Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gang Bang / Sonia e Serena
copertina racconto erotico

Sonia e Serena

Serena e Sonia sono due commesse che lavorano in un grande negozio. Serena ha 25 anni, capelli corti rossi (tinti), una faccia tonda molto carina, due belle tettone piene, e un bel culetto. Non è molto alta. Mentre Sonia ha i capelli biondi tinti, è magra e alta, un bel culetto sodo e due tette non molto grandi ma sode.
Sonia è amica di Fabio e con lui ha avuto molte esperienze erotiche, da soli e in gruppo. Sia Sonia che Fabio sono interessati a Serena, vorrebbero provare a coinvolgerla in qualche gioco erotico, e un giorno si presenta l’occasione. Serena si è lasciata da un po’ di tempo con il suo ragazzo, ancora non ha trovato nessun nuovo compagno, e per consolarla Sonia, prevedendo di coinvolgerla in qualche giochino, la invita a una cena organizzata da Fabio, a cui parteciperà anche un suo amico.
Le ragazze, dopo aver finito l’orario di lavoro, si recano a casa di Fabio dove c’è anche Mauro.
Fatte le presentazioni i quattro si mettono a cenare, la cena scorre piacevole con ottime pietanze, vino a volontà, risate ed allegria. Dopo il caffé Sonia dice a Fabio: “Posso andare in camera tua dove tieni quel libro, vorrei farlo vedere a Mauro. ” Fabio risponde “Certamente” e i due vanno nella camera che si trova nella parte notte dell’appartamento, divisa da una porta. Serena e Fabio intanto vanno in salotto e dopo aver parlato un po’ Serena, per scherzo dice “Mi sa che doveva fargli vedere qualcos’altro invece che il libro”. I due ridono, Fabio aggiunge “Possiamo controllare se vuoi” accendendo una specie di televisore. “Ogni stanza ha una telecamera e da qui posso controllare tutto. Guarda” e si vede Sonia, mezza nuda, che sta facendo un succoso pompino a Mauro. Serena guarda sbalordita, le sembra strano vedere la sua collega di tutti i giorni con la bocca piena di cazzo che succhia con golosità. Intanto Fabio si avvicina a Serena e inizia a baciarla sul collo. La ragazza ha un piccolo irrigidimento ma le mani e la lingua sapienti di Fabio, oltre all’eccitazione dovuta dalla scena che sta vedendo, fanno sciogliere la ragazza che inizia a sospirare e poi, voltata da Fabio, continua con in vorticoso lingua in bocca appicicando le sue labbra a quelle dell’uomo. Dopo pochi minuti, Fabio è sulla poltrona con Serena che, inginocchiata, gli succhia il cazzo molto grosso. A Serena è sempre piaciuto fare i pompini, ma non aveva mai provato ad avere in bocca un cazzo così grosso. Si sente riempita e questo le piace. La sua fichetta gocciola già ed è così presa dall’eccitazione che inizia a gemere quando sente una lingua che si posa sul clitoride e inizia a slinguarlo. Fabio le tiene la testa incitandola a pompare ma ad un certo punto Serena realizza che non è sicuramente lui a leccarla e allora si volta. Con suo enorme stupore vede che dietro di lei c’è Sonia, che alzata la testa le sorride e le dice:
“Ho sempre pensato che tu fossi una maialina con una fichetta dolce dolce. Dai, imbocca di nuovo il cazzone di Fabio e fatti leccare, che ho visto che ti piace. ”
Serena non fa in tempo a pronunciare un “mah.. ” che Fabio le prende la testa e la pigia sul suo cazzo, mentre le dice “Dai Serena, pompa il cazzo che stasera ti facciamo scoprire com’è bello il sesso in gruppo”.
Serena è turbata, non ha mai fatto un’orgia né, soprattutto, ha mai fatto l’amore con una donna, perdipiù una sua collega. Però, sente l’eccitazione farsi sempre più forte e irrefrenabile e decide di farsi trasportare dal piacere. Intanto, mentre Sonia lecca, Mauro le appoggi il cazzo sulla fica e spinge dicendole “Ora ti riempio tutta, troietta leccafiche” e inizia a pomparla con forza.
L’atmosfera si fa sempre più surriscaldata, e Fabio fa uscire il cazzo dalla bocca di Serena e dice “Ora voglio farcire questa puttanella”
Fa mettere Serena alla pecorina e dice anche a Sonia di mettersi accanto a lei, in modo che mentre lui e Mauro le scopano rispettivamente, possono slinguarsi e baciarsi un po’.
Il cazzone di Fabio allarga la fica non molto larga di Serena che emette un piccolo grido di dolore subito seguito da una serie di espressione di godimento, non appena inizia a sentire l’uccello dell’uomo che scivola in modo ritmato dentro di lei.
“Che troietta dalla fica stretta la tua amica” dice Fabio rivolgendosi a Sonia che replica ansimando “Secondo me il suo uomo doveva avere un cazzetto da frocio”
Serena è persa nell’atmosfera di piacere che si sviluppa sempre di più nella stanza. Non è mai stata, certo, una santarellina e scopare le
è sempre piaciuto. Ma sentire parlare in modo così volgare, essere scopata accanto ad una sua amica che viene scopata da un altro, sentire la lingua della sua amica che le fruga nella bocca, sono cose che appena qualche ora fa non avrebbe mai pensato di fare. Invece, ora si trova in questa situazione e le piace moltissimo.
Mauro, ad un certo punto, estrae il cazzo dalla fica di Sonia e dice “Ora voglio provare il buchetto del culo di questa troia. ” E ci infila un dito dentro. “Mmm, ce l’hai bello largo, eh, chissà quanti cazzi ti sei cacata nel culo, puttanella. Ora ti becchi questa bella suppostona. ” e dicendo così l’uomo le affonda senza tanti riguardi il cazzo nel culo.
Sonia incita l’uomo dicendogli “Dai fottimi il retto, dai pompami nel buco merdoso, stronzo, pestami il cazzo nel culo, ahhh”
Allora Fabio estrae il cazzo dalla fica di Serena e fa girare la ragazza. I due si baciano appassionatamente, e vanno accanto a Mauro che sta pompando bene bene Sonia nel culo. Ad un certo punto Mauro estrae il cazzo e apre le natiche di Sonia. Fabio dice a Serena di vedere e lo
spettacolo per la ragazza è stupefacente. Non aveva mai visto un culo così dilatato. Fabio le ordina di sputarci dentro, cosa che, dopo un primo attimo di imbarazzo Serena fa. Poi Fabio le prende un dito e lo porta vicino al buco del culo di Sonia dicendole “Mettigli prima due dita, poi tre e poi quattro. Vedrai come entrano bene. ” Serena è titubante ma Fabio le porta la mano vicino al buco di Sonia, le prende un dito e lo fa entrare agilmente nel culetto. Allora Serena inizia a girarlo per poi metterne un altro, fino ad arrivare a quattro. Sonia geme di piacere e incita l’amica a sfondarla con parole molto volgari. “Dai troietta, mettimi la mano nel culo, dai sfondamelo, rimestami la merda nel retto. ” I due uomini intanto avvicinano i cazzi alla bocca di Serena e, a turno, si fanno leccare dalla ragazza.
Ad un certo punto Fabio dice “Ora è il turno di Serena a prenderlo nel culo. ”
Serena fa un’espressione di preoccupazione visto che non l’ha mai preso in culo.
“Ti prego, lì non l’ho mai fatto” dice.
“Eppure hai un bel culetto” le risponde Fabio
“Beh una volta il precedente ragazzo ha provato a incularmi ma non c’è riuscito, e ce l’aveva molto più piccolo del tuo. ”
“è venuta l’ora ti provarci” e detto così Fabio inizia a palpare il culo, a passare un dito sul
buchetto per poi affondarlo.
“Ahi… ” urla Serena, aggiungendo “mi brucia”.
“Cos’è che ti brucia” chiede Fabio
“Mi brucia il culetto” dice Serena “ti prego non voglio sentire male”
“Vedrai che ti piacerà e poi qualcuno prima poi te lo doveva fare l’ovetto. Ora inizierò a
farcirti il buco merdoso, stronzetta. Mi sa che dovrò slargare un po’ questo buco” e inizia a
forzare la rossetta mettendoci la grossa cappella.
Serena emette un “Ahi” e dice
“Mi fa malee.. mi brucia”
Fabio appoggia la cappella sull’ano e forzando la stretta fessura dice:
“Ora ti metto questa bella suppostona così sarai bella farcita in culo”.
Con un colpo più forte entra dentro lo stretto canale
“Ahh…. mamma …. no …. mi stai spaccando…. ti prego…. ahhh… fa male …. “.
“Ancora ce n’hai solo metà. Ora te lo metto tutto” e spingendo arriva in fondo.
“Noooo…. non resisto….. mi sento in fiamme…… brucia … brucia…. mi brucia il culooo …… “.
