Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Erotismo tra coppie / Ero passata a trovare Carla
Ero passata a trovare Carla

Ero passata a trovare Carla

Ero passata a trovare Carla che non vedevo da un po’ di giorni e quando venne ad aprirmi notai che era rossa in viso quasi congestionata. Li per li pensai che fossi arrivata in un momento poco adatto. Mi dette l’impressione di essere stata interrotta nel bel mezzo di un incontro galante.
“Sono inopportuna? ” le chiesi “Passo più tardi se sei occupata. ”
“No entra farai mica i complimenti”.
Sembrava comunque febbricitante così le chiesi se si sentiva bene.
“Sì… sì… sto bene. È che stavo vedendo una cassetta e sono un po’ scombussolata” rispose enigmatica.
“Deve essere una cassetta ben strana per farti quest’effetto. Pensa che quando mi hai aperta la porta ho pensato che stessi scopando con qualcuno. ”
“Quasi” rispose sogghignando “In effetti stavo vedendo una cassetta porno. ”
“Alla tua età? ” le risposi scherzando “Ti ecciti ancora guardando le cassette porno? ”
“È una cassetta un po’ particolare ” disse con fare misterioso.
“Che c’è di speciale in una cassetta porno? ” nei miei trentacinque anni di vita non ne avevo viste e quelle poche mi avevano presto stufato.
“Anch’io le ho sempre trovate pallose ma questa, come ti dicevo, è un po’ diversa. Ci sono solo uomini “.
“È una cassetta gay? ” chiesi incuriosita.
“Sì. Sai agli uomini piacciono le scene lesbiche e non vedo perché a me non dovrebbero piacere le scene omosex. Giusto? ”
“Giusto! ” ammisi.
“Vuoi che la vediamo insieme” mi propose “Magari piace anche a te? ”
“Perché no? Magari risvegliasse i miei istinti sopiti” le confessai scherzando.
Mandò indietro la cassetta e ci sistemammo sul divano.
Il film iniziò subito con una scena di sesso orale fra due bellissimi ragazzi e, devo ammetterlo mi eccitò terribilmente. Proseguì con una lenta sodomizzazione e fu un intenso susseguirsi di scene simili.
Ero letteralmente incollata al video.
“Visto che piacciono anche a te. ” mi sussurrò ad un certo punto Carla.
“Da che lo deduci? ” le chiesi cercando di nascondere la mia eccitazione.
“Hai il viso congestionato” disse ridendo e carezzandomi la guancia “E, non so se te sei accorta, ogni tanto ti strofini la mano fra le gambe”.
“È vero ” ammisi “non sono mai stata tanto arrapata. ” Ci guardammo negli occhi.
“Mettiamoci comode” propose cercando la mia complicità “Che senso ha guardare un film porno se non ci si può trastullare la passera? ”
“Hai ragione” convenni “Non c’è niente di male a fare le porcelle ogni tanto”
Carla si liberò velocemente dei suoi indumenti e anch’io mi spogliai completamente.
“Pensa se fossero qui quei due ragazzi…” commentò indicando i due protagonisti dello schermo.
“Ci faremmo inculare alla grande” conclusi io decisamente su di giri.
Carla si accoccolò al mio fianco, anche lei era decisamente su di giri.
“Voglio comprarmi un grosso dildo” stava dicendo “Così me lo metto nel culo… ci pensi che bello…”
“Magari doppio…” aggiunsi “Per incularci insieme…” .
Le nostre mani ormai erano impegnate fra le gambe, parlavamo a ruota libera ormai in pieno delirio erotico.
Ci ritrovammo alla fine del film abbracciate e soddisfatte.
“Abbiamo fatto un casino” dissi indicando le vistose macchie sul divano.
“Non ti preoccupare va tutto in lavatrice. Lo compriamo davvero? ”
“Cosa? ” chiesi io.
“Il dildo…”
“Non so… Chi li vende? ” cercai di tergiversare.
“Il negozio dove affitto le cassette ne ha una rastrelliera piena. Possiamo andarci insieme se ti va. ”
“Mi vergogno” confessai “Chissà che penserebbe il commesso? ”
“E che ti frega del commesso. Pigliamo quello che vogliamo andiamo alla cassa paghiamo e chi si è visto si è visto. ”
“Ti non ti vergogni di niente” commentai.
