Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Esperienze / Il Verginello
copertina racconto erotico

Il Verginello

Ciao! Sono Annalisa, ho 22 anni le mie misure sono 95-60-95, ho i capelli rossi e anche i peli della mia passerina sono rosso fuoco, come avrete capito ho delle bellissime tette con cui amo far impazzire gli uomini facendogli delle bellissime spagnole.

Vi voglio raccontare la storia che mi è capitata ieri, ero solo in casa ed ero vestita solo con una lunga maglietta che mi copriva fino alle ginocchia sotto non portavo ne reggiseno ne mutandine, non avendo niente da fare ero stesa sul letto e mi stavo tintillando la fica, quando mi bussano alla porta, mi ricompongo e con la faccia ancora arrossata vado ad aprire.
Era il mio nuovo vicino di casa un ragazzo di 18 anni con un aria da verginello io da grande porca quale sono mi divertivo spesso a stuzzicarlo in ascensore strusciando il mio culetto contro il suo cazzo.
Appena mi vide in quelle condizioni ebbe un incredibile erezione, che subito vidi attraverso i suoi jeans stretti. Non persi tempo e senza nemmeno chiedere a Gianni, questo era il suo nome, cosa volesse chiusi dietro di me la porta e gli sbottonai i jeans e presi in mano il suo cazzo che era diventato grandissimo, era mostruoso 26 cm come minimo di lunghezza e un diametro di almeno 8 cm, non riuscivo neanche a prenderlo tutto in mano ma comunque continuai a menagli il cazzo, e vedevo che lui gradiva molto ebbi un attimo di esitazione nel prenderlo in bocca dato le sue dimensioni, ma Gianni ruppe gli indugi ed ormai
Eccitatissimo, mi schiaffò in bocca il suo membro che io iniziai che leccare con gusto, con la mia lingua gli leccavo l’enorme cappella e poi scendevo lungo tutta l’asta per poi prendere in bocca i suoi coglioni carichi di sborra.
Alternavo il pompino ad una stupenda spagnola e ben presto Gianni mi disse che doveva venire, allora accelerai i movimenti e lui mi scaricò in bocca un incredibile quantità di sborra che bevvi con grande gusto; a questo punto Gianni mi fece sdraiare sul divano e allargandomi le gambe iniziò con la lingua e leccare la mia splendida fica mordendomi il clitoride e poi infilando la lingua nella mia passera che era ormai un lago, quindi Gianni si sputò sul cazzo e con un colpo mi mise il cazzo nella fica.
Era stupendo!
Mi sentivo la sorca piena il suo cazzo mi strusciava sulle pareti della fica, stavo godendo come non mai volevo assolutamente fare un magnifico smorza candela quindi cambiai posizione e iniziai a cavalca l’asta di Gianni come una forsennata.
Il cazzo di Gianni era resistentissimo dopo dieci minuti ancora non era venuto, al mio contrario che avevo goduto già 3 volte, quindi azzardai e chiesi a Gianni anche se con qualche timore di incularmi, Gianni non aspettava niente di meglio, quindi mi mise a pecorina ed iniziò a puntare la sua cappella sul mio sfintere, poi di colpo diede un colpo secco, sentii il cazzo lacerarmi la pelle, tirai un urlo incredibile, ma dopo un dolore iniziale iniziai a godere ed iniziai ad incitare Gianni a sfondarmi il culo, dopo cinque minuti sentii un fiotto di sborra nel culo e capii che Gianni stava godendo dentro di me, avrà avuto 2 litri di sborra non finiva più, sfilò il cazzo dal mio culo e mi fece leccare la cappella ancora sporca di sangue e sperma.
Mentre ero in bagno a lavarmi la fica e il culo, Gianni venne a guardarmi ed iniziò a masturbarsi estasiato dallo spettacolo, dopo cinque minuti mi schizzò in faccia ed uscì dal bagno e andò via, io nel mentre mi ripulii con la lingua tutto il suo sperma.

Mi sono eccitata, nel raccontare questa storia quindi mi metto davanti allo specchio del bagno e mentre mi masturbo alzo le gambe e osservo quello che Gianni, con la sua aria tanto innocente a provocato al mio culo, sarà allargato il buchino di almeno 2 cm! ! !
Ma il dolore che ho provato all’inizio è stato ampiamente ripagato dalla goduta finale quindi vi saluto infilandomi un dito nella passerina. FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.