Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Appuntamento in alta montagna
copertina racconto erotico

Appuntamento in alta montagna

“Appuntamento caldo da qualche parte su in montagna? Sei pazzo, Gary ”
Le risate di Tom, anche se erano passate 24 ore, gli rimbombavano ancora nelle orecchie, mentre cercava disperatamente di fare passare la sua jeep per i mucchi di neve che si erano formati sulla strada.

Maledetta nevicata! Le previsioni del tempo non avevano annunciato nulla di tutto questo. Altrimenti, sicuramente Gary non si sarebbe mosso e probabilmente sarebbe rimasto a New York city.

Sarebbe rimasto con Tom in una delle discoteche, che erano in voga in quel momento e avrebbero avuto qualche solita storiella con qualche ragazza per un week-end.

Divertirsi un po’, qualche scopata e poi bye-bye Baby, forse ci si rivede ! Come sempre insomma. In un certo senso Gary però era stufo di rimorchiare sempre le solite ragazze, per questo Tom era rimasto da solo a New York a divertirsi e Lui, Gary come un pazzo cercava di portarsi avanti su quella strada sempre piú innevata.

E tutto questo per quella dolce, irresistibile e maledetta inserzione del “New york Reader”: Un caldo appuntamento? puoi averlo, se sei un duro e vuoi venire nelle fredde montagne delle Catkills (non molto lontane da New york)
Cerchi un amante? Oppure un avventura? Fatti vivo !

Gary scrivette al “Reader” alla casella del numero dato. Due settimane dopo suonò il telefono. Cera un rumore assordante nel sottofondo, non poté quasi neanche sentire la voce dall’ altra parte del apparecchio.

Aveva una voce molto erotica, si chiamava Cassie e lo invitò per un fine settimana nelle Catkills Mountains. Gary disse di si senza ripensarci un attimo. Non aveva chiesto a Cassie neanche il cognome, appunto perché cercava l’avventura e anche una sorpresa, e quello che cercava lo aveva trovato.

Nevicava talmente forte che non riusciva a vedere niente, c’era una nebbia molto fitta, come faceva? Doveva ancora trovare il chalet di montagna di Cassie. Non aveva proprio senso, doveva cercare di accostare a destra e aspettare che si calmasse un po’ la bufera di neve. Non era nemmeno tanto pratico di quel jeep, che aveva noleggiato per questo weekend, e aveva sottovalutato la strada che era diventata veramente pericolosa. La jeep iniziava a slittare e a cappottarsi su di se stessa. Batté fortemente il capo contro qualcosa di duro, probabilmente la plancia, e svenní.

Quando si riprese stava male, era messo con la testa in giú e sentiva un freddo tremendo, forse era peggio il freddo.
“Vieni con me! ” vedeva tutto in modo poco chiaro, data la botta.
“Venga fuori da questa macchina, deve andare al caldo altrimenti ci lascia le pelle in questo freddo, nel mio Jeep fa piú caldo”
“Chi.. , chi.. é Lei? ” gli chiese con voce raffreddata e stordita.
“Ranger Harris, ha avuto fortuna, dalla mia stazione ho visto che é uscito di strada altrimente sarebbe assiderato”.
Riconobbe la divisa verde-blu con il colletto e il cappello di pelliccia. Si fece trascinare fuori dalla sua jeep cherokee con lo stemma dei Rangers.

La doccia calda fece miracoli, non gli doleva piú la testa, si sentí rinvigorire. Pensando che poco fà barcollava ancora per entrare in doccia, in quella baita dei rangers da qualche parte nelle montagne Catkills. Solo il pensiero di come mai si fosse trovato in quella situazione lo fece ridere.
” Cosa le succede? Non si sente molto bene? ”
gli chiedeva una voce rauca non ben definita dato il rumore della doccia. Uscí dalla doccia e si mise a ridere di nuovo:
“Certo che sto bene, soltanto che penso che dovevo avere un fine settimana di avventura, e adesso tutto questo”
“Un’avventura? ” chiese con interesse il Ranger.
“Che tipo di avventura? ” gli chiese.

Gary cercava disperatamente un asciugamano mentre gli raccontava la storia dell’inserzione. Poco dopo, davanti a lui il Ranger con l’asciugamano, Gary rimase a bocca aperta, visto senza giaccone Harris, non era un Ranger ma una Ranger.
“O madonna una donna! ” esclamò sempre ancora a bocca aperta Gary.
“Mi presento Cassandra Julia Harris, ma tutti mi chiamano Cassie”
“Allora Lei é, tu sei……. la grande avventura”

C’era un dolce sorriso stampato su quel bel viso, mentre gli poneva l’asciugamano.
“Ti avevo visto già da lontano, non eri ancora arrivato e mi stavo preoccupando, quando ho visto ribaltare la tua jeep. In questo momento Gary si rese conto che era completamente nudo, e prima che si potesse coprire la sua virilità, Cassie aveva già iniziato ad asciugarlo e massaggiarlo accuratamente. Sentiva una sensazione di calore e di forte eccitazione. Cassie fece cadere l’asciugamano e continuò a massaggiarlo con le mani che andavano in esplorazione sul corpo di Gary.
Cassie si fermò un attimo per osservare il fallo di Gary che era già completamente duro.
“Questo punto del tuo corpo merita un attenzione particolare”
Le sue labbra andarono in aiuto alle mani e si posarono sul suo membro
Dopo due ore erano stesi di fianco nudi su una pelliccia davanti al camino. Era stato un grandissimo piacere denudare un Ranger e trovare sotto la divisa un corpo favoloso come quello di Cassie.
“Non ti senti sola su questa baita? ”
Sospirò:
“Perché pensi che abbia cercato di contattare qualcuna tramite l’inserzione! ”
Gary sghignazzò e la tirò verso di sé
“Ti piace il contatto? ”
“Piú stretto é meglio é” rispose e mise le gambe intorno alle sue cosce e si fece penetrare.
” Come é duro e compatto” disse lei e si lasciarono andare.

Era una notte di quelle che Gary non si ricordava da parecchio tempo, forse non gli era neanche mai capitato qualcosa di cosí eccitante e allo stesso momento romantico.
“Maledizione, maledizione! ” esclamò lui.
“Cosa succede” disse lei.
“Maledizione, credo proprio di essermi innamorato”
Cassie non disse niente e appoggiò la testa sul suo petto, le sue mani iniziarono di nuovo a massaggiarlo dappertutto. “Ranger, mi stà venendo una fame da lupo!
“Bastardo pensi solamente a té stesso! ”
Cassie si mise a ridere
“tocca a mé, mangio io per prima qualcosa”
Riprese in bocca il suo membro. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Ha vinto mia moglie

– Certo che con quel corpo e quella faccia può fare tutto quello che vuole. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.