Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Foto dimenticate
copertina racconto erotico

Foto dimenticate

Mi guardavo allo specchio con soddisfazione mista a nervosismo. Ancora una volta avevo fatto le cose per bene. Approfittando dell’assenza di mia moglie
e dei figli, avevo saccheggiato il guardaroba intimo femminile provando e riprovando gli indumenti che io stesso avevo regalato con lo scopo implicito di poterli usare su di me. Ora davanti allo specchio c’era una creatura aliena, cui pizzi e sete stavano decisamente bene ma dal quale traspariva un viso che neanche il trucco pesante poteva trasformare in quello di una creatura femminile. Che rabbia, dover vivere nei panni di un uomo! Che rabbia dover solo fantasticare avventure erotiche con altri uomini, immaginando di conquistarli in guepiere e calze di seta.
La verità era semplicemente disarmante: ero e rimanevo il classico uomo col vizio segreto e saltuario del travestimento e con il desiderio di vivere una storia con un uomo. Il classico padre di famiglia i cui impegni a malapena riuscivano a trovare spazio per comprare di corsa perizoma e smalti, con la scusa del regalo alla moglie.
Scattai delle foto esplicite e cercai di riversarle sul computer portatile e rimisi tutto a posto, tornando agli abituali vestiti da uomo. Il giorno dopo portai il portatile con me per utilizzare alcuni dati per esigenze di ufficio. Lavorai alacremente dimenticando completamente il pericoloso contenuto rimasto all’interno dell’elaboratore. Il mio capoufficio mi chiese di poter consultare l’archivio dati durante la pausa di pranzo e io acconsentì, dedicando i miei pensieri alla mensa e a una simpatica collega che mi intrigava con il suo sorriso.
Il tuffo al cuore arrivò improvviso, durante il caffé. Iniziai a sudare e a tremare, lasciai tutto e corsi su verso l’ufficio. Entrai di corsa e……. il mio capo mi guardò con occhi attoniti, rosso in viso e incapace di parlare. Una rapida occhiata al monitor mi tolse ogni residuo di dubbio. La mia bocca truccata volgarmente campeggiava in una posizione lasciva che non ammetteva dubbi.
Non riuscì a dire nulla. Mi uscì uno “scusa” e le mie mani afferrarono il computer per chiuderne l’imbarazzante contenuto. Ugo, (questo il nome del capo) si alzò senza dire una parola e si allontanò lasciandomi come il peggior verme della terra.
Non sapevo cosa fare. Firmai un permesso e decisi di tornare a casa prima. Immaginavo già il licenziamento. Passai una notte infernale, macerandomi nella vergogna e impossibilitato a confessare anche una sola virgola a mia moglie. Maledissi il mio “vizietto” ma non servì ad alleviare il terrore per le conseguenze. Il giorno seguente evitai in tutti i modi di incrociare lo sguardo di Ugo. Il suo fisico grosso e decisamente abbondante non poteva passare inosservato ma io decisi di cancellarlo dalla mia vista. E lui mi evitò con altrettanta cura.
Fu durante la pausa pranzo che la mia vita cambiò improvvisamente. Rimasi chiuso in stanza, facendo finta di lavorare, e solo all’ultimo minuto mi accorsi di Ugo, tornato anzitempo dalla mensa. Mi guardò con occhio nervoso e i suoi movimenti tradirono imbarazzo. “Sono tornato per parlarti di cose molto private. “Lo guardai con terrore. Era giunto il momento del licenziamento, pensai! “Volevo dirti che non devi preoccuparti….. ” Improvvisamente le nebbie sembrarono diradarsi! “Sai, quelle foto….. io le ho trovate….. molto belle”. Ero più confuso di prima. Cosa stava dicendo il mio capo? Lui aveva apprezzato le mie immagini in guepiere? “Volevo chiederti se …. posso…. invitarti a cena a casa mia? ”
Lo guardai ancora più confuso. Non riuscì a mettere insieme un pensiero decente ma senza volerlo dissi: “sì, certo. ”
La sera dopo suonai al citofono con tutta l’ansia che potevo avere in corpo. Ci avevo riflettutto tutta la notte e tutto il giorno: quello che stava per travolgermi si era trasformata nella prima occasione della mia vita di vivere un’avventura con un uomo. Avevo pensato alle mie fantasie, nelle quali venivo strapazzato da culturisti depilati e pieni di muscoli, e le avevo confrontate con quello che mi aspettava. Un uomo di mezza età, decisamente irsuto e con una pancia prominente che confermava la sua pinguedine. Eppure ero emozionato per questa stranissima opportunità.
Salì le scale con le gambe molli e trovai Ugo ad aspettarmi sulla porta. Mi saluto con enfasi e mi colse di sorpresa baciandomi sulle guance.
