Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / Il mio compleanno
copertina racconto erotico

Il mio compleanno

Sabato 27 ottobre 2001:

Oggi è il giorno del mio compleanno e devo confessare, che sono terribilmente eccitata e curiosa di sapere che cosa mi aspetterà questa sera. Infatti, è da lunedì scorso che mio marito Alex sta lavorando freneticamente per organizzarmi questa serata, e senza mettermi a conoscenza di nulla. Frenetici sono stati i contatti, sia telefonici sia privati, tra lui ed il nostro amico architetto Mauro, e l’unica cosa che ho capito è che mi stanno organizzando qualcosa insieme. La curiosità poi, mi è notevolmente aumentata ieri sera, quando Alex si è presentato a casa con una scatola enorme tutta impacchettata ed infiocchettata. “Tieni amore, questo sarà il tuo abbigliamento di domani sera, ma non è il mio regalo di compleanno; quello lo avrai domani! ” Apro subito la scatola:
dentro c’è un abito bellissimo, di raso nero, lungo, con uno spacco che parte dall’inguine, bretelline dorate sulle spalle, coppe sul seno ed una trasparenza di organza nera, che va da sotto al seno al punto vita, con sopra delle paillettes nere. Poi ci sono un paio di autoreggenti nere di seta, un tanga nero che definirlo microscopico significa dire che è molto coprente ed un paio di scarpe nere, di vernice, uno chanel classico, con il tacco a spillo da 15 cm. e una mini-zeppa da un cm sotto la pianta. Provo il vestito, poi le scarpe; sono al settimo cielo, abbraccio e bacio mio marito. Le scarpe mi fanno stare il piede molto inclinato, sono diverse da tutte quelle che possiedo (più di 100 e tutte da troia! ) perché hanno un solo centimetro di zeppa su 15 cm. di tacco, mentre di solito o sono con il tacco da 13 su una zeppa piccola o da 15 cm. su una zeppa da 4. La sorpresa però, non finisce qui, perché mio marito mi dice il resto:
“Domani, dopo pranzo, partiamo. Andiamo in Umbria, nel casale di Mauro. Lì avrai la tua festa di compleanno! ” Poi stamattina, Alex mi ha dato il suo regalo, uno splendido collier di oro bianco con un ciondolo che ha due cuori intrecciati pieni di pietre, ed anche questo lo indosserò questa sera. Verso le 2 del pomeriggio arriva Mauro. Lascia nel nostro box la sua auto e partiamo con la nuova Jeep di Alex. Battezzo subito la nuova Pajero, esibendomi ancora una volta, nella regina di tutti i pompini, con Mauro sul sedile posteriore. Arriviamo nel casale, un enorme casale di inizio 900, tutto restaurato, in una frazione di un paesino sul lago Trasimeno. Mauro ci fa vedere subito il salone dove si farà la cena e la festa. è un ambiente immenso, 20 metri x 35, con un camino di due metri per uno e mezzo, un tavolo enorme e lunghissimo da una parte, nove materassi disposti in 3 file da 3 che formano un immenso letto, avvolti con delle lenzuola nere. Sono le 4 e mezza però, e ancora non è arrivato nessuno. Io non ho la più pallida idea di chi ci sarà a questa festa e loro due non hanno la minima intenzione di dirmelo! Anzi, Mauro mi dice che io dovrò restare nella nostra stanza da letto dove poi dormiremo io ed Alex, al piano di sopra, fino a quando non mi chiameranno loro, cioè verso le nove di questa sera. Così è la situazione, ed io non devo far altro che stare al gioco anche se muoio dalla curiosità! Rimango così in camera, dove mi rilasso un po’, mi faccio un bagno caldo (a proposito, che differenza di clima tra qui e Roma! A Roma siamo ancora a 27 gradi, qui ce ne sono poco più di 10! ) e pian piano mi vesto con quello che mi ha regalato Alex. Nel frattempo sento Alex e Mauro che trafficano di sotto per sistemare il tutto, ma sento anche altre voci che non conosco. Poi, man mano, sento che arrivano macchine ed altra gente e la mia curiosità cresce sempre di più! Le nove si avvicinano, ed io sono pronta:
