Home / Coppie / Penale
copertina racconto erotico

Penale

Io e mia moglie siamo liberi professionisti e stiamo realizzando dei lavori per un altro imprenditore.
Un giorno, dopo la consegna di una partita di materiale, questi ci chiama dicendoci (un po’ incazzato, che parte del lavoro non era corretto e che Lui doveva consegnarlo al più presto e ci dice di andare a riparare i guasti nel suo laboratorio.
Io e mia moglie andiamo, arrivati ci fa vedere gli errori, mentre io discuto, mia moglie si siede alla catena di montaggio ed inizia a riparare i guasti.
Mia moglie è una bella signora bionda di trent’anni, indossa una mini e una camicia bianca e nella fretta di arrivare non aveva messo il reggiseno.
Arriva l’autista, Rumeno, che deve trasportare il carico, mia moglie sta lavorando forte e nei movimenti gli si slacciano dei bottoni della camicia, mia moglie porta la quarta.
Nel frattempo io sono uscito a fumare una sigaretta mentre il tipo si avvicina a mia moglie e con la scusa di osservare il lavoro le guarda le tette che oramai sono quasi in vista e poi da dietro le infila una mano fra le tette.
Mia moglie fa per scostarlo ma Lui le ordina di proseguire con il lavoro e che se fosse stata al gioco non ci avrebbe fatto pagare la penale.
Allora mia moglie riprende a lavorare con questo che le palpava le tette. Non contento gli avvicina la patta dei pantaloni alla faccia e Le dice “Ora fammi vedere come lo succhi.
Mia moglie lo guarda con occhi imploranti, ma Lui le prende la testa e gliela sfrega sull’uccello ormai duro ancora nei pantaloni.
Mia moglie glielo estrae e inizia succhiaglieglo veramente bene, con impegno e con la lingua gli solletica i coglioni e gli lubrifica per bene l’asta. Il camionista incredulo assiste alla scena ed inizia a masturbarsi un cazzo grossissimo il tipo gli fa cenno di avvicinarsi, io nel frattempo rientro e resto impietrito dalla scena, ma invece di incazzarmi scopro di avere il cazzo in tiro.
Mentre mia moglie continua a spompinare il tipo il camionista gli infila una mano fra le cosce e inizia a palarle la fica, poi la solleva alla pecorina e comincia a leccarle il buco del culo. Io faccio per muovermi ma il tipo mi intima
” Se non vuoi pagare penali stai buono e fatti una sega. ”
Io mi fermo e tiro fuori il mio cazzo ormai duro ed inizio a masturbarmi. Mia moglie sentendo la punta del cazzo del camionista sul culo implora
“Il culo no ” ma il tipo le ordina
“continua a succhiare troia che sto per venire”. e le ricaccia in bocca il suo cazzone.
Il camionista con un colpo secco le penetra nel culo e dalla smorfia di mia moglie deve essere veramente doloroso ma dopo qualche colpo vedo che asseconda i movimenti e capisco che incomincia a piacerle: il tipo non si trattiene più e sborra in gola e in bocca a mia moglie che ingoia quello che può, anche il camionista viene nel culo di mia moglie.
A questo punto anch’io sto per venire e il tipo mi dice vieni a sborrare in faccia a tua moglie io mi avvicino e riempio la faccia di mia moglie di sperma, che lei beve e lecca con piacere FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

La visita ginecologica

Io ed Anna, una splendida ragazza 25enne, siamo felicemente sposati da 2 anni e sessualmente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.