Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Il miglior Buon anno
copertina racconto erotico

Il miglior Buon anno

Anche quest’anno io e mia moglie abbiamo passato il capodanno nei migliori dei modi, senza allontanarsi troppo e sopratutto con degli amici, alcuni nuovi e alcuni di vecchia data. Siamo stati invitati a casa di alcuni amici proprio qui vicino casa nostra, in una bellissima villetta su tre piani con piscina coperta e riscaldata. Era quasi mezzanotte e il proprietario Max fa una proposta, di farci il bagno in piscina nudi, tanto le luci erano spente, alcuni erano un po’ titubanti ma dopo che gran parte degli ospiti si sono spogliati e buttati dopo un po’ tutti erano dentro. Io e mia moglie ci siamo divisi, tanto gia sapevamo come andava a finire, cosi nuotando nella piscina, ho trovato una donna, sinceramente non l’ho riconosciuta, forse era una nuova della comitiva, cosi, senza far tante storie, gli ho dato subito un bacio in bocca, lei non si è tirata indietro e cosi ci siamo accostati alla scalinata della piscina, abbiamo cominciato a baciarci, le nostre lingue vorticavano nelle nostre bocche, il mio cazzo scoppiava di gioia, avevo in mano le sue tette, erano enormi, saranno state una 4′ abbondante, lei ha cominciato a masturbarmi il cazzo, non ne potevo più, l’ho presa in braccio e lei si è infilata il mio cazzo in fica, cominciavo a pomparla e le sue tette mi sobbalzavano in faccia, siamo usciti dalla vasca e ci siamo sdraiati sul bordo, tanto in terra c’era un tappeto e ho cominciato a scoparla da dietro, lei si contorceva tutta, cosi si è messa a pecorina, le sue chiappe erano dure come due sassi, erano favolose, mi sono messo dietro di lei e ho cominciato a leccargli il buco del culo, finche non la senti bella rilassata e ho cominciato a infilargli la lingua dentro e due dita in fica, poi quando l’ho sentita dimenarsi dalla voglia tolsi le dita dalla fica e uno alla volta glie li infilai nel culo, ormai era eccitata, non potevo aspettare altro, cosi mi misi dietro di lei, e in solo colpo glie l’ho affondato nel culo, non ho aspettato neanche un secondo, tanto era gia bella aperta e ho cominciato a scoparla di brutto, gli ho preso le sue tettone e glie le tiravo, la scopavo sempre più forte e lei ansimava e gridava sempre di piu.

Dopo un po’ non l’ho sentita fiatare, ma continuava a muovermi le chiappe, allungai le mani e ho sentito delle gambe, erano di un uomo, si era sdraiato davanti a lei e gli aveva infilato il cazzo in bocca. lo sentivo godere, finche disse, che stava sborrando, gli aveva sborrato in bocca, io sentendo lei che lappava ben bene quel cazzo, non ho resistito e gli ho sborrato in culo, sarà stato il calore della sborra e la sentii che si toccava la fica, ansimando che era venuta anche lei. lei si giro verso di me, avevo il cazzo durissimo dal piacere, dovevo pisciare, non mi andava di lasciarla sola, cosi mi abbassai sul suo corpo e gli piscia addosso, lei mi senti, mi prese il cazzo e se lo infilò nella fica, gli piaceva, tant’è che venne ancora, e poi si ributto in piscina. Io andai verso l’interno della casa, e trovai mia moglie seduta su uno con cazzo in culo, mentre sbocchinava a un ragazzo nuovo, che non avevo mai visto tra noi. mi avvicinai, lei si giro per prendere anche me cosi glie l’ho infilato in fica, e non durai tanto, ero troppo eccitato a vederla, e cosi venimmo quasi tutti e tre insieme, lei era favolosamente troia, e era cosi felice, che mi disse di riorganizzare col nostro amico Max un altra serata! bhe il capodanno viene una sola volta all’anno, ma di queste feste, sicuramente ne faremmo molte altre!!!!!!! FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Perversioni gastronomiche

Marco si destò da quel lungo sonno comatoso molto tardi, era già mezzogiorno quando aprì …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.