lo spacco del vestito fa vedere completamente il bordo delle autoreggenti di seta, il sottile filo del tanga si nasconde del tutto tra le mie chiappette, le mie tette sono libere dal reggiseno, i 15 cm. di tacco a spillo ed il trucco ben marcato mi danno un perfetto aspetto da gran troia! Le 9, 07, e finalmente arriva la voce di Alex che mi chiama e mi dice di scendere. La tavola è apparecchiata, tovaglia nera, tovaglioli dorati, flute per champagne, candele rosse accese; conto i coperti, sono 32. Nel salone ci sono solo Alex e Mauro però; pantaloni eleganti, camicia e cravatta, senza giacca. Mauro, finalmente, inizia a spiegarmi:
“Questa sera, cara Barby, riceverai in dono, un uomo per ogni anno che oggi festeggi! è stata dura, ma alla fine siamo riusciti a portarti qui ben 30 uomini tutti per te! Il gioco consiste in questo:
tutti e 30 gli uomini potranno fare sesso con te fino a quando tu resisterai e dirai basta! Abbiamo pensato di numerarteli tutti, in una maniera un po’ goliardica, ma così sicuramente non perderai il conto! ” Detto questo, entrambi indossano una maglia da calcio, di quelle che si comprano nei negozi di articoli sportivi per fare tornei amatoriali; Alex ha il numero 1 grande di dietro e piccolo davanti, Mauro il 2. “Io sono il numero 1 – mi dice mio marito – Mauro il n. 2” “Ora ti presentiamo uno per volta gli altri” conclude Mauro. Inizia a chiamarli tutti, uno per volta. I ragazzi scendono dalle scale ed hanno anche loro la maglia con il numero. Arrivano nell’ordine di numero, con il 3 e con il 4 i nostri amici Mario il dentista e Pierfrancesco (che erano con me e Paola sabato scorso); con il 5 Stefano (il nostro commercialista che era con noi sabato 6 ottobre) e con il n. 6 suo cugino Peppe (con il quale ho scopato spesso fino ad un paio di anni fa); i n. 7, 8 e 9 sono Daniele, il mio amante ufficiale, suo fratello Cristian ed il loro amico Massimo, il 10 è Giorgio (vedi MI SENTIVO TANTO TROIA QUELLA SERA! ), l’11 il nostro amico Attilio con il quale non scopo da diverso tempo. Franco, ancora Franco e Davide, i 3 amici di Paola dello scorso weekend, sono i n. 12, 13 e 14, mentre il 15 ed il 16 sono Simon, l’istruttore somalo di aerobica di Paola, e Fabio, anche loro facenti parte del gruppo di sabato scorso a casa al mare di Paola. Il 17 è Flavio, l’uomo di Paola, quindi inizio a pensare seriamente che ci sia anche Paola stasera! I numeri 18, 19, 20 e 21 sono 4 ragazzi con i quali abbiamo fatto svariate batterie due anni fa insieme a Peppe, il cugino del commercialista, e che non vediamo da diverso tempo:
sono Marco, Gianni, Massimiliano e Riccardo.
Con mia grande sorpresa vedo che il 22 è Giuliano, il benzinaio sotto casa nostra, accompagnato dai n. 23 e 24, Arif e Pierre (vedi la 6^ parte di UN’ALTRA INTENSA SETTIMANA). I numeri 25, 26, 27 e 28 sono 4 ragazzi che non conosco assolutamente. Me li presenta Mauro:
“Questi 4 ragazzi non li conosci. Sono ragazzi a posto, del nostro giro, già testati da Tiziana (la sua ragazza). Si chiamano Filippo, Gianluigi, Emanuele e Walter. ” I conti non mi tornano però. 26 ragazzi, più me, Alex e Mauro, ed a tavola ci sono 32 coperti. Mi mancano 3 persone, eppoi compio 30 anni, non 28! Ed ecco che con mia grande sorpresa, gli ultimi due ragazzi a comparire dalle scale sono Michael e Raphael, i due ragazzi neri dello staff dell’animazione del villaggio di Santo Domingo! Subito dopo appare Paola, la mia dolce amica troietta, e così vengo