Ultimi racconti erotici pubblicati
Spudorata

Spudorata

Il mattino successivo mi preparai e mi truccai accuratamente e poi telefonai al numero dell’inserzione, mi rispose una voce femminile che mi disse di presentarmi ad un certo indirizzo, feci qualche domanda e mi fu detto chiaramente che si trattava di film per adulti molto spinti, non venne usata la parola porno ma credo che sarebbe stata quella giusta.
Non cambiai idea e dopo aver chiamato Carlo e aver fissato un appuntamento per la sera perché ritenevo giusto dire e spiegare a voce alcune cose, chiamai la scuola e comunicai che per quell’anno non avrei frequentato l’istituto, poi telefonai ad una scuola privata e mi iscrissi per la maturità, poi un ultima telefonata ad un agente immobiliare perché mi trovasse un monolocale arredato ed alla fine mi vestì per uscire, avevo tagliato i ponti dietro di me ed entro 20 giorni volevo essere fuori di casa ed economicamente indipendente, adesso avevo gli stimoli e le motivazioni.. ai miei lo avrei comunicato appena trovato il monolocale adatto.
Presi l’ascensore e mi guardai nel grosso specchio, mini nera, sandali con tacco e camicetta annodata in vita, capelli sciolti e lunghi, un filo di trucco ed un bel rossetto ero perfetta. Taxi e in un quarto d’ora ero fuori dal portone in una zona bene di Milano con dieci minuti di anticipo sull’orario prestabilito.
Salì e bussai con il cuore che mi batteva forte, mi aprì una bella ragazza e dopo aver fornito le mie generalità mi disse di aspettare, 5 minuti dopo fui introdotta al cospetto di due signori sulla quarantina dall’aspetto distinto, mi spiegarono che cercavano delle attrici nuove e che le migliori sarebbero entrate nel giro dei film ad alto budget ma che prima bisognava girare un certo numero di pellicole che definirono low bugdet…….. chiesi informazioni sui controlli sanitari e poi su altre cose ed alla fine sui compensi.
Il più giovane che disse di chiamarsi Renzo mi spiegò che variavano abbastanza a seconda delle produzioni, l’altro Luca lo interruppe e disse che in tutti i casi avevano pronta l’offerta per la tranche dei primi tre film che dovevano essere realizzati entro una decina di giorni al massimo, loro avevano già trovato le attrici ma dopo un provino con me avrebbero deciso, capì che sarebbero stati loro a farmi il “casting”
Ma non mi interessava, volevo il posto e volevo guadagnare …..
“allora signorina, come ha detto che si chiama….. Lisa ecco .. ci daremo del tu ok? .. anche perché se poi faremo il casting …… ” mi guardò per vedere come reagivo ed ebbe un mio malizioso sorriso.
“dicevo….. in questo settore ogni perfomance ha un prezzo a seconda del livello delle produzioni e della fama delle attrici, all’inizio non si guadagna molto ma poi le cose cambiano, guarda Lisa questo è un contratto standard, può essere a giornata 600 euro, oppure a prestazione tot per un pompino, tot per un rapporto anale, tot per una doppia, nel nostro caso di questi 3 film ti viene chiesta la presenza in 5 giornate di lavoro con compenso standard di 600E al giorno, naturalmente se sarai scelta”
Lasciò passare un attimo per farmi capacitare delle offerte e poi mi disse che per prendere parte al film avrei dovuto passare un casting con loro e poi essere scelta dal regista sottoponendomi ad un altro casting, ammesso di passare il primo.
Era chiaro che approfittavano del loro ruolo per farsi qualche scopata gratis con le più carine ma in quel contesto non mi parve certo un problema….
Li fissai entrambi e poi dissi ….. “dove lo faremmo il casting noi.. e quando ? ”
Luca mi rispose immediatamente ” subito Lisa, qui ed immediatamente”
Mi alzai e sistemai la sedia su cui mi ero seduta, appoggiai la borsetta e mi slacciai la camicetta lentamente facendo esplodere il seno davanti ai loro occhi….. lascia cadere la camicetta sullo schienale della sedia e abbassai la cerniera della mini facendo cadere anch’essa con un movimento del sedere….. non indossavo nulla sotto ed i loro occhi mi dissero che gli piacevo .. eccome….
“sono tutta vostra miei maestri….. ” Mi avvicinai e mi inginocchiai davanti a Renzo, gli abbassai la patta dei calzoni e ci infilai dentro la mano……..
Verso le 15 finì il casting e mi parvero soddisfatti al 100%….. ” Per noi sei ok Lisa domani alle 13 trovati qui che ci sarà il regista e un attrice per la prova decisiva”
“ok belli è stato un piacere a domani”
Mentre l’ascensore scendeva a piano terra ripensai a quello che avevo appena fatto…. avevo scopato con due sconosciuti, mi avevano ripetutamente inculato ed entrambi mi avevano sborrato in bocca, Luca aveva voluto che lasciassi cadere la sborra dalla bocca sul piano di vetro del tavolino e mi aveva filmato mentre la leccavo nuovamente con Renzo che mi inculava da dietro…… era stato piacevole ed ero venuta diverse volte …. per adesso tutto bene, avrei visto domani come si metteva.
La sera fu una tragedia con Carlo ma non mi lasciai commuovere e verso la mezzanotte mi riportò a casa trattenendo a stento le lacrime.. lo salutai commossa anche io e mi infilai nel portone di casa non vedendo l’ora di addormentarmi nel mio letto.
Alle 13 mi presentai puntuale all’incontro e mi aprì la solita bella tipa che si dimostrò molto gentile, si chiamava Elisabetta come me e mi disse che c’erano tutti….
“tutti chi scusa ? ” lei mi guardò e disse “il regista Mario Stuz…. Loana la star del film e l’operatore Max”…. io risposi solo un ” ah.. ho capito grazie”
Elisabetta mi presentò e Mario fu subito molto simpatico e gentile….
“allora cara, è il tuo primo lavoro ma mi dicono che sei brava e disinvolta…. lei è Loana ….. lui è Max che riprenderà le scene, tra poco arriveranno tre ragazzi e faremo un piccolo provino se sarò soddisfatto domani pomeriggio inizierai a girare sul serio”
salutai tutti un po imbarazzata e Loana si avvicinò a me…. era una mora alta almeno 178 cm non bella ma particolare di viso mentre il corpo che vedevo sembrava perfetto, indossava un bikini da mare ed un paio di scarpe con tacco alto tutte trasparenti, aveva la pelle molto bella e leggermente olivastra, non potevo capire se era abbronzatura o se era naturale.
Ci fu un offerta di bevande e poco dopo mentre Loana mi raccontava alcune cose entrarono tre ragazzi ben messi e carini, scoprì poi che erano tutti stranieri…. Kurt e Jack biondi e Paul un bel castano con stupendi occhi nocciola…. tutti e tre tedeschi.
Mario prese la parola e spiegò in inglese ai tre ragazzi cosa si aspettava da loro.. io lo seguì in parte…. e poi sai rivolse a me e disse
“Lisa sei stata fatta prigioniera da questa banda capitanata da Loana, loro sono i suoi sgherri e si divertiranno con te, come vedi non è complicato…. la location sarà quel salotto lì….. ascolta le mie indicazioni e non guardare mai la camera, andrà tutto bene vedrai”
Kurt si avvicinò a me e mi prese per un braccio rudemente e mi portò al centro della stanza…. vidi Loana baciare gli altri due sulle labbra, poi la voce gutturale di Kurt mi colpì le orecchie…. abbaiò in tedesco e capì di dovermi spogliare, lo feci con naturalezza e Mario mi disse brava…. molto brava….
Con una piccola corda Kurt mi legò i polsi dietro alla schiena e mi ricordai che non era la prima volta negli ultimi tempi…. i ragazzi si erano spogliati ed anche Kurt li imitò…..
