Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Mio cugino il superdotato
copertina racconto erotico

Mio cugino il superdotato

Eravamo sposati da un paio d’anni e mia moglie gran pezzo di gnocca vantava un fisico da far girare la testa, amante del sesso e di tutte le porcate che fanno parte della vita sessuale , non perdeva occasione di mettere in mostra le proprie parti del corpo portando sempre abitini corti, scamiciati lasciati di proposito semiaperti, camicette trasparenti, e sotto quasi mai il reggiseno e delle minuscole mutandine spesso trasparenti ma comunque sempre in modo che chi potesse guardarle tra le gambe si rendesse conto della fitta peluria che le ricopriva la figa, lei si eccitava nel sentirsi osservata ed anche desiderata dagli altri uomini che sicuramente avrebbero voluta portarsela a letto e a queste sue esibizioni, fatte con la malizia di chi ti vuole provocare ed eccitare, in qualche occasione cominciai ad essere anch’io partecipe e a volte a spingerla ad andare anche oltre come ad esempio di uscire senza mutandine e se capitava soprattutto nei negozi di abbigliamento o nei cinema fare in modo che qualche altro uomo le vedesse e le toccasse la figa nuda con una grande eccitazione per entrambi che
tornavamo a casa e scopavamo come ricci.
Una giorno mi telefonò un mio cugino per chiedermi se la sera fossimo rimasti in casa perché sarebbe venuto a trovarci per farci vedere delle cose interessanti, io dissi che lo avremmo aspettato volentieri, sapevo che era un superdotato, che aveva avuto parecchie donne e che aveva sempre avuto uno sguardo particolare per mia moglie, come tanti altri uomini d’altronde é naturale che se hai una bella moglie gli altri desiderino portarsela a letto, mia moglie mi chiese cosa potesse avere di tanto interessante, io lì per lì con una battuta, senza pensare a cosa sarebbe poi successo più tardi, dissi
“vorrà farti vedere il cazzo, sai c’é l’ha enorme se lo vedi ti spaventi.. ” mia moglie con una battuta mi rispose
“sciocco sei sempre il solito porco, ti sembro una da spaventarsi a vedere un cazzo grosso, poi ci sei anche tu quello mica si azzarda a provarci … ”
Giunta la sera arrivò mio cugino e con lui portava un videoregistratore (noi non l’avevamo ancora) e un paio di cassette, e subito capii che si trattava di filmini particolari, dopo aver collegato tutto lui ci disse che aveva ripreso alcune scene dove era stato in vacanza e delle feste che aveva fatto, in realtà la prima parte era fatta di paesaggi, spiagge, giochi e balli senza nulla di particolare, poi arrivò la scena che io immaginavo, e che fece scattare la molla che trasformò quella serata in una notte di fuoco, si vedeva un ‘uomo con il volto nascosto (io capii subito che era lui) ma completamente nudo che scopava una donna ed era dotato di un cazzone enorme che scompariva nel corpo della donna facendola godere e riempendola di sborrate gigantesche, mia moglie subito esclamò poi visibilmente eccitata disse
“alla faccia del cazzo, ma quello é un mostro, impossibile sia vero, si tratterà di un fotomontaggio e guardando mio cugino disse … vero che é un trucco fatto con la telecamera, dai figuriamoci se c’é un cazzo del genere”, mentre pronunciava queste parole la vedevo eccitata come se col pensiero fosse ritornata a quando le dissi che proprio mio cugino era un superdotato, e che volesse lanciare una sfida per vedergli il cazzo, io stesso intervenni e dissi
“guarda che non é un fotomontaggio é un cazzo vero”, e rivolgendomi a mio cugino dissi
” dai tiralo fuori faglielo vedere che é il tuo uccello così si convince”, lui slacciò la patta dei pantaloni ed estrasse il suo cazzone enorme, mia moglie esclamò di nuovo discendo
” ma é enorme, é mervaviglioso, posso toccarlo… ” e lo prese in mano per constatarne la sua enormità, quando io stesso dissi con lei
“se vuoi che diventi più duro sii gentile fagli vedere la figa e lascia che te la tocchi”, lei in un’attimo si sfilò le mutandine ed anche il vestitino rimanendo con le sole calze autoreggenti e disse
“va bene cosi, credi che gli piaccio .. ” fu mio cugino a rispondere dicendo che era favolosa e che aveva sempre desiderato vederla nuda e farsi una sega davanti a lei, lei mia moglie disse
“ma perché solo una sega non ti piacerebbe toccarmi un po, leccarmela e metterlo dentro” lui era eccitatissimo e un po’ imbarazzato percché rispose
“ma sai c’é tuo marito, non vorrei… ” lo interruppi io dicendo
“ma cosa aspetti a chiavarla non vedi che muore dalla voglia di prenderlo dentro, falla felice falla godere, che se lei gode godo anch’io” non ci volle altro la sdraio sul divano e cominciò a leccarle la figa mentre lui si era denudato e lei che godeva e che lo implorava di scoparla, le montò sopra ed appoggiò l’enorme cazzo davanti alla figa di mai moglie che era bagnata di umori, e poi afferrandola per le chiappe la impalò fino in fondo con quel nodoso randello di carne che lei accolse con un urlo di piacere dentro di lei per iniziare una meravigliosa cavalcata, lo vedevo pompare mia moglie con il cazzo che usciva quasi completamente dalla figa per poi affondare tutto dentro di nuovo con lei che godeva a ripetizione
e diceva le frasi più sconce com’era solita fare quando scopava e raggiungeva l’orgasmo, capii che anche lui stava pervenire quando chiese a mia moglie se prendeva la pillola lei rispose
” no, non prendo nulla ma non ti fermare, sborrami dentro ugualmente che voglio solo godere, dai godimi dentro riempimi di sborra, mettimi incinta” lui afferrò mia moglie per le chiappe e con gli ultimi colpi godette dentro di lei spruzzandole nella figa un fiume di sborra che la figa non riuscii a contenere tutta e quindi colava fuori dalla vagina lungo le coscie, lui rimase dentro di lei praticamente tutta notte riempendola di sborra e facendola godere, anch’io godetti molto nel vedere quella scena, per fortuna lei non restò incinta, e da quella sera si frequentano ancora ma mia moglie per precauzione si é messa la spirale, adesso però mi ha confidato che godeva molto di più quando correva il rischio di rimanere incinta, e mi ha chiesto di potersela togliere per provare quell’eccitante rischio almeno una volta. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

A sua insaputa

Eravamo verso la fine i agosto. Lì, in quel piccolo paesino di mare, quasi tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.