messa al corrente di tutta la fatica che hanno fatto mio marito, Mauro e Paola per organizzare questa serata, soprattutto, quanto hanno dovuto sudare per far venire Michael e Raphael in Italia. Sono contentissima, poi, mio marito mi rende ancora più euforica informandomi che “Michael e Raphael staranno qui fino a domenica prossima, ed ho pensato di ospitarli a casa nostra! Potresti metterti in malattia dall’ufficio, così gli terrai compagnia! ” Certo che farò così! Mi farò sbattere per 8 giorni consecutivi dai cazzi più belli dei Caraibi! Non ho di certo intenzione di farmi sfuggire questa occasione! Mauro poi, mi informa che posso stare tranquilla con tutti i ragazzi presenti, ” perché a tutti quelli che non conosci o che conosci poco, li abbiamo obbligati a fare il test dell’HIV per partecipare alla festa e di farci vedere i risultati. Quindi, cara Barby, puoi farti riempire di sperma come piace a te da chi vuoi e fino a quando vuoi! ” Paola mi informa che lei, almeno inizialmente, riprenderà tutto con la telecamera, poi, solo se io voglio, parteciperà anche lei all’orgia. Le dico che deve partecipare assolutamente, alchè lei mi dice che almeno il primo giro lo devo fare con tutti e 30 i ragazzi e lei riprenderà tutta la scena. A questo punto ci accomodiamo a tavola ed iniziamo a cenare, e qui c’è un’altra sorpresa:
la cena è servita dal cameriere nigeriano che era a casa di Stefano 3 sabati fa, Nwanko (vedi sempre UN’ALTRA SETTIMANA INTENSA parte 6) e da 3 suoi amici connazionali, Zizì, George e Kalou. Facendo un rapido conto, ci sono in tutto 34 uomini, di cui 9 di colore! Però! Bella seratina eh? !! Ceniamo e brindiamo a Champagne, poi, poco dopo le 11, dopo numerosi brindisi e toccatine, mi alzo in piedi, tolgo il vestito rimanendo in tanga, calze e tacchi a spillo, e dico a tutti:
“Ora voglio le mie 30 candeline! ” In un attimo i ragazzi si spogliano, Paola, rimasta anche lei in tanga, calze e tacchi a spillo, accende le telecamera ed inizia le sue riprese. Io spiego le regole del gioco:
“Voglio che tutti mi scopiate o mi inculiate, quindi ci divertiremo a gruppi di 5, nell’ordine in cui vi ha numerato Mauro, ma man mano che uno di voi che mi scopa o mi incula viene, uno dei 3 rimasti tra la mia bocca e le mie mani, si accomoderà nella mia fichetta o nel mio culetto. Quando l’ultimo dei 5 sarà venuto, mi dedicherò ad altri 5! ” Sfilo il tanga e mi inginocchio sul mega-letto ideato da Mauro ed Alex, faccio mettere tutti e 30 i ragazzi in circolo intorno a me ed inizio a succhiare i loro cazzi, ad uno ad uno, sentendo tutti i loro differenti sapori, la differente durezza e grandezza. Quando ho assaggiato anche l’ultimo, informo tutti che ora si farà sul serio! Faccio sdraiare mio marito, mi impalo la fica sul suo cazzo ed inizio a cavalcarlo; dietro Mauro inizia a spingere ed in un attimo me lo ha piantato nel culo, mentre Mario mi piazza il suo cazzo davanti la bocca ed io inizio a pomparlo; chiudo la cinquina con Pierfrancesco e Stefano, smanettando i loro cazzi, uno per mano. Finalmente mi sento una gran porca come piace a me, piena di cazzi ovunque! Arriva veloce il primo di numerosi orgasmi, i miei mugolii sono sempre più forti, ma sempre soffocati dal cazzo che ho in bocca! Mio marito mi riempie la fica di sperma, quindi Mario si mette sotto di me e prende il suo posto, mentre prendo la mazza di Pierfrancesco in bocca. Poi è Mauro ad inondarmi il culo di sperma ed il suo posto viene preso da Pierfra, mentre ora in bocca ho quello di Stefano, che prende il posto di Mario quando quest’ultimo aggiunge il suo sperma a quello di Alex nella mia fica ingorda!
