Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Esperienze / La prima orgia di Costanza
copertina racconto erotico

La prima orgia di Costanza

Costanza ha 27anni, castana scura di capelli, piuttosto abbondante, ha una faccia con lineamenti molto fini, porta la sesta di reggiseno e ha un bel culo.
Riguardo al sesso fa tutto, lo prende in fica, bocca e culo, e con Fabio è molto disinibita.
Non ha mai provato, invece, a fare cose in gruppo o sesso estremo.
Fabio ha pensato che fosse giunto il momento e allora ha invitato Cristina e Amed, un suo amico negro col cazzo molto lungo e grosso, per fare un po’ di porcate e coinvolgere, con le buone o le cattive, Costanza .
Fabio allora dice a Costanza che verrà a cena una coppia di suoi amici, Amed e Cristina (che invece non stanno insieme anche se scopano molto spesso).
Cristina ha 35 anni, è rossa (tinta) con capelli lunghi riccioluti, tette piccole ma sode, un fisico ben curato, belle cosce e bel culo.
Amed è negro, cazzo grosso e lungo e fisico sportivo.
Preparata una cena fredda, Costanza chiede a Fabio come vestirsi e Fabio le dice che va benissimo un abbigliamento sportivo, calzoncini corti e una maglietta, proprio come si è vestita Costanza dopo essersi fatta la doccia.
“Ma non ho niente sotto” dice Costanza indicando il fatto che non ha reggiseno e si vedono bene le pesanti tettone sotto la maglietta.
“Non ti preoccupare” dice Fabio
“sono amici e sono molto informali”.
Cristina e Amed arrivano e fatte le presentazioni Fabio chiede agli ospiti se vogliono bere qualcosa.
Ricevuta una risposta affermativa invita Cristina ad andare in cucina con lui per aiutarlo.
Costanza è in imbarazzo, sia per il fatto di rimanere sola con Amed che non conosce sia per il fatto che l’uomo non gli stacca gli occhi dalle tettone opulente.
Mentre Cristina e Fabio preparano i drink, con studiata lentezza, si sente ad un certo punto la voce alterata di Costanza che dice
“Ehi sei pazzo, lasciami stare” e poi
“Fabio vieni qui, aiuto, questo è impazzito”.
Ma Fabio e Cristina arrivano sorridendo.
Per un attimo Amed lascia la preda e Costanza arrabbiata e sorpresa dice a Cristina
“Il tuo uomo deve essere uscito di senno. Mi ha messo le mani addosso, se eravamo da soli non so cosa mi avrebbe fatto. ”
Ma Cristina la stupisce dicendole
“Beh non posso dargli torto. Anche a me piacerebbe mettere le mani su quelle tettone e stropicciartele un po’! ” e tutti ridono mentre Amed si riavvicina a Costanza e la abbraccia mentre lei cerca di divincolarsi avendo ormai capito che sono tutti d’accordo.
Mentre Amed le toglie a forza la maglietta aiutata da Cristina e Fabio le apre i pantaloni Costanza prima si arrabbia
“Porci.. lasciatemi stare .. vi denuncio … ” poi cerca di implorare i tre dicendo
“Vi prego… lasciatemi stare … non voglio…. non voglio… ”
Ma i tre ormai la hanno spogliata e la obbligano a mettersi su un fianco mentre Cristina le strizza le tettone e Amed si spoglia.
Nudo Amed mette in mostra in cazzo enorme che inizia a segarsi spalmandoselo di saliva.
Costanza inizia ad urlare
“Noooo.. non voglio…. mi spacca la fica con quel cazzo.. ti prego Fabio farò quello che vuoi… non mi puoi trattare così”
Cristina interviene in modo autoritario tirando un ceffone alla ragazza
“Basta di fare la stronza. Fabio mi ha detto che non sei una santarellina e che ti piace il cazzo in tutti i buchi. E poi le conosco le troiette come te. Sembrano ragazzine perbene ma poi sono più vacche delle troie di strada. E poi voi tettone le mettete sempre in mostra ma poi quando qualcuno ve le vuol toccare perché glielo avete fatto diventare duro fate le ritrose. Una bella lezione ci vuole. Dai Amed, sfasciala”
