Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Esperienze / Il piccolo particolare
copertina racconto erotico

Il piccolo particolare

<<Ti piace la mia amica? >> Elena era stranamente interessata al mio giudizio su Andrea che mi aveva presentato poche ore prima.
<<È un bel tipo, un po’ androgino magari, ma ha molto fascino>>.
<<Sapevo che ti sarebbe piaciuta. Te l’ho presentata apposta>>
<<Vai contro i tuoi interessi>> ridemmo entrambi.
Elena ed io eravamo amici ed amanti da parecchi anni. Lei e suo marito erano una coppia molto singolare. Ambedue bisessuali, con il tempo suo marito aveva preferito decisamente gli uomini, Elena non si era certo persa d’animo e aveva intrecciato un gran numero di relazioni sia con uomini sia con donne. Io però, a suo dire, ero l’unico vero amico che avesse.
Ci vedevano un paio di sere a settimana, andavamo a cena o in qualche locale tranquillo e poi a casa mia, dopo aver fatto l’amore, ci raccontavamo le nostre avventure.
<<Il nome però è da maschio>> le feci notare <<Nei paesi nordici è un nome da donna, ma in Italia Andrea è un nome da uomo. La tua amica non ha l’accento straniero>>.
<<Beh … sai… il fatto è che Andrea all’anagrafe risulta un uomo, e non solo all’anagrafe>>
<<Fammi capire, vuoi dire che Andrea è un travestito ? >>
<<Travestito che brutta parola. Andrea non è un uomo che si veste da donna, diciamo che è una donna che, per una circostanza puramente biologica, ha il cazzo al posto della figa… >>
<<Particolare da niente… >>
<<Non ti facevo così moralista. Andrea è una vera donna, per sensibilità, gusti, lei si percepisce come tale. Che importanza vuoi che abbia il suo uccellino. Tu l’hai presa per una donna no? >>
<<Effettivamente è difficile credere che sia un uomo>> ero un po’ perplesso <<tu sei sicura che lo sia>>
<<Beh sai pochi giorni fa ha messo il suo “biscottino” esattamente dove l’avevi tu poco fa… >>
<<Allora hai trovato il tuo amante ideale, donna ma con gli attributi di un uomo>>
<<“Avrei”, perché vedi a lei le donne non è che piacciano molto, le sue avventure con le donne sono esperienze sporadiche… >>. <<È un vero peccato per te … >>
<<Sfotti pure, ma se non fosse così non te l’avrei certo presentata>>.
<<Già perché me l’hai presentata. Lo sai che a me piacciono solo le donne>>.
<<Te l’ho presentata perché sapevo che ti sarebbe piaciuta. È, infatti, ti è piaciuta, a parte il “piccolo particolare” e poi perché lei voleva conoscerti, gli avevo parlato di te e sai com’è… >>.
<<So com’è, ti conosco… Comunque il “piccolo particolare”, come lo chiami tu la mette decisamente fuori gioco>>
<<Sarà, ma non ne sono sicura… >>.
Non passò molto tempo che rincontrai Andrea in casa di amici comuni. Lei stava parlando con il marito di Elena. Più la guardavo e più la trovavo affascinante, ad un certo mi decisi presi due martini da un vassoio e mi avvicinai.
<<Hai il bicchiere vuoto>> le dissi sorridendo.
<<Vedo che conosci i miei gusti, il gin è il mio liquore preferito>>.
Ci fermammo a parlare e lo facemmo per tutta la sera. Devo ammettere che era veramente affascinante e molto simpatica. Dopo un po’ mi accorsi che involontariamente il mio sguardo andava in mezzo alle sue gambe, mi detti dell’idiota.
Alla fine della serata ci salutammo e lei se n’andò. Elena mi si avvicinò e mi sussurrò all’orecchio<<… sei un cafone, potevi almeno riaccompagnarla>>.
Aveva ragione, declinai l’invito di Elena di proseguire la serata insieme e me ne tornai a casa.
Ripensavo alla serata trascorsa ed ero confuso; da una parte quella donna mi affascinava dall’altra quel “piccolo particolare” m creava disagio.
Il giorno dopo m’immersi nel lavoro e alla chiusura degli uffici decisi di fare due passi.
Non so quanto deliberatamente mi trovai a passeggiare nei pressi dell’abitazione di Andrea e, infatti, dopo un po’ c’incontrammo.
<<Che fai da queste parti? >> mi sorrise sorpresa.
<<Ho finito adesso un incontro di lavoro qui vicino>> mentii spudoratamente <<perché non beviamo qualcosa insieme? >>.
<<Volentieri, se vuoi possiamo salire da me, io abito a due passi >>.
Accettai. Aveva una casa piccola ma molto elegante.
<<Cosa vuoi bere? >>
<<Fai tu, conosci i miei gusti>>.
Ci sedemmo sul divano, eravamo molto vicini, ci guardammo negli occhi e come spinto da una attrazione incontrollabile la baciai, la mia mano correva lungo il suo fianco.
Lei si scostò dolcemente mi guardò negli occhi e mi sussurrò <<Lo vuoi veramente>>, feci di sì con la testa, lei mi prese per mano e mi portò in camera da letto.
Iniziammo a baciarci con foga, le sfilai il vestito, i suoi seni erano piccoli e sodi, i suoi capezzoli piccoli, rotondi, il suo corpo agile e morbido. Lei mi tolse la camicia e i pantaloni poi si abbassò, prese con delicatezza il mio uccello e se lo mise in bocca, dopo un po’ la sollevai le infilai la lingua in bocca, poi iniziai a scendere baciandola per tutto il corpo.
Mi trovai di fonte ai suoi slip neri, ebbi un attimo di esitazione, poi glieli abbassai. Vidi il suo “biscottino” in semi erezione e senza pensarci troppo lo presi in bocca. Glielo succhiavo dolcemente, lo sentivo animarsi sotto i colpi della mia lingua.
Andrea mi sollevò e si sdraiò sul letto, portò le ginocchia al petto e mi disse di prenderla, mi avvicinai e iniziai a spingergli dentro l’uccello, entrava lentamente ma senza difficoltà.
Iniziammo a muoverci accordandoci uno al ritmo dell’altro. Stavo iniziando a venire quando il suo uccello semieretto si indurì di colpo e iniziò a schizzare. Mi sdraiai su di lei e la baciai.
Rimanemmo abbracciati a parlare di noi per parecchie ore. Non c’era assolutamente nulla di diverso rispetto ai normali rapporti con le altre donne.
Pochi dopo ne parlai con Elena <<Sapevo che sarebbe finita così>> mi rispose <<ti conosco meglio di quanto tu immagini. Sono molto contenta della tua storia con Andrea>>.
Era proprio un’amica.
Con Andrea continuammo a vederci sempre più spesso, ero proprio innamorato.
Una sera a casa mia Andrea era su di giri prese lei l’iniziativa ed era molto eccitata. Notai che il suo uccello a differenza delle altre volte era in piena erezione, ci sdraiammo e iniziammo a succhiarcelo l’un l’altro quando sentii il suo dito penetrarmi nel culo, m’irrigidii d’istinto ma lei continuava a spingere dolcemente. Mi rilassai, il dito iniziò ad entrare e la cosa cominciò a piacermi. Andrea smise di succhiarmi e continuò a muovere il dito, la mia eccitazione cresceva finché con la voce roca dal desiderio mi disse <<Solleva le ginocchia al petto, adesso voglio prenderti io>>. Mi misi in posizione e l’uccello di Andrea iniziò ad entrare senza difficoltà.
Era un piacere nuovo, il mio uccello aveva perso la sua erezione ma continuava a percepire fitte intense di piacere.
Quando sentii Andrea schizzare dentro di me venni anch’io con un orgasmo lunghissimo.
<<Non ho mai goduto così>>
<<Ne ero sicura, e sono contenta che ti sia piaciuto, perché ogni tanto la mia parte maschile prende il sopravvento e voglio possedere la persona che amo>>.