Rimango in doppia penetrazione con Stefano e Piefrancesco fino a che mi riempiono ancora di più la fica ed il culo di sperma, poi invito Paola a sdraiarsi in modo che io, in piedi sopra di lei, faccia cadere dai miei buchi sul suo corpo, lo sperma dei primi 5 ragazzi! Faccio il secondo round, facendo sdraiare Peppe sotto di me, solo che questa volta mi metto di spalle a lui e mi impalo il culo sul suo cazzo, poi sopra mi viene a scopare Daniele, mentre prendo l’uccello di Cristian in bocca e quelli di Massimo e Giorgio nelle mani. Il primo a riempirmi è Peppe, ed il suo posto nel mio culo viene preso da Cristian così come il suo nella mia bocca viene preso da Massimo. Quando invece a venire nella mia fica è Daniele, inizia a scoparmi Massimo e prendo quello di Giorgio in bocca. Sto godendo come una pazza, come penso di non aver mai goduto, e sento un altro schizzo caldo nel culo:
è Cristian che mi ha riempita per bene anche lui! Finisco così il secondo round con la mazza di Massimo che mi scopa e quella di Giorgio che da sotto mi incula, e quando i due vengono praticamente nello stesso momento, riempiendomi la fica ed il culo già oscenamente pieni di sperma, ho l’ennesimo, sconvolgente orgasmo! Paola viene ancora a ripulire i miei buchi, ma questa volta io sono sdraiata e lei succhia tutto quello che ho dentro, fino a farmi venire ancora succhiandomi il clitoride! Il terzo giro lo inizio cavalcando Attilio, mentre dietro Franco mi incula, l’altro Franco amico di Paola mi scopa in bocca mentre smanetto gli uccelli di Davide e del nero Simon. Franco mi viene nel culo e l’altro Franco prende il suo posto, mentre ora prendo in bocca quello di Davide e smanetto ancora Simon. Anche l’altro Franco aggiunge il suo sperma nel mio culo, quindi ora è Davide ad incularmi e Simon a scoparmi in bocca. Attilio ancora resiste, mentre Davide mi lascia la terza sborrata nel culo e subito dopo, Simon inizia ad incularmi. Anche lui viene dentro il mio ano, quindi rimango a cavalcare Attilio furiosamente per quasi 5 minuti. Il suo cazzo mi provoca orgasmi a ripetizione, lo cavalco e lo sento fino all’utero, poi sento la verga che mi vibra dentro ed il suo urlo di piacere che accompagna la sua sborra nella mia vagina! Dopo il solito lavoretto di Paola, inizio il quarto round scopandomi Fabio, poi Flavio da dietro mi incula, prendo quello di Marco in bocca e quelli di Gianni e Massimiliano in mano. Questa volta, la prima sborrata la riceve la mia fica, quando Fabio mi scarica dentro tutto il suo seme, subito dopo è Flavio ad inondarmi dietro. Ora cavalco Marco mentre Gianni mi incula ed ho in bocca quello di Massimiliano, il quale inizia a scoparmi quando anche Marco mi riempie la fica di sperma. Dei due rimasti nella doppia penetrazione, mentre io sono letteralmente sconvolta dagli orgasmi che ho avuto, mi riempie prima Gianni dietro, poi Massimiliano davanti. Finito questo quarto giro, c’è ancora da bere per Paola, poi inizio il quinto giro impalandomi il culo su Riccardo mentre da sopra Giuliano mi scopa, Arif me lo mette in bocca ed io prendo le mazze di Pierre e di Filippo in mano.
Viene per primo Riccardo, così il suo posto nel mio culo sotto di me, viene preso da Arif. La sua mazza nera enorme si fa sentire, nonostante in questo momento il mio culo sia diventato una voragine e sia pieno dello sperma di Riccardo! Quando poi anche Giuliano mi riempie la fica ed il suo posto viene preso da Pierre, inizio ad urlare tutta la mia goduria, tanto che non riesco a prendere in bocca il cazzo di Filippo per quanto sto urlando. I due neri mi sbattono per svariati minuti, facendomi urlare e godere sempre di più, fino a farmi provare uno degli orgasmi più intensi e sconvolgenti della serata, quando mi scaricano il loro sperma nella fica e nel culo praticamente nello stesso istante. A finire il giro è Filippo, che aggiunge altro sperma nella mia fica. L’ultimo giro lo inizio cavalcando Gianluigi, mentre dietro Emanuele mi incula, Walter me lo mette in bocca ed in mano prendo i due uccelli neri di Michael e Raphael. Emanuele mi viene nel culo, quindi Walter entra subito al suo posto, mentre io inizio a spompinare di gran gusto il mio cazzo nero preferito:
quello di Michael! Quando anche Gianluigi e Walter mi riempiono i miei due buchi di sperma, inizio a fremere, perché finalmente posso riprendermi le mazze di Michael e di Raphael che tanto mi hanno fatta godere a Santo Domingo! Scopo Raphael mentre Michael mi incula, e questa doppia penetrazione mi manda letteralmente in estasi. Mi dimeno furiosamente seguendo il loro ritmo forsennato, e quando mi scaricano dentro il loro sperma, cado sui materassi letteralmente stremata! Subito dopo, la mia dolce amichetta troia mi ripulisce per bene con la lingua!