Il tedesco mi fece inginocchiare e mi prese per i capelli, si avvicinò Loana e recitò alcune battute, capì che ero una prigionera e che si voleva divertire con le sue guardie del corpo, si mise a cavalcioni sul mio viso e mi diede la figa da leccare, la trovai gradevole e saporita e per la prima volta mi accinsi a far sesso lesbico, il regista mi chiedeva di leccare ed io leccavo seguendo le sue indicazioni
“brava…. così…. lentamente adesso …… tu tienile la testa .. perfetto…. ”
Mi misi di impegno e più ci davo dentro di lingua e più mi gustavo il sapore della figa di Loana che dimostrava di apprezzare con gemiti e sospiri veri le mie evoluzioni orali. Loana si sdraiò e Kurt mi fece sdraiare con il viso tra le sue cosce….. sentì una mano toccarmi la figa e raccogliere il mio miele che usciva copioso…. ricevetti due dita fradice nel culo e poco dopo vidi Loana spompinare Paul con Mario che le suggeriva i vari passaggi tecnici del pompino….
Facemmo una pausa e Mario ci disse cose voleva da noi e poi si avvicinò a me e mi disse che stavo andando bene e di continuare così.
Riprendemmo con me legata ad una poltrona e con i cazzi di Kurt e Jack davanti al mio viso, aprì la bocca e iniziai dal più vicino alternando uno e l’altro, sentivo la voce del regista in sottofondo e mi parve soddisfatto, volle diversi ingoi completi sino alla radice ed io eseguì senza indugio
“Lisa mandalo giù tutto adesso e tienilo in bocca restando immobile per qualche secondo…. ecco.. che brava che sei !! adesso sfilalo lentamente…. inquadra tu .. allarga…. stringi.. adesso succhia…. la luce com’è….. ”
Altra pausa e Mario mi disse che adesso voleva l’anal….
Mi presero e mentre dovevo leccare Loana venni inculata da tutti e tre i ragazzi a turno, fu la scena più lunga e durò circa mezzora con Mario che si prodigava a dare suggerimenti ad uno ed all’altro e anche a me, Loana ne sono certa mi venne in bocca almeno due volte…… alla fine il regista chiamò lo stop e si disse molto contento.
Mi venne chiesta un ultima scena e fui lasciata libera di improvvisare con tutti e tre i ragazzi, inevitabile una poderosa doppia culo e figa con i loro grossi cazzi che mi fecero impazzire dal piacere e con il cazzo di Jack in bocca …….. i ragazzi si alternarono gedendosi il mio corpo in ogni modo possibile e con grande varietà di posizioni ed alla fine intervenne nuovamente Mario fermandoci..
Mentre ci riposavamo vennero annunciati i cum shot e il regista mi volle sdraiata sul tavolo a faccia in su …. i ragazzi erano vicino al mio viso e in breve mi ricorprirono di sperma il volto ….. dovevo stare immobile e poi alla fine leccare con la lingua quello che si trovava sulle mie labbra ed ingoiarlo…. eseguì brillantemente e poco dopo tutto ebbe termine.
Mario mi chiamò dopo che ebbi fatto una doccia e quando fui da lui mi parlò..
“allora ragazzina, sei andata bene e quindi ti offro di partecipare al film alle condizioni che ti hanno detto ieri Luca e Renzo…. quindi 5 giorni a 600 E al giorno sei contenta ? ”
“sono felice Mario grazie e voglio imparare ad essere perfetta e spero che mi aiuterai con i tuoi preziosi consigli ” avevo capito che dovevo leccare il regista e lo stavo facendo alla grande.
Mi disse che aveva un film estremo da girare poi e che se volevo partecipare avrei dovuto sostenere un provino serale, mi disse che il compenso era più alto perché le prestazioni richieste sarebbero state più perverse…. ” ti interessa ? ? ”
“certamente dimmi dove e quando per il provino”
“dopo domani iniziamo a girare, tu girerai 2 giorni a fila e poi avrai due giorni di riposo e poi altri 3 giorni di riprese…… combineremo nei due giorni di riposo, sarà di sera certamente”
“ok tienimi informata e ti ringrazio tanto”
“bene Lisa sarai pagata al mattino prima di iniziare a girare ogni giorno, poi nel futuro procurati un agente bravo che si occupi di questi dettagli ok? ”
“ci penserò grazie Mario .. arrivederci ” lo baciai e mi allontanai dopo aver salutato Loana ed i ragazzi che avevano a loro volta finito la doccia.
Ero entrata nel mondo del cinema hard !! non era stato difficile e per ora mi ero divertita……
Due giorni dopo mi presentai per le riprese in una villa alla periferia di Milano, venni pagata immediatamente e passai la giornata facendo sesso con uomini e donne, girai tre scene, una scena lesbo con due belle ragazze ungheresi…… un trio con due ragazzi di cui non capì la provenienza e poi alla sera un orgia con una decina di partecipanti misti . Il giorno dopo stessa routine ma solo due scene lunghe, una con 3 ragazzi ed una ragazza bellissima di Ancona, si chiamava Gessica e un’altra da sola con 2 ragazzi .
Mario era contento di me e mi disse che l’indomani sera vi era il casting per il fil estremo a cui mi aveva accennato.. si trattava di tre giorni di lavoro a Vienna viaggio e spese pagate ed il compenso era il doppio esatto di quello che percepivo in quei giorni….. strabuzzai gli occhi e chiesi “1200E al giorno ? ? cazzo…. e cosa pretendono? ”
Mario mi disse che era hard duro con scene di gang bang e bukkake, mi feci spiegare perché non conoscevo quei termini e lui lo fece, mi disse anche che se avessi passato il provino non avrei avuto problemi nel film…..
“va bene proviamo allora ok ? ? ” mi guardò e disse un indirizzo ed un ora in cui mi sarei dovuta trovare la sera successiva.
Non nascondo che ero un poco preoccupata, fino ad allora era andato tutto bene, far sesso mi piaceva e pur non amando i tanti stop chiamati dal regista mi piaceva quel tipo di lavoro, del resto avevo deciso di essere una gran troia nella vita e questo era senza dubbio un ottimo inizio.
La sera successiva mi presentai al casting, eravamo in tre ragazze e un quindicina di ragazzi, ci chiamarono e ci divisero per nazionalità e poi ci spiegarono con traduttori cosa il regista pretendeva da noi.
Vi sarebbero state scene di bukkake ( bagni di sperma)…. doppie anali …. doppie vaginali…… trii …. deep troath ( il cazzo affondato in gola rudemente)….. passaggi di sperma da una bocca all’altra, scene ass to mouth…. ( passaggio culo /bocca ) sputi in bocca ed in faccia….. ci vennero elencate con precisione le performance che avremmo dovuto fare…… le due ragazze se ne andarono e io rimasi.
Il regista mi volle vedere all’opera e fece fermare tre stalloni tra i ragazzi scelti e dopo averci spiegato la scena ci spogliammo ….. il regista si chiamava Alain ed era francese, parlava un ottimo italiano e le sue istruzioni furono chiare e concise.
Iniziai a spompinare i tre ragazzi e poi mentre venivo leccata a turno mi affondarono rudemente il cazzo in bocca, avevano delle aste terribili come dimensione e soffrì rischiando di essere soffocata ogni volta, Alain mi toccò tra le cosce e trovandomi fradicia fu soddisfatto…. poi mi incularono e anche lì al momento della doppia ebbi dei dubbi ma i ragazzi erano proprio bravi e portammo in porto la scena brillantemente, avevo subito la mia prima doppia inculata e avevo anche goduto.
Ci fu un break e poi dovetti subire un assalto prepotente di due ragazzi, provai l’ ebbrezza di assaggiare il cazzo appena uscito dal mio culo e ricevetti molti sputi in faccia e in bocca, alla fine mi sborrarono tutti e tre in faccia e Alain raccolse lo sperma con le dita e me le fece leccare, inutile dire che lo feci golosamente, mi toccò ancora tra le cosce annuendo soddisfatto.