<<È stato bellissimo. E pensare che fino ad un mese fa non avrei mai immaginato che avrebbe potuto succedere>>
Elena mi ascoltava divertita <<Hai visto, che ti avevo detto, quando fai l’amore con una persona certe “piccole differenze” contano poco. A proposito fra qualche giorno è il tuo compleanno Andrea ed io abbiamo deciso di fare una festa in tuo onore ci vediamo da me a cena per le nove. Puntuali>>.
Come concordato alle nove eravamo tutti e tre seduti a tavola a casa di Elena che non aveva badato a spese. Fu una cena deliziosa.
Anche le due donne erano splendide, vestite da sera erano bellissime.
Al momento della torta, dopo gli auguri di rito, stappai lo champagne e dopo aver riempito i bicchieri Elena tirò fuori della sua borsa un porta pillole ed estrasse tre pasticche celesti.
<<È Viagra>> disse tutta entusiasta <<questa sera dobbiamo essere tutti al meglio>>
Divertiti per la trovata di Elena mandammo giù con lo champagne le pillole poi iniziammo a scherzare sui suoi futuri effetti.
<<Funziona anche per le donne>> disse Elena <<o almeno su di me funziona>>
Ci trasferimmo in camera da letto ed io iniziai a spogliare le due signore mentre loro spogliavamo me.
Non so se fu per via del Viagra o dello champagne ma eravamo tutti e tre eccitatissimi.
In piedi vicino al letto stavo baciando Elena mentre Andrea dietro di lei la accarezzava e le mordeva il collo, scesi fra le sue gambe e iniziai a leccarle la figa, sentivo Andrea le infilava un dito nel culo. Elena gemeva. La prendemmo così io davanti ed Andrea dietro, poi ci scambiammo i posti mentre Andrea sodomizzava Elena io prendevo Andrea da dietro.
Poi fui io a trovarmi in mezzo, mentre scopavo Elena, Andrea mi inculava lentamente.
Ci scambiammo i posti diverse volte e venimmo anche diverse volte. Il Viagra evidentemente funzionava.
Ci addormentammo a notte inoltrata sfiniti e soddisfatti. FINE

About erotico

I racconti erotici sono la mia passione. A volte, di sera, quando fuoi non sento rumori provenire dalla strada, guardo qualche persona passare e immagino la loro storia. La possibile situazione erotica che potranno vivere...

Leggi anche

copertina racconto erotico

Mai provocare una donna

Avevo trentasei anni. Ero sposato da quasi cinque con Paola, sette anni più giovane di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.