Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / Che vacca che sono!
copertina racconto erotico

Che vacca che sono!

Oggi 27 aprile, ero nella mia villetta al mare a Fregene, nel litorale di Roma e visto che il cielo si era completamente rasserenato, ho deciso di cambiarmi, shorts di jeans, zoccoli-clogs gialli, top cortissimi giallo senza reggiseno, ed andare a prendere un po’ di sole sulla spiaggia, che dista soltanto 800 mt. dalla villetta. Così, visto che a Fregene il cielo si era completamente rasserenato, ho deciso di cambiarmi, mini-shorts di jeans, zoccoli-clogs gialli, top cortissimi giallo senza reggiseno, ed andare a prendere un po’ di sole sulla spiaggia, che dista soltanto 800 mt. dalla villetta. Mi dirigo verso il solito stabilimento balneare dove andiamo per tutta l’estate, convinta che fosse ancora chiuso, ma c’è un passaggio vicino per accedere alla spiaggia. Invece quando arrivo lì, vedo del movimento! Due ragazzi all’ingresso, dove c’è anche il bar, che stanno lavorando insieme ad altri 3 ragazzi extra-comunitari, di cui due saranno stati nord-africani, ma uno era nero nero! Tutti e 5 stavano facendo dei lavori di restauro al bar ed all’ingresso. Mi saluta uno dei due italiani, informandomi poi che è cambiata gestione e stanno mettendo a posto lo stabilimento per l’estate. Io chiedo se potevo prendere un po’ di sole, e questo ragazzo mi dice di accomodarmi tranquillamente, tanto non c’è nessuno, se non altri ragazzi che stanno verniciando le cabine ed altri che stanno pulendo la spiaggia. A veder quei corpi a torso nudo, con i pantaloncini, sudati, che sanno di maschio, già ero eccitata! In spiaggia poi, ci sono altri ragazzi! 4 rumeni stanno verniciando le cabine, mentre un ragazzo italiano, che dovrebbe essere il prossimo bagnino, sta pulendo la spiaggia insieme ad altri due extra-comunitari. Mmmmmhhh!! totale 12 ragazzi, che iniziano a guardarmi con desiderio nel momento in cui io, steso l’asciugamano, mi tolgo gli shorts ed il top, rimanendo con un minuscolo tanga e soprattutto a seno nudo! Mi spalmo la crema, poi mi sdraio a pancia sopra, tette al vento, aprendo un bel po’ le gambe, stando ben attenta a far vedere le labbra della fica che escono dal minuscolo pezzettino di stoffa del tanga! Apro costantemente leggermente gli occhi, e noto che improvvisamente tutti e 7 i ragazzi che stavano lavorando in spiaggia, avevano casualmente qualcosa da fare intorno a dove ero sdraiata io a prendere il sole! Io facevo sempre più di tutto per provocarli, così l’italiano si fa coraggio e mi si avvicina dicendomi che sono splendida. Apro gli occhi e vedo che ha il cazzo duro, che si vede bene da sotto i pantaloncini del costume! Mi dice che sono molto eccitante così e che una ragazza disinibita come me non l’aveva mai vista. Gli sorrido e ringrazio, e lui mi invita a prendere un caffè nel bar dove stanno lavorando gli altri 5 ragazzi. Non me lo faccio ripetere due volte, viste anche le dimensioni del cazzo che si notavano chiaramente dal costume! Andiamo al bar, ma anche gli altri 6 ragazzi che stavano lavorando ci seguono, e così mi ritrovo al bar, in tanga-topless con gli zoccoli gialli ai piedi, con 12 ragazzi a torso nudo eccitati dalla mia presenza, ma il fatto è che anche io sono eccitata come una cagna in calore! Il ragazzo che mi ha invitata a prendere il caffè, dice agli altri due ragazzi italiani dei 5 che stanno al bar di offrirmi un caffè, visto che sto deliziando la loro vista con il mio corpo! Uno dei due italiani che mi prepara il caffè mi dice che sono bellissima, ed io ringrazio, notando con piacere che mi si stanno tutti e 12 scopando con gli occhi! Raramente mi sono sentita in quel modo, desiderata da tutti! Tutti mi fissavano insistentemente, mentre sorseggio il caffè e converso con i 3 italiani, mentre noto che a più di qualcuno si nota ormai palesemente l’erezione sotto ai costumi!
