Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Esperienze / Samuela
copertina racconto erotico

Samuela

Finalmente, oggi Samuela mi ha detto che posso andare a Roma, mi ha dato l’ok, ci conosceremo ci incontreremo e…… e spero che sia di suo gradimento così faremo l’amore…… che sogno realizzato.

Sono in stazione, sento l’annuncio del treno o porca puttana, porta 15 minuti di ritardo. Aspetto con impazienza il treno arriva con trenta minuti di ritardo ed io penso a lei che mi aspetta a Roma, alla stazione, salgo, prendo il posto e mi metto a leggere il giornale. Guardo l’orologio, sono appena 20 minuti che siamo partiti, continuo a leggere, riguardo l’orologio, sono solo 40 minuti, accidenti il tempo non passa mai. Eccoci finalmente ad Avezzano, il treno ha recuperato il ritardo, riparte, sono a 90 minuti dal vederla dall’incontrarla, dallo stringerla, dal baciarla forse. Eccoci arrivati a Roma, scendo dal treno, lei mi aspetta all’inizio del binario, scendo sono emozionato cammino in fretta, si comincia a vedere la testa del binario, io non la conosco ma sicuramente la riconoscerò. Eccola, sicuramente è lei, ha un soprabito scuro, sotto si intravede il tailleur pantalone, si deve esser lei, è alta circa 1, 70 sono vicino a lei e vedo gli occhi , si è lei.

Ciao sei Samuela, è la prima stupida frase che mi esce dalla bocca dopo tanta attesa, sono emozionatissimo, sono di color rosso paonazzo, lei sorride e mi dice:

Ciao Ugo. Mi stampa un bacio sulle guance ed io sono li come un palo, la seguo, scendiamo e raggiungiamo la sua macchina, entriamo. Le chiedo se si è liberata dal lavoro e lei mi dice che ha tutto il tempo per me, mi stringe una mano, io gliela bacio, poi, visto che sono come uno stoccafisso lei mi poggia una mano sulle gambe e sale su, io ancora più rosso con il cazzo dritto la guardo mentre lei sorride, mi tocca e mi stuzzica, prova anche io a inserire la mia mano sotto la gonna lei mi da un colpetto sulla mano e mi dice: come sei impaziente. Ma come, io impaziente, penso e lei che mi sta toccando cosa è. Arriviamo in albergo, lascio i documenti saliamo al quarto piano, siamo soli in ascensore, io la stringo a me e la bacio con passione, lei ricambia, arriviamo entriamo nella camera, butto la valigia in un angolo, lei mi gira le spalle, mi avvicino, le sfilo il soprabito, , la giacca e poi la giro verso di me, ci baciamo con passione le nostre lingue si intrecciano nella bocca, mentre continuiamo a baciarci mi sfilo la giacca, la cravatta, la camicia, poi sfilo anche la sua camicia, i pantaloni, lei slaccia i mie, le nostre bocche non si separano, sono eccitatissimo, mi aspettavo una bella donna ma lei supera le aspettative. le sfilo il reggiseno, sento il suo seno, i suoi capezzoli induriti, la faccio sedere sul letto, le sfilo le calze e poi il tanga, mi tutto con la bocca in mezzo alle sue gambe. Lei mi mette le mani tra i capelli e mi avvicina alla sua figa, io le bacio le gambe, le lecco e poi le bacio e le lecco la figa tutta aperta e bagnata, lei appoggia le gambe sulle mie spalle io le infilo la lingua nella figa, come è piacevole. Mentre la mia lingua continua nella sua figa le mia mani cercano i suoi seni, le strizzo i capezzoli, sento i suoi mugolii di piacere. Inizio a risalire dalla figa versoi seni, la bacio tutta e la lecco ben bene, il capezzolo sparisce nella mia bocca, lo mordicchio, salgo ancora verso il collo, lo bacio e lo lecco, mi alzo in piedi, lei ancora seduta sul letto, ha il cazzo all’altezza della bocca, si avvicina con il viso si struscia al mio cazzo tutto bagnato si passa la lingua sopra, mi lecca le palle o che piacere che ho. Poi prende il cazzo in bocca, piano piano lo infila dentro, fino alla gola, poi con la lingua mi inizia a leccare ben bene, il mio cazzo è tutto un fremore, è tutto bagnato. La spingo sul letto, la faccio girare, continua a baciarla, ora la schiena, vado verso il bellissimo culo, le chiedo di mettersi alla pecorina, le allargo la gambe ancora di più, comincio a leccarle il, culo, e poi con la lingua vado verso la figga e poi ancora verso il culo, lei si muove tutta, la mia lingua infilata nel culo ed il mio dito nella figa, non possiamo più trattenerci. Mi metto sdraiato sul letto, mi sale sopra a smorzacandela e mi cavalca, godiamo, godiamoooooooooo. Le riempio la figa di sperma lei si lascia cadere su di me. restiamo così abbracciati, con il respiro affannoso, senza parlare per 5 minuti, poi Samuela si mette al mio fianco iniziamo a parlare, del più e del meno come fanno due persone che si conoscono da tantissimo tempo.

Dopo un pochino la bacio sulla bocca e le dico: Samuela guarda il mio cazzo, tutto bagnato leccamelo ben bene, fallo drizzare ancora, Si avvicina si struscia il cazzo sulle guance, sul mento, sul collo, è tutta bagnata del mio e del suo umore mischiati. Mi lecca il cazzo, arriva alle palle e poi ritorna verso la punta, eccolo si è ingrossato di nuovo, lei continua a leccarmelo poi se lo infila in bocca, io mi giro con il viso verso la sua fregna, facciamo un bel 69, ci lecchiamo e ci succhiamo, io le succhio le labbra gli infilo la lingua nella figa poi mi spingo verso il culetto, lo bagna con la saliva ben bene sto per venire, lei accelera con il viso va su e giù, su e giù il cazzo mi scoppia, ecco vengooooooooooo si vengoooooooooo, vengo nella bocca di Samuela. Ci stacciamo, lei ha ancora un po’ di sperma sul viso, glielo lecco, la bacio lei mi passa un pochino di sperma che le è rimasto in bocca, mentre la sua mano mi inizia a masturbare, dopo un pochino ho ancora il cazzo dritto, ci baciamo e ci tocchiamo, la faccio mettere alla pecorina, le allargo ancora di più le gambe la bacio e lecco il culetto delizioso, quando vedo che è ben bagnato dalla mia salila infilo il mio cazzo nel suo culo, piano piano, lei lancia un leggero urletto di piacere allora inizia a spingere avanti e dietro, il cazzo entra sempre di più, sempre di più….. il mio cazzo è sparito nel suo culo spingo sempre più dentro, intanto infilo il dito anche nella figa, sento il mio cazzo nel suo culo ed anche lei sente il mio dito che tocca il cazzo, la parete è molto leggera e sentiamo tutto, continuo a spingere sempre di più e sempre più velocemente, si ecco ora ora oraaaaa godiamooooooooooo godiamooooooooo insieme io e Samuela che bello, che piacere, ci lasciamo cadere sul letto sfiniti, esausti ma felici. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Fistfucking

L’avevo sempre saputo che ti piacevano i grossi cazzi ed allora decisi di farti una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.