Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / Al cinema, non sono gay
copertina racconto erotico

Al cinema, non sono gay

Avevo una gran voglia di scopare, erano diversi giorni che mi dovevo accontentare di masturbarmi nel vistare alcuni siti Internet.
Così decisi di andare in un cinema a luci rosse dove mi avevano detto che avrei facilmente trovato compagnia.
Questa sera c’è un film di Jessica Rizzo.
Entrai e mi sedetti in fondo alla sala, in una zona piuttosto appartata, badando bene di lasciare un po’ di spazio tra me e gli altri avventori.
La proiezione era già iniziata.
Sullo schermo scorrevano le immagini della gran vacca intenta a prendere cazzi in tutte le aperture.
La mia attenzione era comunque focalizzata su quei gran cazzi che venivano spompinati e che andavano e venivano in figa e culo.
Le immagini non tardarono a produrre il loro effetto.
Il mio cazzo cominciava a irrigidirsi e la mente a vagare immaginando situazioni erotiche sempre più eccitanti.
Mi sistemai meglio sulla poltroncina e cominciai a guardarmi attorno con maggiore attenzione.
C’era un certo movimento nella sala.
Taluni si alzavano, rimanevano alcuni istanti in piedi e poi uscivano dalla sala per poi ritornare dopo pochi minuti.
Evidentemente non ce la facevano più e quindi dovevano andare in bagno a scaricare il loro seme.
Altri invece vagavano attorno alla sala, sedendosi per qualche istante qua è là per poi rialzarsi e andare verso il fondo dove delle ombre si intravedevano muoversi nell’oscurità.
Incuriosito mi alzai e mi mescolai alle ombre.
Andai in fondo alla sala dove avrei potuto osservare meglio la situazione.
Mi appoggiai al muro e cominciai ad osservare quello che accadeva davanti e attorno a me.
Da qui la prospettiva cambiava abbastanza.
Vidi cose interessanti accadevano nelle file davanti a me.
Il pubblico era rappresentato esclusivamente da rappresentati del sesso maschile.
Ma non tutti erano lì per apprezzare le gesta erotiche della bella figliola che sullo schermo continuava la sua maratona.
Infatti potevo notare che alcune delle ombre che prima mi erano sembrate vagare senza meta andavano a sedersi vicino a spettatori soli, alcuni dei quali forse non aspettava che quello.
Infatti se alcune delle ombre si rialzavano dopo pochi minuti, altre, invece si fermavano, iniziano movimenti inequivocabili.
Una spalla che si avvicina, un braccio che avvolge le spalle, due teste che si sfiorano.
Aveva ragione il navigatore che aveva lasciato questo indirizzo in un messaggio sul newsgroup.
Stavo osservando la scena quando mi sentii urtare la spalla, una due tre volte.
Prima quasi un contatto fortuito, poi con un maggiore vigore.
Non c’è alcun dubbio, era voluto.
Mi sforzai di non guardare al mio fianco, ma sentivo la sua presenza.
La voglia era tanta per cui decisi di rispondere al segnale.
Lentamente avvicinai il mio fianco al suo, le spalle si toccarono.
Per qualche istante rimanemmo entrambi immobili, come per realizzare la situazione.
Ben presto però, non ricordo chi per primo, iniziammo a muoverci con movimenti lenti, spalla contro spalla, per qualche momento, quasi per avere una conferma ai nostri desideri.
Il mio cazzo era orami in tiro e me lo sentivo stringere dai calzoni.
Improvvisamente sentii la sua mano calda sulla mia patta.
Per qualche istante restò immobile, poi iniziò un lento massaggio alla mia asta, alle mie palle, attraverso la stoffa.
Lento e profondo.
Non lo avevo ancora guardato e mi sforzavo di evitare il suo sguardo.
Mi eccitava enormemente il fatto che uno sconosciuto si prendesse cura del mio arnese con tanta passione e mestiere.
Stavo quasi per venire quando interruppe il massaggio.
