Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / La ragazza del mio ex
copertina racconto erotico

La ragazza del mio ex

Da poco mi ero segnata in quella palestra solo femminile e mi accorsi che era una tortura, non tanto fare gli esercizi ginnici ma distogliere gli occhi dalle ragazze, che come me si affaticavano per ottenere un corpo in forma.
Mi ritrovavo ad incantarmi sui muscoli che si muovevano sudati, imbambolata di fronte a glutei tesi dallo sforzo…… fossi stata un uomo sarei stata sempre con il cazzo dritto.
Decisi di non ascoltare i miei sensi che mi dimostravano che forse non ero una eterosessuale come credevo…… intanto in sauna, da sola, mi masturbavo sempre con la speranza che mentre mi toccavo potesse entrare qualcuna che mi aiutasse a godere.
Avevo già avuto un’esperienza omosessuale e non credevo che l’idea di godere con una donna mi mettesse così tanta paura ma fremevo dal desiderio, volevo una donna e la volevo subito.
Ognuno di noi ha sicuramente un sogno nel cassetto e il mio è quello di farlo insieme a 2 uomini e una donna, ma il desiderio di toccare il seno di una donna, di leccare tutto di una donna non mi era mai venuto così forte.
Soffrivo di un grave imbarazzo quando allargavo le gambe ed ero già bagnata…… ero praticamente diventata una maniaca sessuale….. volevo fare sesso così chiamai il mio ex ragazzo e andai a casa sua per cena con l’intento di sfogare i miei istinti. Trovai lì la sua nuova fidanzata o meglio la troia di turno. Da quando ci eravamo lasciati non faceva altro che cambiarne una ogni settimana e non sembrava mai contento.
Con un po’ in imbarazzo, vedendo sfumare il mio progetto di una notte all’insegna del sesso più sfrenato, mi misi a tavola e cenai con loro.
Dopo aver bevuto qualche bicchiere di vino ed aver consumato tutta la cena, ci andammo a sedere sul divano. Oggi credo che sia stata una cosa tutta macchinata da loro ma quando io dissi che volevo andar via mi porsero il caffè facendolo rovesciare sulla mia camicetta.
Dovetti toglierla e sciaquarla, chiesi al mio ex di prestarmi una cosa sua ma lui disse che mi preferiva così.
Per l’occasione avevo indossato una guepiere molto sexy che a lui piaceva molto così pensai “ho fatto pure la figura della puttana”. La sua amica intanto mi guardava in continuazione le tette, ed io pensavo che le avrei potuto chiederle il numero di telefono magari ci saremmo divertite un po’ assieme. Il mio ex andò in bagno e la sua amica mi mise una mano sulla coscia chiedendomi che progetti avevo per la serata. Credetti subito che fosse un “ehi vai via che noi abbiamo da fare” ma quando le risposi che me ne sarei andata di lì a pochi minuti lei mi pregò di rimanere dicendomi che ero una persona simpatica, piacevole e molto sexy. Appena finì di dire questo il mio ex uscì dal bagno ed io non potei risponderle ma seppi che i miei dubbi erano fondati. Tra il divertito e il compiaciuto guardai il mio ex per vedere se aveva sentito nulla, ma non sembrava. Così si venne a sedere in mezzo a noi sul divano e quasi da subito cominciò a baciare la sua amica….. dapprima con un semplice bacio poi ci mise anche la lingua. Io ero lì vicino che sentivo i rumori dei due che si cimentavano in un bacio storico e non sapevo cosa fare. Presa dall’imbarazzo mi alzai dal divano e mi avvicinai alla finestra.
I 2 se ne accorsero infatti mi richiamarono subito e mi chiesero se anche io come loro avevo voglia di vedere un film.
Acconsentì così partì la video cassetta che era nel videoregistratore e con grande stupore mi accorsi che era un video che avevamo girato un’estate in vacanza io e lui. Non si vedevano i volti ma si capiva chiaramente che si trattava di un filmino amatoriale che ritraeva noi 2. Quel giorno poi me lo ricordavo come se fosse stato poche ore prima perché ero molto eccitata dal discorso “ripresa” che lo feci venire per 6 volte di seguito fino a che poi lui non ce la fece più.
Il video cominciava con una ripresa della mia fica da sotto la tovaglia di un tavolino in un ristorante. Lui infatti teneva la telecamera mentre io, senza mutande e coperta dalla tovaglia, allargavo le gambe mostrandomi tutta e giocherellando con il mio clitoride con le dita. Ad un certo punto, presi un grissino da sopra il tavolo e lo infilai sotto la tovaglia, poi cominciai ad infilarlo dentro di me….. dopo qualche minuto di quel giochetto lo portai alla bocca e lo mangiai.
Questo lo fece uscire fuori di testa e premeva che voleva tornare in albergo e girarlo subito il filmino.
