Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / Lo specchio, la mia amica e lo stallone
copertina racconto erotico

Lo specchio, la mia amica e lo stallone

Mi chiamo Federica e ho 19 anni, sono bionda e ho i riccioli. Ho delle tettine piccole che si vedono in trasparenza sotto la camicetta, l’ombelico sempre di fuori e un culetto tondo e carnoso sempre stretto nei jeans.

Il mio gioco preferito è sedurre, soggiogare, dragare il maschio in tutto il suo splendore. Siamo in tante sulla pista della discoteca a pavoneggiarci, la domenica pomeriggio, e questo è ancora più eccitante. è come una gara continua dove la malizia e l’ingegnosità sono messe alla prova. Io non devo fare grandi sforzi. Ho un culo che fa fremere il primo mollusco che passa, e mi alleno a dimenarlo davanti allo specchio. La prima cosa che faccio al mattino quando mi alzo è guardarmi allo specchio. è uno di quelli verticali, dove posso vedermi tutta. Non mi stanco mai di vedere il mio riflesso, di ammirarmi il culo. Dato che è bello ciccioso, mi inarco un po’ per renderlo ancora più sexy. Lo accarezzo per renderlo più sensibile, apro le due mezze lune delle chiappe e contemplo la rosetta dell’ano e la timida apparizione della passera, più in basso, dove intravedo la perlina di secrezioni formatasi in cima al clitoride. Quando rimorchio bene, riuscendo a cuccarmi un bel maschietto con cui divertirmi, è raro che lui riesca a resistere a questo genere di spettacolo. Salta fuori dal letto a velocità supersonica e si mette in ginocchio, col naso puntato sulla gocciolina. Si lecca i baffi e tira fuori la lingua: splendido, sta per divorarmi la passera…

Prima mi mette la zampe sulle chiappe, io fremo, ho la pelle d’oca, lui le strizza, le massaggia. Vedo tutto nello specchio, poi mi scosta i due emisferi d’amore e caccia il naso nei miei odori. Lecca la preziosissima gocciolina e spedisce il misto saliva-ciprino della vagina verso lo sfintere. Glielo fa venir duro come un sasso, ha una erezione magnifica. Vedo il suo bel pistolone puntato, pronto a sparare. Il grosso cazzo si avvicina alla fessura e si infilza nel buco scivoloso come una saponetta. Mi fruga tra le chiappe, godo come una pazza senza inibizioni, e lui mi spara lo sperma sulla pelle delle natiche sode. Non c’è niente di più godurioso che farsi scopare al mattino davanti allo specchio, mi dà energia per tutta la giornata e mi sento un’amazzone.

Ho un’amica, ma anche una rivale perchè è una gran bella fica, che si chiama Sofia. Mi fa sempre uno strano effetto quando la vedo. è magnifica e tutti i ragazzi si voltano quando passa. è mia amica perché è disposta a dividere, quando ne aggancia uno buono.

Ci troviamo sempre dalle parti di san Babila, c’è una buona scelta in quella zona. Con lei si è sicuri di far centro e di portarsi via un bel “pezzo” nella borsa della sposa! Tornando a casa facciamo un salto alla sauna dove vado qualche volta a lustrarmi la vista. Ci mettiamo un asciugamano addosso e andiamo ad immergerci nel vapore in quella calda intimità. Grondiamo e ci strusciamo l’una sull’altra. Ci sono un sacco di ragazze con culi di tutte le dimensioni, e mi fanno da bagnare da matti. Non riesco a trattenermi, se avessi il cazzo le infilzerei una dopo l’altra, ma ho la passera così mi faccio infilzare, invece. Prima di fare la doccia ci avviciniamo alla sala dei maschi, hanno solo un perizoma che copre il sesso, ma si riesce lo stesso ad indovinarlo facilmente. Arriva uno dalle nostre parti e lo strappiamo al gruppo maschile per coccolarcelo nelle docce. Gli facciamo un giochino al pistolino, una toccatina di palle e ci precipitiamo a casa mia, precisamente nella mia stanza. Il letto prende tutto lo spazio, difficile non vederlo! Detto fatto ci mettiamo nudi, scopro il culo e mi sciolgo come burro al sole. La mia amica si toglie anche lei il bikini e appare il suo culo superbo. Le sue chiappe mi fanno andare fuori di testa, sono tonde e sode. I miei compagni di scopata si appiccicano uno all’altra sul letto e posso così divorarle il culo. Mi piace il suo buco tra le chiappe, lo stuzzico con la punta delle dita, gliele ficco dappertutto. Per non creare gelosie faccio la stessa cosa anche a lui. Ha un’erezione diabolica, il ragazzo. Mentre lo smaneggio, lo infila fino in fondo alla mia amica e la scopa a morte. è supergodurioso e mi masturbo strusciando le mie chiappe sulle sue. Prima che lui si scarichi nel culo della mia amica, facciamo cambio, e lui mi sbatte la fica. Sofia si sgrilletta anche lei mostrandomi le chiappe. Poi, quando sta per partire il colpo, mi ritiro pian piano, mi metto in piedi di fianco a Sofia, coi nostri culi di sbieco rispetto allo specchio. In piedi dietro di noi, il tizio si finisce a mano e ci schizza la sborra sulle chiappe, dove resterà incollata sulla pelle per ore. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Daniela la voyer

I due uomini che si stavano facendo spompinare, erano entrambi 50enni, stavano apprezzando decisamente il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.