Ultimi racconti erotici pubblicati

Gay e Lesbo si raccontano

Racconti erotici che narrano storie di ragazzi gay, donne trans, ragazze lesbo, bisex e incroci misti. Gli autori ci raccontano le loro esperienze, il loro stile di vita.

  • Femminite

    Fin da ragazzino ho avuto una passione per gli abiti femminili. Mi piaceva guardarli, toccarli senti…

  • La donna signora (racconto lesbo)

    Ci sono dei momenti in cui una donna scopre degli aspetti di sè che non avrebbe mai sospettat…

  • Calde notti estive

    Avevamo pensato di fare del campeggio per riposarci e rilassarci un po’. Me la sentivo che il …

  • Dna perverso

    Mi chiamo Alessia e ho 29 anni. Sono la primogenita di Claudio e Sara, due onesti lavoratori. Da orm…

  • Io, Eva e Stephan (bisex)

    Questo racconto e la continuazione di “Primo incontro con Eva”, e “La classe di Ev…

All’aperto

Mi è sempre piaciuto fare sesso all’aperto. Non voglio dire in un vicolo fuori mano o in un parco della città benché anche quello sia divertente. Voglio dire all’aperto in regioni selvagge; accanto ad un fiume; su un tappeto di muschio in una foresta; di fianco ad una strada sterrata. …

Continua... »

A caccia di uccelli

La famiglia: ma che bella cosa. La moglie affettuosa, i figli allegri e mai stanchi, la suocera onnipresente. Ma ogni tanto è bene prendersi una pausa da tanta felicità. Così almeno un fine settimana al mese, durante l’autunno, lo passo nel casotto di caccia in mezzo ai monti dell’Appennino tosco-emiliano. …

Continua... »

Campo scout

Giovanni era il più sfigato dell’intero campo scout. Matricola a 18 anni. Sarebbe bastato questo a farne un bersaglio di scherzi crudeli. Ma c’era dell’altro. Giovanni sembrava nato per interpretare il ruolo dello zimbello. Lo era sempre stato, ovunque: dieci minuti e subito veniva riconosciuto come lo sfigato del gruppo. …

Continua... »

Il compagno di banco

Filippo era seduto al banco vicino a Nicola in e mentre la professoressa di matematica scrisse alla lavagna una formula che per lui era arabo. Non prestava mai attenzione perché c’era una cosa che lo distraeva continuamente e nessuno, né gli insegnanti né i genitori che avevano assistito ad un …

Continua... »