A questo punto, salgo in camera con mio marito e vado a fare una doccia, dicendo a Paola di spegnere quella telecamera e di iniziare a divertirsi
anche lei, cosa che lei, da vera gran troia, non si fa dire due volte! Mentre faccio la doccia, non smetto mai di ringraziare mio marito per questa serata stupenda che mi ha regalato. Voglio premiarlo almeno con una pompa, ma lui mi dice che c’è tempo per fargli una pompa, e di sbrigarmi a scendere così mi potrò scatenare ancora! Quando riscendiamo nel salone, troviamo Paola sdraiata di schiena impalata nel culo sul cazzo di Attilio, mentre sopra di lei Marco la sta scopando; la mia amica ha inoltre la mazza nera di Pierre in bocca e quelle di Arif e di Giorgio in mano. A questo punto mi ributto in mezzo! Si avvicinano a me Daniele, Peppe e Giuliano; Peppe si sdraia a terra e mi intima di mettermi alla pecorina su di lui ed inizia a leccarmi la fica. Mentre Peppe mi lecca gli altri due mi mettono il cazzo davanti la bocca, ed io inizio a spompinarli uno per volta, cercando anche di metterli tutte e due in bocca. Poi Peppe passa a scoparmi, facendomi cavalcare il suo cazzo, mentre Daniele mi piazza il cazzo in culo dopo averci sputato sopra ed avermi dilatato con un dito e poi con due dita il buchetto. Giuliano continua a farselo succhiare; mi sto scaldando di nuovo a dovere come una gran troia. Sono tutti e tre sincronizzati bene e mi lavoravano con buoni ritmi. L’atmosfera è diventata di nuovo bollente, ed ora gli altri ragazzi si muovono intorno a me ed a Paola nervosamente eccitati dalle scena a cui assistono. Io sono alla pecorina posseduta da Peppe, sdraiato sotto di me, nella fica, Daniele mi incula da dietro mentre Giuliano mi offre ancora il cazzo da leccare, facendomi alternare i coglioni all’asta turgida.
Succhio e lecco incitata dal resto dei maschi che vociano tra loro aspettando il loro turno per spassarsela. Ad un certo punto Giuliano viene con un urlo liberatorio e mi schizza 3 lunghi fiotti di sborra direttamente in faccia, poi gli lecco e pulisco la cappella da vera troia quale sono, lucidandogli il cazzo e guardandolo negli occhi. Anche Peppe e Daniele vengono e sono bravi a trattenersi per scaricarmi la loro sborra in gola (Alex e Mauro si sono raccomandati ora di farmi bere più sborra possibile! ). Dopo questo gruppo di 3 maschi, mi concedo ad un duetto, formato da Stefano e dal nero Simon. Mi rimetto alla pecorina, spompino la mazza di Stefano con il mio solito entusiasmo, mentre Simon mi penetra con due dita il culo, per poi penetrarmelo con la sua dura mazza nera Seguito a spompinare il bastone di Stefano, mentre Simon continua a stantuffare da tergo il mio culetto.
Succhio il cazzo di Stefano rumorosamente fino a meritarmi una lunga sborrata in gola che ingoio senza perdere una sola goccia. Simon, a questa vista, aumenta il ritmo delle spinte e dopo pochi istanti si alza in piedi e a sua volta gode nella mia bocca; ingoio tutto lo sperma velocemente, date le dimensioni del cazzo di Simon, poi lucido i cazzi di entrambi per bene e dopo avermi dato una piccola sculacciata di compiacimento, mi lasciano ad altri maschietti! Mentre vedo che anche Paola ha il suo bel da fare presa a sandwich dai camerieri nigeriani Nwanko e Zizì, si avvicinano dalla mia parte Marco, Massimiliano, Mauro e Cristian. L’orgia continua ed io mostro a tutti di quanto sesso avessi bisogno. I 4 maschi sono con i cazzi già duri e subito mi prendono nel culo e nella fica! Sono impalata nel culo sul cazzo di Cristian e vengo scopata da davanti da Mauro, mentre spompino a turno Marco e Massimiliano. Rimaniamo parecchio in questa posizione che mi consente di godere come un fiume in piena, tanto che la mia fica inizia a spruzzare così tanti umori che sembra essere pipì! Questo gruppo, inoltre, è molto loquace e mi insultano in ogni modo, come piace a me. “Troia, prendilo in culo! . ” “Succhia Pompinara! ” “Guarda quanto è troia questa vacca! ” “Strizzale bene quelle tette da puttana! ” Non cambiamo mai posizione:
Cristian, che mi incula, affonda con dei colpi fortissimi, lenti ma violenti negli affondi, mi pompa con stile e tempi ben rodati. Vengo di nuovo, e mentre vengo, gli assalti di Mauro in fica mi fanno impazzire; inoltre lui mentre mi scopa, contemporaneamente mi strizza le tette tanto da farmi quasi male. Mentre Cristian nel culo mi sfonda con 5 o più terribili affondi, i due in piedi vengono contemporaneamente inondandomi il viso, che oramai assomiglia ad una maschera di sborra! Tocca a Mauro e Cristian venire ora, ed i due mi sbattono forsennatamente a sandwich fino a riempirmi culo e fica del loro sperma. Vado di nuovo in bagno a lavarmi e quando riscendo sono quasi le 3, quindi sono quasi 4 ore che vengo scopata in fica ed in culo oltre che in bocca dai vari gruppetti di ragazzi, ed anche Paola ormai sono più di due ore che si sta facendo sfondare ovunque! Sia io che Paola però non abbiamo la minima intenzione di dire basta! Godiamo nell’essere scopate ed usate nei modi più selvaggi e perversi! Chiamo vicino a me un trio tutto nero, Michael, Raphael e Pierre, è già mi bagno al pensiero di quelle 3 super mazze nere! La loro erezione è già mostruosa, eccitati da tutto ciò a cui hanno assistito. Sono freschi e spavaldi, mentre io devo ammettere di essere un po’ stanca per gli innumerevoli duelli di sesso a cui mi sono sottoposta. Inizio leccando i loro cazzi e le loro palle, usando molta saliva. Passo la bocca da un cazzo all’altro lavorando con maestria ogni cazzo, ma soffermandomi di più su quello di Michael, gustandomelo e lavorandomelo con molto gusto. Mentre spompino un cazzo, gli altri due mi accarezzano dolcemente su tutto il corpo, la mia lingua solca le aste nere dei ragazzi, soffermandomi sulle cappelle congestionate dall’erezione. Nel frattempo, gli ragazzi che si sono messi intorno a noi guardare, incitano i ragazzi neri a spaccarmi la fica ed il culo! Invece i tre ragazzi mi stanno coccolando e nel frattempo io li ricompenso offrendo dei favolosi pompini! Poi Raphael mi prende da dietro nel culo, ma con dolcezza. Mi pompa con ritmo stando attento a non forzare i tempi. Michael si posiziona sotto di me, nella fica e sincronizza i movimenti con l’amico che mi sta inculando; entrambi pompano di buona lena, ma dolcemente, accarezzandomi le tette ed il resto del corpo. I miei urli di piaceri sono soffocati dal cazzo di Pierre che ho in bocca! Dopo diversi orgasmi, e che tutti e tre si alternano nella mia fica, nel mio culo e nella mia bocca, i tre ragazzi neri si mettono intorno a me smanettandosi l’uccello e scaricandomi in faccia ed in bocca tutto il loro sperma! A questo punto mi appare Mauro con un grosso bicchiere da birra.
Nel frattempo vedo che parecchi ragazzi si stanno masturbando. Mauro mi mette il cazzo in bocca ed io ricomincio a lappare e succhiare con gusto. Mauro mi dice:
“Guardami, ora tutti vedranno che gran troia tu sei! ” Io, incuriosita da cosa avesse in testa Mauro, prendo di buona lena a succhiare il cazzo, emettendo gemiti di piacere quando sento dietro di me, che un cazzo mi stantuffa la fica. Neanche vedo che sia, godo e basta! Quando si toglie vedo che è Mario, poi subito un altro ricomincia a scoparmi da dietro, mentre Mario viene nel grosso boccale che Mauro ha in mano. Capisco l’idea di Mauro; dopo Mario, Stefano, Peppe, mio marito Alex, Arif, Flavio, Gianluigi, Fabio, Simon, Giorgio, Attilio e lo stesso Mauro, prima mi scopano alla pecorina, poi ognuno sborra nel boccale! Il bicchiere è piena per più della metà dell’osceno cocktail di sperma e Mauro me lo porge, dicendomi:
“Ora mia bella troiana, dovrai bere tutto il calice! ” Io, seppur stupita della proposta, sono presa da un lampo di orgoglio ed accetto la sfida! Mi sdraio con la bocca aperta e la lingua di fuori in fremente attesa, mentre Mauro inizia a rovesciare lentamente nella mia bocca il miscuglio di sperma, lentamente, per centrare meglio la mia bocca spalancata! Inizio ad ingoiare, poi Mauro si ferma un attimo per farmi riprendere fiato ed ingoiare lo sperma che ho in bocca, per poi ricominciare l’osceno gioco. Da gran troia quale sono, ingoio anche la seconda ondata del prezioso cocktail, poi un’altra pausa e giù con la terza colata del succo contenuto nel boccale. Purtroppo, vengo improvvisamente presa da conati di vomito e mi giro su me stessa vomitando in terra tutto il fiume di sborra che ho mandato giù finora. Mi vergogno terribilmente, mentre Alex e Mauro mi consolano e mi dicono di non perdere la calma e di non preoccuparmi:
“In fondo hai già dimostrato a tutti quanto sei troia! “. Mauro ed Alex mi aiutano ad alzarmi e mi conducono in bagno, dove mi faccio una bella doccia calda, lavandomi anche i denti per farmi passere quel senso di acido in bocca. Dopo essermi asciugata, mi passo sulla pelle della crema idratante, ed eccomi come risorta dopo questo trattamento. Torno giù nel salone, indosso solo una paio di zoccoli neri di vernice aperti avanti con il tacco a spillo da 15cm. , e tutti stanno intorno alla mia amica Paola, scopandola ed inculandola in un orgia infernale. Stefano dice ad alta voce:
“Eccola qui! è tornata come nuova! Beato te Alex, che hai una donna simile! Buon Compleanno Barby!!! Sei la più grande troia del mondo!! ” Rido di gusto, poi rispondo:
“Beh, peccato che compio gli anni solo una volta all’anno!! Se ad ogni compleanno mi organizzate una festa del genere, vorrei compiere gli anni una volta a settimana! ” Nwanko mi porge una tazza di the caldo, “Per sistemarti un po’ lo stomaco! ” il suo pensiero gentile. Bevo il the, poi vedere la mia amica Paola godere in quel modo, mi fa ritrovare già con la fica di nuovo bagnata!
“Ehi io sono pronta, e voglio qui da me tutti e 9 i ragazzi di colore! ” Così, in un attimo, sono su una parte del mega-lettone con Michael, Raphael, Arif, Pierre, Simon ed i 4 camerieri nigeriani, Nwanko, Zizì, George e Kalou. Mi ritrovo subito distesa sul letto a gambe divaricate con la testa di Michael affondata fra le mie cosce, Raphael che lecca e succhia i miei capezzoli, Nwanko, con il suo cazzo lungo 25/27 cm. e almeno 5 di diametro nella mia bocca che lo lecco e lo succhio, mentre gli altri sei ragazzi neri sono intorno a me che si smanettano l’uccello. A turno me lo porgono davanti la bocca ed io li spompino tutti di gusto. Michael si rialza dalle mie cosce e, preso il suo cazzo in mano, me lo affonda nella fica ed inizia a pompare, mentre gli altri 8 ragazzi si alternano nella mia bocca ed io ricomincio a mugolare di libidine. La mia fica fa come uno sciacquio, perché è piena di umori, Michael mi ripiega le gambe all’indietro e ad ogni affondo mi tocca l’utero facendola smaniare ed urlare di piacere, poi accelera il suo pistonare e mi sborra abbondantemente dentro, tanto che come esce lo sperma mi cola bagnandomi il culo e bagnando il lenzuolo. Intanto anche Zizì mi viene in bocca, il suo sperma è talmente tanto che non riesco ad ingoiarlo tutto e mi esce dalle labbra colandomi sul viso. Nwanko si stende sul letto, mi prende e mi fa impalare mettendomi il cazzo nella fica, attirandomi a se, ed ora il mio culo è pronto per ricevere il cazzo di Pierre, che lo sta introducendo, aiutato da Nwanko che con le mani mi apre le chiappe. Davanti a me, in piedi sul letto, Raphael mi infila il suo cazzo in bocca che inizio a sbocchinare. Chiudono la mia cinquina Arif e Kalou che mi porgono le loro mazze nere da smanettare, ed ora ho un cazzo nella fica, uno nel culo, un altro in bocca e due nelle mani. George e Simon sono in piedi vicino al nostro gruppetto, col cazzo in mano, pronti a subentrare al posto di chi verrà per primo. Anche mio marito e Mauro si mettono vicino a guardarmi con il cazzo in mano. I 5 ragazzi neri si muovono in sincronia, mentre io ad ogni pompata smanio ed urlo sempre più forte ed incito i ragazzi a sfondarmi sempre di