Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / I colori della vita
copertina racconto erotico

I colori della vita

Dopo il venerdì di castità ero pronto a chiavarmi Lidia e Gianna in compagnia del mio amico Ben, lui arrivò verso le 8. 30 ci salutammo “ti ringrazio Dido sei un amico, non avevo mai chiavato così, e avevi ragione inculare una donna è fantastico”
“hai soddisfatto le mie amiche e sono contento, stamattina ce ne faremo altre due, stai attento ad incularle perché ce l’hanno molto stretto”
“te le sei già fatte eh”
“certo le ho sverginate io di culo, sono mamma e figlia due bombe, vai su nel camerino e aspettaci nudo”
lui si incamminò, dopo poco vidi entrare Lidia e Gianna con una ragazzina asiatica, chiusi il cancello dietro di loro Lidia fece le presentazioni “questa e Shini, la mia colf ha 19 anni ma ne dimostra quindici, è tailandese” le strinsi la mano e lei abbassò gli occhi” la guardai meglio dimostrava davvero quindici anni era piccolina, un metro e cinquanta, con un fisico che sembrava normale sotto il vestitino a fiori che indossava, lo sguardo era molto dolce. Gianna aggiunse l’abbiamo iniziata al sesso ma vuole provare con un uomo, è vergine” a queste parole andai subito in erezione Lidia esclamò “vedo che ti interessa, ma dove è la tua sorpresa, le guidai nei camerini e chiamai Ben, Lidia e Gianna rimasero a bocca aperta e Shini sbiancò, feci le presentazioni “come vedete è una grossa sorpresa” Lidia e Gianna si erano strappate i vestiti di dosso e si inginocchiarono a sbocchinare Ben, io mi spogliai e sfilai delicatamente il vestito a Shini e la trovai nuda, rimasi stupito il seno no era piccolo come sembrava era una terza alto e sodo, la fica era quasi imberbe e il culo era tondo a sodo come constatai subito palpandolo la baciai i bocca e scesi al collo sentendola tremare scesi lentamente al seno “stai tranquilla, ti piace come ti tocco” lei susurrò “siii, siiii” leccavo i suoi capezzoli che si erano induriti e lei mi menava lentamente l’uccello, nel frattempo Gianna si era sdraiata e Ben le leccava la fica con ardore mentre Lidia continuava a spompinarlo, io leccavo le natiche di Shini insistendo sul buchino, vide che colava umori e passai a leccarle le fica, Ben si stava scopando Gianna che muoveva scompostamente la testa a causa dei gran colpi che riceveva in fica, Lidia leccava i coglioni a Ben e si rivolse a Gianna “godi figlia mia, ha le palle belle piene e tra poco ti allaga tutta” Gianna godeva continuamente e senti Ben riempirle l’utero mugolando “siii la tua sborrraaa, vengo” e lo strinse a se, io continuavo a leccare Shini giocando con il suo clitoride e forzando piano piano il suo fichino lei godeva e venne stringendomi la testa “siiii, sei meglio della padrona”
Adele alla pecorina si stava beccando l’uccellone di Ben in fica, Gianna scivolò verso di me e dopo avermi bene insalivato il cazzo si sdraio facendo mettere Shini a 69 e continuando a leccarle la fichetta prese il mio belino e lo guidò dentro l’asiatica, spinsi dolcemente e sentii cedere l’imene, Shini che leccava Gianna tirò un gridolino, ma fu sopraffatta dalla lingua di Gianna e dal mio cazzo che ora la pistonava e diceva qualcosa nella sua lingua, mi stavo godendo quel fichino strettissimo e cominciai con un dito a prepararle il culetto Shini mi disse “dopo prima sborrami nella fica” accelerai il ritmo, anche Ben aveva accelerato e Lidia era in pieno orgasmo, al ché Ben lo estrasse e le trapanò il culo Lidia urlò “traditore mi sfondi” Ben alternava i colpi tra la fica e il culo di Lidia che si stava abituando a prenderlo nel culo e godeva Ben allo stremo le fece un clistere di sborra nel sedere, mentre Lidia sconvolta ” mi ha messo allo spiedo e ora mi farcisce”, Gianna venne sotto la lingua di Shini e io sborrai con getti potenti dentro quel fichino vergine “Shini troietta prendiiii” “siiiiii, sono donnnnaaaa” urlò.
Noi maschi eravamo ancora in tiro, io continuai a scoparmi Shini stavolta a spegni moccolo mentre Ben fotteva Gianna alla pecorina e Lidia si sedette sul mio viso dandomi la passera da leccare mentre succhiava i capezzoli di Shini “ti stà fottendo, bene sei contenta piccolina” disse Lidia a Shini “sii padrona è bello duro, lo voglio dappertutto” e dicendo ciò si alzo e si appoggio l’uccello allo sfintere inculandosi da sola, il suo sederino era ancora più stretto della fichina, quando se lo fu infilato tutto dentro le feci fare perno sul mio cazzo e me la sdraiai addosso di schiena lasciando la sua fica spalancata “Ben vieni ad aiutarmi” esclamai e lui non se lo fece ripetere e ancora viscido degli umori di Gianna le si puntò in fica, Shini accuso il colpo “mi sventrano, ahhhh” ci fermammo per farla abituare alla doppia penetrazione e al cazzone di Ben in quella fica quasi vergine fu lei stessa che prese a muoversi “oohhh, ora sììì, è belllooooo” e continuo nella sua lingua, stavamo raggiungendo tutte e tre l’orgasmo e Shini tremò mentre ci svuotavamo in lei.
Ben si sfilò subito raggiunto da Lidia e Gianna che gli ripulivano l’uccello, mentre Shini leccava il mio, diedi a Shini la cintura con il doppio fallo e dopo avergliela fatta indossare “scopati la padrona” lei gorgogliò “siii, il mio sogno” Adele era alla pecorina e non si aspettava l’assalto di Shini che la infilzò prima in fica e poi nel culo con i falli artificiali “Ma cos’è, Shini, piccolina chiavami” lei stantuffava nei due buchi “padrona sei mia ti riempio tutta” intanto Ben steso per terra si era fatto cavalcare da Gianna e io ne approfittai per incularla “due cazziii, in meeee, rompetemi”.
Shini aveva già portato Lidia all’orgasmo e mi chiamò “Dido vieni a sborrarle dentro che io non posso, uscìì da Gianna e riempi la topa di Lidia rimasta vuota, sentii un urlo era Ben che si inculava Gianna mentre Shini era corsa a leccarle la passera, “Lidia era sconvolta “dammi la tua crema, fammi sentire porca” continuai con qualche colpo ancora e poi lo estrassi sborrandole sulle tette e sul viso “tieni troia ti lavoooo” gemetti Ben aveva scansato le due donne e ora gli veniva copiosamente in faccia imbrattandole, le tre donne si leccarono golose a vicenda la nostra sborra.
Giacemmo soddisfatti Lidia ruppe il silenzio ” mi sento i buchi in fiamme, ma felice di averli così”. FINE

About Porno racconti

La letteratura erotica ha sempre il suo fascino perché siamo noi a immaginare e a vivere, seduti su una comoda poltrona o a letto, le esperienze e le storie raccontate qui, Vivi le tue fantasie nei miei racconti, i miei personaggi sono i tuoi compagni d'avventura erotica. Buona lettura.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Daniela la voyer

I due uomini che si stavano facendo spompinare, erano entrambi 50enni, stavano apprezzando decisamente il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.