Ultimi racconti erotici pubblicati

L’amica di Carla

Sono Marco ho 47 anni ho avuto varie storie ma la cosa che mi eccita di più è avere incontri con donne che riesco a sedurre e a coinvolgere in giochi particolari.
Da un po’ sono riuscito a farmi aiutare da Carla una femmina che scopo ormai da 10 anni , lei ne ha 45 piccola formosa, grande troia.
Io l’ho addestrata ad essere estremamente femminile, per farla breve indossa sempre gonne, non eccessivamente corte ma con tacchi e reggicalze rigorosamente, non amo le autoreggenti.
Carla lavora come commessa e viene a contatto con parecchie donne, il gioco con me la intriga ed è anche portata anche se a volte è ritrosa forse un po’ gelosa.
Al negozio Carla ha una collega, 50 anni formosa molto autoritaria e anche lei molto ben curata.
Carla me ne parlava spesso e una sera sapendo la mia predilezione per il boccino con dito nel culo, mi tese una trappola.
Verso l’ora di chiusura la vado a prendere lei è vestita con una gonna nera al ginocchio e calze color carne, tacchi altissimi; entro e le chiedo Carla dovè Marta, nel retro -mi dice- mentre continua a sistemare la merce, si accovaccia con noncuranza e vedo le sue cosce divaricate con il reggicalze tiratissimo, lo fa apposta sa che mi eccita, mi avvicino si alza, la prendo e la bacio alzandola sopra il bancone Marta entra e dice non badate a me mentre passa ad abbassare la serranda del negozio e le luci interne, io faccio per staccarmi ma Carla mi trattiene, mi lascio convincere e continua a palparla Quasi per gioco mi porta le mani dietro la schiena e mentre mi infila la lingua in bocca sento KLIC Marta mi ha bloccato i polsi con un paio di manette, sono sorpreso mi tiro su e mi giro, Marta è con il camice aperto ha una sesta abbondante tenuto su da una guepiere nera che regge un paio di calze nere con i tacchi.
Carla mi dice non agitarti vedrai che ti piace, non sono d’accordo di solito dirigo io, ma non si scompongono, Carla si arrotola la gonna e si sfila lentamente le mutandine un paio di coulotte di raso che comincia ad appallottolare mentre sorride, Marta mi è dietro mi prende la fronte e me la tira indietro come se volesse baciarmi, ma Carla ne approfitta per infilarmi in bocca tutto il pacchetto delle sue mutandine. mmmmmmmmm cheeeftttttteeeeee.
Mi piegano sul bancone e mi sfilano i pantaloni, Carla mi è davanti e inizia a spompinarmi lentamente il mio cazzo le riempie la bocca, continua a mugolare, le sue mani mi palpano le chiappe, e Marta? ? Si inginocchia dietro di me allarga le chiappe lentamente, sento il suo alito sul mio culo, poi l’umido della sua lingua, è piacevole comincia a insalivarmi, mi tenta con la punta, si inserisce allarga lo sfintere, poi un dito lentamente scivola bene si rialza e mi
viene di lato e paonazza in volto, estrae da un cassetto un dildo non enorme ma discreto e un tubo di crema , mi guarda negli occhi e mi dice dai marco che stasera superiamo il limite, mi divincolo ma il mio cazzo è in bocca a Carla che non lascia la presa.
Marta mi viene dietro e con due dita unte mi comincia a snervare lo sfintere sento caldo sudo il respiro è affannoso le dita sono 3 Vedo la mano che prende il dildo e sento la punta contro lo sfintere, si fa strada lentamente Ora dice a Carla: Lo sto inserendo la cappella è passata aumenta il ritmo e Carla senza aspettare un attimo comincia a spompinarmi sempre più veloce, il cazzo comincia a tremare è un attimo Carla stacca la bocca e grida- Dai tutto dentro- è magnifico sburro come non mai 2-3 fiotti di crema densa e mi accascio sul bancone….. FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri. Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.