Ultimi racconti erotici pubblicati

Schiava, chiava

Chiara è una puledra appena diciottenne che mi ispira al solo guardarla il desiderio di scoparmela selvaggiamente, ma che sino a qualche giorno fa si limitava a dirmi romanticamente:
“ti amo! “, “mi ami? “; non proferiva mai espressioni più realistiche che dicono pane al pane e vino al vino, né tanto meno quelle “sconcezze” che sono il sale (o meglio: il pepe) dell’amore.
Tra le lenzuola, comunque, è una bomba: insaziabilmente vorace di cazzo, esperta pompinara, disponibile a lasciarsi sfondare il culo ogni volta che glielo chiedi. Insomma: troia sino al midollo osseo; ma guai se glielo dicevi, neppure per scherzo…
Da una settimana, però, non è più così:
Chiara ha subìto una piacevole metamorfosi, che l’ha convinta a superare ogni ipocrita inibizione.
Stavamo a letto e come al solito io la stavo sapientemente eccitando con qualche massaggio tra le gambe, insinuando le dita nella sua fregna perennemente umida.
Lei mi baciava sul collo e sul torace, con colpi rapidi di lingua e piccoli morsi che mi facevano provare i brividi della libidine.
Mi venne la felice idea di farla spazientire: avrebbe voluto essere chiavata subito, con foga, mentre dolci parole d’amore avrebbero dovuto ritmare come al solito il sali e scendi dei suoi glutei sul mio cazzo.
Ma io rimasi muto e… fermo: le feci intuire che quella volta avrebbe dovuto meritarsi la sua razione quotidiana di godimento.
Lei non sapeva come fare a sbloccarmi e infine, in preda all’eccitazione, giunse a implorarmi:
“Voglio essere la tua schiava, fammi tutto quello che vuoi”.
L’afferrai dolcemente per i lunghi riccioli neri e le chiesi se si rendeva conto di quello che stava dicendo.
Lei, sempre più infoiata, confermò la sua disponibilità a ridursi in mia completa schiavitù.
Le dissi che ad un padrone tutto è permesso nei confronti della sua schiava: avrei potuto dirle e farle quello che desideravo; avrei, soprattutto, costringerla a dire e a fare anche ciò che lei non voleva.
Chiara, maliziosamente incuriosita, annuì.
E io, allora, la presi in parola.
La strattonai per i capelli, stavolta con violenza, e le dissi con tono perentorio che era una porca.
Poi la costrinsi ad ammettere che era la mia troia: le parole stentavano ad uscirle di bocca, ma appena l’addossai al muro allargandole le cosce e puntando la mia cappella turgida sulla sua fica, si lasciò andare:
“Sì, sono una troia, voglio essere la tua puttana, trattami come una schiava, mi sento una porca in calore”.
La penetrai con forza, mentre finalmente mi sfogavo anche verbalmente:
“Sì, sei una gran porca; voglio sfondarti, troia”.
E lei: “Sì sfondami, padrone, sono la tua schiava”.
Ed io: “Sei la mia schiava? E allora chiava! “.
Chiavammo a lungo, tra mugolii orgasmici e reciproci complimenti osceni.
Fu una scopata estenuante e… sincera: finalmente io potevo dire ad alta voce quello che pensavo di lei ogni volta che facevamo l’amore, e lei si sentiva libera, salutarmente disinibita, sapendo che io la desidero proprio perché lei è una gran troia. FINE

Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri. Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.