Evidentemente sapeva bene quando fermarsi.
Per verificare le sue intenzioni feci scivolare la mano dietro a lui, gli strinsi una chiappa e iniziai a palparlo.
Lo sentii muoversi, evidentemente gradiva, accavallò la sua gamba sinistra alla mia e iniziò a scivolarmi sopra, con movimenti lenti e continui.
Ben presto lui fu davanti a me, il suo culo ormai era a livello del mio cazzo il quale si era sistemato nella fessura delle chiappe.
Sempre più eccitati iniziammo a muoverci, a strofinarci fino a quanto, non potendo più resistere gli sussurrai nell’orecchio
“Ho voglia di te, usciamo. ”
Voltò leggermente la testa e mi rispose
“Ho voglia anch’io, dove andiamo? ”
Fino a quel momento non avevo ancora guardato in viso il mio occasionale partner, nel voltarsi lo vidi per la prima volta.
Quale sorpresa, era un maschione nero, di circa 20 anni.
La situazione di eccitava ancora di più, se ancora fosse stato possibile.
Non avevo mai avuto a che fare con il cazzo di un nero, se non in fotografia o in film porno.
Non vedevo l’ora di prenderlo in mano, palparlo, prenderlo in bocca e in culo.
Gli risposi “Andiamo alla toilette. ”
Mi allontanai da lui e mi avviai verso l’uscita della sala, una secondaria, diversa da quella dove ero entrato, con un piccolo antro prima delle tende, nascosto rispetto alla sala.
Era completamente al buio, se non per la solita piccola scritta luminosa “exit”.
Da lì non si vedeva la sala e non si era visti.
Avvolto nell’oscurità mi accingevo a scostare le tende per uscire quando urtai qualcosa.
Lì per lì non riuscivo a capire cosa, ma ben presto riuscii a scorgere nel buio, gli occhi si erano abituati, due figure.
La prima era in piedi, con la schiena appoggiata al muro e la seconda in ginocchio davanti a lui, dedito con la massima attenzione a un pompino.
Non erano soli, adesso me ne rendevo conto, altre coppie approfittavano dell’oscurità per scambiarsi effusioni.
Una coppia si accorse della mia presenza, e quello che si stava facendo spompinare il cazzo allungò la mano verso di me, ad invitarmi ad unirmi a loro.
Feci loro cenno di no, pensando al mio cazzo nero, e mi allontanai verso la toilette.
Non è certamente il luogo più comodo e tranquillo, ma meglio di niente.
Entrai con fare indifferente, alcuni uomini erano di fronte all’orinatorio.
Alcuni per espletare le loro normali funzioni altri per svuotare le palle ormai doloranti dal succo.
Entrai nella toilette, come uno che per pudore eviti di mostrare i propri genitali agli altri richiusi la porta alle mie spalle ed attesi.
Molto poco, a dire la verità.
Sentii spingere la porta, debolmente, la socchiusi e guardai fuori.
Era il mio maschio nero.
Velocemente aprii la porta e lo feci entrare, richiudendo subito dopo.
Ora lo potevo vedere bene.
Come ho detto avrà avuto circa 20 anni, alto 1 e 75, molto scuro, con i capelli ricci, un fisico che si intravedeva sotto gli abiti veramente a posto, muscoloso.
Mi sorrise e lo ricambiai.
“Posso iniziare io? ” chiesi, ricevendo un cenno di assenso con la testa.
Appoggiai la mano al suo petto iniziando un leggere palpeggiamento.
Sentivo i suoi muscoli ben delineati.
Piano piano iniziai a scendere, massaggiando palpando ed iniziando a slacciare i bottoni della camicia.
Ben presto il suo petto e gli addominali erano in bella vista.
Era ben fatto, leggermente palestrato, con i muscoli ben delineati e completamente glabro.
Mentre con una mano continuavo il massaggio, con l’altra infilai la mano nei calzoni, slacciandoli e facendo scendere la zip.
Il suo cazzo non era ancora completamente in tiro, ma era già di notevoli dimensioni.
