Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / La Ricompensa
copertina racconto erotico

La Ricompensa

Mia moglie ha partecipato ad un concorso via Internet per essere eletta Miss Perizoma; ha mandato un paio di foto ed ha iniziato a contattare vari amici per invitarli a votarla, ed in cambio ha promesso loro varie cose: a qualcuno delle foto un tantino particolari, a qualche altro una telefonata, ed a molti ha promesso la possibilità di conoscerla dal vivo, infine a qualcuno che le era più simpatico è arrivata a promettere di andarci a letto o almeno di farci qualche giochino…. ;
Devo dire che all’inizio mai pensavo, e neppure lei lo pensava, di vincere, per cui non ci siamo posti il problema; poi man mano che mia moglie superava le varie selezioni a furor di voti, abbiamo iniziato a crederci, e ammetto che la cosa che mi piaceva di più era il pagamento delle varie promesse fatte da mia moglie, pregustavo già il piacere di vederla fare la puttana con tanti uomini;
Finalmente dopo una finale piuttosto combattuta mia moglie ha prevalso ed è stato eletta miss perizoma con oltre mille voti, vincendo una fotocamera digitale che dovranno spedirci (almeno si spera).
A questo punto, essendo noi persone di parola, bisogna mantenere la promesse, per cui abbiamo comprato una bella agenda, ed abbiamo iniziato a programmare i vari appuntamenti per il pagamento delle promesse.
Tra i primi ad esigere sono stati alcuni amici che già conoscono mia moglie a fondo, i quali le avevano chiesto una giornata a loro completa disposizione, nel senso che mia moglie avrebbe dovuto fare tutto ciò che loro volevano;
Purtroppo sono dovuto andare a fare un torneo fuori città e sono qui a scrivere quello che mia moglie mi ha raccontato, ma vi assicuro che lei non mente mai;
Antonio venne a prendere mia moglie verso le 13 di sabato insieme a due suoi amici e la portarono a casa loro, ovviamente in auto la “perquisirono” ben bene tutti e tre;
Arrivati al palazzo di Antonio si fermarono dal portiere, il quale guardava Roberta in modo strano… certo lei aveva una mini cortissima, tacchi altissimi e un giacchino sbottonato che lasciava intravedere tutto… Antonio disse al portiere che questa era la Signora di cui gli aveva parlato, e intimò Roberta di avvicinarsi al portiere …. Un uomo sulla cinquantina… il quale iniziò a toccarle le gambe…poi il seno… poi la invitò ad entrare nella guardiola e si sedette… la fece inginocchiare sotto un tavolo in modo che se passava qualcuno non avrebbe visto… e si sbottonò i pantaloni… depositando un cazzo abbastanza doppio a detta di mia moglie nella sua bocca…. Antonio e gli altri guardavano compiaciuti e Roberta lavorava di testa sotto il tavolo…. Dopo un paio di minuti il portiere le sborrò tutto in bocca e disse che sarebbe salito più tardi per pagare la sua scommessa (in effetti Antonio aveva scommesso con il portiere che mia moglie gli avrebbe fatto un pompino con ingoio senza fiatare…e lui non ci credeva)
Saliti in casa Antonio ed i suoi due amici erano molto eccitati per lo spettacolo visto ed iniziarono a spogliare mia moglie, che a sua volta era vogliosa come non mai, il cazzo che aveva avuto in bocca le aveva messo voglia di averlo in altri posti…. Per cui avere tre uomini a sua disposizione era la miglior cosa che le potesse capitare…
Iniziarono a leccarle la fica, il seno, le gambe ed il culo… e dopo qualche minuto le misero i loro tre cazzi uno in bocca, uno in fica e il terzo nel culo…. per una scopata davvero super… cambiando ogni tanto di posizione in modo che Roberta avesse modo di assaggiare tutti e tre i cazzi in ogni buco …. La riempirono di sperma un po’ dappertutto, anche se la maggior parte, con grande voracità mia moglie lo ingoiò; A questo punto si misero a tavola, per un lauto pranzo preparato da Umberto un ragazzo che lavora come cuoco, intanto arrivarono altri tre amici di Antonio, e tutti e sette (sei ragazzi + mia moglie) si sedettero a tavola; Roberta venne invitata a mettersi delle calze autoreggenti e un reggicalze, e sopra una camicia…e dato che le sedie erano sei… lei doveva sedersi in braccio a qualcuno… per cui decisero di farla alternare con tutti e sei… in pratica loro si tolsero i pantaloni e gli slip e mia moglie mentre mangiava lo prendeva in culo…. Iniziarono a bere e Roberta era sempre più eccitata…. Le loro mani addosso…. le loro lingue da tutte le parti… i loro cazzi che ogni tanto sborravano… mia moglie aveva continui orgasmi… dopodiché andarono a riposare.. e Roberta si svegliò con un cazzo penzolante davanti alla sua bocca…aprì gli occhi e vide un signore anziano… che si masturbava e le toccava il seno… e la fica…dietro di lui riconobbe il portiere… e dietro ancora un terzo uomo che si stava sbottonando i pantaloni… neppure il tempo di parlare che il primo uomo gli mise il cazzo in bocca dicendogli di succhiare…. il portiere spiegava al terzo uomo che Roberta era la moglie di un avvocato… ed era una gran troia.. e si faceva dare dei soldi… dicendo che la poteva scopare davanti e dietro e che era anche una grande pompinara… così iniziarono a chiavarsela tutti e tre insieme…. per circa un’ora…. poi arrivò Antonio che li mandò via…e accompagnò Roberta a lavarsi…. perché doveva uscire con Lui….
Si erano fatte quasi le 20.. e Antonio aiutò mia moglie a scegliere dei vestiti adatti a quello che avrebbe dovuto fare…ossia la mignotta per strada… così si mise delle calze molto leggere autoreggenti…una mini di finta pelle… dei tacchi altissimi… e un giacchino di filo… poi uscirono e Antonio la portò su una strada di periferia… fermò la macchina e fece scendere Roberta che prese posto ai bordi della strada…insieme alle altre puttane … polacche… russe… nigeriane… e qualche italiana.. deve essere stato molto eccitante vederla … peccato che non ero li…. Comunque dopo pochi minuti si fermò la prima auto e Roberta entrò per la prima delle marchette che doveva fare… Antonio la seguiva con la sua auto… il primo cliente volle scoparsela in auto… e gli diede centomila lire…. Poi si fermò un’altra auto… con un signore che aveva i pantaloni sbottonati e chiese a Roberta se faceva dei pompini… ovviamente mia moglie è maestra in queste cose…. E iniziò a prenderlo in bocca… mentre lui gli ficcava un dito in culo….. e così andò avanti a fare una decina di marchette fino alle due di notte.. dopodichè Antonio riaccompagnò Roberta a casa… esausta… ma sazia… almeno per ora… infatti la mattina seguente l’ho trovata con i buchetti del culo e della fica davvero arrossati… tanto che ha potuto farmi solo dei pompini… ma ho letto nel suo volto una sensazione di grande appagamento… per cui credo proprio che molto spesso le farò ripetere questa esperienza… sperando di esserci anche io… FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Io, mia moglie e Luca

Stavo mostrando la mia telecamera ad un mio caro amico d’infanzia, ospite a pranzo a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.