Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / In tre con Paolo
Racconto erotico

In tre con Paolo

Siamo una coppia 40enne, sposata da 10 anni, non abbiamo figli e conduciamo una vita normale abbastanza agiata. Questo racconto risale a circa cinque anni fa ed è la storia del nostro primo incontro a tre. Nei nostri rapporti, molto normali, ricorreva spesso la fantasia di introdurre qualcosa di nuovo. Inizialmente ero io a fantasticare ma poi anche lei iniziò a immaginare come sarebbe stato con una terza persona e spesso mi diceva cosa avrebbe voluto. Sembrava che tutto questo sarebbe rimasta solamente una fantasia visto che nonostante i miei sforzi non facevamo mai il salto. Tutto questo cambia rapidamente in un normale giorno di fiacca, io ero andato a giocare a tennis con il mio amico Paolo mentre lei era rimasta a casa. Terminata la partita invito Paolo a bere qualcosa a casa mia. Prendiamo la macchina e ci avviamo. Arrivati a casa faccio accomodare Paolo in soggiorno dove c’era Elena che leggeva tranquillamente un libro, lei era in camicetta e slip ma senza reggiseno. Paolo e Elena già si conoscevano quindi non ci fu imbarazzo da parte di nessuno. Vado a prendere 2 birre e mi accomodo in soggiorno, Elena che continuava a leggere il suo libro si alza e offesa mi dice che non penso mai a lei e che potevo prenderle da bere. Si alza e si avvia in cucina, io e Paolo rimaniamo a bocca aperta, quelli che io pensavo fossero slip era invece un mini tanga con una invisibile cordicella dietro che si infilava in mezzo alle natiche. Io e Paolo ci guardiamo e iniziamo a ridere e a scherzare sul culo di Elena, non nascondo che comunque ero un po’ nervoso nel vedere Elena così decisa a mostrarsi a lui e subito penso alle nostre fantasie ed immagino che potrebbe essere la volta buona per combinare qualcosa. Elena torna e ci trova ancora intenti a ridere e un po’ offesa mi domanda il motivo, la guardo e dico
– non ti sei accorta di cosa indossi? Si vede tutto. Lei si volta leggermente e con il culo verso di noi dice
– non pensavo vi creasse problemi e se non vi piace basta non guardare. – mi guarda e sorride. Nella mia mente inizio a fantasticare, forse è la volta giusta, anche lei sembra eccitata, adesso cosa faccio per fare accadere qualcosa. Come immerso nelle mie fantasie mi alzo e mi avvicino e lei
– non volevamo offenderti, anzi, e solo che non pensavo che…. – e piano piano inizio ad accarezzarle il culo. La bacio e per un attimo mi dimentico della presenza del nostro amico, continuo ad accarezzarla e la mia mano si insinua tra le natiche allargandole. Lei si scosta e guardando Paolo
– dai smettila non siamo soli… – ecco, penso, ho rovinato tutto. Paolo cogliendomi di sorpresa
– non fate caso a me, anzi mi piace guardarvi, siete così eccitanti-. Ecco, penso, e adesso? Cosa faccio? Guardo Elena poi Paolo poi Elena e le sussurro
– non è quello che abbiamo sempre sognato di fare? E allora facciamolo se vuoi- la bacio sulla bocca e le mie mani ritornano sul suo culo. Lei è tesa non capisco se vuole oppure no ma poi mi stringe e sento le sue natiche ammorbidirsi al mio tocco. Continuo ad accarezzarla, ho la mano sotto il filo del tanga e le accarezzo il buchino del culo poi mi avvicino alla sua fica e sempre baciandola inizio a masturbarla. E tutta bagnata sento il dito entrare senza esitazione, ne metto due, mi lascio trasportare e con l’altra mano le accarezzo il seno da sopra la camicia. Faccio sedere Elena sul divano accanto a Paolo, le sollevo una gamba sopra il bracciolo e mi chino tra le sue gambe, sposto il