Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / La bella bionda
Racconto erotico

La bella bionda

Mark era un uomo potente in città. Era uno di quello che quando ti viene a trovare ho ti distrugge la vita o ti fa fare un affare da milioni di lire. Quando poi sgarri l’affare ho cerchi di fregarlo Mark non ci pensa due volte a liquidarti manda qualcuno dei suoi scagnozzi e ti uccide senza mezzi termini. La cosa buffa è che questo avviene solo con i maschi, con le donne Mark usa tutta un’altra tattica.
“Rizzo ci servono tre auto di media dimensione i colori sceglili come vuoi al parcheggio c’è ne saranno diverse”
“Sì capo il colonnello questa volta ci resta secco”
“Ancora qua stai parlando troppo già sai, sbrigati su, vai”
Rizzo scatto e andò subito al parcheggio dove scruto con attenzione le macchine che vi erano s’intrufolo in una, era una punto blu metallizzato trovo le chiavi attaccate che fortuna disse e torno dal capo ordinando hai suoi scagnozzi di portare altre due macchine al capo.
Arrivo al garage dove parcheggio la macchina senti un rumore provenire dal cofano andò dietro e lo apri c’era una donna bionda magra di bell’aspetto con due tette mozzafiato tutta nuda e legata. A quella vista Rizzo esclamo accompagnato da una buon’erezione:
“che bel giocattolino abbiamo trovato qui il capo ne sarà felicissimo”
“huuhuhuhuhuuhuhuhuhuhuhuuh ppphhuhuhuhuh
Continuava a dire la poveretta imbavagliata.
“si si si l’ ho dirai al capo non preoccuparti”
Al cospetto del capo fu slegata e gli fu tolto il bavaglio
“Chi sei? ”
Gli domando il capo
“io sono Anna Gualcira vengo dal nord e sono stata rapita da non so chi mi hanno tenuto li due settimana e hanno chiesto un riscatto credo ma io non ne sono sicura tu chi sei”
A quelle parole il capo si alzo la schiaffeggio assicurandogli che neanche sua madre gli dava del tu
“Rizzo questa volta l’ hai fatta bella, questa e la prigioniera di Alan hai capito adesso come facciamo a spiegare che non volevamo e che è stato un errore la nostra simpatia crescerà ancora di più. Che cazzo e vai a fanculo”
Gli puntò la pistola nel cranio lo uccise in un secondo poi prese la ragazza la porto nella sua camera e la violentò prima infilo il suo bel cazzo nel culetto profumato della ragazza poi nella fichetta ed infine gli venne nella bocca.
Subito dopo ordino hai suoi uomini di violentarla penso che poverini una donna cosi l’avrebbero desiderata e meritata tutti.
Così ad uno ad uno gli uomini che erano una ventina la sfondarono per benino.
Due giorni dopo arrivo Alan
“hei belloccio”

Disse a Mark
“senti Al non l’ ho fatto a posto ti giuro che non volevo e stato un incidente2
“te l’ ha sei fatta almeno”
“bè si sapevo che avevi rapito una ragazza e avevo capito che questa era tua pero era cosi attraente che non ho potuto resistere”
“dové ora”
“i miei uomini la stanno scopando”
“hei Mark l’ ho sai che anche i miei la scopavano tutto il giorno mi sa che dovremmo essere amici noi due”
“e si hai proprio ragione ora sai cosa facciamo, , facciamo i turni e la scopiamo senza sosta di continuò e che ne dici”
Mezzora per uno per tutto il giorno anche la notte gli uomini di Mark e Alan scopavano la ragazza che ormai riceveva cazzi in culo e in fica senza mai fermarsi la scopavano anche quando dormiva, veniva scopata persino mentre mangiava si fermava solo quando doveva andare in bagno.
La cosa che pero turbava Alan era una. Com’è mai la ragazza non si ribellava mai e come mai quando andava in bagno visto che non era ostacolata da nessuno, non rimaneva parecchio tempo dentro, infatti la ragazza stava pochissimi minuti in bagno e poi tornava a letto dove la aspettavano una quarantina di persone pronte a sfondarla.
Mentre si faceva queste domande si senti aprire il portone e spalancare le porte come formiche impazzite milioni di agenti arrivarono e arrestarono tutti.
Quando videro la ragazza che stava scopando con uno scagnozzo la presero e le fecero riconoscere Mark:
“signorina lo sappiamo che e sconvolta ma le chiediamo se l’uomo che le ha fatto questo trattamento e lui”
Gli presentarono Alan che la guardava sapendo gia la risposta e cosa lo aspettava.
“si e lui disse la ragazza”
“non preoccuparti cara e tutto finito nessuno ti toccherà più”
“come no, disse la ragazza e stato bellissimo o passato i più bei giorni della mia vita ho scopato tutto il giorno era bellissimo”
Il poliziotto sentendo quelle parole la porto di nuovo nella sua stanza liberò i prigionieri e ordinò propose hai suoi uomini di scoparla tutti insieme si creo una terribile orgia venne lasciata scappare per la casa e veniva inseguita da tutti che la scopavano insieme quel giorno la bella bionda prese in culo e in fica più di ottanta cazzi.
Che bella porcellina però disse Alan a Mark FINE

About Porno racconti

La letteratura erotica ha sempre il suo fascino perché siamo noi a immaginare e a vivere, seduti su una comoda poltrona o a letto, le esperienze e le storie raccontate qui, Vivi le tue fantasie nei miei racconti, i miei personaggi sono i tuoi compagni d'avventura erotica. Buona lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.