tacco in legno; io la seguo rispettosamente… un passo dietro……

  • La collega severa

    Ho una collega che è sempre stata severissima con i suoi sottoposti. Con me, che non ho mai avuto occasione di parlarle, ha avuto solo un contatto. Un giorno mi ha chiesto un piccolo piacere ed io, sapendo della sua inflessibilità, l’ho accontentata…

  • Una notte da raccontare

    – Basta così! Ferma, immobile. Tieni addosso le calze e la biancheria. – la voce autoritaria dell’uomo bloccò Sara nel preciso istante in cui stava iniziando a sfilare, con malizia, le autoreggenti. Lei lo guardò interrogativa nel tentativo di…

  • L’ispezione

    All’ora concordata la schiava entra nella stanza e tenendo gli occhi bassi dice: “la umile schiava saluta il suo padrone e lo supplica di sottoporre la schiava all’ispezione corporale”. La schiava deve rivolgersi al suo padrone usa…

  • Servetta – Gli amici dei padroni

    “Driinn, driinn” La malefica sveglia interruppe bruscamente il meritato riposo di tutti e tre; anzi, Rita ebbe un soprassalto e il suo cazzotto di plastica che ormai si era incollato nel mio buchetto uscendo mi procurò un forte ma godurioso do…

Resasi schiava

Si erano conosciuti a seguito di un annuncio che la ragazza aveva messo su un giornale pornografico (continua da “divertirsi con gli schiavi”). Lei voleva trascorrere le vacanze estive in compagnia di un uomo con il quale avrebbe avuto, durante quel periodo, intensi rapporti sessuali. Aveva risposto Frank. Si erano …

Continua... »

La nera signora

Era un inverno freddo, molto freddo. Le persone restavano in casa per non congelare. Soprattutto di sera le città sembravano deserte, nessuno per le strade, nessuno nei locali, sembrava un paesaggio apocalittico. La stazione rispettava questo stato, ed anche il capostazione faticava ad uscire dal suo ufficio per svolgere le …

Continua... »