tanga e metto in mostra la fica depilata. Guardo Paolo e gli sorrido, è tutto eccitato come me, Elena si corica leggermente e poggia la testa sulle gambe di Paolo. Inizio a leccare la fica e la sento gemere, la allargo con la mano e la lecco tutta dentro e fuori. Sento tremare Elena, mi volto a guardarla e vedo Paolo che le accarezza il seno e si avvicina a succhiarle i capezzoli, riprendo a leccarla e la sento tremare sempre più. è fatta, penso, adesso basta divertirsi tutti assieme. Le infilo le dita dentro la fica, 2 poi passo a 3, anche il terzo entra tutto dentro, lei sposta le gambe allargandola sempre si più. Sfilo le dita e le rimetto vedo il culo che si rilassa e sposto le dita verso questo buco, ne infilo uno poi il secondo.. sento stringere… le piace. Vedo una mano che le accarezza la fica, è Paolo che si è coricato sopra di lei, sono a 69. Mi alzo e mi spoglio, li guardo, lei sotto con ancora la camicetta tutta aperta e il tanga spostato lui sopra a torso nudo con i pantaloni calati. Guardo bene, lei ha tutto il suo cazzo in bocca e con la mano le stringe le palle mentre lui le lecca la fica, sono eccitato non l’avevo mai vista prendere in bocca il cazzo di un altro. Chiedo se non sarebbe meglio spostarci in camera da letto, Paolo acconsente, Elena mugugna con la bocca piena, nel tragitto lui si spoglia del tutto Elena rimane in tanga. Io faccio strada verso il letto loro mi seguono abbracciati che si toccano e si baciano. Mi corico sul letto pensando che lei mi venga sopra, invece si china e me lo prende in bocca poi mette un ginocchio sul letto allargando bene le gambe, Paolo le è dietro l’accarezza e le bacia la schiena poi le prende la testa e gliela schiaccia sul mio cazzo, gliela muove tenendola per i capelli… non pensavo fosse così porco Paolo, la prendo anche io per i capelli… non posso resistere così e decido che voglio vedere Paolo che la scopa. Dico a Elena di salire sul letto e mettersi a pecorina, lei sale e mi sorride, si mette con il culo in alto e la testa sul cuscino, io di fianco le massaggio il culo poi dico a Paolo
– dai scopala, ti vuole- lei si gira e mi sorride dicendo
– fate piano – guardo Paolo che aveva il cazzo in mano, era grosso non pensavo avesse quella misura e capisco la frase di Elena che lo aveva già provato in bocca. Se lo stringe alla base facendo gonfiare la cappella io allora allargo bene le chiappe, penso adesso glielo mette tutto in fica, lui si avvicina lo sfrega sulle labbra ma poi lo sposta verso il buco del culo. Sento Elena muoversi, capisco la sua paura, la tengo ferma, mi chino e lascio cadere della saliva sul culo, io e Paolo ci guardiamo e le faccio cenno di entrare. Appoggia la cappella ed inizia a spingere, Elena si dimena ma la tengo ferma, capisco che vuole dire qualcosa ma la zittisco le spingo la testa sul cuscino. Paolo inizia ad entrare, la cappella è dentro, la prende per i fianchi e lo spinge fino in fondo, mi avvicino a Elena, la guardo è tutta sudata trema ma gode. Mi metto davanti a lei e glielo metto in bocca, senti i colpi di Paolo sempre più profondi e sento il mio cazzo entrare tutto nella bocca di Elena. Dopo un po’ Paolo esce, guardo il culo di Elena tutto aperto, mi eccita da morire, propongo il cambio e prendo il posto di Paolo e lui il mio. Inizio a inculare mia moglie e lei oramai eccitatissima e appagata dai colpi di Paolo le prende il cazzo in bocca, mi eccita da morire come glielo succhia e spingo più forte, la insulto. Ho la testa che mi scoppia, voglio vederla di nuovo che scopa con Paolo, mi fermo, esco dal suo culo. Lei si sposta, fa coricare Paolo e poi gli sale sopra, se lo mette dentro la fica e inizia a scopare. Che porca penso, sembra che abbia letto nel pensiero. Mi metto in ginocchio sul letto a fianco di loro, li guardo scopare, lui sotto le stringe il culo e lei sopra che cavalca. Ad un certo punto Paolo la tira verso di se, le sussurra qualcosa nell’orecchio, si baciano, lei appoggia la testa sulla sua spalla e con le mani si allarga le chiappe, sono fermi, mi guardano…… lei mi sorride
