Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Gelosia
copertina racconto erotico

Gelosia

Tra le lampadine dello specchio del bagno intravidi Jlenia che stava dando gli ultimi colpi di spazzola e spruzzi di fissante alla montagna di capelli rossi. Da oltre mezz’ora eravamo rinchiuse nel bagno intente a imbellettarci. Oramai del tutto vestita mi concentrai con impegno meticoloso sulla sfumatura del mio ombretto verde, ma il rumore del cellophane di una confezione nuova di calze, che la mia amica stava aprendo, dirottò la mia attenzione. Fissai l’occhio già truccato tra le righe d’umidità dello specchio appannato cercando di non perdermi neanche un istante della sensualità col quale Jlenia stava contornando le sue nudità. Mi voltai di scatto mentre dalla sala da pranzo giungevano musica di sottofondo e voci in lontananza che ci reclamavano in fretta. Jlenia, in completo nero intimo, era alla prese con i gancetti di un reggicalze dove con leggiadra disinvoltura stava appuntando un paio di calze. “Come mi trovi? ” Disse puntando il tacco a spillo tra gli interstizi della ceramica del pavimento e girando su sé stessa.
“Che dici, posso avere qualche chance? Oppure mi devo rassegnare a passare una notte in bianco? ” Era stupenda, nonostante i quarant’anni neanche un filo di grasso o qualche striatura di cellulite. Il sedere tondo ben modellato riempiva nella giusta misura un paio di mutandine vertiginose..
“Sai, ” riprese quasi pensosa, “di questo periodo il mercato offre poco e niente e la concorrenza è sempre più agguerrita! ” La guardai allibita, ma, di spalle, non si accorse del mio stupore. Rimase ancora un attimo nella posizione, finché, soddisfatta dell’effetto, si avvicinò stringendomi forte le spalle. “Se tu fossi un maschio mi lasceresti uscire da questa stanza così intatta? ” Mi guardò fissa attraverso lo specchio, rallentando le ultime parole in modo da non sgualcire il contorno del rossetto marcato più scuro. Era la prima volta che una donna mi stringeva in quel modo, avvertii un fremito tra il disagio e la piacevolezza di essere protetta. Tra noi non c’erano mai state ambiguità del genere e Jlenia con quel gesto stava semplicemente chiedendo gratificazioni che forse nessun maschio era riuscito a trasmetterle. Era così, la compravi veramente con poco, bastava una minima attenzione e te la ritrovavi ai piedi. Pronta per essere gratificata. Lasciò la presa immediatamente chiedendomi ancora di guardarla e di esprimere un giudizio, ma ottenne solamente una sensazione leggermente accennata di rossore sotto le mie guance di fard appena messo. “Ti prego. ” Riprese ironica e infilandosi un vestito di seta nero svasato. “Almeno lasciami le calze intatte! Sai, non sopporto le smagliature e poi mi sono costate un occhio della testa. ” “Smettila di giocare! ” Abbozzai una risposta cercando di porre fine alla commedia. “Ci stanno reclamando da un quarto d’ora e ancora sono in questi condizioni pietose. ” Inebetita tentai di concentrarmi sull’altro occhio ancora non truccato. Ancora una volta aveva avuto la capacità di trascinarmi in un mondo totalmente sconosciuto facendomi sentire inevitabilmente un piccolo essere insignificante e sprovveduto. Rividi il suo reggicalze, i gancetti, i fiocchetti, i volant del reggiseno, il rosso fuoco delle labbra. Due femmine in cerca di auto gratificazione e tanti maschi in sala da pranzo buoni veramente a nulla.
“Sei stupenda” Le dissi, guardandola attraverso lo specchio. “In questo momento vorrei essere altro: un uomo che ti reclama o una donna esattamente come te” Dissi pensando ai miei banali collant color carne e alla mia gonnellina bianca a pieghe corta adatta più ad una quindicenne in una festa tra compagni di scuola. Lei rimase sorpresa, ma continuò il gioco, appoggiata alla porta del bagno scostò i lembi del vestito tirando avanti la coscia. La mano scomparve tra il mistero dei mie pensieri fastidiosi e l’orlo merlettato delle sue mutande. Le stringhe del reggicalze nero mi colpirono l’occhio e l’anima. “E se fossi semplicemente tu? ” Mi disse facendosi seria. “Dai Jlenia è tardi! ” Cercai ancora un barlume di decenza. Ma la sua mano era ormai tra le mie gambe. Mi sentii immediatamente invasa di calore, localizzai la mia coscienza nel mio ventre che si scioglieva liquido senza resistenza sotto i battiti del mio cuore infantile. Mi stava esplorando le mie più nascoste parti di pelle con le sue dita esperte, ero in estasi. E grata per l’effetto cercai di ricambiare la cortesia. Strinse la mia gamba tra le sue cosce vellutate strofinando piacere e mutande senza alcun pudore. Io, con fare naturale , andai ad esplorare le sue parti intime che trovai in un lago di umori. Me ne uscii con una voce calda e suadente. “Sei una magnifica puttana. ” Dissi afferrando le stringhe del reggicalze. Per meno di un niente mi sentii maschio, avvertii impetuoso il bisogno di penetrarla, di possederla fino all’ultima voglia che ancora animava il suo movimento frenetico. Avvicinò le labbra e confondemmo trasgressione, rossetti e saliva fino a penetrarci anima e cervello col solo pensiero a disposizione. In quel momento nessun pene di maschio avrebbe potuto fare di meglio, nessuna batteria di marinai in astinenza, con i loro sessi eretti, nudi e pronti per l’uso avrebbero potuto gonfiare l’attesa e riempirci di bisogno reale. Il piacere non tardò a soddisfarla, come senza alcuno sforzo sentii i miei orli bagnarsi. Era passato un attimo e non di più. Ci rialzammo immediatamente. “Cosa ci costringono a fare! ” disse cercando una scusa. Per dire il vero, non era stato così male, pensai, mentre la guardavo scendere le scale. Rivendicava il suo essere donna lontana mille miglia da qualsiasi pregiudizio, sicura com’era di essere causa dell’unico e solo effetto che voleva a tutti i costi provocare. La guardai meglio dalla cascata morbida di capelli fino alla punta del tacco, effettivamente nessun uomo o donna che sia poteva resisterle. Notai le pieghette delle calze all’altezza della caviglia, risi di me e della mia ingenuità, non avrei mai sopportato indossare un paio di collant con simili difetti! In fin dei conti non avevo mai indossato un reggicalze, anzi fino a quel momento lo consideravo un indumento da bambole ammaliatrici bionde platino viste in qualche film di spionaggio americano lontane anni luce dalla mia vita e dal mio modo di pensare. Ma Jlenia non era lontana e scendendo i gradini sentii chiaramente un altro pezzo delle mie fragili difese cadere rovinosamente sul legno della scala a chiocciola. Ero gelosa. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Inseparabili

-Buon giorno dormigliona sono le nove e mezza- mi svegliò Marzia -sei adorabile quando dormi. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.