Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / Se un giorno ti accorgi….
copertina racconto erotico

Se un giorno ti accorgi….

La mia vita sessuale è sempre stata ‘normalè finché non ho scoperto la rete…… Non ho mai avuto particolari fantasie ne avventure, almeno credevo… solo adesso ho capito quanto erotismo e sesso ci siano nella vita delle persone e nella loro quotidianità.

La scorsa estate sono stata invitata con i miei figli a fare un trekking sull’Appennino da alcuni amici di Firenze conosciuti l’anno precedente in vacanza. Mio marito non aveva ferie ma data la compagnia (una coppia di giovani di circa 30 anni Emanuela e Fabio, il padre di lui, Giovanni e due suoi amici sposati, Giulio e Lucia) e le insistenze di mio marito a portare i ragazzi a fare un’esperienza diversa, mi sono decisa ad andare sola con i ragazzi.

Il tragitto prevedeva cinque o sei tappe con pernottamenti in bivacchi non custoditi od in tenda.

Siamo partiti da casa in treno con zaini pesantissimi alla volta di un paesino di cui non ricordo il nome… termine della ferrovia e inizio del percorso.

I primi due giorni prevedevano tappe abbastanza lunghe e pernottamenti in tenda…… molta fatica ampiamente ripagata da paesaggi splendidi a una compagnia allegra e divertente.

Il terzo giorno siamo arrivati in un piccolo rifugio in un posto fantastico così abbiamo deciso di fermarci un intero giorno per riposarci e godere delle sensazioni che solo madre natura è in grado di offrirci.

Il giorno seguente era dedicato al riposo ed al relax… così sul messo del giorno ne ho approfittato per darmi una lavata… tre giorni di sudate e bivacchi in tenda lasciano il segno e l’odore….

Così mi sono armata di sapone a acqua ahime… fredda e mi sono data una lavata alla meglio……. ma sentirsi puliti e indossare biancheria pulita da sempre un bella sensazione. Mentre mi finivo di vestire mi hanno chiamato di sotto per aiutare a preparare il pranzo…. finalmente un piatto di pasta dopo panini e scatolette.

Dopo pranzo, mentre gli altri sono fuori a fare la pennichella io sono andata a riposare in camera. Ad una certa età due notti in tenda si fanno sentire…

Avevo messo la mia roba alla rinfusa sul letto ma ho notato che qualcuno ci aveva messo le mani: ero sicura di essermi cambiata le mutande ed il reggiseno nel bagno e di averli messi con l’asciugamano ed il sapone sullo zaino, ma adesso le mie mutande erano con gli altri vestiti sul letto. Qualche hanno fa o non ci avrei fatto caso o sarei rimasta scandalizzata che qualcuno avesse potuto vedere la mia biancheria intima… Ma adesso sono cambiata, mi sono solo incuriosita…. a chi potevano interessare le mutande sporche… e non poco… di un signora quarantasettenne? ?

Avevo letto in rete che molte persone sono attratte dalla biancheria intima sia sporca che pulita….. ma non mi era mai passato per la mente che qualcuno si eccitasse con le mie mutande, un paio di slip di cotone bianchi sui quali erano evidenti le tracce del sudore e le macchie che si lasciano inevitabilmente quando non ci si lava dopo aver fattoi bisogni….. Non mi credevo così curiosa, ma non so cosa avrei fatto per saper chi era e cosa aveva fatto con le mie mutande….

Nel letto non riuscivo a pensare ad altro… chi poteva essere stato? ? …. Giovanni…. ma… sposato 54 anni… non ce lo vedevo proprio con le mie mutande sotto al naso… Fabio con una ragazza così bella ….. cosa avrebbe potuto cercare nelle mie mutande che non fosse anche in quelle di Emanuela….. Giulio? … un professore universitario con le mutande in mano…. tutto può darsi…. Oppure mio figlio… l’età è quella giusta… ma ha casa no mi sono mai accorta di niente anche se certo le occasioni non sarebbero mancate….. e poi erano le mutande di sua madre..

Ero curiosa… terribilmente curiosa…. cosa avrà pensato … si sarà eccitato davvero oppure avrà pensato che nonostante il mio aspetto curato porto delle mutande da schifo… oppure che dopo i miei bisogni mi dovrei pulire meglio……. si era masturbato ? ? ? … usandole…. annusandole… o solo guardandole….

Oppure sono semplicemente impazzita e sul letto ce le avevo messe io? ?

Per il resto del giorno sono rimasta incuriosita e pur cercando dei segnali non riuscivo a capire niente…

“Buonanotte”…. ” Buonanotte, me ne vado a letto sono stanca …. “così lascio gli altri e me ne vado a letto.

Mi sveglio … sono tutti in camera… ce n’è un sola…, che stanno andando a letto…

” Buonanotte”… ” Buonanotte”…. siamo tutti aletto .. dopo poco Giovanni russa… piano ma russa….. mia figlia, come al solito parla nel sonno….

“. torniamo giù? Dormono tutti.. “…. un bisbiglio

“… non so…. ”

“… perché? ”

“… andiamo.. ”

…… Emanuela e Fabio scendono le scale .. si mettono giù nella stanza….

… ma mi scappa la pipì…. mi alzo e cercando di fare più piano possibile vado verso il bagno… e le scale che portano giù..

“…. ho fatto bene a dirtelo? ”

“.. scema.. ”

“… ti ho visto andare su… ”

.. ” bla… bla.. “.. non sento molto bene…. mi metto a sedere sull’ultimo gradino delle scale..

“.. non dirmi che non ti ha fatto piacere… ”

“Si… lo sai che mi eccita moltissimo.. ”

“…. e allora cosa hai fatto? … le hai ispezionate come fai con le mie? ”

“… beh… si.. ”

“…. racconta…. dai dimmi tutto.. ”

” .. erano un paio di slip di cotone… ”

“…. lo so… te l’ho detto io…. dimmi se erano portate abbastanza e se sapevano di lei.. ”

… meno male che ero a sedere… non credevo alle mia orecchie… stavano parlando delle mie mutande…

“… erano sudicie…. avevano l’elastico delle gambe nero dal sudore… e poi erano sudicie nel mezzo.. ”

“… vuoi dire che avevano la macchia gialla che dici che le mie non hanno mai perché le cambio due volte al giorno? ? ? ”

“.. si avevano una bella macchia molto profumata… e non solo… ”

… mi ha annusato le mutande e lo sta raccontando alla sua fidanzata… e io li sto spiando…. sono pazza..

“.. non solo cosa… ”

“… erano sporche anche di dietro… ”

“… sei un porco… “.. Emanuela ride..

“.. ma sei una porca anche te… ” .. anche lui ride

“…. si vede che non si è lavata…. “Emanuela ride ancora… “…. molto sporche sul dietro? ”

“…. beh…. non molto… comunque l’impronta era inequivocabile… ”

…… non ci credo… sto sognando…

“… poi cosa ci hai fatto con le mutande di Alessia? “.

“… le ho… ”

“.. non mi toccare… racconta e basta… ”

“dai…. ”

“… no adesso no voglio che racconti e stai buono….. cosa ci hai fatto? ”

“.. le ho annusate… davanti e dietro………. ”

“… te lo toccavi? ”

“…. no….. avevo paura che qualcuno salisse…. ”

“.. e di lei cosa pensi… ”

.. adesso svengo…. adesso parlano di me ….

“… le sue mutande erano molto eccitanti…. ”

“….. lo faresti con lei? .. ”

“… credo di si…. ”

gli ha chiesto se lo farebbe con me….

“… gliel’avresti leccata…. vero… ti sarebbe piaciuto levargli quelle mutande…. e .. ”

“… e? ”

“… e lavargli tutto con la lingua … “… si è alzata.. “… se vuoi puoi farlo a me.. ”

“.. preferivo a lei… ”

“… se vuoi puoi andare a… è su…. “…. Emanuela sta ridendo… un fruscio…. “… non sarà quella di Alessia… ma credo ti dovrai accontentare…….. ”

…. la vescica mi sta schiantando…. ma non ce la faccio a muovermi di li…….

Il rumore è impercettibile… ma inequivocabile….. quella ragazza così carina e gentile… ansima…. si capisce benissimo quello che lui le sta facendo…..

…. “…. credi che “… ansima ancora… “.. che ti piacerebbe.. “….. si è messa a sedere sul tavolo… credo…. “…. credi che ti piacerebbero un paio di mutande di mia madre? ? ? “… ansima ancora… “… un giorno avevi detto che ti sarebbe piaciuto.. “….. la voce le sta tremando… “… se vuoi quelle le puoi pure tenere….. ”

“a te ti piacerebbe portarmele? “…

… adesso geme….. “.. penso di si… ma voglio qualcosa in cambio… ”

… “.. cosa? ”

“… no non smettere….. ”

“…. casa vuoi in cambio? “…

….. “… lo sai…. ”

“… ridimmelo… ”

“…. no mi vergogno… ma già lo sai.. ”

“.. allora smetto… “….
“… no ti prego…. voglio… “… un altro gemito… “….. voglio….. voglio farti la pipì addosso…. “…

Emanuela mi ha sconvolto … o quasi….. tutte le cose che ho letto e credevo fossero solo delle fantasie…..
Si è alzata…. scappo nel bagno… me la sto facendo nelle mutande…..

Vado in bagno… stanno salendo le scale….

“… c’è qualcuno nel bagno… magari ci ha sentito… ”

“… magari.. “… ridono……… tiro giù la tuta…. le mutande…. le guardo… sono sporche….. bagnate…. mi ero eccitata ….. mi metto a sedere sul water… pssss…. un sollievo…… chissà cosa penserebbe mio marito se gli dicessi che mi piacerebbe fargliela addosso….. mi metto a ridere da sola per la scena…. e mi tiro su le mutande senza pulirmi………. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Lucia e la sua inesperienza

La storia che vi voglio raccontare mi vede come partecipante secondario per tutto il periodo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.