Home / Gay e Lesbo / In discoteca con il mio ragazzo (racconto lesbo)
copertina racconto erotico

In discoteca con il mio ragazzo (racconto lesbo)

Mi recavo in discoteca con il mio ragazzo e altri amici della comitiva, indossavo una camicia bianca senza reggiseno, una mini gonna, calze autoreggenti, perizoma e stivali (il perizoma lo uso perché mi fa’ tanto godere, lo riesco ad infilare tra le labbra della fica e quindi con i movimenti, soprattutto quando si balla mi fa impazzire non vi dico in che stato mi ritiro, ho la fica viola dallo sfregamento e il perizoma inzuppato, comunque ritornando al racconto mentre ballavamo mi accorgevo che tutti mi guardavano il didietro, allora sorpresa chiedo al mio ragazzo spiegazioni.
Appena giratami per farmi osservare si accorge che dallo spacchetto della mini si era scucita la cucitura di altri 10 cm circa lasciandomi con il culo scoperto.
Imbarazzata ma allo stesso tempo eccitata dalla scoperta mi recavo in bagno per cercare di rimediare.
Nel cammino verso il bagno mi seguivano dei ragazzi ma una volta entrata in bagno mi accorgevo che mi seguiva anche una ragazza.
Si presenta, e con un gesto improvviso mi spinge in bagno chiudendo la porta.
Ero faccia al muro con le gambe divaricate per non scontrarmi con il water.
A quel punto mi sento toccare la fica, in un primo momento faccio resistenza poi quando mi scosta il perizoma e m’infila un dito nella fica cedo, lasciandola fare, m’incomincia a baciare sul collo e a quel punto perdo il controllo.
Le dico di aspettarmi un attimo il tempo di avvisare il mio ragazzo che m’intrattengo a parlare con un’amica che non vedevo da tempo.
Lui acconsente essendo sicuro del mio rapporto con lui.
Ritorno in bagno, busso alla porta e dopo essere entrata trovo Anna completamente nuda che si masturbava come una pazza.
Fui quasi violentata non la fermava nessuno, incominciò a spogliarmi facendomi allargare le gambe poi dopo avermi leccato la fica mi infilava ad uno ad uno le dita fino ad avere dentro di me tutta la mano fino al polso. Il dolore era tanto ma il piacere di quel momento era indescrivibile.
Dopo poco arrivai gridando come una pazza e implorandole di spaccarmi la fica.
Rivestitoci uscimmo e continuando a ballare sempre più eccitata.

FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Sesso alla turca

Salve, sono Luca, e vorrei raccontarvi la storia vera della mia seconda volta. Era un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.