Lo si poteva intravedere attraverso un paio di slip piuttosto attillati.
Non era ancora venuto il momento di scoprilo, l’attesa eccita maggiormente.
Appoggiai la mano sulla patta degli slip e glielo presi in mano, attraverso il tessuto.
Benché ancora semiduro aveva già raggiunto delle dimensioni considerevoli, e il sacco delle palle si preannunciava altrettanto importante.
Il ragazzo cominciava ad apprezzare le mie attenzioni, lo vedevo muoversi con movimenti flessuosi, chiudere gli occhi ed emettere leggeri gemiti di piacere.
“Vuoi che continui? ” gli dissi
“Certo, prendilo in bocca. Voglio fotterti, sborrarti in gola. ”
Non me lo feci ripetere due volte, con un movimento rapido e deciso gli abbassai gli slip fino alle ginocchia.
Così mi trovai il suo arnese a pochi centimetri dalla mia faccia, in tutto il suo splendore.
Non so se sono stato fortunato o se tutti i neri sono così, ma il mio maschio nero aveva un cazzo che benché semimoscio era già almeno di 18cm, con la cappella scoperta, circonciso e con un grandi coglioni rasati e pochi peli attorno alla base del cazzo.
Per me era la prima volta che potevo ammirare il cazzo di un nero, così passai alcuni secondi ad osservarlo meglio.
Il colore della pelle lungo l’asta era di un bel colore scuro, come la pelle che ricopriva il resto del suo corpo, mentre la cappella era più chiara, di un colore strano, una specie di miscuglio di fragola e cioccolata, invitante, sembrava dicesse “prendimi in bocca”.
Non mi feci attendere un istante.
Presi la cappella fra le labbra, solo la cappella ed iniziai lentamente ad esplorare con la lingua attorno al glande, lungo il frenulo e nella fessura che porta al buchino in cima.
Il mio partner sembrava gradire il trattamento, non parlava ma emetteva flebili gemiti. “aah, aaah, hummm”.
Io ero ancora completamente vestito e sentivo il mio cazzo premere contro la patta dei pantaloni, ma non potevo smettere, era troppo bello avere quell’asta in bocca.
Era venuto il momento di andare più a fondo e così iniziai in pompino vero e proprio, su e giù per l’asta, cercando di farmelo entrare tutto ma era praticamente impossibile, sotto l’azione della mia bocca l’asta aveva preso tutto il suo vigore raggiungendo almeno 22cm.
“Dai continua così, prendilo tutto ciuciacazzi, adesso ti scopo in bocca” mi disse.
Fu allora che mi prese per la nuca e cominciò a guidarmi in lento su e giù lungo il suo arnese.
Facevo fatica ad ingoiarlo tutto, ma non potevo fare nulla, era lui che guidava.
Per cui cercavo di fare il possibile per prenderlo tutto, più in fondo possibile.
Stringevo le labbra attorno all’asta, succhiavo e lo sentivo crescere ancora di più in bocca, se ancora fosse possibile.
“Ti piace vero prenderlo in bocca, vuoi sentire il sapore della mia sborra? ” mugolò.
Non potendo rispondere dato che lui continuava a scoparmi in bocca, risposi nell’unico modo possibile.
Lo ingoiai ancora più a fondo e con una mano gli presi la sacca dei coglioni e la strinsi in modo leggero ma deciso tirandola in basso.
“Bene, figlio di puttana. Non è ancora il momento ma ti stai guadagnando il premio. Succhiami le palle. ” Disse lasciando la presa.
Finalmente libero mi soffermai ancora per qualche istante attorno al grande e poi lo tirai fuori dirigendomi verso i suoi coglioni.
Come vi ho già detto li aveva rasati e molto grandi, tanto da non poterne prendere che uno alla volta in bocca.
Contemporaneamente con entrambe le mani gli presi le chiappe, con un dito cercai la fessura e il buco del culo.
Trovatolo, con decisione glielo infilai dentro.
