Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Assunta in farmacia
copertina racconto erotico

Assunta in farmacia

Ciao mi chiamo Loredana ho 25 anni sono sposata da 2 mesi, mi sono laureata in farmacia 6 mesi fa e dopo il dottorato mi sono sposata con Fabio 37 anni con il quale ero fidanzata da 6mesi, non è stato il mio primo amore, ma è quello che mi ha saputo fare di mè una donna vogliosa e felice specialmente a letto.
Prima di conoscerlo avevo avuto poche esperienze per altro anche abbastanza deludenti, Fabio dice di aver tirato fuori la mia parte, non so come dire, “disponibile” infatti a letto ora non gli nego nulla anche se continua ha voler di più, per il matrimonio ha voluto che mi facessi depilare completamente il sesso e mi ha regalato un tanga di paillettes che ad ogni movimento sfregava le labbra e il clitoride non vedevo l’ora di restare sola con il mio porcellino, parenti genitori amici persone mai viste una faticata, non conoscevo quasi nessuno dei suoi amici visto che siamo stati fidanzati così poco tempo quando mi ha presentato Franco e Silvia
-questi sono i miei migliori amici saranno anche i tuoi baci abbracci, ma io non vedevo l’ora di andare in camera, poi quando pensavo al piacere tra le braccia di Fabio
-spogliati come fanno le spogliarelliste, stasera ti voglio più porca del solito
Mi sono spogliata ballando lasciando solo il tanga
-toglimelo tu con i denti
Non aspettava che quello mi ha baciato la lingua è entrata in profondità con le mani mi ha allargato il sesso le gambe in maniera oscena, mi ha succhiato il clitoride lo ha morso dolore piacere la lingua sulla pancia sul seno mi morde i capezzoli prima uno poi l’altro mi allarga ancora il suo cazzo entra piano poi di colpo sprofonda mi strappa un urlo
-siiiiiiiii ancora
Si ferma mi guarda con le mani mi prende i seni li stringe mi fa male lo dico, li lascia esce e poi ripiomba in mè nello stesso tempo mi stringe i capezzoli li gira li spreme, esce molla la presa poi di nuovo dentro i capezzoli ora sono letteralmente strappati torti, non so più se urlare dal piacere o dal dolore, sento che sta per godere lo toglie me lo appoggia alle labbra
-apri e manda giù tutto
Apro entra e un getto di sperma mi finisce in gola mando giù ancora ne scarica ancora poi si butta sul letto esausto, mi sono sentita usata violata, non mi basta lo accarezzo lo lecco succhio le tracce di sperma ritorna duro mi alzo e mi lascio cadere sopra ora sono io che comando spingo lo voglio dentro tutto, con le mani scendo sotto la sua schiena allargo i suoi glutei trovo il suo buchetto lo penetro con un dito, due mi guarda sorpreso gli piace mi sembra che il suo cazzo si gonfi si esplode in un getto che mi riempie come non mai, non male come prima notte di matrimonio.
La mattina dopo mi sveglia Fabio
-sveglia pigrona che è tardi dobbiamo partire
Mi stiracchio i capezzoli mi fanno male vado in bagno una bella doccia
-amore fai la doccia con mè?
-no l’ho fatta prima
Entro nel box acqua bella calda mi passo le mani sul seno, mi fa male i capezzoli sono violacei sono ancora sensibili e mi piace, mi tocco le labbra apro il sesso mi masturbo vengo in un attimo, esco accappatoio mi asciugo i capelli col phon, meno male che li porto corti, sbrigati ho già caricato le valigie.
Fabio ha solo 3 giorni, ha paura dell’aeroplano e quindi la nostra luna di miele sarà posticipata alle ferie, passeremo i tre giorni a Ospedaletti dove i genitori di Fabio hanno un appartamento, a noi abitiamo ad Arona, non menziono cosa faccia mio marito perché se no ci riconoscereste subito almeno chi ci conosce.
Il viaggio senza storia ho dormito per tutto il viaggio, sono riposata il tempo è un po’ così chissà se riusciremo ad andare in spiaggia
-speriamo voglio vederti in costume come dico io