Mi fece accomodare e fu bravissimo a stemperare la tensione, parlando del più e del meno e alludendo in modo elegante alle immagini. Poi mi fece accomodare al tavolo e mi sorpresa con una cena molto squisita. Abbondammo con il vino e la mia tensione svaniva sempre più di fronte al suo interessamento. Poi, versò champagne in due flute e mi chiese di brindare ma quando stavo per portare il bicchiere alla bocca mi chiese di incrociarlo a mò di fidanzatini. Io sorrisi imbarazzato e accettai e bevemmo in quella strana posizione. Fu un attimo…. ci guardammo negli occhi e lui decise di rendere reale le mille fantasie che avevo covato negli anni. La sua bocca si incollò alla mia e io non riuscì ad opporre resistenza. Anzi, mi lasciai andare per ricevere dentro di me la sua lingua che mi esplorava con impazienza. Una sua mano si strinse sulla mia vita mentre l’altra si avvinghiò al mio collo e anche io eseguì gli stessi movimenti per permettergli di stare più comodo. Non so come finimmo sdraiati sul divani con la sua lingua che limonava dentro la mia bocca e un’estasi che crescevaforte in me.
Mi sentivo al settimo cielo, le paure erano scomparse e ora stava uscendo prepotente il mio lato femminile. Senza rendermi conto iniziai a sospirare e a mugolare con un tono di voce più alto. Non sembrava neanche la mia voce! Le mie mani ora palpavano il suo fondoschiena e armeggiavano con la zip dei suoi pantaloni. In pochi minuti tutto era cambiato. Lui non era più il mio capoufficio obeso e irsuto che mai e poi mai avrei inserito nelle mie fantasie. Ora era il mio amante fantastico che mi toccava dovunque e mi riempiva di parole oscene e la sua pancia era diventata tremendamente arrapante. Le mie dita accarezzavano con voglia il suo petto villoso e mai e poi mai avrei immaginato di eccitarmi al solo tatto di quel tappeto di peli.
Poi finalmente trovai il coraggio di toccare il suo cazzo liberandolo dalle sue mutandine. Mi sorpresi a desiderare il suo profumo intriso degli umori più svariati e quando le mia dita lo strinsero mi accorsi della sua notevole grandezza.
Fu lui a troncare l’ultima esitazione. “Dai succhiamelo come sa fare una troia”. Le sue parole mi incitarono ancora di più e la sua mano si appoggiò sulla mia testa spingendola sul glande. Lo presi in bocca e quasi svenni per l’emozione di avere nella mia cavità orale un palo di carne pulsante che subito mi regalò gocce di sperma miste a tracce di urina. Quell’odore forte inebriò i miei sensi e la mia bocca finalmente iniziò quel pompino che tante volte avevo mimato con falli di plastica. Anche lui però non volle essere da meno e si avventò sul mio cazzo con altrettanta foia. In pochi attimi eravamo liberi dei nostri indumenti e il nostro 69 si concluse con una reciproca eiaculazione che ci lasciò entrambi spossati. Ci riprendemmo giusto il tempo per spostarci a letto. Sotto le lenzuola ci abbracciammo e mi ritrovai quasi automaticamente a giocare il ruolo femminile. Mi facevo coccolare e sussurravo paroline dolci e idiote, come una fidanzatina. Le nostre reciproche mogli erano lontane anni luce dal nostro desiderio.
Passammo la notte a fare sesso. Il suo grosso membro entrò nel mio buchino vergine con estrema facilità ma lui non volle ricevere lo stesso trattamento. Voleva essere l’uomo della coppia e io gli fui grato per questo. Mi lasciai cavalcare da lui e a ogni affondo lo trovavo più bello.
Mi sentivo sempre più femmine tra le sue braccia, il mio corpo depilato cercava il contatto del suo fisico irsuto e la sua prominente pancia era diventata un’altra parte che stuzzicava la mia sensualità.
La notte ci colse sfiniti. Alle due di notte dovetti rientrare a casa per riprendere la mia vita normale. Ma dentro di me non ero più lo stesso.
Quella sera era nata “Lina”. Nei mesi seguenti io e Ugo diventammo amanti e con lui finalmente riuscì a mettere in pratica la mia passione per il travestimento. Ero la sua troia e la sua micetta vogliosa, mi riempiva di regali e in poco tempo avevo un guardaroba degno di una principessa. Ci divertivamo ad andare in giro per negozi con la scusa di acquistare regali per le nostre mogli: mi viziò arrivando a regalarmi perfino anelli con pietre preziose, che poi io indossavo durante le nostre serate amorose. E arrivammo perfino a rischiare gli atti osceni in luogo pubblico, quando decisi di farli un pompino inginocchiato sotto la sua scrivania o chiusi dentro a bagno pubblico. Ora stiamo pensando di organizzare un finto viaggio di lavoro per fare una vacanza da soli. Ugo mi ha comprato già alcune guepiere che ovviamente non rinuncerò a indossare durante il viaggio e nella borsa ho già messo parrucche e cosmetici, e scarpe dal tacco altissimo. Per una settimana sarò la sua amante 24 ore al giorno e non posso fare a meno di ringraziare quelle foto dimenticate sul computer. FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Un vecchio amico

La stazione è sempre affollatissima, anche domenica pomeriggio. Spero che il treno di Michele arrivi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.