Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Al cinema, dopo quell’estate
copertina racconto erotico

Al cinema, dopo quell’estate

Dopo quell’estate, in cui era successo di tutto, la nostra vita, al di fuori delle mura domestiche era tornata normale, ma il rapporto tra me e Francesca, aveva ritrovato nuovi stimoli e si era alquanto rinforzato.
La nostra vita sessuale era di molto cambiata e adesso, nessuno dei due, si lasciava sfuggire certe occasioni, sempre beninteso, facendo partecipe l’altro.
Dunque, quel giorno, avevo appuntamento alle 15 da un notaio e 10 minuti prima, mi presento all’appuntamento; la segretaria del suddetto, appena mi vede, mi comunica che per un imprevisto il notaio avrebbe tardato di circa tre ore.
Al solito, penso io, e adesso che faccio? Torno in ufficio o aspetto? Decido di uscire e fare un giro per il centro, aspettando i comodi del dottore.
Mi incammino e dopo un centinaio di metri, passo davanti ad un cinema a luci rosse; guardo l’orologio, le locandine e poi penso: perche’ no? almeno faccio passare un paio d’ore al caldo ed entro.
Buio profondo, devo aspettare in piedi un minuto prima che i miei occhi si abituino all’oscurita’ e poi mi cerco un posto a meta’ sala.
Non c’e’ molta gente, circa una ventina di persone sparpagliate nella sala.
E’ la prima volta che entro in un locale del genere.
Mi accomodo, tolgo il cappotto e mi tuffo nella visione del film. Immagini eccitanti scorrono sullo schermo e la cosa comincia a farmi un certo effetto.
Dopo pochi minuti, un signore sulla sessantina e dai capelli bianchi, si avvicina e si siede vicino a me; strano penso, il cinema e semivuoto e proprio sulla poltrona accanto alla mia deve venire a sedersi?
Non ci faccio caso e riprendo la visione del film; di li a poco, sento uno strano armeggiare e guardo alla mia destra: il signore, tranquillamente, ha tirato fuori il suo arnese e si sta masturbando; la situazione e’ eccitante e non so piu’ se guardare il film o la scena che si svolge vicino a me; a rompere l’imbarazzo della scelta ci pensa lui e piano piano, sento una sua mano che mi accarezza la coscia; eccitato, decido di lasciarlo fare e vedere che succede.
Arriva alla cerniera, me la tira giu’ ed estrae il mio cazzo dai boxer e comincia a masturbarmi…va avanti un po’ cosi’ e poi, mollando per un attimo il mio arnese, prende la mia mano destra e se la porta sul suo coso.
Il cuore mi batte all’impazzata…lo stringo e comincio a masturbarlo; e’ duro e bello grosso, molto piu’ del mio.
Ormai la mia attenzione e’ tutta sul cazzo del mio vicino; lui, mi passa una mano dietro la nuca e spinge la mia testa verso il suo arnese; mi guardo un attimo intorno e non vedendo nessuno, seguo la sua mano che mi spinge verso il basso e aprendo le labbra, gli circondo la cappella e comincio a succhiarlo; la sua mano mi guida su e giu’ dandomi il ritmo e quando sta per godere, mi tiene la testa premuta, cosicche’ devo ingoiare tutto il suo seme.
Mi rialzo e lui, si china su di me, e inizia a farmi un pompino magistrale.
Nel frattempo alla mia sinistra, si era seduto un altro uomo che si stava godendo la scena a sua volta masturbandosi.
Gli sono venuto in bocca e lui ha continuato finche’ il mio cazzo non gli si e’ ammosciato tra le labbra.
Ci siamo ricomposti e dopo un po’, lui si e’ alzato ed e’ andato via.
Ho continuato la visione del film e sono uscito puntuale per il mio appuntamento.
Alla sera, ho raccontato a Francesca, l’accaduto del pomeriggio e lei si e’ fatta promettere, che presto avrei dovuto accompagnarla a vedere un film in quel cinema.
Promessa fatta…

FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Inseparabili

-Buon giorno dormigliona sono le nove e mezza- mi svegliò Marzia -sei adorabile quando dormi. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.