“ok Lisa il posto è tuo, ecco la busta con biglietto aereo e indirizzo dell’Hotel, saremo lì di base….. inutile dire che nel film sarà tutto un po’ più intenso ma te la caverai benissimo ne sono certo”
Avevo ottenuto un’altra scrittura ed ero soddisfatta, andai a casa stanca morta e mi addormentai come un sasso…. meno male che il giorno dopo era di riposo.
Portai a termine il mio primo impegno brillantemente e Mario mi disse che avrebbe parlato bene di me, volle il numero del mio telefonino e poi ci salutammo.
Gli ultimi tre giorni di riprese mi avevano visto protagonista di diverse scene ed avevo goduto intensamente pur tra uno stop e l’altro del regista…. adesso avevo quattro giorni di riposo e poi Vienna.
Ne approfittai per trovare il monolocale che mi serviva e il giorno dopo feci le valige salutando i miei, avevo scelto così ed ero maggiorenne quindi a nulla valsero le loro proteste. Mille raccomandazioni inutili mi accompagnarono mentre con le 3 valige salivo sul taxi….. alle 20 di sera ero installata nel piccolo monolocale di 60mq ed avevo stipato i miei vestiti ed i libri.
Decisi che volevo festeggiare, erano due giorni che non facevo sesso ed avevo altri 2 giorni liberi prima di partire per l’Austria….. mi cambia di abito e più che vestirmi mi spogliai…. uscì di casa indossando una mini vertiginosa e tacchi a spillo, un top aderente metteva in risalto le mie grosse tette e un giacchino leggero che portavo sulle spalle completava il tutto.
Mentre aspettavo il taxi si affiancò una macchina ed un signore distinto mi fece cenno di avvicinarmi, credevo mi chiedesse un informazione ed invece senza tanti preamboli mi chiese
“quanto vuoi? ? “……… io ero stupefatta e dopo un primo istante di smarrimento balbettai….
“dipende….. da cosa vuoi tu” non credevo alle mie orecchie, stavo facendo la puttana sotto casa…..
Il tipo aveva un macchinone e mi fece salire per poi dirmi che era di Roma e voleva compagnia per la notte e che eventualmente aveva anche due amici a cui sarei certamente piaciuta….. mi disse che alloggiava in un Hotel bellissimo in centro, conoscevo l’hotel e in mezzo secondo sparai le mie richieste.
“da solo 1000 E per la notte, se ci sono altri facciamo 700 a testa”
Il tipo che si era presentato come Fabio fece una telefonata e dopo aver parlottato con gli amici riattaccò, mi aspettavo un rifiuto ed invece mi disse che andava bene .
“mi raccomando solo contanti ok? ” lui annuì e disse
“nessun problema troverai il tuo compenso appena arriviamo”
Gli dissi di aspettare che sarei salita in casa a mettere qualcosa di più adatto all’ambiente in cui ci recavamo ma lui mi disse che andavo bene così e che saremmo saliti dai garage direttamente nelle suite, una rapida corsa e 15 minuti dopo stavo contando i soldi davanti ai tre uomini in una bellissima camera di quel prestigioso Hotel .
“bene, sbrigate le formalità direi di cominciare a divertirci ” aveva parlato Francesco e sia Fabio che Antonio annuirono
Abbassarono le luci e in pochi istanti erano nudi, si accomodarono sulle poltrone e poi …..
“spogliati davanti a noi puttanella…… vediamo se vali i soldi che abbiamo speso”
La situazione mi eccitava tantissimo e avevo una voglia pazza di lasciarmi andare con quei tre i quali mi avevano anche strapagata, mi tolsi i pochi indumenti che indossavo e restai nuda davanti a loro con solo le scarpe ai piedi, il mio grosso seno attirava i loro sguardi allupati…. mi accucciai per terra ed a quattro zampe mi diressi verso Fabio, gli accarezzai le gambe e con le labbra sfiorai la sua pelle, gli altri non mi staccavano gli occhi di dosso mentre fumavano.
Decisi di farli impazzire tutti e tre, ….. lentamente passai da ognuno di loro facendo la gattina infoiata, li baciavo e accarezzavo i loro corpi stando ben attenta a non toccare i loro membri….
“sono la vostra puttanella per questa notte, non avete che da chiedere ed io eseguirò…. non avete mai conosciuto una troia come me e ve lo dimostrerò….. ”
Tornai da Fabio da cui avevo iniziato e iniziai a baciargli le cosce e poi mi abbassai sino alle caviglie, poi mi presi le tette in mano e le sfregai sulla sua gamba come per fare una spagnola intanto mi passavo la lingua sulle labbra, gli guardai il cazzo, ero bello gonfio e duro, la cappella era violacea e congestionata e dovetti farmi forza per non imboccarla subito tale era la voglia che avevo anche io.
Mi inginocchiai e sculettai mostrando il mio culo agli altri e con la lingua percorsi la coscia di Fabio dal ginocchio all’inguine, con la guancia sfiorai i testicoli e l’asta che svettava dritta come un piccolo obelisco di carne, con le mani percorrevo il petto dell’uomo sfiorando i capezzoli ben fatti ……
“ti piace quello che ti fa la tua troia tesoro ? su dimmelo che sono la tua troia”
“siii…. non ti fermare troietta ….. si sei la mia troia…. daiiii….. cazzooo…. ”
Mi alzai e divaricai le gambe davanti a lui e mi allargai la figa con le mani piegando le gambe in una posa lasciva ed oscena…….. poi mi accarezzai il seno sbattendo le tette una contro l’altra e sculettando mi diressi verso Francesco….. lo baciai sul collo e poi scesi sul petto percorrendolo con la lingua ….. mi avvicinai alla sua grossa cappella e ci soffiai sopra dolcemente e poi iniziai a leccare l’inguine del maschio lentamente mentre con le dita gli stuzzicavo i coglioni gonfi…..
Mi girai e sculettai davanti al suo viso mentre offrivo lo spettacolo del mio seno che ballava al ritmo dei miei ondeggiamenti con il culo….. strofinai le mie chiappe sode sulle sue gambe e poi mi girai e appoggiai le mie tette al suo cazzo sfiorandolo e colpendolo con le mie belle e grosse mammelle…..
Lasciai Francesco in condizioni imbarazzanti in preda ad un erezione mostruosa e con la lussuria negli occhi….
Ondeggiando come una sirena mi diressi verso Antonio ed anche a lui fornì un servizio vario di carezze e sfioramenti sino a che passai il limite e l’uomo mi afferrò per le spalle obbligandomi ad abbassarmi e a prendergli in bocca il cazzo, lo succhiai con trasporto e con voglia mentre il maschio mi spingeva la testa contro il suo pube forzandomi ad ingoiarlo interamente, ero a 90 gradi con le gambe leggermente divaricate e poco dopo sentì il grosso cazzo di Fabio puntarmi sulla figa fradicia e penetrarmi con un colpo deciso…..
“siiiii….. uahhhhhh…….. così scopami porcooo….. sbattimi per bene…. ”
Mi scoparono per un mezzora alternandosi tutti e tre nella figa e nella bocca in modo fantastico, godetti tre volte urlando come una forsennata tutto il piacere che provavo
Sino a che Francesco tenendomi per i capelli mi mise la faccia tra le cosce di Fabio e iniziò ad avere un tono autoritario..
“leccagli i coglioni troia del cazzo….. dai Fabio falla lavorare questa pompinara…. così…. bene…. fatteli lavare per bene…. ”
Fabio mi cinse il viso con le cosce e mi schiacciò verso il suo pube, avevo la bocca piena dei suoi coglioni e li leccavo e succhiavo senza sosta, poi toccò a Francesco e poi ancora ad Antonio…..
