Ultimi racconti erotici pubblicati

Volevo Provare

Continuavo a pensare a cosa si poteva provare nell’essere schiavo.
Finalmente avevo un appuntamento con una donna che voleva essere chiamata Padrona.
Pur essendo una persona con esperienze di vita e i miei 40 anni erano trascorsi senza nulla togliermi, mi ritrovavo davanti a quella porta agitato ed eccitato.
La porta si apre e non vedo chi c’è, entro e sento luna voce di donna alle mie spalle che mi ordina di entrare e andare nel salotto.
La porta si chiude, la voce mi ordina di sedermi su uno sgabello ai piedi di una poltrona, ma prima devo togliermi la giacca e la cravatta.
Eccola finalmente, tacchi alti, calze autoreggenti nere, slip neri, reggiseno nero.
Bella ma con uno sguardo duro.
Si siede sul divano e in silenzio mi massaggia il viso con la scarpa.
Il tacco si infila nella mia bocca:
“togliti camicia, scarpe , calze e pantaloni”.
Eseguo e mi risiedo ai suo piedi. Inizia ad insultarmi e a farmi domande e intanto sento il profumo dei suoi piedi.
Leccameli e sento il suo piede infilarsi in bocca, lecco prima uno poi l’altro continuo a leccare e gustare il suo sapore.
Poi allunga le gambe sul divano e mi inginocchio per continuare a leccarli.
La sua mano va sotto la maglietta e poi me la fa togliere.
Ricomincio a leccare i suoi piedi.
Le sue dita cominciano a torturarmi i capezzoli. Fa male ma continuo a leccare.
Stringe forte e io gemo.
Una sberla sul viso e la sua voce che dice soffri in silenzio.
I capezzoli mi fanno male ma sto zitto e lecco sempre.
Mi brucia la lingua ma continuo.
Mi fa sdraiare sul pavimento e i suoi piedi continuano a infilarsi nella mia bocca e a mia lingua si brucia sulle calze.
Lecco in continuazione, la saliva mi manca, i capezzoli fanno male ma lecco sempre.
Mi sale sullo stomaco e mi schiaccia. poi ricomincia a farmi male hai capezzoli.
Mi dice che la prossima volta me li brucerà.
Poi il suo piede corre sui miei boxer e mi massaggia il sesso.
E io continuo a leccare.
Vengo.
Come da ragazzo mi riempio di sperma i boxer .
Lei ride e poi mi dice.
Vatti a lavare, questo è il primo assaggio.
Ora puoi andare.
Se tornerai sai che sarà peggio.
Con la lingua che oramai non sente i sapori e un forte dolore ai capezzoli abbandono la casa pensando di non ritornare.
Ma…. Tornai.

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare. Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *