Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Grecia
copertina racconto erotico

Grecia

Dunque, ero andato a Mykonos, come mèta della mia vacanza solitaria.
Un bel giorno, ero seduto su una roccia sul mare e stavo pensando al mio ragazzo che era in Italia.
Era un bellissimo ragazzo, biondo dagli occhi azzurri.
Ero follemente innamorato, ma pensavo di non essere ricambiato.
Comunque, fatto stà, che all’improvviso sbuca dal nulla un uomo dai tratti somatici molto diversi dai miei.
Mi parlò in inglese e io gli dissi chiaramente che non parlavo inglese.
Ma lui tranquillamente mi rispose dicendomi che non aveva importanza.
Io, mi alzai d’istinto e gli andai incontro.
Ci stringemmo la mano e ci presentammo.
Lui si chiamava Josh ed era del Puerto Rico.
Non era un uomo di quelli che noi generalmente classifichiamo tra i belli, ma non era nemmeno un brutto uomo.
La cosa che più mi colpì di lui, era la sua eleganza nei modi di fare.
Era affascinante, se devo essere sincero! ! !
Era più basso di me, ma aveva due occhi molto belli, scuri e profondi come la notte. Ricordo perfettamente che gli chiesi in inglese, un po’ stentato ma che lui capì perfettamente, se aveva la ragazza.
Mi rispose di no.
Ed altrettanto lui me lo chiese.
Io gli dissi senza mezzi termini, che il mio ragazzo era rimasto in Italia.
Non so come, mi venne spontaneo chiedergli se gli piacevano i ragazzi e subito lui fece cenno di sì.
Ci dirigemmo verso la via del centro e lo condussi là dove vi era la mia camera privata.
Accettò con entusiasmo.
Appena arrivammo in camera, ci sedemmo.
Ci guardammo e gli chiesi se aveva avuto rapporti sessuali.
Lui fece cenno a mò di sì.
Altrettanto fece la stessa cosa lui ed io gli risposi affermativamente.
Ci alzammo e ci baciammo, senza neanche saperlo come.
Limonammo a lungo e la cosa mi eccitò subito.
Mi resi conto da subito che era un grande esperto in fatto di sesso.
Ci spogliammo e subito io venni.
Mi ricordo ancora che lui subito andò in bagno a prendere un po’ di carta igienica per pulire dove vi era lo sperma.
Questo mi stupì moltissimo, credimi.
Non avevo mai visto uomo più pulito e di modo come lui.
Niente, poi ci adagiammo sul letto, e ci abbracciammo stretti stretti.
Lui mi accarezzò a lungo e mi leccò profondamente il buco del culo.
Mi estasiò come non mai.
Ricordo che mi fece i complimenti per il mio fondoschiena.
Ne fui lusingato.
Non ci fu altro.
Ma fu un’esperienza molto bella per me.
Sarei stato felicissimo avere un rapporto completo con Josh.
Un uomo come lui, gentile e calmissimo. fui soddisfatto di averlo incontrato.
Ma dopo successe una cosa di cui me ne pentii amaramente.
Nel letto io gli giravo di spalle, quindi non mi poteva vedere.
Io mi stavo rodendo dal rimorso per aver tradito il mio ragazzo.
Mi sentivo male, lo giuro.
Evidentemente ciò corrispondeva al bisogno del momento, visto considerato che ero completamente solo! ! !
Comunque, dopo un po’ che rimanemmo sdraiati, Josh si alzò e se ne andò invitandomi a cena quella sera.
Quando mi alzai, lo baciai ed avevo ancora il cazzo in tiro! ! !
La sera, ci incontrammo ed andammo a cena.
Parlammo del più e del meno, un po’ in inglese un po’ in italiano.
Nonostante tutto ci capivamo bene.
Ricordo che gli chiesi cosa aveva colpito di me in lui. Josh, mi disse che era il mio modo di pensare in quel momento, sembravo triste e spaesato.
Era questo che lo aveva attirato.
La cena la pagò lui anche se io mi ero offerto di partecipare alla metà della spesa, ma lui si rifiutò nettamente.
Io lo ringraziai.
Quando ce ne andammo, fu l’ultima volta che ci incontrammo.
Ci salutammo come vecchi amici e poi più niente! ! !
Avrei voluto chiedergli il suo indirizzo, ma ne scordai al momento! ! !
L’indomani poi era l’ultimo giorno per me! ! !
Vuoi sapere la fine?
Ebbene, tornato in Italia, il mio ragazzo mi confessò la verità: che non voleva essere il mio ragazzo bensì il mio amico.
E sappi che era stato lui a volere che fossi il suo ragazzo! ! ! ! ! !
Roba da non crederci.
Ecco il mio rimorso della coscienza per nulla! ! ! ! ! FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.