“Stai tranquilla – dice il ragazzo che mi aveva portato al bar – qui nessuno ti farà nulla se tu non vuoi. ” poi avvicina le labbra alle mie e mi bacia. Iniziamo a baciarci con passione, intrecciando le nostre lingue, mentre lui mi palpa le tette. Quella è stata la scintilla anche per gli altri, che si avvicinano tutti intorno a me, mentre bacio questo ragazzo e tasto la consistenza del suo cazzo da sopra il costume! Inizio a toccare i cazzi di tutti e 12, mentre in breve mi viene sfilato il tanga, lasciandomi in piedi. Qualcuno mi viene subito tra le mani, qualcun’altro mi costringe ad abbassarmi per infilarmi il cazzo in bocca o nella fica, che grondava ormai umori! Uno dopo l’altro iniziano a scoparmi, finchè dopo 7 o 8 cazzi che mi scopavano, uno di loro osa e me lo pianta nel culo! Dopo aver goduto già tanto, godo ancora di più, lì, inculata in piedi davanti al bancone del bar ed appoggiata con le mani al tavolino!
“Guarda sta zoccola come ci sta! ” sento uno dei commenti dei ragazzi! Ci stavo eccome e mi sentivo tremendamente puttana!
“Così le sfondi il culo a sta puttanella! ” dice un altro.
“Se lo merita sta mignotta! Vero zoccola? Ti piace il cazzo vero? ” Lascio la presa del cazzo che avevo in bocca per rispondere un Siiiiiii lunghissimo, poi riprendo a pompare qualunque cazzo mi si presentasse davanti alla bocca! Mi appoggio meglio al tavolino del bar, divaricando meglio le gambe, e poi mi lascia penetrare da tutti e 12, uno dopo l’altro. Si staccava uno, mi sborrava sulla schiena e si infilava un’altro.
“Hai visto come c’è stata subito sta porcona? ”
“Prima dovevi vederla sta zoccola mentre prendeva il sole e ci faceva arrapare apposta a tutti! ” Continuavano a parlare tra di loro, mentre a turno mi sfondavano il culetto. Forse volevano umiliarmi, dicendomi che sono una puttana, che mi volevano sborrare in faccia, ma non sapevano che tutto questo mi eccitava terribilmente! Mi giro verso di loro per guardarli, il prossimo era un nero di due metri con un cazzo lunghissimo che mi ha fatta tremare dall’eccitazione. Glielo prendo in mano, il suo enorme cazzo duro, facendolo andare su e giù.
“Ci sa fare! ” dice qualcuno.
“è una gran puttana, guarda come lo maneggia bene! ” Sorrido a chi ha detto questa frase, mentre smanettavo quel cazzo nero enorme e pensavo a quanto si sarebbe eccitata Federico nel vedermi così puttana!
“Inculami! ” ordino al ragazzone nero mentre mi alzo e gli dò le spalle, rimettendomi in posizione! Quel ragazzo aveva il cazzo molto simile a quello di Aldo, forse leggermente più corto, ma largo più o meno lo stesso! Me lo infila nel culo tutto di un colpo, facendomi lanciare un urlo disumano! Con la mani mi mantenevo al tavolino del bar, perché il ragazzo nero spingeva talmente tanto che il suo cazzo duro enorme mi stava squartando il culo! Mi aveva sfondata e godevo come una pazza! Urlo come una pazza, godendo come una cagna in calore, mentre gli altri 11 guardavano, qualcuno si faceva una sega nel vedermi godere ed inculata da quel negrone in quel modo! Poi il negrone ansima più forte, esce dal mio culetto e mi viene sulle chiappe, già intrise di spemra degli altri! Mi volto e sorrido al ragazzo, impugnando il suo grosso cazzo nero. Lo masturbo ancora, facendo scorrere la mia mano su quel bastone enorme. Ero ancora a cosce divaricate, i fiotti di sperma le scivolavano giù dalle chiappe sulle cosce. Poi mi inginocchio e prendo il cazzo nero ancora pulsante e duro tra le labbra, facendolo sparire nella mia bocca! Cazzo che inculata! Poi qualcuno mi ha presa da dietro per le braccia e un’altro mi ha sollevata per le gambe, mentre il ragazzo nero si è allontanato facendosi una sega e guardandomi mentre mi lasciavo scopare con piacere dal resto del gruppo su un asciugamano che avevano steso sulla sabbia. Tutti mi hanno scopata ancora, sia chi era già venuto sia chi non era venuto, tutti sbattendomi violentemente, mentre qualcun’altro mi teneva sempre la bocca impegnata! Poi un dei ragazzi si sdraia per terra sul telo da mare e mi invita ad impalarmi la fica su di lui, cosa che faccio immediatamente, mentre un altro dietro riprende a sfondarmi il culetto! Le doppie penetrazioni si sprecano, tutti si danno il cambio e passano nei miei buchi, negrone compreso, che nel frattempo si era rivitalizzato! Godo tantissimo, non sò quanti orgasmi abbia avuto, mentre poi, dopo aver ricevuto diverse sborrate addosso, sulle tette, sulle chiappe, sul viso e sulla pancia, 5 di loro mi fanno inginocchiare e si masturbano davanti al mio viso, venendomi in faccia e sul resto del corpo, continuando ad offendermi ed insultarmi. Questa cosa è durata più di un’ora, e quando ci siamo calmati, mi hanno offerto da bere una coca-cola, mentre chiacchieriamo anche un po’ con i 3 ragazzi italiani. Ad un certo punto, uno dei tre mi fà:
“Ma lo sai che hai veramente un bel culo? ”
“E tu hai veramente un bel cazzo duro” gli rispondo, visto che gli si era rindurito di nuovo (eravamo ancora nudi! ). Così allungo le mani e mentre con una mano gli tenevo le palle, con l’altra lo masturbavo velocemente.
“Senti com’è duro! ” gli dico con voce da porca –
“proprio come piace a me! ”
“Certo che sei proprio una gran puttana. Sai far godere gli uomini molto bene. ” mi dice lui, mentre io rispondo soltanto con un Si ansimante di piacere prima di mettermelo in bocca e ricominciare a pompare quel cazzo duro! Mentre pompavo quel cazzo, con le mani smanettavo gli altri due, poi inizio a spompinarli tutti e tre a turno!
“Sei una gran porcona” mi dice uno dei tre. Io lo guardo e gli sorrido, continuando spompinare tutti e tre. Mi piaceva e mi piace pensare che mi considerano una puttana! Arriva anche qualcun altro degli altri 9, ed iniziano tutti a toccarmi. Non sò quanti erano di preciso, ma sentivo le loro mani lungo le cosce, sulle tette, sul culo, dita nella fica che entravano ed uscivano, ma io continuavo a spompinare quei tre, fino a quando non mi sono venuti in bocca.
“Madonna che troia ragazzi! ” dice uno dei tre, mentre io mi vesto e saluti tuti quanto, lasciando così a bocca asciutta gli altri che si erano riavvicinati! Così mi incammino verso casa, con i miei shorts di jeans, clogs gialli e toppino giallo! Ma ad un certo punto mentre sto camminando lungo il vialetto di casa deserto, un furgone Ducato mi incrocia lungo la via. Dentro 6 ragazzi, dei muratori che poi scoprirò albanesi, che probabilmente stavano lavorando in qualche villetta di mare. I 6 al mio passaggio fischiano e cercano di attirare la mia attenzione
“ehi! ciao Bella! ” Poi visto che io continuo a camminare per la mia strada, il furgone inverte la marcia e mi raggiunge affiancandomi con il motore al minimo. Quello seduto a fianco del guidatore si sporge dal finestrino e mi dice:
“Ciao bella dove vai così di fretta? ” non rispondo e accelero il passo.
“Ma lo sai che hai proprio un bel culo? Che porca dai fermati un attimo” continuo a camminare ma mi giro leggermente verso di loro accennando un sorriso che tradisce i miei pensieri da troia! Sicuramente loro volevano mettermi paura, magari pensavano anche allo stupro di massa, non calcolando che invece la cosa a me stava eccitando non poco, anche perchè ero ancora un po’ sporca di sperma dei 12 di prima! Inizio a fantasticare su di loro senza però smettere di camminare.