più, a spaccarmi per farmi godere. Dopo aver goduto almeno 3 volte, i ragazzi si fermano perché si vogliono dare il cambio. Ora è Simon che si sdraia e mi fa impalare il culo sul suo cazzo, Arif mi solleva e mi ripiega all’indietro le gambe e da sopra mi stantuffa la fica, mentre Kalou mi scopa la bocca e George e Raphael mi mettono i loro cazzi nelle mani da smanettare; Nwanko e Pierre invece, infilano le loro mazze dure ognuno tra un mio piede ed un mio zoccolo a spillo, tenendo premuti piede e zoccolo e facendosi praticamente una sega con i miei piedi e con le mie scarpe da troia. La prima sborrata mi arriva proprio sulla pianta del piede destro da Nwanko, mentre la seconda mi arriva sulle tette mentre faccio la sega a Raphael; poi Kalou mi viene in bocca e Pierre mi inonda l’altro piede e l’altra scarpa. George prende il posto di Kalou nella mia bocca, ed anche lui mi fa bere il suo caldo liquido, mentre Simon ed Arif mi sbattono ancora per una decina di minuti facendomi impazzire dalla goduria, fino a quando mi riempiono di sperma prima il culo, Simon, e poi Arif la fica. I ragazzi vanno a farsi una doccia, mentre io esausta sul letto, sono piena di sperma che mi cola dal culo, dalla fica, dalla bocca, sulle tette, sui piedi, ovunque praticamente! Anche Paola è piena di sperma ovunque, ed anche noi andiamo a farci una doccia. Dopodiché, visto che sono le 5 del mattino passate, chi non dormirà qui torna a casa. Nel casale restano, oltre a me e mio marito Alex, Paola, Flavio e Mauro, anche Stefano con suo cugino Peppe, Daniele con suo fratello Cristian, ed ovviamente Michael e Raphael che dovranno poi tornare a Roma con me ed Alex. Facciamo uno spuntino, latte, the, biscotti e cornetti per tutti, poi andiamo nelle camere da letto. Paola e Flavio però si portano nella loro camera Peppe, Cristian e Raphael, mentre io ed Alex andiamo nella nostra stanza da letto con Mauro, Stefano, Daniele e Michael. Inutile dire dopo neanche 10 minuti sono impalata nel culo sul cazzo di Stefano, mentre Mauro sopra di me mi scopa, spompino mio marito e smanetto le mazze di Michael e di Daniele! Tutti e 5 hanno già sborrato svariate volte stanotte, quindi mi sottopongono a questa magnifica tortura per più di tre quarti d’ora! Tutti passano nella mia fica, nel mio culo, nella mia bocca e nelle mie mani. Si danno il cambio, mettendomi ora impalata nel culo, ora nella fica. Godo, godo, godo ed ancora godo non so quante volte, mentre dall’altra stanza provengono le urla estasiaste di Paola che è nelle mie stesse condizioni di goduria! Alla fine, quando oramai si è fatto giorno, mi ritrovo ancora sul letto esausta e piena di sperma che mi cola dappertutto, dal culo, dalla fica, dalla bocca, dalle tette, praticamente in ogni parte del mio corpo c’è un po’ di sperma! Così, Mauro e Stefano vanno a dormire, ed anche Alex si addormenta. Io ho voglia di un’altra doccia prima di addormentarmi, ma, ahimè, Daniele e Michael mi seguono in bagno e vogliono fare la doccia con me! Sotto l’acqua scrosciante, mi ritrovo le mani dei due ovunque, e poco dopo, Daniele mi scopa tenendomi in piedi davanti a lui, una gamba è poggiata mentre l’altra ce l’ho avvinghiata su di lui all’altezza del suo sedere, per rendere il compito più agevole a Michael che è dietro di me e me l’ha piantano nel culo! Vengo ancora, poi Daniele si siede per terra, io lo cavalco, mentre dietro Michael ricomincia ad incularmi. I miei orgasmi sono ancora uno consecutivo all’altro, poi, quando ormai siamo sotto l’acqua della doccia da più di mezz’ora, a breve distanza uno dall’altro, mi vengono ancora dentro i miei preziosi buchi, questa notte quanto mai affaticati! Quando sono quasi le 8 e mezzo del mattina, decido che finalmente posso andare a dormire e riposarmi un po’ da questa festa di compleanno molto particolare! Però! L’anno prossimo saranno 31, e ci sarà un cazzo in più! Che bello!!!! FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.