“”voglio sborrarle nel culo a questa bella puttanella….. ” Era Antonio che parlava e senza indugiare mi mise in ginocchio alla pecorina e si pozizionò dentro di me…. mi prese nella figa mentre con un dito mi penetrò l’ano…. poi furono due dita e le sentì fradice, quando si sfilò dalla figa mi rammaricai ma un istante dopo avevo un cazzo bollente nel culo che andava avanti e indietro e mi misi a gemere di piacere, le mani di Antonio mi aprivano la figa spalancandola e giocando con il clitoride mentre mi penetrava inculandomi senza sosta.
“cazzooooo…… aprimi tutta per beneee…. Uohhhhhh…. uohhhhh…. uahhhh….. bravo, cazzo come scopi beneee….. uahhhhhh…. ”
“prendilo nel culo troia del cazzo….. siii…. siii…. sei una vera vacca da monta.. ”
Gli altri si erano messi a fumare in poltrona e si godevano lo spettacolo e poi Fabio ebbe un idea e disse….. ” Fermati un attimo Antò e falla strisciare fino a qui dove siamo io e Frà….. ” Antonio si sfilò rifilandomi un ceffone sulle mie chiappe che mi fece sobbalzare….. camminai carponi sino ad essere davanti alle poltrone dei maschi e poi Fabio parlò nuovamente..
“inculala di nuovo adesso…. ”
Avevo la mani appoggiate per terra ed ero nuovamente alla pecorina con Antonio che mi pompava il culo con decisione, Fabio alzò la gamba e me la mise davanti al viso e capì cosa voleva, gli baciai il piede e continuai a farlo usando la lingua per leccarlo….
A quel punto anche Francesco alzò la sua gamba e mi appoggiò il piede sulla spalla e appena smisi di leccare Fabio passai al suo….. a lungo giocammo così ed anche Fabio e Francesco si godettero il mio culo sfondandomelo con gusto ….
Mentre Francesco mi inculava forsennatamente cingendomi i fianchi con le mani Fabio si girò e mi porse il suo culo in faccia, mi appoggiai con le mani alle sue chiappe e le allargai tuffandomi con il viso nel solco del culo, agitai la lingua e quando trovai il buco del culo dell’uomo lo umettai per bene e lo penetrai con la lingua dolcemente….
Antonio si sdraiò con la testa sotto il mi petto e si mise a giocare con le mie tette palpandole e leccandole, mi morse dolcemente i capezzoli ed io urlai di piacere….
“siiii….. mordimi più forte…. siii!!! …. ancora porci maiali…. spaccami il culooo!! ”
e poi mi tuffai nuovamente fra le chiappe dell’uomo davanti e tornai a leccare voracemente il suo bel culo…. avevo il viso fradicio e bagnato dalla mia stessa saliva ed alcune ciocche di capelli mi si erano attaccate alla fronte…… Francesco mi sbatteva per bene e iniziò a darmi una sonora sculacciata sulle mie belle chiappe…. Antonio mi mordeva il seno con maggior decisione…… godevo veramente e pensai che avevo pure guadagnato una cifra considerevole per questo piacere immenso…..
Improvvisamente Francesco cominciò a gemere forte e capì che stava venendo….
“in bocca…. uhhmmm…. uhhmmm…. in bocca.. sborrami in bocca….. ”
Mi spostai e l’uomo si sfilò e mi venne di fianco offrendomi il grosso cazzo congestionato, lo imboccai immediatamente e sentì il sapore acre del mio culo….
Mi eccitai come una scrofa con il palato che assaporava quel disgustoso sapore, la sborra uscì bollente e a schizzi colpendomi la gola e furono diversi e potenti i fiuotti di sperma che ingoiai…..
Francesco si pulì il cazzo con delle ciocche di miei capelli e io mi rituffai con la bocca ancora sporca di sperma a leccare nuovamente il culo a Fabio…. intanto Antonio si era spostato ed ora era lui ad incularmi di nuovo….. nemmeno cinque minuti e anche Antonio venne nella mia bocca come l’amico, mi teneva la testa ed urlava….
“bevi la sborra troia del cazzooo…. siii…. siii…. siii.. siiiii…. bevi tutto…. ouhhhhhh…… ouhhhhh…….. ”
ingoiai la sborrata come se fosse stata una delizia e gli lucidai la cappella insalivandola abbondantemente mentre con la mano gli menavo il cazzo per far fuoriuscire anche l’ultima goccia di quello sperma buonissimo….
mentre ero intenta a lavorare quella cappella profumata di sborra fresca senti un altro cazzo piantarsi prepotentemente nel mio culo…..
Era Fabio che a sua volta mi arrossò il culo a ceffoni pompandomi forsennatamente e venendo in breve tempo….. lui mi sborrò nel culo e sentì il suo sperma caldo riempirmi le viscere, Antonio si era seduto esausto nel frattempo e quando Fabio si tolse dal mio culo uscì un rivolo bianco…. Fabio mi si avvicinò e mi fece sedere per terra mentre mi porgeva il cazzo da leccare e pulire…..
“lavalo adesso troia, è stato nel tuo culo e adesso lo spompini e lo lecchi per bene…. brava vacca.. ”
poi mi mise una mano tra le cosce e cercò con le dita il mio culo, quando la estrasse era lorda di sperma che era colato dal mio buco del culo dilatato e me la mise in bocca anch’essa perché la leccassi…. ripetè l’operazione diverse volte sino a che fu soddisfatto….. ed io leccai diligentemente tutto fissandoli negli occhi tutti….
“bevi troia del cazzo…. così…. bevi la sborra…. brava vacca…. cazzo che vacca che abbiamo trovato stasera….. ”
Alla fine eravamo tutti esausti e sudati e ci concedemmo un po di riposo sul letto….
Per primo parlò Francesco….. ” Sei una bomba Lisa…… veramente brava…. che ne diresti di venire a Roma quando hai tempo.. noi organizziamo dei festini per personaggi importanti ed una come te potrebbe conoscere persone giuste ed anche guadagnare bene…… che ne dici? ”
“perché no ragazzi, se vengo avvisata in tempo e ne vale la pena ci vengo di sicuro…. ”
Passammo diverso tempo a parlare e decisi che mi erano molto simpatici, tutti e tre brillanti, intelligenti e di bella presenza…… offrì loro di incontrarci l’indomani e di ripetere la serata, volevo solo una bella cena e basta come compenso …. si stupirono ed accettarono immediatamente.
“vorrà dire che il mio sarà un anticipo per le serate che mi farete fare a Roma…. e se anche non vi dovessi più risentire ci saremo divertiti una sera in più…. ”
Li avevo definitivamente conquistati….. ci scambiammo il telefono ed ero sicura di aver fatto bene……
Scopammo ancora tutta la notte e li feci venire ancora una volta tutti e tre…. mi chiamarono un taxi e ci demmo appuntamento alla sera successiva.
La sera successiva fu molto raffinata con una cena in un locale elegante ed un dopo cena molto erotico nel quale ebbi modo diverse volte di far divertire i tre uomini, non volevo far tardissimo e verso le 02. 00 in taxi rientrai nel mio appartamento, avevo deciso che anche quella casuale e nuova esperienza avrebbe fatto parte della mia nuova vita, nel giro di poco più di un mese avevo ribaltato la mia esistenze completamente e tutto nel nome del sesso.
Arrivai a Vienna e trovai un incaricato ad attendermi, alloggiai in un Hotel del centro vicino al palazzo dell’Imperatore, la città era sempre troppo fredda per i miei gusti, trovai un mazzo di rose nella mia stanza ed un invito ad un party informale per la sera.
Mi misi un abito da sera adatto all’occasione, scollato davanti e dietro e con profondi spacchi laterali, scarpe alte e qualche bijoux adatto completarono la mia vestizione, mi recai con un taxi all’indirizzo ed ebbi la lieta sorpresa di trovarmi in un locale molto chic con tanta bella gente, non conoscevo nessuno ed esibì l’invito ….
Mi venne ad accogliere Alain e finalmente vidi un volto noto, il regista fu molto simpatico e piacevole, mi disse che avremmo girato l’indomani in una casa poco distante da dove ci trovavamo, aveva avuto un’altra proposta da una nota casa di produzione olandese e a quel punto se mi andava vi era lavoro per 6 giorni, in tutto bisognava trattenersi a Vienna 12 giorni…. la paga era quella stabilita di 1200E al giorno, accettai immediatamente.
Verso le 03. 00 Alain mi accompagnò all’albergo e mentre guidava mi chiese senza tanti preamboli se avevo voglia di fargli un pompino ….. non avevo certo bisogno di farmelo ripetere due volte e lo feci salire in camera da me, gli servì da bere e lo feci accomodare nella bella poltrona davanti alla finestra, lo skyline di Vienna era davanti ai suoi occhi, mi spogliai e completamente nuda mi inginocchiai davanti all’uomo.
La mia bocca si diede parecchio da fare sul bel cazzo del regista francese e non tralasciai di mostrare la mia abilità anche ai suoi gonfi coglioni, dopo venti minuti abbondanti di un fantastico pompino Alain venne eruttandomi in bocca una quantità notevole di sperma che golosamente ingoiai a fatica…. mi dedicai alla pulizia del suo membro per parecchi minuti strappandogli più di un gemito di piacere e poi mi alzai soddisfatta….
“sei veramente brava Lisa io e te andremo parecchio d’accordo…. adesso devo andare a domattina.. ore 9. 30 nella hall ” mi diede un bacio e si avviò alla porta.
Andai a letto tranquilla e rilassata, ritenevo di aver fatto una buona cosa e che tutto fosse un investimento per il futuro….
Alle 09. 30 ero pronta nella hall, trovai altri ragazzi e ragazze che avevano partecipato con me al casting, oltre ad altri che non avevo mai visto, diversi ragazzi di colore molto carini tra l’altro e dopo qualche breve spiegazione salimmo tutti su un pulmino della produzione.
Nel giro di mezzora fummo in appartamento enorme che fungeva da set. Mi diedero una stanza per il trucco e per le pause che dividevo con una bella ungherese di 20anni che non spiaccicava nemmeno una parola di italiano e pochissime di inglese.. mi spogliai ed indossai gli indumenti per la prima scena….. autoreggenti nere e scarpe altissime nere anchesse ….. mi diressi verso il set e Alain riunì tutti gli attori e le attrici per spiegare la misera trama.
“allora ragazze e ragazzi, un ricco signore ha acquistato un bordello e vuole vedere all’opera le ragazzi ed i ragazzi prima di fare l’inaugurazione, procederemo ad alcune scene stamattina, poi proseguiremo nel pomeriggio ed in serata, domani riposo e si ricomincia dopodomani…. problemi? ”
Nessuno rispose e l’aiuto di Alain un francese di nome Henry chiamò me e un’altra ragazza e poi quattro ragazzi credo tedeschi ed ungheresi, mi spiegarono che dovevo masturbarmi mentre osservavo la ragazza con i 4 ragazzi, poi sarei intervenuta alla fine e mi avrebbero ricoperto la faccia di sperma con le loro venute…. tutto chiaro.
Tra uno stop e l’altro ci volle più di un ora e mezzo ed alla fine mi trovai completamente imbratatta di sperma, avevo il viso ricoperto completamente da sborra biancastra e Alain mi fece fotografare in diverse pose dal fotografo di scena…. poi mi filmarono mentre con le dita raccoglievo lo sperma e lo portavo alla bocca e poi lo scambiai con una morettina sputandoglielo in bocca e ricevendolo poi a mia volta nuovamente allo stesso modo, fummo nuovamente fotografate ed alla fine abbi terminato.
Feci la doccia insieme alla morettina, una tedesca di 24 anni di nome Ursula la quale si divertì ad insaponarmi e baciarmi a lungo sotto il getto dell’acqua…. feci in tempo a riposare e poi a metà pomeriggio fui di nuovo chiamata…..
“Lisa tocca a te adesso…. hai una scena con questi tre ragazzi e mi indicò tre ragazzi di colore che mi sorrisero, ho già spiegato tutto a loro…. la scena prevede pompini, anal e venute ingoiate…. dovrai mostrare alla camera la tua bocca spalancata prima di ingoiare e dovrai farlo lentamente, ricordalo perché è importante…. inoltre dovrai tenere questo fallo nella figa per tutto il tempo….. “…….. mi mostrò un fallo rosa di discrete dimensioni con dei laccioli per fissarlo alla vita..
“ecco prendilo e preparati prendendo confidenza con il fallo, tra cinque minuti si inizia.. puntuale mi raccomando”
Mi rifuguai in camera e davanti ad Eva mi lubrificai e mi infilai il fallo fissandolo ai fianchi ….. era piacevole e mi bagnai per bene, poco dopo tornavo verso il set
La scena durò un paio di ore e fu faticosa sia per i membri enormi dei ragazzi sia per i tanti stop ma alla fine la portai a termine tra gli applausi con diversi ingoi da manuale..
Mi incularono senza sosta mentre spompinavo gli altri due, facemmo le posizioni più assurde e poi li ricevetti in bocca per i cum shots come li chiamava Alain…… mostrai bene la bocca aperta prima di deglutire lo sperma ad ogni sborrata che mi donavano i ragazzi di colore.
Altra doccia questa volta da sola e poi mi gettai sul letto in camera…. verso le 21 fui chiamata per la terza scena…… Alain mi spiegò che dovevo spompinare i ragazzi che a loro volta avrebbero scopato Erika che a quanto avevo capito era la protagonista.. il mio compito era quello di tenerli in tiro e duri per la mia Signora che se li sarebbe goduti a due a due…. erano in otto e la scena fu lunga e faticosa, mi dolevano le mascelle ed uno di loro era veramente enorme…..
Spompinare per oltre due ore senza nessun altro stimolo non fu facile e pensai diverse volte al compenso per farmi forza…. alla fine tutto andò per il meglio, passammo tutte alla cassa per i ns. compensi che furono saldati in contanti ad ogni attore ed attrice.
Era la una di notte quando distrutta varcavo la soglia della mia camera in Albergo…. domani sarebbe stato di riposo per fortuna.
Rimasi a Vienna tre settimane e guadagnai molto, fu dura anche se a volte riuscì a provare piacere per quello che facevo…. non mi piacevano le interruzioni, non era tanto che cosa si faceva a crearmi problemi ma i continui stop e l’attenzione richiesta che non mi facevano mai rilassare….. feci di tutto con uomini e donne ed anche una scena con 3 trans brasiliani molto belli e femminili nonostante avessero un gran cazzo tutti e tre…. in una scena fui stesa su un telo di plastica ed almeno 30 uomini mi vennero addosso ricoprendomi di sperma che poi venne leccato da 2 ragazze tedesche che ne bevvero gran parte…… in un’altra scena fui inculata da un nero con un cazzo enorme e mentre subivo quella dura inculata dovevo leccare la figa ad una donna di almeno 55anni che stava a gambe larghe davanti al mio viso…..
Girai una scena con tre vecchi e dovetti farli sborrare tutti e tre, ci misi tre ore ed ero distrutta alla fine, poi in un’altra feci un gang bang con 5 donne che mi sottomisero ai loro voleri con ogni tipo di fallo artificiale e mi infilarono anche un manico di scopa nel culo alla fine….
Mi scritturarono per un film in Francia ma dissi ad Alain che volevo girare senza troppi stop altrimenti non mi divertivo, lui mi rispose che avrebbe iniziato a breve una linea di prodotti dove gli attori erano liberi di interpretare le scene senza interruzioni, avevano solo le indicazioni iniziali e poi erano lasciati alla loro fantasia.
Rientrai in Italia appena libera dopo aver incassato gli ultimi compensi.
Avevo tre settimane di tempo prima di partire per Parigi dove avrei girato per quindici giorni con un compenso molto alto quasi 10. 000E
Mi ritenevo soddisfatta dell’inizio della mia carriera di attrice porno e mi concessi una meritata vacanza, i soldi li avevo e presto ne avrei guadagnati molti.
Il giorno dopo al mattino entrai in un Agenzia e prenotai una crociera di 7giorni con una barca a vela nel Mar Rosso, sarei partita alla sera stessa giusto il tempo di fare i bagagli, alla sera ero già in un Hotel di Urghada, trovai una busta con le istruzioni per l’imbarco alle 10. 00 del mattino dopo.
Alle 10. 00 presi un taxi e mi recai in un porticciolo, poi chiesi e mi fu indicato un bellissimo yacht, un 18m di produzione svedese a quanto potei capire, mi tolsi le scarpe e sali a bordo con il mio piccolo bagaglio. Fui accolta dallo skipper un italiano di nome Renzo sui 45anni, abbronzato ed attraente come sanno esserlo quelli che fanno un tipo di lavoro all’aria aperta.
Mentre mi spiegava le piccole cose della vita di bordo arrivarono delle persone, tre coppie e poi quattro ragazzi, fui accompagnata al mio alloggio che trovai spazioso e confortevole, avevo anche un mio bagno ed una piccola doccia….. la bellissima imbarcazione poteva accogliere 16 persone più le tre di equipaggio e noi eravamo solo 11 ospiti quindi non mancava lo spazio.
Mi misi in libertà con un paio di shorts cortissimi e il bikini ed indossai ai piedi un paio di scarpe da vela con la suola adatta…… fummo riuniti nel salone dello yahct e ci fu un piccolo rinfresco che diede modo a tutti di fare una prima conoscenza….
Le tre coppie sposate tutte sulla trentina, Maria e Giorgio di Rapallo, Miki e Reenè di Tolone e poi Serene e Michel di Parigi….. tutti di bella presenza e simpatici all’apparenza, i quattro amici erano sotto la trentina…. sportivi e spavaldi …. Tiziano, Raffaele.. Dino.. Manuel…. poi c’ero io.
Feci un po di comunella con le donne prendendo il sole mentre gli uomini si impossessavano delle manovre della grossa barca, Renzo vigilava con Ivan ed Samuel i suoi aiuto skipper….. ci spiegarono delle procedure di emergenza e poi dopo aver navigato sotto un leggero vento in un mare fantastico andammo in una caletta per un bagno spettacolare …. i quattro ragazzi si produssero in avances ma io volevo riposare e avevo fatto il pieno di sesso nelle settimane precedenti per cui me ne stetti sulle mie senza dare confidenza.
Riprendemmo il mare e alcune ore dopo attraccammo in una caletta riparata veramente bella e i ragazzi dell’equipaggio iniziarono i preparativi per una grigliata di pesce fresco acquistato al mattino, gustammo una cena squisita e restai a chiacchierare con le ragazze a lungo sul ponte adagiate su delle comodissime sdraio fornite di materassino regolabile.
Ad una certa ora le ragazze raggiunsero i loro uomini ed io rimasi sul ponte con un drink in mano ed una sigaretta nell’altra…. era incantevole la pace e la bellezza di quel posto ed a malincuore presi possesso della cabina spogliandomi del bikini.
Fui svegliata da un rumore sordo ma non mi preoccupai…. poi sentì del vociare e delle imprecazioni, mi alzai e misi il costume, ma non avevo fatto in tempo neppure a mettere il reggiseno che la mia porta si spalancò..
“presto siamo stati abbordati…… cazzo è qui…. ” vidi Manuel cadere e dietro di lui emerse una persona che indossava una maschera che gli copriva gli occhi.. mi misi ad urlare ma lui noncurante si avvicinò e mi prese le mani e le legò velocemente con dello spago sottile……
“non toccarmii…. aiutoooo…. aiutooo…….. ahhhhhhhh…….. ” l’uomo mi spinse fuori della cabina e in quel momento sentì le urla e le bestemmie in varie lingue….. le altre ragazze urlavano anch’esse……
Appena sul ponte mi resi conto che ero perduta, eravamo tutti perduti, attorno al nostro sloop c’erano quattro grosse barche e tutti gli uomini della nostra barca erano sdraiati e legati mani e piedi sul ponte. Un istante dopo che mi fui resa conto che attorno a noi vi erano almeno 20 banditi giunsero le altre ragazze legate come me….
Tutte urlavano a squarciagola…… un tipo grosso e pieno di tatuaggi urlò loro di stare zitte…. e poi prese quella che pareva più spaventata e che singhiozzava e le rifilò due ceffoni in pieno volto gettandola a terra.
“Ora ascoltatemi bene….. voi quattro salirete sulle nostre barche, una per ogni barca e per questa settimana sarete le nostre schiave, se qualcuna si ribella o non si rende partecipe e disponibile sarà gettata in mare e lasciata al suo destino, se invece collabora tra 6 giorni sarete liberati e tornerete con i vostri uomini…. loro saranno liberati subito ma se avviseranno le autorità non vi rivedranno mai più…… noi lo sapremo immediatamente e per voi non ci sarà scampo”
Fece una lunga pausa e chiese ad ogni uomo se avesse ben compreso quello che aveva detto…….. ” tra l’altro se non vi ritroveranno voi avrete un bel daffare a dover dimostrare di non essere d’accordo tutti e di esservi sbarazzati delle donne in modo poco ortodosso, quindi pensateci prima di fare cazzate, se tutto andrà bene noi saremo qui tra 6 giorni e riavrete le vostre donne”
Tutto il discorso fu fatto in Italiano, Inglese e Francese….. quel tipo non era il selvaggio che sembrava mi dissi….. ero comunque molto preoccupata e òe aòtre ragazze che erano terrorizzate non aiutavano certo a cercare il modo di cavarcela.
Cercai di riflettere e mi dissi che se volevano solo le donne era per il sesso e questo non mi preoccupava, .. ma se ci avessero torturato a fatto chissà che…..
Guardai meglio il tipo pieno di tatuaggi, capelli lunghi, mascella quadrata, un metro e novanta circa, la mascherina sugli occhi gli celava lo sguardo, mi guardai intorno ed anche gli altri pirati erano tutti fisicamente possenti, non vi erano speranze di cavarcela e poi erano armati. Chiesi di parlare con lo skipper ….. fui accontentata….
“Renzo senti…. questo non scherzano, non facciamo cazzate ed assecondiamoli…. avremo poi tempo per denunciare, ma se sbagliamo le mosse rischiamo grosso…. parla con le ragazze e calmale…. questi vogliono sesso e noi glielo daremo perché non abbiamo alternative, voi ve ne state tranquilli e alla fine portiamo a casa la pelle…. ”
“in effetti…. ci lasciano liberi ma se avvisiamo la polizia e loro vedono movimenti e ricerche voi sarete in mano loro e non oso pensare che fine farete….. aspetta che parlo alle ragazze….. ”
Renzo parlò alle ragazze e dopo qualche urlo stridulo sembrarono calmarsi un poco….
Qualche minuto dopo vidi il Tatuato che si dirigeva verso Renzo e gli ricordò i patti..
Un uomo con una cicatrice sul viso mi prese e mi legò i polsi e mi aiutò a salire su una delle loro imbarcazioni, erano delle barche tipo motoscafo di una decina di metri con un aspetto veloce, ne avevano quattro e noi ragazze fummo separate o perlomeno io ero sola….. fui fatta accomodare su un divano e mi liberarono, un ragazzo sulla trentina mi controllava anche lui con la mascherina sugli occhi….
“posso avere da bere per favore….. ” Chiesi in italiano e lui mi rispose in inglese di servirmi al bar alla mia destra…..
