Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / Mia cugina Laura
copertina racconto erotico

Mia cugina Laura

Tra me e mia cugina c’era sempre stata un’attrazione particolare… sin da bambini facevamo quei giochetti che non sono altro che un pretesto per toccarsi e baciarsi, anche se in modo un po’ ingenuo!

Per anni però non era successo più nulla, fino a quando l’estate scorsa, non accadde quello che avevo immaginato sin da piccolo.

Ero a casa sua e con noi c’era solo il fratellino più piccolo che non ha mai intuito nulla dei nostri strani approcci… mentre lui era al telefono, noi avevamo già cominciato a scherzare in modo un po’ piccante, cosa che è avvenuta spesso tra noi, ma che si era sempre
limitata alle sole parole fino a quel momento!

Poi, quando il fratello smise di parlare, lei disse che era stanca e che voleva andare a letto, mentre noi ci mettemmo a guardare la televisione.

Io feci finta per la prima mezz’ora di interesarmi al film, poi finsi di dovere andare al bagno.

Quindi uscii dalla stanza e richiusi la porta, per non disturbare il “sonno” della mia dolce cuginetta.

Ovviamente appena fuori mi precipitai nella sua stanza e lei faceva finta di essere già addormentata; ma non appena mi avvicinai a lei e la toccai, lei sussultò dal letto e con una vocina eccitata mi disse” che vuoi? “.

Io ero già eccitatissimo ed immediatamente le dissi che avevo voglia di lei… non se lo fece ridire 2 volte che balzò a terra e si fece incontro a me; ero troppo eccitato, lei aveva addosso soltanto una magliettina leggera e le mutandine mentre io che avevo un pantalone di tuta anch’esso leggero, tirai fuori il mio cazzo oramai erettissimo e glielo poggiai sul braccio,
strusciandoglielo…

“senti com’è duro? ” le dissi… “dai girati… “, ma lei in un’attimo di lucidità mi disse di
indossare il preservativo che mi porse prontamente.

Io non resistevo più, volevo sfondarla immediatamente, ma per non fare storie andai ad infilarmelo in un batter d’occhio!

Appena tornai con l’uccello ancora più teso per l’effetto strozzatura del profilattico, lei mi disse” siediti qui” e mi buttò verso una sedia della sua stanzetta; poi spostò le sue mutandine e si mise sul mio cazzo cercando di sfondarsi da sola.

“Mi faccio un po’ male” mi disse, ed io ” eh che vuoi… è grosso! “, ma lei per non darmela vinta si gettò con forza sul mia cazzo e cominciò una sostenuta cavalcata!

Io ero in estasi… il suo ritmo era incalzante ed io ero semplicemente seduto che lasciavo che si fottesse con forza su di me.

Sentii che aveva cominciato a prenderci gusto e la cosa mi eccitò ancora di più se possibile…

“Oh cugina… ma cosa sei? ” le dissi con un filo di voce per il troppo arrapamento, ma lei continuava a sbattersi incessantemente senza darmi retta!

Una gran porca, pensai, ecco cosa sei una gran troia da monta… era tutto fantastico, quando ad una tratto sentii dei rumori dalla stanza di mio cugino!

Mi alzai di corsa ed andai a chiudermi in bagno, ma ancora eccitatissimo continuai quel movimento da solo con la mia mano e pochi attimi dopo venni.

Per fortuna che avevo il preservativo altrimenti chissà cosa avrei combinato in quel bagno!

Dopo qualche minuto tolsi il guanto oramai pieno del mio liquido, mi ripulii ed uscii fuori.

Niente, falso allarme, mio cugino era ancora davanti alla tv e lei si era messa
a letto!

Decisi però di non tornare da lei ed andai da mio cugino.

Per giorni non ne abbiamo più parlato, poi quando riprendemmo l’argomento lei mi disse che non sarebbe dovuto succedere mai più! Ma davvero sarà così? FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Festa di compleanno

Le brevi vacanze trascorse dagli zii avevano sconvolto la mia semplice vita di adolescente solitario. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.