-cosa vuol dire come dico io?
-vedrai
Siamo arrivati scarica i bagagli apri la casa fai prender aria facciamo il letto mettiamo tutto a posto
-vieni andiamo a Sanremo a pranzo
Manca mezz’ora a mezzogiorno andiamo in giro a vedere le vetrine, mi porta nella zona vecchia nei carrugi, si chiamano così? , è un negozio attaccato all’altro c’è di tutto anche un negozietto di abbigliamento misto anche intimo, fuori c’è un manichino femminile vestito con della biancheria da sexi shop
-vieni voglio prenderti qualche cosa
-no dai sembra roba da battona
-si ma tu sei la mia battona
-scemo se pensi che mi presti ai tuoi chioghetti ti sbagli
-vieni se poi non ti piace non prendiamo niente
Siamo entrati una coppia sulla 50ina ci ha accolti
-possiamo esservi utili
-ma vorremmo vedere della biancheria particolare
-andate con mia moglie dietro sarete più comodi
Siamo entrati in una stanza che si celava dietro una pesante tenda tipo quelle dei cinema due divani, tappeti e le pareti ricoperte da tende meno una che era uno specchio che prendeva tutta la parete.
-accomodatevi cosa vorreste vedere Fabio
-ma calze reggicalze, tanga, qualche vestitino non so faccia lei
-mmmmanche oggettistica o solo abbigliamento, lei porta la 46 e la 4
-si. faccio io, torna dopo poco con delle scatole
-se vuole provarle deve spogliarsi
Sono rossa, ma Fabio annuisce
-dai spogliati
Mi spoglio la signora mi guarda e sorride vede i miei capezzoli lividi e qualche altro segno
-ma non è che vorrebbe abbigliamento SM signore?
-si anche quello
Mi fanno provare diverse cose, ma Fabio sceglie tutte cose molto appariscenti e provocanti, sono eccitata, usciamo dal negozio con un pacco voluminoso anche due vestiti da esibizionismo tanto fanno vedere tutto, a pranzo pesce poi nel pomeriggio siamo andati in un negozio moda mare e abbiamo comprato su insistenza di Fabio tre costumi due pezzi col tanga
-ma vuoi che in spiaggia, devo metterli?
-si mi piaci e mi piace farti vedere
Il suono del telefonino interrompe
-si ciao mamma si abbiamo appena finito di pranzare, come va bene
-mia mamma dice che ti hanno cercata una farmacia di Novara la …….. vorrebbero sapere se puoi iniziare al più presto possibile
_presto quando?
-ma mia madre ha detto anche lunedì per il colloquio, aspetta ha lasciato il numero
Digita il numero
-sono il figlio della signora ………. , si mia moglie è qui, si possiamo venire, si lunedì alle1400 prima dell’apertura va bene
Visto e anche tu sei a posto, la farmacia è di un vedovo ha una dipendente e vuole un’altra farmacista che sostituisca quella che si è trasferita, tra mè appena laureata sposata trovato lavoro non sarei dipesa da Fabio.
Nel pomeriggio siamo andati in spiaggia vicino a Sanremo ma verso Imperia
-cosi potrai metterti in tanga senza che nessuno ti conosca
Poca gente abbiamo preso due lettini, che sensazione le natiche al sole, Fabio
Mi ha slacciato il reggiseno
-così no rimangono segni, adesso ti faccio delle foto
Ed è andato in un negozio proprio al di là della strada a comprare una macchina usa e getta, è tornato una foto di seguito all’altra
-girati
-ma il seno
-e allora sono foto per noi
Ha finito il rullino in diverse pose davanti dietro
-basta
-ho finito
Senza storia i due giorni successivi, a parte a letto dove ogni momento era buono per mettere le cose comprate a Sanremo per eccitare Fabio. FINE

About Hard stories

Scrivo racconti erotici per hobby, perché mi piace. Perché quando scrivo mi sento in un'altra domensione. Arriva all'improvviso una carica incredibile da scaricare sulla tastiera. E' così che nasce un racconto erotico.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Il sogno realizzato

Quella mattina Sandra si era svegliata con un desiderio irrefrenabile. Per tutta la notte aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.