Io gli dissi che non doveva avere fretta e che tutto si sarebbe svolto secondo i piani. Intanto però la nuova fidanzata del mio ex guardava il film con un’aria molto assorta e cercavo di capire cosa stesse pensando. Al solo pensiero di quella giornata e scossa da quello che la tizia mi aveva detto prima io ero già tutta bagnata.
Avrei voluto che qualcuno mi toccasse e quando sono andata a cercare con lo sguardo le mani del mio ex mi sono accorta che erano appoggiate sul suo pacco e se lo stavano strofinando abilmente.
Io e la tipa ci guardammo dapprima un po’ imbarazzate ma poi capimmo che tutti avevamo lo stesso desiderio e mentre il filmino scorreva ci saltammo letteralmente addosso. Il mio ex ci guardò stupito ma poi si eccitò a tal punto che si dovette sbottonare i pantaloni. Io e lei invece eravamo ormai avvinghiate in un bacio furioso.
Sentivo la sua calda lingua nella mia bocca e un avevo una gran voglia di toccarla ma non sapevo che genere di reazione avrebbe avuto lui.
Intanto le mani della tipa mi scivolavano su tutto il corpo lasciandomi presto solo con la guepiere. D’un tratto sentì che il mio ex mi prendeva dalle spalle e mi si strusciava contro per farmi sentire come gli era diventato duro. La ragazza intanto si stava spogliando e per togliersi le mutande si girò offrendoci il culo che era uno dei più belli che io abbia mai visto.
Buttammo lui sul letto e lo legammo con i legacci che avevo montato io tanti anni prima. Poi decidemmo di bendarlo. Sembrava un gioco provato mille volte ma era solo la prima notte che trascorrevamo insieme, eppure le idee venivano a entrambe contemporaneamente. Intanto lui giaceva sul letto legato con il cazzo dritto che aspettava che qualcuna di noi facesse qualcosa. Presto la tipa salì sul letto e mi disse:
– ora io lo lecco un po’ ma tu lecca la mia figa che ho una voglia matta della mia lingua-
ci baciammo e subito dopo lei prese a leccare il pisello di lui. Cominciò dalle palle e poi lentamente salì sull’asta fino ad arrivare alla cappella. Con un gesto svelto e preciso tirò giù la pelle con le labbra e cominciò a leccare e a succhiare…… Mi stavo godendo la scena quando sentii la mano di lei prendermi la testa e guidarmi fino alla sua figa bagnata. Ora leccavo avidamente la figa aiutandomi con le dita che le infilavo ora nel culo ora davanti e umidendo tutto con la lingua. Mi accorsi che le doveva piacere molto il culo così cominciai con il dito a penetrarglielo e con le labbra le succhiavo il clitoride. Venne in pochissimi secondi e urlò dal piacere.
Intanto il cazzo del mio ex era ancora molto duro e dritto così decisi di impalarmici sopra……. senza che lui sapesse niente perché ancora bendato, sentì solo che entrava con violenza in me. Volevo cavalcarlo con forza e farlo venire subito così cominciai a fare su e giù ma ad un certo punto sentii la mano di lei che si intrometteva in mezzo alle mie natiche e poi nel mio culo. Mi chinai in avanti come di istinto per permettere un accesso più facile e dopo poche spinte cominciò il mio orgasmo che fu potentissimo e quasi contemporaneo a quello di lui. Feci appena in tempo a sfilarmi ma lui venne comunque sulla mia fica e sulla mia pancia. La mia amica così decise di pulire lei direttamente con la sua lingua e prima bevve me e la sborra del mio ex sulla mia figa, poi non sazia andò da lui a pure tutto quello che gli era rimasto.
Lo slegammo e decise che doveva darci lui gli ordini di ciò che dovevamo fare, così prese il vibratore piccolo e quello grande e li poggiò sul letto. Ci fece sdraiare una a fianco all’altra e ci fece masturbare mentre lui di guardava e azionava i vibratori a suo piacimento. Decise poi di montarci sopra, ci fece mettere molto vicine e ci disse di mantenere quella posizione così mentre penetrava una con il suo cazzo nell’altra mano teneva il vibratore che offriva alla figa dell’altra. Dava 2 colpi di qua e 2 di là…… prima a lei , poi a me e poi di nuovo da capo.
Prese la tipa poi e la fece mettere ginocchioni davanti a lui. La penetrò nel culo strappandole un grido di dolore e mi disse di leccare la figa e le palle di lui mentre se la inculava.
Così feci e col vibratore continuavo a godere. Poi fu il mio turno di essere inculata e la tizia si diede da fare con la sua lingua su di noi.
Fu una notte spettacolare piena di orgasmi e di risate.
Lui lo abbiamo perso di vista ma io e lei ora andiamo in palestra insieme e ci divertiamo molto, soprattutto in sauna. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Daniela la voyer

I due uomini che si stavano facendo spompinare, erano entrambi 50enni, stavano apprezzando decisamente il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.