Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / In tre in cantina
copertina racconto erotico

In tre in cantina

Mi chiamo Sandra ho 29 anni e vorrei raccontare quello che mi è accaduto in ufficio.
Era un po’ che un mio collega aveva scatenato in me desideri sempre più forti. Tutte le volte che lo vedevo la mia fantasia correva.
Sognavo di scopare con lui e non perdevo occasione per sbattergli davanti agli occhi le mie grandi tette, per cercare di eccitarlo affinché tentasse un approccio.
Ero come una cagna in calore…. e ogni giorno che passava la mia voglia cresceva.
E un giorno finalmente accadde quello che avevo ardentemente desiderato! Un giorno entrai nella sua stanza e ….. lui improvvisamente la chiuse!
Girò la chiave e me lo trovai addosso.
Le sue mani cominciarono a toccarmi dappertutto.
Sotto la gonna le sue mani salivano sempre più, mi mise un dito nella fica e lì non capii più niente:
Nel frattempo aveva liberato le mie tette dal reggiseno e la sua lingua continuava a ciucciarmi i capezzoli. Io ero in estasi….
Ero bagnata fradicia e avevo cominciato appena a toccare il suo cazzo duro quando lui mi disse:
” Scendi in cantina e aspettami lì”
Io allora mi ricomposi in fretta, uscii dalla sua stanza e andai a prendere le chiavi della cantina dove erano custoditi tutti i documenti aziendali degli anni precedenti.
Le gambe mi tremavano per l’eccitazione. Inventai una scusa alla mia collega di stanza per scendere in cantina.
Prima andai al bagno, mi tolsi le mutandine…. e il reggiseno e rimasi con la gonna e la maglietta… e poi scesi in fretta in cantina.
Aprii la porta, lui non era ancora arrivato io entrai e aspettai qualche minuto … poi sentii bussare alla porta e corsi ad aprire.
Era lui ma con grande sorpresa scoprii che non era solo.
Aveva portato un altro collega e spingendomi dentro la cantina non mi diede modo di replicare.
Chiuse subito a chiave e mi disse:
“Dimmi la verità… ti piacerebbe farlo in tre? ”
Io non avevo avuto mai il coraggio di confessarlo a nessuno ma quello era uno dei miei desideri più nascosti quindi non risposi.
In un attimo me li trovai entrambi nudi davanti a me con il cazzo eretto. Io avevo la fica che bolliva dall’eccitazione quindi mi liberai in fretta dai vestiti per godere a pieno di quei cazzi tutti per me… iniziai col prenderli in bocca prima uno e poi l’altro ciucciavo golosa quei cazzi duri me li passavo tra le tette e poi in bocca… ma, mentre mi stavo soffermavo su uno l’altro dietro di me mi allargò le chiappe con le mani e con il cazzo si faceva strada nel mio culo….
Fu un attimo e lo senti spingere sempre di più … sussultai quando mi accorsi che era riuscito ad entrare ficcandomelo fino in fondo in un solo colpo mentre l’altro me lo spingeva in bocca. Non riuscite ad immaginare quando sia meraviglioso!
Riuscivo solo a mugugnare perchè il cazzo che avevo in bocca continuava a crescere sempre di più… ero bagnata da morire e ora la mia fica reclamava … lo volevo, lo volevo nella fica….
Non resistevo più!
Allora mi voltai verso colui che mi montava e lo allontanai dal mio culo.
Gli dissi
” Ora è ora di fottermi davvero, ora abbiamo solo giocato … voglio essere scopata a più non posso.
Lo voglio davanti e di dietro, voglio essere presa come un sandwich !
Fu cosi allora che uno dei miei colleghi si stese a terra….
Il suo membro era bello eretto ma gli diedi ancora una scaldatina con la bocca e poi finalmente gli montai sopra a smorzacandela . AHHHHHHHHHH Godevo, godevo come una troia ….
Non avrei mai immaginato di essere così porca …. mi dibattevo sopra di lui come su un cavallo al galoppo, con il cazzo dell’altro nella mia bocca , ciucciavo il cazzo di uno e mi dibattevo sul cazzo dell’altro ma poi…. poi mi accorsi che era giunto il grande momento mi girai e stendendomi sulla schiena mi accovacciai per prenderlo nel culo … poi mi stesi anch’io e allargai le gambe il più possibile per permettere all’altro di penetrarmi in fica. Ahhhhhhhhhhhhhhhhh…………….
“Vi prego trombatemi sempre… trombatemi ancora insieme così…. che sensazione avere due cazzi dentro non smettete più vi prego”
Urlavo di piacere….. loro si dimenavano chi sopra e chi sotto di me …. ed io godevo godevo come non avevo mai goduto in vita mia!
Per circa un ora li ho tenuti dentro di me …. li pregavo di non venire ma ormai erano giunti all’apice ed ora mi stavano inondando con il loro miele!
Era un triplo godimento …. mai mi sarei aspettata che sarei riuscita ad essere così troia da scopare con due uomini anche se era un mio desiderio nascosto.
Confesso che non è più successo, forse perchè quei due colleghi non lavorano più con me, ma sono sicura che ogni tanto anche loro ripensano a quella galoppata a tre e si eccitano al ricordo di quella scopata memorabile.
Anche la mia fica sgocciola di eccitazione ma anche se ora non si è piu ‘ riproposta l’occasione … nulla mi vieta di pensare che chissà forse succederà ancora una volta magari con altri tre colleghi! FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.