Probabilmente non se lo aspettava, ma apprezzò.
Infatti, grugnì di piacere. Lasciai le palle per tornare al cazzo, dopo tutto non aveva ancora rispettato la promessa, doveva ancora venirmi in bocca.
Ricominciai di nuovo un pompino, curando in particolare la cappella.
Le mie attenzioni al cazzo e al culo portarono il mio maschione nero vicino al momento fatidico.
“Sto per venire, ciuciacazzi. Voglio sborrarti in gola. Ti piacerà il mio succo. Aahh, aaahhh, vengo… vengoo.. vengo… ” disse.
Venne con diversi fiotti di sborra bollente, leggermente salati, abbondanti tanto da fare fatica a inghiottire tutto.
Dopo essere venuto rallentò i movimenti, forse appagato.
Ma non volevo dargli tregua.
D’altra parte non capita tutti i giorni di trovare uno stallone simile.
Così non lasciai il suo cazzo e continuai il lavoro sperando che si riprendesse velocemente per finire il lavoro che mi aspettavo da lui. Provate ad immaginare cosa.
Lo volevo in culo.
Ben presto sotto i colpi della mia lingua il suo arnese di riprese. “Adesso devi farmi godere tu. Mettimelo in culo. ” Dissi.
Lasciai la presa, mi slacciai i calzoni e me li abbassai con gli slip.
Il mio cazzo era teso in modo spasmodico ma non era ancora pronto per godere.
“Forza, mettimelo dentro. ”
Non se lo fece dire due volte.
Sputò un po’ di saliva nel palmo della mano ed inumidì con mano esperta il buchetto del mio culo e l’asta del suo cazzo.
“Adesso ti faccio vedere io cosa vuol dire prendere in culo il mio arnese” disse e senza attendere un istante appoggiò la cappella sul buco del culo e iniziò a spingere, lentamente ma in modo deciso.
Dopo una breve resistente il mio sfintere cedette sotto la pressione ed accolse il suo cazzo.
Solo la cappella all’inizio, dentro e fuori, per farmi morire di voglia.
Poi all’improvviso mi impalò completamente, con un solo colpo, fino in fondo.
Gemetti, ma non gridai anche se il dolore mi faceva impazzire. Iniziò a scoparmi, su e giù, dentro e fuori, il suo massaggio alla prostata stava facendo il suo effetto.
Il mio cazzo era diventato duro come non mai.
Mi piaceva essere fottuto da un maschio nero.
Lui allungò la sua mano davanti a me, prese in mano il mio arnese e iniziò a masturbarmi, seguendo in ritmo della sua scopata.
“Ti piace essere scopato, ti piace il mio cazzo, vero? ” disse.
“Si, mi piace, sei uno stallone. Continua, vai, spingi di più. ” Risposi.
Il ritmo aumentò, i colpi diventarono più frequenti e più profondi, la sua mano scorreva su e giù lungo il mio cazzo, soffermandosi sulle palle, massaggiandole.
“Sto per venire, adesso, ti riempio le budella, vengoo… vengooo… sborro… ahh, ahhh, ahhhhh… ”
Sentii lunghi fiotti di sperma caldo riempirmi le viscere, mentre le sue spinte rallentarono.
Lo tirò fuori, era imbrattato di merda e sborra, gocciolava.
“Ma tu non hai goduto ancora” mi disse.
Mi fece girare e me lo prese in mano, iniziando una nuova sega, dapprima lentamente poi sempre più velocemente, fino a quanto non potei più resistere e schizzai diversi fiotti di calda sborra contro le pareti del cesso.
“Ne hai avuto abbastanza” mi disse.
“Per il momento si” risposi.
Ci risistemammo e prima di uscire dalla toilette si avvicinò a me come per darmi un bacio.
Come per un riflesso spontaneo, mi ritrassi.
Non sono frocio io! E tornai in sala. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Armando

Finite le scuole superiori, Claudio si trasferì a Roma per continuare i suoi studi all’università. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.