“Ma dai” continuò lei “Se li vendono vuol dire che la gente li compra e sai quelli del negozio quante ne vedono ogni giorno. ” Ero un po’ titubante ma mi convinse.
Un paio di sere dopo mi telefonò. Ero a casa a cena con mio marito Marco.
“Ti passo a prendere domani pomeriggio quando esci dal lavoro. ”
“Va bene” le dissi.
“Andiamo dove sai. Un bacio” .
Riattaccai e guardai mio marito.
Chissà cosa avrebbe pensato se avesse saputo. Ormai i nostri rapporti erano come quelli tra fratello e sorella, non facevamo più l’amore da tre anni. Forse aveva un’amante.
Il giorno dopo aspettai Carla con impazienza e fui felice di vederla all’uscita del lavoro, salii sulla sua macchina e scambiammo un’occhiata divertita. Ci sentivamo come due liceali in vena di marachelle.
Il posto era abbastanza isolato e discreto. Entrai un po’ titubante preceduta da Carla che sembrava invece di casa.
Mi guardai in giro. Era diverso da come me lo aspettavo.
Sembrava un magazzino con tutte quelle cose ammassate alla rinfusa.
Carla intanto aveva riconsegnato le cassette al cassiere e mi invitò a seguirla.
Cominciammo a spulciare le video cassette in noleggio.
“Che ne dici? ” le chiesi mostrandogliene una.
“No” fece lei “Lo già presa non vale molto. ”
Alla fine ne trovammo un paio che dalle foto di copertina sembravano corrispondere ai nostri gusti.
Poi Carla mi trascinò in un altro locale, c’era una parete piena di dildi di tutte le dimensioni.
Mi sentii in imbarazzo ma quando Carla cominciò a soppesare e commentare a bassa voce le proprietà dei vari articoli mi lasciai trascinare anch’io dall’entusiasmo.
Optammo per un doppio dildo nero di generose proporzioni.
Avevo cercato di convincere Carla a prenderne uno più sottile ma lei volle sentire ragione.
“Mi voglio sentire sfondata” mi sussurrò all’orecchio. Mi sentii avvampare.
A casa sua scartammo immediatamente la mercanzia e senza perdere tempo infilò una cassetta nel videoregistratore. Le immani ci catturarono immediatamente.
Finita la cassetta ci guardammo sorridendo. Ero arrapatissima ma indecisa sul da farsi.
Carla prese l’iniziativa e cominciò a spogliarmi, la lasciai fare.
“Hai un lago fra le gambe” appena le sue dita sfiorarono il clitoride una scossa elettrica mi attraversò la schiena.
Mi buttai fra le sue braccia le nostre lingue cominciarono a cercarsi.
Non ho un ricordo molto chiaro di quello che avvenne quel pomeriggio. Ad un certo punto persi completamente il controllo della situazione. Ricordo la lingua di Carla che titillava il mio buchetto, la testa del dildo che cercava di farsi strada fra le mie viscere, il senso di riempimento quando sprofondò dentro.
Quando ripresi il controllo della situazione eravamo sdraiate una di fronte all’altra con il grosso dildo piantato nel culo, guardai Carla era disfatta dal piacere.
“Dio che bello” sussurrò.
“Sì” ammisi “è stato devastante. ”
Ci sfilammo il dildo con cautela poi ci abbracciammo e passammo il resto della serata a baciarci e coccolarci.
Quando tornai a casa Marco stava cenando “Non pensavo facessi così tardi e così ho cominciato…”
Inventai una scusa, dovevo avere la faccia ancora stravolta perché mi guardò in modo strano.
Passarono alcuni mesi, con Carla trascorrevo pomeriggi torridi e Marco non faceva più caso ai miei ritardi.
Un pomeriggio Carla mi chiamò al lavoro proponendomi di andare quella sera ad un raduno gay.
L’idea mi allettava così accettai senza problemi.
C’era un’atmosfera elettrizzante, era pieno di bei ragazzi.
Mi sorpresi spesso a immaginarli intenti a fare sesso e mi eccitai terribilmente.
C’erano anche delle ragazze, non molte ma erano molto disinibite.