– se vuoi ho un buco libero per te già aperto- la guardo poi penso al cazzo di Paolo
-allora cambiamo, ti fai inculare da Paolo- Elena strabuzza gli occhi poi sorride
– ma poi voglio un’altra cosa che Paolo già sa- e si mettono a ridere. Mi corico prendo Elena su di me, mi assesto nella sua fica poi lei si appoggia a me e mi sorride, capisco che lo vuole, le allargo le chiappe, la tengo ferma, guardo Paolo che le è già dietro con il cazzo in mano. Sento Elena fremere, mi guarda trema, sento che Paolo le entra nel culo lo sento dalle mani che le allargano il culo e lo sento dal cazzo perché si stringe nella fica. Lei si schiaccia a me iniziamo a muoverci, inizialmente non troviamo il ritmo, sento che quando lo infila lui mi spinge fuori, sembra voglia schiazzare fuori dalla fica tanto le riempe il culo, poi è lei che ci da il ritmo muovendosi la guardo sta godendo da morire, ansima, la stiamo scopando in due, le chiedo
– cosa vuoi adesso troia – mi guarda, sorride
– vi voglio tutti e due – e io
– perché adesso come siamo – poi immagino, non dico nulla e lei mi sfida
– secondo te cosa voglio – non dico nulla, Paolo si era già sfilato dal suo culo. Rimaniamo zitti e fermi, non so se parlare a Paolo o a lei. Lei è li che aspetta, freme dalla voglia. Le sono dentro la fica, le allargo le chiappe e le labbra della fica, guardo Paolo
– guarda come te la allargo bene entra anche te magari ci stiamo- poi guardo Elena
– e se entra vuoi anche farti riempire da tutti e due? – e lei
– prima fallo entrare, aiutalo un po’, poi ci penso – Paolo era li dietro che lo sfregava sulla fica e toccava il mio cazzo io la allargavo più che potevo, sento che preme, spinge, guardo Elena urla, sento che entra, d’improvviso sento la fica stretta e profonda spingiamo assieme affiatati dal ritmo di prima, Paolo esce poi rientra io resto dentro a godermi la faccia di Elena al suo ingresso in fica, un paio di colpi dentro poi esce nuovamente oramai la strada è aperta. Lo sento che rientra nel suo culo poi di nuovo in fica, ogni volta Elena urla dal piacere, non resisto più
– devo sborrare- guardo Elena che mi sorride tutta sudata anche lei sta godendo da morire
– dai riempitemi tutta, voglio sentirmi pieno il culo e la fica- a quello parole le vengo in fica e dalla faccia di Paolo capisco che le sta riempiendo il culo, tremiamo tutti dal godimento poi sento lo sperma che inizia a colare, è quello di Paolo che le esce da culo. Mi sposto, voglio vedere lo spettacolo. Anche Paolo esce, lasciamo Elena alla pecorina, le teniamo il culo in alto
– dai fallo uscire, dalla fica e dal culo
-è tutta aperta con mai l’avevo vista, sta spingendo fuori lo sperma come le abbiamo chiesto cola tutto fuori quello dal culo le entra in fica e poi le esce. La guardiamo eccitati e la tocchiamo poi prendo dello sperma con le dita e gliele porto alla bocca per fargliele leccare. Lecca avidamente le mie dita poi ci sorridiamo e ci corichiamo tutti sul letto. Siamo tutti stanchi e appagati. Penso… chissà se ci rivediamo ancora con Paolo. FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.