Mi servì da bere e dopo una mezzora attraccammo in una rada, non avevo certo idea di dove eravamo ma non aveva importanza….. mi fece cenno di uscire e vidi una specie di villaggio illuminato da fuochi, ed una lunga spiaggia….
Il tatuato era nel mio gruppo e mi fece scendere dalla barca……
Mi guardò a lungo e disse ….. ” Guardala dal punto di vista giusto e ti divertirai, sbaglia qualcosa e tutto diventerà un incubo con conseguenze pericolose….. sei stata avvisata e se sarai intelligente non cercherai di scappare e di resistere…… adesso cominciamo a divertirci…… ”
Ci dirigemmo verso un punto della spiaggia dove vi erano dei teli per terra e dei fuochi attorno…. c’erano anche dei pali piantati a terra molto grossi con anelli e delle specie di poltrone vecchie e consunte ed anche delle sdraio di plastica ….. contai i pirati che vedevo ed erano una decina di cui tre di colore.
Mi vennero nuovamente legati i polsi e poi fissati ad un anello di un grosso palo delle dimensioni di un paracarro stradale…… mi sdraiai sui teli trovandoli morbidi e soffici, nonostante le apparenze quei tipi sembravano apprezzare le comodità…..
Due uomini mi vennero vicino e iniziarono a palparmi e baciarmi…. lasciai fare ed anzi cercai di concentrarmi sulle loro carezze…. in poco tempo ero bagnata ed eccitata e se ne accorsero anche loro….
“la troietta è eccitata…. gli piace…. molto bene sarà più divertente….. ”
Uno di loro iniziò a leccarmi la figa e lo faceva in modo divino….. l’altro si mise a baciarmi le tette e i capezzoli divennero duri come il marmo, si spogliarono e si misero in piedi davanti a me, avevo i polsi legati e mi diedi da fare con la bocca passando da un cazzo all’altro…. mi accorsi che uno di loro stava filmando con una telecamera digitale, assaporavo quei cazzi duri e grossi che sapevano di mare…. mnon erano neppure troppo puliti ma riuscì a piacermi anche quella cosa, sapevano di uomo di maschio….
Ne arrivò un altro che si sdraiò per terra e mi prese per i fianchi e lentamente puntò il suo cazzo sulla mia figa….. non vedevo l’ora ed ero un lago…. mi penetrò con un colpo secco sino alla radice e gemetti di piacere ululando come una lupa in calore….. succhiavo quei cazzi e mi piacevano un mondo, quello che mi scopava iniziò a stringermi le tette e non fu certo delicato ma ero così presa che mi piacque un casino….
“si…. si…. sii…. Uahhhhhhh…… strizzami le tette porco…. siii….. scopami tutta….. ”
Inizia a gemere e a urlare frasi sconce…… i due pirati in piedi mi prendevano la testa e spingevano i loro cazzi in fondo alla mia gola, io li insalivavo quanto più potevo e cercavo di non soffocare mentre l’altro sdraiato mi scavava la figa senza sosta….. mi accorsi dell’arrivo di un altro e lo sentì che mi infilava un dito nel culo….
“questa troia ne ha già presi di cazzi…. è bella aperta…. andiamoci pesanti…. ”
Senza porre indugio passò a tre dita e le sentì che mi aprivano il culo e un attimo dopo la sua cappella mi spalancava l’ano e mi sentì riempire tutta…..
“Uahhhh…… Uha…….. bastardiii….. siiii….. spaccatemi il culoooo….. siiiiii…… ”
Non avevano fretta e si capiva, iniziarono a pomparmi con cadenza regolare e mi fecero venire subito…. mi aggrappai con la bocca ai cazzi che avevo davanti e succhiai quelle cappelle gonfie come una forsennata…. avevo culo e figa farcita di cazzo da sconosciuti in posto chissadove ma non mi interessava….. come stavo godendo….
Arrivò il tatuato e mi liberò le mani che subito furono occupate da altri due cazzi che volevano sollievo….. stavo dandomi da fare con 6 grossi cazzi e mi stava filmando quel bastardo….. si tolsero e mi misero sopra ad uno di quelli neri.. aveva un bel cazzo grosso, lo sentì entrare nella figa e gemetti.. un altro si avvicinò e cercò anche lui la figa…. si una doppia nella figa, li sentivo aprirmi la figa all’inverosimile.. ed urlai di piacere e di ecciatazione…..
Un altro cercò di farmi il culo…. ci riuscì ed ebbi paura di rompermi tutta ….. mio dio che sensazione ero ripiena come un uovo con tre cazzi dentro di me.. e che cazzi!!!!
Mi pompavano ridendo e quando si avvicinò un nero con un cazzo da brivido lo guardai preoccupata ma lui voleva la mia bocca, e la riempì.. la riempì e mi soffocava tanto era enorme e nero….
Lo vedevo lucido che entrava ed usciva dalla mia bocca e ecco che ne trovai ancora altri due in mano…. ebbi un orgasmo devastante e colai sborra sui tre cazzi che mi stavano scopando…. che cagna che sono diventata vero?
“dai troia…. ti piace il cazzo vero? …. sei una troia italiana e vedrai che scorpacciata di cazzi che farai…. ”
Il cazzo nel culo mi stava devastando e sentì il mio culo aprirsi all’inverosimile anche perché ne avevo altri due nella figa che mi riempivano, ero proprio piena…. si tolsero quasi tutti e si misero attorno a me….. ero in ginocchio e passavo da un cazzo all’altro leccando i coglioni e l’asta dura, erano tutti ben forniti e con un fisico atletico…. assaporai i loro sapori selvatici di maschi che vivevano all’aria aperta….
“sei una vera troia ragazza….. ci sai fare e ci divertiremo tutti…. ”
era il tatuato che parlava e vidi che aveva un affare enorme tra le gambe, per adesso si era limitato a filmare ma lo vidi che dava la telecamera ad un altro e si avvicinò porgendomi la sua enorme mazza da leccare…. mi spostai e lo ingoiai o meglio cercai di imboccarlo ma aveva una cappella enorme e mi misi a leccarlo con passione ….
“Karim sdraiati a terra ….. ” Il tatuato diede l’ordine ed il ragazzo di colore si sdraiò vicino a me….. Sentì quelli che mi scopavano che si sfilavano ed ebbi un attimo di tregua, li vidi avvicinarsi al ragazzo sdraiato con i cazzi in mano congestionati e le cappelle gonfie…. iniziarono a spruzzare seme addosso al ragazzo .. capì che gli stavano sborrando sulla zona del pube ed in breve vennero tutti e tre quelli che mi avevano scopata ed inculata, il ragazzo aveva i coglioni e il cazzo pieni di sborra dei compagni….
La sborra risaltava sulla sua pelle scura e lui rerstava immobile con i cazzo che svettava come un obelisco su quel bel corpo, il tatuato mi fece girare e mi spinse la testa contro il pube del ragazzo…..
“lecca troia .. ripuliscilo bene…. sei una troia e devi comportarti da tale.. ” si esprimeva in inglese e lo capì benissimo…..
Mi afferrò per i fianchi e puntò il suo enorme cazzo sul mio buco del culo e mi penetrò, urlai di dolore e piacere mentre ero immobilizzata da quelle mani forti e prepotenti….. un altro si avvicinò e mi spinse la testa contro il ragazzo e mi trovai la faccia premuta sui coglioni imbrattati di sperma. , cominicia a leccare mentre il tatuato mi inculava con potenti affondi che facevano sbattere le mie grosse tette contro le cosce del ragazzo a terra….
Leccai a lungo tutta la sborra che c’era sempre con la testa schiacciata da un pirata che rideva sguaiatamente…. l’altro mi trapanava il culo e raggiunsi un orgasmo devastante ed urlai a bocca aperta con la lingua impastata di sperma di quegli uomini..