Poi come un fulmine a ciel sereno lo vidi.
Vidi Marco abbracciato ad un ragazzo anche lui mi vide.
Ci fissammo sgomenti.
Presi Carla per mano e la trascinai via.
Ci rifugiammo in macchina, scoppiai a piangere mentre Carla mi consolava.
“Dai non fare così… Non è una tragedia… Forse è l’occasione buona per parlare e chissà recuperare in qualche modo il rapporto. ”
Mi resi conto che c’era del buon senso in quello che diceva. Piano piano mi calmai.
“Hai ragione sai, forse questa è l’occasione buona per chiarirci. Non sarebbe potuto andare avanti per molto così…”
Quella sera rincasai per prima e mi misi ad aspettare Marco.
Quando arrivò ci guardammo imbarazzati per un lungo istante poi iniziammo a parlare tutt’e due insieme.
Fu una notte lunga in cui tirammo fuori le nostre parti segrete.
Lui mi raccontò come aveva scoperto la sua bisessualità, il suo rapporto con Angelo, io gli parlai di Carla e dei miei nuovi desideri.
Facemmo anche l’amore.
Mi prese come un uomo da dietro cosa che fino a qualche anno fa gli avevo sempre negato.
Non fu facile rimettere insieme i cocci del nostro rapporto ma decidemmo di provarci.
Naturalmente continuammo a vederci io con Carla e lui con Angelo la differenza era che ora ci raccontavamo tutto.
Spesso facevamo l’amore, sempre nello stesso modo. Il mio buchetto abituato con il dildo accoglieva facilmente il suo uccello e Marco ne era felice.
Capii che le cose stavano per cambiare in meglio quando mi chiese se poteva invitare Angelo a cena.
Naturalmente accettai.
All’inizio la tensione da parte di tutti era evidente Marco fu molto bravo a riportare situazione sui binari giusti.
Angelo si rivelò un ragazzo simpatico e quando dopo cena ci accomodammo sul divano, trovai naturali le loro effusioni e quando Marco mi invitò a partecipare non me lo feci ripetere due volte.
Mi avvicinai, all’inizio mi sentivo impacciata poi piano piano divenne tutto più naturale.
In breve ci liberammo dai vestiti.
Io e Marco ci ritrovammo in breve a succhiare l’uccello di Angelo e la cosa mi arrapò terribilmente. Poi Angelo si dedicò ad umettare i nostri buchetti e capii al volo cosa avevano in mente, mi chinai in avanti dando modo a Marco di infilarmelo nel culo mentre Angelo penetrava lui.
Le mie fantasie avevano finalmente preso corpo.
Passammo il resto della serata a scambiarci effusioni e, prima di congedarci, li succhiai a turno tutti e due.
Quando raccontai la cosa a Carla ne fu felice e anche invidiosa, mi feci ripetere il racconto più volte finché non riuscì a strapparmi la promessa che avrei fatto in modo di coinvolgere anche lei nei nostri partouze.
In effetti non dovetti faticare molto fu Angelo a propormelo qualche sera dopo.
Il pomeriggio telefonai a Carla tutta eccitata, ne fu entusiasta. Non ci fu bisogno di ricordarle di portare il nostro giocattolo.
Carla si trovò immediatamente a suo agio e fra lei ed Angelo nacque una immediata simpatia.
I due uomini si mostrarono interessati al nostro giocattolo tanto che qualche sera dopo Marco ne portò una a casa tutto per noi che provammo subito con grande soddisfazione da parte di entrambi.
Passammo delle bellissime serate tutti insieme e quando giunse l’estate decidemmo di partire insieme saremmo sembrate due coppie di amici in vacanza.
Non ricordo da chi partì l’idea ma al ritorno a casa Carla ed Angelo decisero di sposarsi noi saremmo stati i loro testimoni.
Inutile dire che la luna di miele la facemmo in quattro. FINE

About Porno racconti

La letteratura erotica ha sempre il suo fascino perché siamo noi a immaginare e a vivere, seduti su una comoda poltrona o a letto, le esperienze e le storie raccontate qui, Vivi le tue fantasie nei miei racconti, i miei personaggi sono i tuoi compagni d'avventura erotica. Buona lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.