“Porcona ho il cazzo duro lo vuoi vedere? ? ” gli altri ridono e commentano le parole del compagno mentre io mi guardo intorno e vedo che sulla strada non c’è nessuno, solo io e gli albanesi nel furgone. Sorrido di nuovo, mentre sono quasi arrivata a casa, ma il furgone si ferma e dallo sportellone laterale scendono due albanesi afferrandomi per le braccia.
“Dai vieni con noi ti diamo un passaggio”. Io li invito a fare piano, ma quello mi ribatte:
“Poche storie! Sali presto! ” Mi spingono con forza dentro il furgone che riparte sgommando. Mi ritrovo in mezzo a 4 albanesi, menre gli altri due stanno davanti.
“Ragazzi state calmi – gli dico con voce da porca – voi volete violentarmi ma non avete pensato al fatto che a me la cosa stia bene ed anche parecchio! ”
“Ma allora sei una grandissima puttana! ” mi dice uno di loro mentre mi infila la mano dentro al top per palparmi le tette!
“Diciamo che lo sono un po’! ” rispondo sorridendo! I ragazzi sono tutti carini, ma soprattutto sono infoiati come bestie all’idea di avermi a loro disposizione, ed io ho di nuovo la fica che mi si stà sciogliendo in mezzo alle gambe all’idea di essere sbattuta come una troia da tutti quei maschioni arrapati. I ragazzi preso coraggio mi sono addosso, le mani si infilano dappertutto, palpano le tette, mi sbottonano gli shorts andando a frugarmi in mezzo alla fica.
“Ehi ragazzi questa troia è tutta bagnata!!! Hai voglia di cazzo, vero? puttana! Adesso ti prenderai una ripassata di cazzo da tutti quanti, troia!! ” Mi dice uno dei 4 che è dietro con me! I ragazzi continuano a frugarmi in lungo e in largo lasciandomi in tanga e zoccoli gialli.
“Mmmm che porca guarda come va in giro questa zoccola! Stavi andando in cerca di cazzi? Adesso li hai trovati” mi dice un altro! Io non rispondo, ormai eccitata da tutte quelle mani, e la fica mi cola di voglia! In quel momento mi sarei fatta fare di tutto!
“Dai Datemi i vostri cazzi! – li incito – Voglio essere presa sbattuta come una troia da tutti! ”
“Siii puttana adesso vedrai! Ferma il furgone che la riempiamo di cazzo questa puttanona! ” Il furgone si ferma in una strada laterale deserta del viale e i due ragazzi alla guida raggiungono gli altri dietro il furgone. Uno mi afferra per la nuca e mi caccia il cazzone in bocca costringendomi a ingoiarlo tutto subito:
“Spompina troia che bocca da pompinara. Così. Ancora ingoia tutto.. guardate che bocca da cazzo che ha questa puttana! Guarda lo prende tutto fino in fondo! ” dice agli altri quello che sto spompinando! Mentre continuo a spompinare quel bastone grosso e nodoso, gli altri attorno si spogliano mettendo in mostra i loro cazzoni già pronti a farmi la festa.
“Adesso in ginocchio troietta che lo devi succhiare a tutti”. I ragazzi seduti in cerchio con me nel mezzo iniziano a farsi spompinare afferrandomi per i capelli e usandomi come una macchina per fare pompini. Ad ogni cambio di cazzo nella bocca vengo insultata come una troia e mentre spompino il cazzo di turno quelli dietro ne approfittano per farmi aprire oscenamente le gambe alla pecorina e rovistare il culo e la fica con le dita! Mi usano come una puttana, una troia senza limiti, mentre io godo pisciando letteralmente umori dalla fica! Poi senza farmi smettere di succhiare uno di loro mi solleva da seduto, io di spalle, mi fa calare a cosce aperte sul suo cazzone dritto, facendomi impalare il culo sul suo bastone. Il culetto era già ben aperto dai 12 di prima, così inizio subito a godere come una vacca! Inizio ad ancheggiare avanti e indietro come una baldracca, facendomi spaccare il culo dal cazzone e dicendo frasi oscene tipo
“Ohhh siiii. Lo sento in golaaaa! ” Il cazzone mi allarga il culo ormai l’orgia assomiglia sempre più ad uno stupro di gruppo, ma sono eccitata incredibilmente dalla cosa! Sento i cazzi che mi si spalmano addosso aspettando il loro turno per fottermi!
“Guardate questa troia ragazzi, ci gode a farsi trattare come una vacca per cazzi, più la trattiamo da mignotta e più ne vuole questa cagna in calore! ” dice uno di loro, ed il fatto è che dice la sacrosanta verità! Un altro cazzone si aggiunge nella bocca fottendomi e riempendomi la gola in tandem con il primo.
“Dai stantuffala! Così che questa puttana ingoia tutto! ” dice uno a quello che sto spompinando, e mentre ingoio tutto il suo sperma caldo, altri due sdraiati sotto di me, che sono a pecorina, sono in mezzo alle mie cosce aperte si alternano a leccarmi la fica fradicia, con le dita che si infilano nella fessura per aprirmela ancora di più, mentre il culo ormai sfondato continua a ricevere metri di cazzo, perchè dietro di me c’è sempre uno che mi incula! Poi mi fanno cambiare posizione, uno si siede sul sedile ed io mi siedo sul suo cazzone dritto, iniziando a saltare sul suo cazzo che mi sfonda la fica, mentre gli altri in piedi davanti a me mi afferrano per i capelli spingendo il loro bacino all’altezza della mia bocca ed incitandomi a succhiare tutti i cazzi! L’orgia in quel momento era veramente al culmine. Sono seduta a gambe larghe e sollevate con un cazzone piantato fino alla radice nel buco del culo ormai sfondato, mentre le palle che sbattono sulle natiche si uniscono a quelle dell’altro cazzone che mi riempie la fica aperta e davanti, nella mia bocca si alternano 3 cazzi a turno, che mi usano come un buco per masturbarsi a piacere. Un altro mi sbatte la cappella sulle tette tirando e palpando con forza i capezzoli. Ormai ho perso il controllo. Mi concentro solo su quei cazzi che mi penetrano e mi fottono ormai da più di un’ora. Sono venuta almeno 20 volte. Poi mi mettono in piedi, a pecora con la faccia quasi schiacciata nel vetro mentre i ragazzi iniziano a sbattermelo in culo a turno. Mi sbattono alla grandissima, facendomi godere ancora, mentre c’è sempre un cazzo che i riempie la bocca e che inizia anche a riempirmela di sborra! Il successivo, senza darmi il tempo di ingoiarla, mi riempie nuovamente la bocca di sborra, che non potendo essere contenuta tutta in bocca, si riversa sul viso e sulle tette inondandomi completamente! Gli altri 3 si alternano a sborrarmi sul culo spruzzandomi il resto della sborra sulla schiena, mentre l’ultimo mi viene ancora in bocca facendomi ingoiare tutto! Sono completamente ricoperta di sborra e con i soli zococli ai piedi quando i ragazzi, dopo avermi salutato con delle pacche nel culo, mi fanno scendere dal furgone.
“Ciao bella troia. La prossima volta che vuoi cazzo facci un fischio! ” ed il furgone riparte sgommando mentre io, colante di sperma in tutto il corpo, mi incammino verso casa, rimettendomi i miei shorts ed il top in mezzo alla strada e sporcandoli tutti di sperma. Mmmhhhhh che bella giornata oggi! Ho fatto il pieno di cazzi e di sborra!! FINE

About Porno racconti

La letteratura erotica ha sempre il suo fascino perché siamo noi a immaginare e a vivere, seduti su una comoda poltrona o a letto, le esperienze e le storie raccontate qui, Vivi le tue fantasie nei miei racconti, i miei personaggi sono i tuoi compagni d'avventura erotica. Buona lettura.

Leggi anche

copertina racconto erotico

L’amico

Quella sera io e mia moglie aspettavamo a cena Mauro, un nostro vecchio compagno di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.