“ci sa fare la ragazza vero…. ? Ha il culo che sembra una grotta…. manda giù tutta la sborra troia, ne berrai tanta in questi giorni….. ”
Andarono avanti tutta la notte e ne bevvi veramente tanta di sborra…. mi incularono ripetutamente mentre ero a bocca piena e fui scopata da tutti a lungo…. il tatuato era il più perverso e quando fù il suo turno di venire sborrò su uno dei pali e dovetti leccare la sborra dal palo di legno mentre un altro mi scopava schiaffeggiandomi il culo…. il tatauato si pulì il cazzo con i miei capelli imbrattandoli di sborra biancastra….
Mi fecero strisciare da uno all’altro e si aprivano le chiappe con le mani girandosi e porgendomi i loro culi da leccare, poi mi mettevano le dita in bocca e se le facevano succhiare mentre alcuni mi tennero la bocca aperta ed a turno ci sputavano dentro.. subì umiliazioni di ogni tipo….. mi schiaffeggiarono non forte in verità e poi affondavano il loro cazzo sporco di sperma nella mia bocca per farselo pulire….
“sarai il nostro bidè di questi giorni…. che nessuno si lavi più, ci penerà la signorina a tenerci puliti…. ”
Dopo diverse ore di quell’orgia perversa ero stremata ed ero venuta non ricordo quante volte….
Il tatuato mi condusse ad una doccia all’aperto e mi diede l’occorrente da uno stipetto vicino.. mi lavai i capelli ed il corpo liberandoli dalle tracce di sperma che mi ricoprivano….. stavo meglio adesso e mi gettò un grosso asciugamano ridendo….
Poi mi attaccarono una catena con un bracciale di cuoio morbido alla caviglia e fissarono la catena ad uno dei pali….. il tatuato venne a portarmi delle coperte ed un cuscino e mi prepararono un giaciglio su uno dei morbidi materassini.
Mi addormentai all’istante e dormì profondamente con tutti i sapori nella bocca……
Al mattino mi svegliai e vidi che eravamo su una spiaggia incantevole in una rada riparata e nascosta, mi presero e fui portata ad un tavolone dove stavano tutti facendo colazione….. potei servirmi e ristorarmi, avevo una fame da lupo.
“il filmato di ieri sera è venuto bene ragazza e poi te lo mostreremo…. ” il tatuato si avvicinò e mi prese sotto le ascelle e fece accucciare a terra, si abbassò il costume e il suo grosso cazzo si presentò ai miei occhi, lui lo scappellò con una mano e vidi sulla cappella le tracce delle sborrate notturne, …..
“lavalo adesso….. voglio che tu senta il vero sapore dell’uomo…. ”
Non avevo scelta e lo afferrai con entrambe le mani e lo portai alla bocca, puzzava di sborra essicata e dovetti farmi forza per imboccarlo e iniziare a leccarlo…. ce la feci e poi dovetti fare ad altri tre lo stesso servizio….. non volevano un pompini ma solo essere ripuliti dalle tracce delle sborrate.
La mattina passò tranquilla in una scatola indicatami dl tatuato trovai varie creme solari e altri prodotti, potei starmene tranquilla a prendere il sole ed a fare il bagno fino all’ora di pranzo che era a pomeriggio iniziato, pranzai con i pirati che non si tolsero mai la mascherina, poi quattro di loro mi chiesero di seguirli in una capanna
che se all’esterno poteva sembrare malridotta dimostrava invece una volta entrati tutto l’ordine e la pulizia di un luogo ben curato.
Senza prepotenza da parte loro mi presero ed iniziarono a baciarmi ed a giocare con il mio corpo, uno era di colore ed era quello con un arnese notevole, in breve fui in ginocchio a spompinare i quattro uomini, mi lasciarono a lungo così con la mia lingua che li sollazzava sui coglioni e sull’asta, succhiai quelle cappelle gustose e mi inebriai del profumo del ragazzo di colore….. ero nuda e faceva caldo lì dentro, gli uomini sudavano e la mia lingua raccoglieva anche le loro stille di sudore che scendevano tra le pieghe dell’inguine e sulle cosce muscolose.
Poi uno di loro si stese per terra su un ammasso di morbidi cuscini e mi fece salire su di lui, mi sfiorò con il cazzo la figa e premette la cappella sul clitoride sorridendo…..
“ahhhhh….. mmm….. mi fai imapzzire…. ahhhhh…….. si dammelo….. mettimelo dentro…… ti prego….. scopatemi….. ” avevo voglia di cazzo nuovamente e lo dimostravo in ogni modo contorcendomi dal desiderio, la mia figa bruciava e avevo un lancinante bisogno di essere penetrata….
l’uomo continuò a giocare con il cazzo sulla mia figa incurante delle mie suppliche mentre gli altri mi tenevano le braccia e il nero mi aveva messo in bocca il suo grosso cazzo….. dovetti continuare a pompare con la bocca torturata dalla cappella che non si decideva a sfondarmi la figa, gocciolavo oscenamente sul cazzo dell’uomo sdraiato e urlavo frasi inconsulte nonostante il grosso cazzo nero che avevo tra le labbra…..
“bastardoooo…. uahhh…. ghuuuuu…. aughhh…. ghuuuu….. sllappp…… nooo…. dammmelooooo…. ancora…. ancoraaaa….. mi fare morire….. ghhhhahhh…. ”
mi parve che passasse un eternità quando alla fine con un colpo secco mi sentì riempire la figa, urlai sconvolta dal piacere, ma quella tortura non era finita…. gli uomini ai miei lati mi spinsero in basso tenendomi le spalle e il tipo che mi aveva penetrato mi bloccò i fianchi in una morsa ferrea ne rimase immobile, avevo il cazzo dentro di me ma non si muoveva ed io ero immobilizzata con la bocca spalancata sull’enorme glande nero …..
Cercai di muovere il bacino per soddisfare almeno un poco la mia voglia ma le mani dell’uomo sdraiato mi presero i capezzoli e li strinsero ferocemente facendomi ululare di dolore…..
“devi restare immobile …….. non muovere nemmeno un muscolo troia…. !! ”
mi fermai subito e la feroce stretta ai capezzoli diminuì immediatamente ma non resistevo alla voglia…… impazzivo dalla voglia di sentirmi sbattuta…..
“brava troietta così…. vedi che impari ad essere una troia da monta ed ad ubbidire”
Trascorse ancora il tempo in modo lento e cercai di portare all’orgasmo il favoloso cazzo che avevo in bocca ma era un tipo tosto e resistente e non ci riuscì…… solo quando lui volle lo vidi rilassarsi e sentì le pulsazioni nelle vene di quel maestoso cazzo e alla fine un fiume di sborra lo cavalcò gettandosi tra le mie labbra spalancate e avide di lussuria, bevvi come un indemoniata suggendo quell’asta carnosa come fosse la mia fonte di vita e alla fine ero senza fiato ed ancora delle stille di nettare brillavano sulla gonfia cappella nera.
Gli uomini che avevano assistito alla mia perfomance ridevano soddisfatti e mi alzarono sfilandomi il cazzo dalla mia figa fradicia, poi ad uno ad uno si menarono l’uccello davanti al mio viso permettendomi solo delle fugaci leccate alle cappelle congestionate, alla fine tutti e tre vennero urlando e mi scaricarono la loro sborra in faccia e nei capelli, ne bevvi una buona quantità ma nonostante la mia bocca spalancata mi trovai le tette e il viso impiastricciate di sperma cado e biancastro.
Alla fine mi fecero aprire la bocca e passarono le cappelle sulla mia lingua per pulirsele e si passarono i miei capelli sui coglioni sudati sghignazzando tra di loro.
“brava troietta sei stata brava….. hai voglia di cazzo vero.. ? ….. dovrai aspettare temo….. noi adesso siamo soddisfatti….. ”
Restai allibita, mi faceva male lo stomaco dal desiderio e quei bastardi avevano giocato ed il gioco aveva certamente uno scopo che avrei scoperto in seguito….. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.