Incurante delle lamentele di Serena, Fabio inizia a pompare dicendo
“Un po’ va slargato questo buco. Sentirai un po’ di male all’inizio ma poi vedrai che ti piacerà
da morire. Cazzo ce l’hai bello stretto e bollente. Mi stai strizzando la fava col tuo culino. ”
“Aghhhhhh….. che maleee… ce l’hai troppo grossoooo…. cazzo che male… mi stai
spaccando il culo.. ”
Intanto Mauro sta continuando a inculare Sonia, che avendo il buchetto già bello largo incita l’uomo a sfondarglielo ancora di più dicendogli “Dai, pezzo di merda, inculami, pestami il cazzo nel culo daiii”
Fabio invece continua a pompare con violenza Serena dicendole “Sta zitta troietta, stai zitta e goditi questo cazzone. Ti slargo tutta, ti voglio rompere il culo brutta stronza e troia. Te lo riempio fino all’intestino vacca…. troietta merdosaaa… Cerca ti muovere tu il culo”
Serena è squassata dai colpi violenti e dal cazzone che le occupa tutto il retto. Prima inizia a
supplicare l’uomo “Ti prego… mi stai slargando il culo … me lo stai rompendooo.. ahiii… più piano … ti prego … mi stai sfondandooo…. ” e Fabio le risponde
“Lo senti questo bastone nel culo eh, squinzia, ….. godo a fartelo sentire fino in fondo troia….
sììììì…… ti voglio spaccare questa buco del culo pieno di merda… te lo voglio allargareeee…..
mmmmmm…… ti voglio ricacciare la merda fino in gola” e inizia a darle delle manate forti
sulle chiappe.
Ad un certo punto, però, Serena inizia a trarre piacere da quelle sensazioni di godimento e
dolore e dice “mmmmhh… mi sta iniziando a piacere ora… mmmhhh…. cazzo come mi svanghi beneee… mi stai sfasciando ma sto godendo…. daiii spaccami….. spaccameloo.. è bello anche così…”
Fabio, allora, decide che è venuto il momento di cambiare posizione e senza levarle il cazzo
dal culo si sdrai sul letto in modo che sia Serena a cavalcare sul cazzo.
“Ora fammi una sega col culo” le ordina
“Devi muoverti in modo che il tuo culino sbatta sulle mie palle. Segami il cazzo con in retto,
troia”
Serena inizia a prendere il ritmo e sente il palo di carne intrappolato nel culo che va su e giù
sfregandole le pareti irritate.
In questa posizione il cazzo arriva ancora più in profondità dandole delle fitte di dolore, ma il
godimento e ancora maggiore.
Sonia, ormai sull’orlo del godimento dice “Hai visto Serena che prenderlo nel culo è bellissimo. Tu sei una vera troiona, non poteva non piacerti farti spaccare il culo. Dai muoviti e prendilo tutto, che poi ti si allagargherà come il mio. ”
Sentire quel palo bollente che la rovista negli intestini è una sensazione che Serena non ha
mai provato e le fa bagnare la fica in modo spaventoso.
“Dai ora muovi lo sfintere come se stessi cacando troia. Spompinami il cazzo con il buco
marrone” dice Fabio e Serena diligentemente muove i muscoli del retto in modo da
strofinare il cazzo ben piantato nel suo culo.
“Dai vacca … mi stai facendo un bel servizio col culo … dai che ora godo e ti allago il culo di
sbrodaa .. daii…. segami il cazzo col retto”
“Il tuo cazzone mi sta facendo impazzire… daiiii… mi brucia il culino ma godo da matti. ”
“Sei una troia merdosaaa….. che gode col culo. Dai dillo mentre ti sbatti sul mio cazzone”
“Siii. sono una troia merdosa…. mettimi questo bastone fino in fondo…. sto godendo…..
godoooo… godoooooo” e Serena viene.
Anche Mauro viene nel culo a Sonia che urla il suo godimento dicendo “Siiiii, innaffiami il rettooo, sto venendoooooooo. ”
Fabio si mette a pompare anche lui e urlando dice “Eccoti la sbroda vacca da quattro soldi ….. ti allago gli intestini di sbrodaaaaa” viene nel culetto di Serena.
Serena è disfatta dal piacere.
I due si baciano con un lungo lingua in bocca e quando Fabio tira fuori il cazzo vede che è
tutto sporco di merda.
“Mi dispiace” dice Serena ma Sonia si avvicina e le dice “Guarda come si fa” e abbassando la testa verso il cazzo di Fabio inizia a leccarlo e ripulirlo tutto sotto gli occhi esterrefatti della sua amica. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.