E Amed senza tanti complimenti appoggia la cappella sulla fica di Costanza e con un potente colpo di reni la infilza”
“Porca troiaaaaa…. che maleeee… levalo… brucia. bruciaaa”
Amed è incurante delle suppliche di Costanza e pompa con violenza la ragazza.
Cristina si è messa a succhiare le tette di Costanza con sapiente abilità e Fabio si sta menando il cazzo duro.
Le leccate di Cristina, che ha iniziato a smanettare anche il clitoride della ragazza, iniziano a fare effetto visto che Costanza comincia a bagnarsi e al dolore di essere sfondata da una verga così grossa come quella di Amed si mischia il piacere.
Fabio capisce cosa sta avvenendo alla ragazza e le presenta il cazzo davanti alle labbra dicendole
“Ora hai capito che sei una grande troia. Succhiamelo bene”
Costanza sconvolta dal godimento che sta sempre più esplodendo gli prende il cazzo in mano e prima di prenderglielo in bocca gli dice
“Si, pezzo di merda” e ingoia il favone inizia una pompa favolosa.
Cristina fa mettere, senza che egli levi il cazzo dalla fica di Costanza , Amed a terra e Costanza sopra.
Inizia così a toccarle il buchetto del culo ungendolo sapientemente.
“Cazzo che culetto bello spanato c’ha questa zoccola. Te le hanno lisciate le grinze al buco marrone” dice Cristina che poi dice a FABIO
“Vieni, dai riempitela tutta questa stronza tettona. ”
E Fabio abbrancandole le tettone e strizzandole inizia a mettere il cazzo nel culo a Costanza .
Cristina le va davanti e le dice
“Ehi troietta devi dirmi cosa ti sta facendo Fabio”
Costanza è sconvolta. Ha paura di sentire dolore ma sa anche che il piacere è immenso e non risponde subito a Cristina la quale le strizza forte un capezzolo facendole lanciare un urlo “AGhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh”.
Costanza allora capisce che le conviene parlare
“Fabio me lo sta mettendo dietro” e Cristina sarcastica dice
“Ah si. Quel posto ha cambiato nome. Ora si chiama dietro. Sentite come è educata la signorina. Non mi pare che tu lo sia quando scopi quindi parla in modo adeguato … se no”
Costanza capisce che è meglio non fare storie e quindi dice
“Fabio me lo sta mettendo in culo. Ora mi sta appoggiando la cappella sul buco e ora sta spingendooooooo………. ahiaaaaaaaaaaaaa… l’ha infilato fino in fondo e mi bruciaaa….. ”
“Eh si” dice Cristina
“con un cazzo in fica il buchetto si restringe e allora brucia un po’ troietta. Hai cacato ? ”
Costanza non risponde ma basta il gesto di strizzarle un capezzolo che la fa subito ritrarre il proposito di stare zitta.
“No” dice.
“Allora sai cosa vuol dire”
“Sì, che Fabio mi sta pigiando la …. ”
“Allora” “la merda nel culo”.
I due maschi la pompano senza tregua fino a quando vengono contemporaneamente nel culo e in fica con Costanza che raggiunge un orgasmo gridando
“Godooo …. mi state spaccando ma godoooo… ”
Fabio si ritira dal culo di Costanza con un bella ciliegina marrone sulla cappella.
Cristina va verso il maschio e prendendo la testa di Costanza le dice
“Guarda come si fa” e si attacca al cazzo si FABIO leccandogli la sborra e la merda attaccata alla cappella.
“Più tardi ti voglio cacare un bello stronzo caldo e duro in mezzo a quelle tette” dice Cristina lasciando di sasso Costanza. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Al cinema, non sono gay

Avevo una gran voglia di scopare, erano diversi giorni che mi dovevo accontentare di masturbarmi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.